Seleziona una pagina

COME CREARE UN BRAND DI SUCCESSO

Come creare un brand: tutto quello che devi sapere 

Brand identity, brand awareness, personal branding, brand reputation, rappresentano tematiche sempre più rilevanti nel  mondo del business aziendale. È ormai risaputo infatti, che il successo di un azienda dipende in gran parte dalla percezione che il pubblico ha riguardo al suo brand. In questa guida ti spiegherò come creare un brand di successo, ti parlerò di come creare un logo vincente attraverso alcune semplici regole e, infine, ti darò alcune informazioni di base su come registrare un marchio e iniziare a promuovere la tua attività.

come creare un brand di successo

 

Che cosa è il brand?

Prima di parlare di come creare un brand, chiariamo subito che cosa è partendo dall’etimologia del termine.
La parola “brand” deriva dall’antico nordico “brandr” che significa bruciare, e fa riferimento alla pratica di marchiare a fuoco il bestiame con un simbolo per definirne la proprietà. Attorno al XX secolo il termine si è diffuso anche nella lingua italiana.

Secondo l’American Marketing Association (AMA) il significato originario di brand” è “marchio ovvero il termine, il nome, il simbolo o una combinazione di questi elementi che distingue un’azienda e i suoi prodotti dalla concorrenza.
In origine quindi, il brand non era altro che il risultato dell’insieme di segni grafici e parole che avevano come unico obiettivo quello di distinguere in maniera inequivocabile un’azienda e/o i suoi prodotti e servizi.
Nel corso degli anni il significato della parola è cambiato.

L’attualizzazione del termine brand viene fornita da Jean-Noel Kapferer, esperto di marketing e marche a livello mondiale, definendolo come “il desiderio condiviso ed un’idea esclusiva rappresentato in un prodotto, servizio, luogo, persona o esperienza.”

Dunque al giorno d’oggi, il brand (o marca) è molto più di una semplice aggregazione di termini ed elementi grafici. Esso rappresenta ciò che sta nella mente del consumatore, ecco perchè è così importante. Attenzione! Il brand non è da confondere con il marchio. Il marchio è il segno grafico che serve a identificare e a tutelare giuridicamente il brand.

Ma come creare un brand? Ti fornisco, di seguito, un elenco composto da 7 facili step che potrai seguire per avviare al meglio la tua attività commerciale.

 

Come creare un brand

Indipendentemente dalla tipologia del tuo business, che tratti di moda o di sport, prima di parlare di come creare un brand vincente è indispensabile porsi delle domande per definire al meglio la propria attività.

Definisci chi sei

Brand IdentityQuindi come creare un brand?  Ecco una lista di domande che ti aiuteranno a costruire e a definire al meglio la tua brand identity: 

  • Che azienda sei?
  • Quali sono i tuoi valori aziendali?
  • Che cosa ti distingue dalla concorrenza?
  • Come vuoi che il pubblico ti percepisca?                                          
  • Qual è il tuo target?
  • Cosa migliorerà col tuo business?  
  • Quali sono i tuoi obiettivi?            

L’importanza della Brand Identity

Le risposte a queste domande ti permetteranno di avere una chiara idea della brand identity della tua azienda, questo rappresenta il primo passo per creare un brand. La brand identity è l’insieme degli aspetti comunicativi e degli elementi grafici sui quali si basa la percezione di un brand agli occhi dei consumatori. Insomma, in poche parole, la brand identity è l’identità dell’azienda. Devi avere una forte e solida brand identity se vuoi che il pubblico scelga te tra tutti i tuoi competitors.

La Corporate Identity

Uno degli aspetti più importanti che determina l’efficacia e il successo di un brand è quello di avere un’immagine coordinata impeccabile. L’immagine coordinata, conosciuta anche come corporate identity, è sostanzialmente l’insieme degli elementi grafici che costituiscono la comunicazione aziendale, ovvero il sito web, il logo, la carta intestata, i biglietti da visita e via dicendo. Tutti questi elementi devono avere uno stile ben definito e coerente, devono permettere al pubblico di riconoscere immediatamente il tuo brand.

Corporate Identity

Nei paragrafi successivi ti fornirò alcuni consigli relativi al brand naming e, inoltre, ti parlerò di come creare un logo vincente. Questi elementi sono alla base della costruzione di una solida brand identity.

 

Scegli il nome del tuo brand

Uno degli step più importanti su come creare un brand vincente è la scelta del nome. Il brand naming, ovvero la scelta del nome di un’azienda, non è un aspetto da sottovalutare. Questo passaggio rappresenta uno dei punti chiave per il futuro del tuo business. Il solo nome è in grado di trasmettere un’emozione nel consumatore e tal volta può anche raccontare una storia. Avere un buon storytelling è una delle migliori strategie di comunicazione per aumentare la forza della brand identity. Il tuo brand deve avere un nome adeguato. La scelta di un buon brand name farà percepire ai consumatori che la tua attività commerciale è forte e originale.

