Seleziona una pagina

SOCIAL NETWORK B2B

L'importanza nel grande mondo social e le tendenze future.

Social network B2B: la spontanea evoluzione del marketing b2b

 

Tutti sappiamo come l’utilizzo sempre più massiccio delle piattaforme social da parte degli utenti abbia generato una progressiva presenza delle aziende in esse, con una crescita sempre più importante del social network B2B. Un’evoluzione che ha portato alla nascita di nuovi corsi social network capaci di dar vita a nuovi profili aziendali. Un fenomeno che ha completamente modificato il modo di comunicare tra le aziende e il suo pubblico ed è diventato fondamentale nelle strategie di inbound marketing

Tutte le strategie di marketing  non hanno potuto che adeguarsi a queste dinamiche dando vita anche al social media marketing per poter reagire alle variazioni dei diversi settori e alle preferenze dei clienti che ormai dirigono il mercato.

Se in un primo tempo questo approccio aveva interessato i responsabili marketing soprattutto del settore B2C negli ultimi anni anche le aziende B2B hanno colto il potere degli strumenti del digitale B2B e dei canali social di generare contatti con altre aziende e il social network B2B è diventata una realtà sempre più significativa.

I clienti del settore B2B ricercano sempre più la stessa experience dei consumatori del settore B2C i quali hanno un controllo costante e a 360° su come, quando e da chi acquistano. Pensiamo all’esperienza che noi tutti abbiamo con Amazon: l’offerta è immensa, i prezzi sono concorrenziali e la comparazione con gli altri metodi di acquisto  immediata.

La nostra esperienza nel settore B2C da’ vita alle nostre interazioni digitali compreso il modo in cui facciamo affari e costruiamo relazioni anche nel mondo B2B ecco perché il social network B2B non può più essere escluso dalle strategie di marketing del settore. 

SCOPRI I NOSTRI MASTER

Quali sono i principali vantaggi che il social network offre alle aziende  B2B?

 

  • facilita l’individuazione del proprio target in modo efficace;
  • consente di raggiungere il maggior numero di lead, tramite l’inbound marketing, instaurando con queste e con i clienti già acquisiti rapporti diretti e interattivi;
  • social network B2Bpermette di raccogliere facilmente feedback numerici e non, che possono essere analizzati con gli strumenti oggi a disposizione;
  • promuove agilmente e su larga scala la conoscenza dei prodotti e/o servizi offerti ovviamente con una sapiente strategia di content. “Content is king” vale anche per il B2B;
  • facilita il cross-selling e l’upselling;  
  • garantisce la possibilità anche alle piccole e medie imprese di utilizzare con un budget contenuto strumenti di comunicazione potentissimi.

 

 

 

 

Social network B2B: cosa è cambiato nel 2017 e quali sono le tendenze dal 2018

 

Come ogni anno Social Media Examiner pubblica il Social Media Marketing Industry Report che riassume come i marketers statunitensi utilizzano i social network per incrementare i loro business. Una parte dell’analisi evidenzia anche le differenze fra i comportamenti delle aziende B2B rispetto alle B2C.

Prendiamo in considerazione le attività volte alla crescita organica dei vari social media. Un grafico ad hoc riporterà più avanti i dati della crescita a pagamento.

Sia nel 2017 che nell’anno corrente Facebook ha continuato e continua a farla da padrone fra i social media.

Un significativo 50% dei marketers hanno aumentato le loro attività su Facebook durante il 2017 e il 62% intende aumentarle ulteriormente dal 2018.

Per quanto riguarda le attività su YouTube solo il  26% le ha aumentate durante il 2017 mentre un significativo 58% intende incrementarle nell’anno corrente.

L’anno passato è stato caratterizzato invece da un significativo aumento delle attività su Instagram e il 66% dei marketers ha intenzione di incrementarle ulteriormente nel corso del 2018.

Per quanto riguarda Twitter meno di un terzo dei marketers (31%) ha aumentato l’attività su questa piattaforma durante il 2017 mentre il 44% intende incrementarla dal 2018.

Vediamo ora Linkedin: circa un terzo (30%)  degli addetti ai lavori ha aumentato l’attività nel 2017 e più della metà (51%) intende incrementarla ulteriormente nel 2018. Di questo 51% il 65% è rappresentato da marketers B2B.

 Diamo quindi un’occhiata più specifica agli aspetti più interessanti emersi dal report.

 

Utilizzo dei social Media per costruire relazioni di business

 

Più della metà dei marketers che hanno investito almeno 3 anni in social media riporta una significativa crescita delle relazioni d’affari.

In particolare i marketers B2B sono stati più propensi (57%) a usare i social media come motori di business rispetto  ai marketers B2C (45%)

 

 

 

Social Media preferiti dai marketers B2B

 

 

Il grafico evidenzia che la maggior parte dei marketers B2B prediligono Facebook e in buona percentuale Linkedin e Twitter

 

B2B vs. B2C

Notiamo la significativa differenza fra i marketers  B2B e B2C. 

Facebook domina chiaramente nel B2C (il 75% lo considera il social numero uno). Ciononostante anche nel settore B2B Facebook rappresenta la prima scelta, sorpassando Linkedin.

Rispetto al 2017 nel settore B2B Linkedin ha perso terreno rispetto a Facebook passando dal 37% al 28% mentre Facebook è salito dal 43% al 54%

 

 

 

Social Media a pagamento

 

La piattaforma a pagamento più utilizzata è Facebook (72%), seguita da Instagram (31%).

I marketers B2C utilizzano Facebook ads più (76%) dei marketers B2B (66%).

I marketers B2B utilizzano LinkedIn ads più (21%) più dei colleghi B2C (8%).

 

Valutazione Digital Coach su Google