Seleziona una pagina

Web reputation: [mini guida] su come costruirla e monitorarla

  • Rating Lettori
  • Votato 4.8 stelle
    4.8 / 5 (13 )
  • Vota!


In questo articolo analizzeremo diversi punti fondamentali quando si parla di web reputation cos’è e della web reputation definizione. Ma anche e soprattutto ci concentreremo su quali web reputation tools usare e quali web reputation monitoring tools sono più efficienti.
Scoprite con noi i web reputation software più cercati nel web, i 6 principi cardine della web reputation management e la definizione di web reputation per wikipedia. Buona lettura.

Web Reputation, brand reputation, website reputation, reputazione web, social reputation o semplicemente reputation: indipendentemente da come si decida di chiamarla sempre più spesso sentiamo parlare di reputazione online e del ruolo centrale che gioca nel successo di un’azienda. Ma che cos’è esattamente? Su quali principi si basa? Esistono dei web reputation tools con cui misurarla? Scopriamolo insieme attraverso questa mini guida!

Qualora poi possa interessarti il tema puoi dare un’occhiata al corso web reputation

WEB REPUTATION COS’E’?

Per wikipedia web reputation significa un’attività di raccolta e monitoraggio di tutto quanto viene detto on line riguardo ad un determinato prodotto, servizio, progetto o evento. Con questo termine quindi si intende la nostra reputazione online  e va intesa come il rapporto di comunicazione che dobbiamo vivere e avere con i nostri clienti e con chi per qualsiasi motivo entra in contatto con noi.

WEB REPUTATION TOOLS: SCOPRIAMOLI INSIEME

web reputation toolsCercando online mi sono accorta che riguardo al tema della reputazione online due delle keywords più digitate sono web reputation software e web reputation monitoring tools. E’ ovvio che si sta rendendo sempre più necessario per le aziende monitorare e controllare quello che si dice online del proprio brand e digitare occasionalmente il nome della propria azienda su google non è più sufficiente Si possono usare diversi strumenti per aumentare e monitorare la propria reputazione avendo un ruolo più attivo nella sua creazione e intervenendo laddove sorgono problemi. Questi tools possono servire non solo per capire cosa le persone dicono del proprio brand, ma anche a controllare la reputazione dei propri competitors. Ecco una lista dei principali:

 
1-Google alerts Molti utenti accedono ai contenuti relativi ad un brand attraverso le ricerche su google e il primo tra i web reputation tools da usare per controllare quanto accade può essere proprio Google Alert: basta impostarlo per ricevere avvisi giornalieri o settimanali di quanto viene detto sulla parola chiave da te scelta.
 
2-Tweet Reach

TweetReach permette di monitorare i Tweets su tutti i tuoi argomenti – hashtags, brands, eventi – in tempo reale. Grazie a questo strumento è possibile scoprire non solo come ha preformato un tweet, ma anche il perché. Attraverso questo strumento si riesce velocemente capire cosa ha funzionato e cosa no.

3- Radian 6

E’ la principale piattaforma di social listening ed engagement attualmente sul mercato. Permette efficientemente di tracciare, monitorare e rispondere a domande o lamentele appena vengono postate. E’ però un web reputation tool a pagamento.

4-Social Mention

Se avete una compagnia medio grande con centinaia di menzioni tutti i giorni, i web reputation tools sono indispensabili. Social Mention non solo può aiutarvi a tracciarli, ma anche ad analizzare dati provenienti da diverse fonti per capire qual è il sentiment. Con Social Mention, si può sapere anche chi è l’autore di un commento  o quanto questo autore sia seguito e ascoltato.

5- Pin Alerts

Pinterest sta diventando sempre più importante, soprattutto per le aziende. E’ di cruciale importanza, per la propria reputazione online, sapere cosa viene condiviso e cosa no. Se volete sapere quando qualcuno fa un pin dal vostro sito web, Pin Alerts permette di ricevere un avviso via email.

6-Topsy

È fra i web reputation tools più interessanti: con Topsy si può scandagliare tutto il web alla ricerca di menzioni che possano essere utili e interessanti. La cosa interessante è la sua retroattività: arriva fino al 2006.

7-If this then that

E’ un servizio abbastanza nuovo e innovativo che permette di ‘far lavorare internet per te’. Attraverso questo software è possibile connettere diverse piattaforme online creando catene logiche che innescano azioni al verificarsi di determinate condizioni. Un esempio concreto può essere nel far inviare in automatico una mail quando qualcuno fa un tweet usando determinati hashtag o quando l’utente è taggato da qualcun altro  su Facebook.

8- Talkwalker

Questo strumento dà una panoramica dello stato dell’azienda online e ne aiuta il monitoraggio futuro.Ottimo web reputation tool che prevede alcune funzionalità gratuite ed altre a pagamento nella versione Premium.

9- Image Rider

È in un certo senso il web reputation tool per le immagini. Spesso un’immagine può valere più di mille parole. E se qualcuno usasse le tue immagini? Con Image Raider è possibile cercare e scoprire quali siti internet parlano di te senza menzionare il tuo nome o chi ha ‘rubato’ e distorto le tue immagini. E’ sufficiente inserire l’url dell’immagine che vuoi monitorare o caricare il file. Il sistema a quel punto inizierà la sua ricerca e invierà un alert tramite mail qualora ce ne fosse necessità.