Come scegliere il brand name?

Pensa a dei nomi innovativi e non scontati, distinguiti. Per la scelta del nome del tuo brand ti sconsiglio di descrivere ciò che offri (escludi i cosiddetti nomi “funzionali”). Evita di chiamarti “Vernici&Inchiostri” o “Bianchi Auto”, in futuro andresti in contro al rischio di essere limitato dal tuo stesso nome aziendale. Allo stesso tempo ricorda di rimanere in tema con i tuoi obiettivi e valori aziendali decisi nel primo step. Decidi un nome che sia abbastanza facile da pronunciare, deve essere capito dal pubblico la prima volta che lo sente! Ti suggerisco, inoltre, di evitare le sigle. Rispetto ad altri nomi risultano essere più difficili da comprendere e da memorizzare. Aggiungi invece dei numeri al nome del tuo brand, lo renderanno più profondo e interessante.

Quindi ricapitolando, per creare un brand name efficace ricorda che devi necessariamente rispettare i seguenti punti:

  • Racconta una storia
  • Scegli un nome innovativo e originale
  • Evita i nomi “funzionali”
  • Escludi le sigle
  • Aggiungi dei numeri nel nome

 

Nei vari passaggi su come creare un brand vi è necessariamente lo step dedicato alla Creare un logo  la realizzazione del logo che costituisce uno degli elementi visivi più importanti del brand design (riferito all’immagine aziendale). L’aspetto visivo è da sempre considerato il più efficace nella comunicazione. Il logo rappresenta buona parte dell’identità visiva di un’azienda e per funzionare deve necessariamente possedere certe caratteristiche, che sia un logotipo (costituito solamente dalla scritta) o un pittogramma (ovvero un simbolo grafico).

Le caratteristiche di un logo efficace

Ecco l’elenco alcuni requisiti che un buon logo dovrebbe avere:

  • Semplice: Less is more! Il logo deve essere semplice ma non superficiale, chiaro e riconoscibile in modo da poter essere facilmente distinto da quello dei competitors. Dunque un’eccessiva quantità di forme, numeri, colori e/o font sono da escludere totalmente. 

 

  • Accattivante. Il logo deve essere stimolante, visivamente accattivante e bello da vedere ma allo stesso tempo adeguato e coerente con i tuoi valori aziendali.

 

  • Versatile: Un logo deve essere visibile e riconoscibile su qualsiasi superficie e in diverse dimensioni, deve pertanto essere versatile. Il logo deve essere progettato in formato vettoriale utilizzando software come Adobe Illustrator o Corel Draw. La grafica vettoriale è basata su forme geometriche (punti, curve,linee) che generano un’immagine alla quale sono attribuiti colori, sfumature ed effetti. In questo modo quando il logo viene rimpicciolito o ingrandito si evita il fastidioso effetto “sgranato” tipico della grafica raster (che si riferisce a quel tipo di immagini costituite da una griglia di punti di forma quadrata, i pixel). Il logo potrà quindi essere facilmente ridimensionato senza perdite di qualità e leggibilità. Perciò ricorda, niente Photoshop!

 

  • Originale. Il tuo logo dovrà essere unico e inimitabile in modo che possa distinguersi nettamente dagli altri. Deve essere il risultato di un lavoro puramente originale e creativo. Da notare il fatto che la maggior parte dei loghi in circolazione non descrivono quello che l’azienda fa: Il logo della Nike non è una scarpa, quello della Nokia non è un cellulare, quello dell’Audi non è un’auto e quello del McDonald’s non è un panino! Perciò ti suggerisco di adottare questa strategia per la creazione del tuo logo.

 

  • Immortale: Un logo che funziona non ha né tempo e né età. Il suo design dovrà essere efficace anche tra 10, 20, 50 anni. Pensa ad esempio al logo della Coca-Cola: anche se è stato disegnato nel 1890 rimane ancora oggi attualissimo. Perciò per la realizzazione del logo non basarti sui trend del momento!

 

Se non ti senti in grado di realizzare da solo il tuo logotipo ti consiglio vivamente di affidarti ad un’agenzia pubblicitaria seria e con esperienza che sappia guidarti in questo percorso. In certi casi cercare di economizzare significa solo sprecare tempo e soldi. Ricorda che da tale scelta dipenderanno le sorti dell’immagine della tua azienda!

