Seleziona una pagina

Widget wordpress: cosa sono, come utilizzarli e perchè

widget wordpress la guida completa

I Widget di WordPress non saranno più un problema dopo aver letto questa semplice guida. Scoprirai cosa sono, dove si trovano, come funzionano, come installarli e modificarli insomma dove mettere le mani senza preoccuparsi di fare disastri.
Questo pagina si rivolge agli utenti inesperti e completamente a digiuno della materia ma anche a quelli più disinibiti e “confident”.
Aiutati con l’indice per saltare direttamente alla parte di tuo interesse.

 

Cosa sono i Widget di WordPress?

Se non sapete cos’è WordPress e perchè è il CMS più utilizzato sull’intero globo allora consiglio vivamente di leggere questo articolo che chiarirà tutte le vostre lacune in materia chiarendo le idee su molteplici aspetti.

I widget in WordPress aggiungono delle funzionalità al vostro sito mostrando contenuti extra e personalizzati più o meno dove desiderate nelle varie aree di contenuto del sito e possono essere posizionati in punti strategici a seconda delle necessità.

In genere i widget popolano le sidebars dei blog ma non solo, possono essere inseriti praticamente ovunque e spesso anche nel footer e persino nell’header.

Attenzione a seguire almeno i basilari principi della UX/UI (user experience ed user interface) poichè è facile farsi prendere la mano e posizionare dei widget che vanno ad appesantire l’interfaccia o che creano confusione rendendo la navigazione un’esperienza poco piacevole. Tutto dipende dalla tipologia di sito che stiamo trattando: un e-commerce è ben diverso da un blog!

Inoltre è bene fare una distinzione tra widget gratuiti e quindi free e i widget a pagamento.

I widget wordpress gratuiti sono sia quelli nativamente disponibili sul CMS (e quindi subito disponibili nell’installazione), sia quelli installabili attraverso plugin gratuiti nella repository di WordPress.
Quelli a pagamento coprono delle esigenze più specifiche e sono integrabili nel sito pagando una piccola cifra, i widget a pagamento in genere sono installati attraverso plugin ma possono anche essere inseriti modificando il codice stesso di wordpress (solo per utenti molto avanzati)

Widget e plugin: le differenze

Senza entrare troppo nel tecnico è giusto specificare quale siano le differenze tra i widget e i plugin per non creare confusione.
I plugin e i widget sono simili ma gestiti dal CMS in modo diverso, entrambi aggiungono delle funzionalità ma i plugin sono in grado di modificare sensibilmente non solo l’aspetto del sito ma anche la struttura e il funzionamento dello stesso.

I plugin si trovano nel menu principale e una volta installati possono aggiungere o rimuovere funzionalità in backend avanzate a volte aggiungendo voci nel menu di amministrazione.
I Widget al contrario sono gestiti tutti nello stesso posto e aggiungono piccole funzionalità in varie parti del sito come:

  • banner
  • codice html
  • audio
  • calendari
  • box di ricerca
  • galleria immagini
  • commenti recenti all’articolo
  • menu di navigazione
  • elenco pagine
  • rss
  • meta
  • forms
  • social sharing
  • e tanto altro!

Come inserire i Widget in WordPress

I widget nativi (ovvero quelli già presenti nell’installazione base di WordPress) possono essere inseriti nelle aree a loro dedicate e determinate dal tema che stiamo utilizzando . È possibile, come vedremo in seguito aumentarne la varietà attraverso i plugin.

Attenzione: se non li trovate nel backend della vostra installazione al 90% è perché state usando un tema che li sta inibendo o li gestisce in modo diverso posizionandoli sotto un altro percorso. Il restante 10% riguarda coloro che hanno modificato il codice rimuovendoli.

Nel primo caso basterà recarsi in backend e nel menu laterale sinistro scegliere la voce Aspetto>temi e cambiarlo con un altro di vostro gradimento.
Il secondo caso richiede conoscenze avanzate di codice e della struttura di wordpress, sconsiglio vivamente di provare a risolvere in questo modo se non si hanno le capacità necessarie, si rischia di compromettere tutto il sito.

Come usare i widget nativi

I Widget sono gestiti nel “backend” di WordPress ovvero nella parte “amministrativa” del sito e quindi nascosta ai normali visitatori. La loro posizione di default è, osservando il menu del backend, sotto la voce “aspetto”:

  1. Accedere al backend di WordPress (come amministratore).
  2. cliccare sulla voce di menu “Aspetto”.
    widget wordpress dove trovarli
  3. cliccare sulla voce di menu “Widget”.
  4. La sezione è di semplice utilizzo: a sinistra l’elenco dei widget che è possibile “trascinare” con il mouse in una delle sezioni disponibili a destra.

widget wordpress come si usano

Ricordarsi di impostare i settaggi desiderati per il Widget scelto e salvare.

Come installare Widget WordPress differenti

In realtà la diversità dei widget disponibili può essere aumentata attraverso l’installazione di plugins in modo abbastanza semplice in questo modo:

  1. Accedere al backend di WordPress (come amministratore)
  2. cliccare sulla voce di menu plugin
  3. nella sezione che si aprirà cliccare sul pulsante in alto “aggiungi nuovo”
  4. Adesso nella casella di ricerca basterà inserire la parola widget per aprire il mondo dei plugin disponibili.

widget wordpress - dove si trovano i plugin

Una delle problematiche più frequenti è gestire le aree dei widget, come già accennato sono predefinite dal tema utilizzato MA possiamo aggirare il problema con un plugin, Custom Sidebars.

Custom Sidebars – Dynamic Widget Area Manager

custom sidebars plugin
Custom Sidebars è un plugin molto flessibile che permette di gestire, inserire e differenziare le aree widget del sito WordPress.
Con questo plugin è possibile inserire widget differenti a secondo della pagina, post, archivio o pagina categoria, in modo semplice ed efficace, da provare!

Perchè utilizzare i widget?

I widget sono importantissimi poichè riescono, se utilizzati correttamente, a migliorare la user experience aggiungendo funzionalità interessanti e fruibili durante la navigazione. È dimostrato che un buon utilizzo dei widget può portare ad un incremento del tempo di permanenza del visitatore sul sito riducendo il bounce rate.

La user experience (ma anche la UI) possono beneficiarne enormemente, ma anche il marketing. L’importante è non esagerare, il rischio di lasciarsi prendere la mano è alto e facilmente si potrebbero inserire più widget del necessario appesantendo il sito e peggiorando l’esperienza del visitatore.
Ecco il consiglio da tenere sempre a mente: dare troppe informazioni o opzioni ad un utente è SEMPRE controproducente, meglio guidarli dolcemente dove vogliamo.

Scopri il Corso WordPress and Website Creation

Il Corso WordPress & Website creation è una guida WordPress alle funzionalità base del CMS (Content Management System) più usato al mondo per la creazione di siti web, oltre il 30% dei siti internet mondiali sono stati realizzati con wordpress.

Il corso prevede l’analisi dei temi WordPress più diffusi e funzionali ed i plugin WordPress più noti. Verrà affrontato il tema della sicurezza, dei servizi a pagamento e delle informazioni legali necessarie alla creazione di pagine, blog e siti web con WordPress. 

E cosa più importante di tutte è fruibile sia online, on Demand e dal vivo in classe.

 

Guarda anche come si sono trovati gli ex- studenti e quali vantaggi hanno avuto nel frequentare un Master Digital Coach

OPINIONI SU DIGITAL COACH

 

Valutazione Digital Coach su Google
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[i]
[i]
[index]
[index]