 

WEB REPUTATION MANAGEMENT: 6 PRINCIPI

1) Verba volant, web manent

Non bisogna mai dimenticare che qualsiasi contenuto venga pubblicato online non si può cancellare e un commento negativo o positivo sarà sempre a disposizione dell’utente. Proprio per questo bisogna sempre essere molto attenti a cosa viene detto di noi e cosa eventualmente pubblicato. Bastano pochi e innocui passi falsi per rovinare la nostra reputazione online. web reputation
2) La reputazione influisce sulle decisioni degli utenti
Con l’avvento di internet, si sa le nostre abitudini sono cambiate, così come è cambiato il nostro modo di recuperare le informazioni. La maggior parte di noi prima di procedere a un acquisto, che sia esso un Iphone o un viaggio, cerca online i pareri degli altri utenti: c’è chi, come tripadvosr, sulla reputazione ha costruito un business. Ecco perché oggi più che mai diventa un parametro fondamentale per il successo.
3) Le informazioni viaggiano veloci
Mentre prima recuperare un parere su un articolo qualsiasi poteva non essere facile, adesso non solo è semplice, ma è anche veloce e a costo zero.
4) Sono gli stessi utenti a  generare i contenuti
Questo principio è tanto più vero da quando c’è stato l’avvento dei social network e conseguentemente del social media marketing: facebook, google plus, linkedin. Sono luoghi di incontro e di scambio di opinioni dove esprimere giudizi positivi e negativi che contribuiscono a loro volta a plasmare l’opinione degli utenti. Di conseguenza gli utenti stessi si influenzano l’un l’altro esponendo aziende, brand e personaggi pubblici a elogi o critiche, e quindi a una vulnerabilità costante.
5) Con il passare del tempo aumentano esponenzialmente le fonti da tenere sotto controllo
Potenzialmente oramai si parla ovunque di chiunque e se una situazione di criticità viene mal gestita o non monitorata può innescare una catena di eventi difficile da gestire o indirizzare.
6) Considerare gli utenti e fronteggiare le situazioni critiche
E’ importante monitorare al meglio la propria presenza internet, valorizzando siti ufficiali e profili social, reagendo velocemente a situazioni potenzialmente delicate.  

COME MIGLIORARE LA PROPRIA WEB REPUTATION IN 3 PASSAGGI

  web reputation1) Monitorare costantemente il web Scandagliare la rete in tempo reale, grazie ad un monitoraggio continuo, permette di essere maggiormente al riparo da situazioni negative e penalizzanti. In molti casi infatti intervenendo rapidamente si evitano o comunque si limitano danni di entità superiore.  

2) Definire dei processi di analisi e modalità di intervento
Stabilendo fasi di controllo e livelli di analisi dei dati si innescano azioni e reazioni, automatizzate e manuali, modalità di intervento che si attivano in base al verificarsi di determinate situazioni. Grazie a questo work flow operativo è possibile sfruttare al massimo le potenzialità comunicative offerte dai digital media in ogni ambito, social, search e mobile.
3) Amplificare i tuoi punti di forza e valorizzare il tuo brand
Per valorizzare il tuo operato e consolidare la tua immagine devi puntare su una strategia di web reputation efficace, composta dal giusto mix di contenuti e attività ad alto engagement, che vanno pensati e realizzati per ottenere visibilità sui motori di ricerca e stimolare il passaparola degli utenti sui social media.  

QUANDO LA WEB REPUTATION DIVENTA PERSONAL BRANDING

web reputation e personal brandingVorrei concludere questo articolo con uno spunto di riflessione che può essere utile a ognuno di noi: è necessario associare il concetto di reputazione online reputazione digitale a come noi possiamo rivendere noi stessi. Sia le aziende che le persone devono curare la propria reputazione online: per migliorarla le prime fanno self branding, le seconde invece personal branding. Chi assume cerca di promuoversi e rendersi interessante facendo self branding o più esattamente employer branding. Con un gioco di parole possiamo dire che l’employer branding è il self branding di chi fa ricerca e selezione di personale. Appurato che anche chi assume cerca di migliorare la propria reputazione sul web, bisogna interrogarsi su quale sia il modo migliore di farlo. La cosa più importante è risultare credibili e autorevoli comunicando contenuti di qualità appositamente creati sui social network. E per le aziende qual è il social migliore? La risposta è chiaramente una sola: Linkedin. Questo social infatti sta spingendo tutti i professionisti delle risorse umane a migliorare la ‘Talent Acquisition’ con il ‘Content Marketing‘. A conclusione di questa breve analisi è possibile affermare che per tanti aspetti è più difficile gestire e creare una buona reputazione online che nel mondo reale, anche se ci sono tantissimi strumenti che aiutano a farlo. Dall’altro lato va assolutamente tenuto presente che, per quanto più difficile, se fatto nel modo corretto il mondo digitale offre la possibilità di ottenere risultati su ampia scala con un basso investimento. Anche se il mondo che ci circonda è basato sui rapporti reali fra le persone, è sempre meglio non sottovalutate il mondo digitale perché potrebbe fare la differenza nella riuscita del vostro progetto. Il vento che soffia dal mondo digitale può portarvi lontano o spazzarvi via, meglio fare attenzione e mettere le vele giuste.      

Laura Brumana on sabtwitterLaura Brumana on sablinkedinLaura Brumana on sabgoogle
Laura Brumana
Da ormai 5 anni lavoro nell’ambito del Digital Marketing occupando diversi ruoli: gestione di siti con wordpress, attività di copywriting SEO, Social media marketing, Web Analytics, Email marketing, photoshop e html base.
Sto frequentando il master in Digital marketing presso Digital Coach con cui collaboro come SEO Copywriter.

A tale proposito potrebbero interessarvi il Master web marketing o il Master digital marketing online