 

Il marchio: Tutto quello che c’è da sapere

Hai deciso che tipo di azienda sei, sai dove vuoi arrivare e possiedi il logotipo. Insomma ormai sai come creare un brand. Il passo successivo di questa guida su come creare un brand è quello dedicato alla registrazione del marchio.

Registrare il marchio

Perché registrare un marchio?

Uno dei tanti vantaggi del possedere un marchio registrato è quello di avere il diritto di utilizzarlo in maniera esclusiva per distinguere i propri beni e servizi da quelli della concorrenza. Inoltre la registrazione del marchio consente al titolare o agli aventi diritto (quindi alle persone autorizzate) di tutelare il proprio business e/o la propria attività aziendale. Questa tutela impedisce a qualunque individuo di utilizzare il medesimo marchio.

Come registrare un marchio?

Prima di registrare il tuo marchio assicurati che non ne esista uno già registrato in precedenza nella stessa categoria commerciale, effettuando una ricerca nell’archivio centrale dell’ufficio marchi e brevetti.
Inoltre accertati che il marchio non abbia nessuna connotazione negativa e che sia abbastanza facile da memorizzare, scrivere e leggere. Il deposito del marchio si effettua compilando una domanda di registrazione che può essere inviata a una qualsiasi Camera di Commercio oppure online con firma digitale sul sito italiano dell’ufficio marchi e brevetti. Attenzione, dopo che avrai presentato la domanda, questa non sarà più modificabile! Se vorrai aggiungere nuovi prodotti ti toccherà compilare e presentare una nuova richiesta per depositare un nuovo marchio. La registrazione ha una durata di 10 anni e una volta scaduta va rinnovata.

Quanto costa registrare un marchio?

Ora parliamo del costo. Il costo di registrazione del marchio varia in base al territorio nel quale si richiede la registrazione e al numero delle classi (ovvero le tipologie alle quali corrispondono i prodotti e i servizi relativi alla tua azienda). Generalmente la registrazione di un marchio ha un costo che parte dai 180 euro fino ad arrivare ad un massimo di circa 300 euro.

 

Realizza il sito web

Il prossimo step è quello di realizzare il sito internet della tua azienda. E’ ormai risaputo che, se al giorno d’oggi non sei sul web, non sei nessuno. Il sito del tuo brand deve essere facilmente riconoscibile già dal primo impatto visivo. Colori, stile e logo devono essere perfettamente in sintonia. Deve includere tutte le informazioni utili, che devono essere scritte in modo chiaro e corretto.

Inoltre, il tuo sito dovrà essere responsive per poter essere facilmente consultabile da tutti i tipi di device, dal computer fino allo smartphone. Il design responsive o responsivo, è quella tecnica che permette di riadattare in maniera autonoma la grafica dei siti sui dispositivi coi quali vengono visualizzati.  Ricorda sempre che il tuo sito deve promuovere e presentare l’azienda per convincere il pubblico a scegliere i tuoi prodotti e/o servizi.

Ma come si crea concretamente il sito web? Parlando di piattaforme per la realizzazione di siti web, quella più diffusa e utilizzata è indubbiamente WordPress, che ti permette di decidere tra numerosissimi temi gratuiti e non, plugin e personalizzazioni di ogni tipo.

Promuovi la tua attività con i social network

Inutile dire che per promuovere il tuo business il solo sito web, anche se ricopre una parte molto importante dell’intera comunicazione aziendale, non basta. Devi necessariamente ricorrere ad altri mezzi e canali.
Una strategia vincente è quella di utilizzare i social network per pubblicizzare la tua attività. In questa maniera eviterai di spendere un patrimonio e aumenterai la probabilità di raggiungere più facilmente ed efficacemente i tuoi potenziali clienti. Cerca di essere più presente possibile alle varie discussioni, ascolta soprattutto quello che i consumatori hanno da dirti. Inoltre, tutte le volte che ti è possibile, mostra il tuo lato umano. In questo modo sarà più facile abbattere la barriera che c’è tra la tua attività commerciale e i consumatori, e in più il tuo brand acquisirà più fiducia agli occhi del pubblico.

Inoltre se ti interessa scopri nel dettaglio com’è strutturato il Corso Social Media Marketing!

In definitiva, il brand è l’anima del commercio. Assicurati di seguire tutti questi semplici step, pensa, crea, sperimenta, distinguiti. Insomma, ora sai tutto quello che c’è da sapere su come creare un brand

 

Per saperne di più su date di partenza dei corsi, modalità di frequenza, e altro ancora, contattaci! Siamo a tua disposizione.

CONTATTACI!

Save

  • Rating Lettori
  • Votato 4.8 stelle
    4.8 / 5 (11 )
  • Vota!


[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]