Seleziona una pagina

SOCIAL ECONOMY

cos'è e i vantaggi per le aziende

social media

Mai sentito parlare di social economy? Il termine social economy è comunemente utilizzato per identificare organizzazioni che operano al fine di promuovere la solidarietà. Con l’avvento dei social media questa combinazione di parole si è avvalsa di una seconda accezione facendo riferimento appunto ad una economia che utilizza le “tecnologie sociali” per raggiungere obiettivi di business. Oggi i social media sono utilizzati da circa 3,5 miliardi di utenti.  Un mercato, evidentemente, vastissimo in cui i social network rappresentano un canale di comunicazione di estrema importanza per poter attuare una strategia efficace. In questa pagina, dunque, andiamo ad analizzare cos’è la  social economy e l’impatto che le social technologies hanno su aziende e consumatori.

Cos’è la social economy?

Viviamo ormai in una social economy. Le tecnologie sociali continuano a diffondersi all’interno del mondo aziendale trasformando i processi di business e migliorando le prestazioni. Il fenomeno dei social media ha attraversato la cultura popolare in pochissimi anni. Ogni giorno con il nostro smartphone o pc, comunichiamo ci informiamo, scambiamo messaggi con la nostra rete di conoscenze o condividiamo i nostri momenti personali. Milioni di persone si uniscono alle comunità online e utilizzano le piattaforme social.  Ma cosa si intende per social technologies?  Sono prodotti e servizi che permettono le interazioni sociali nel mondo digitale e quindi consentono alle persone di connettersi e interagire virtualmente. Parliamo di social network e blog, ma anche di piattaforme di document sharing e strumenti che consentono la collaborazione aziendale. Queste piattaforme sono diventate quasi una “commodietes” della vita moderna tanto in ambito privato quanto in quello pubblico e commerciale e hanno ridisegnato le relazioni tra aziende e clienti, nonché le relazioni all’interno delle aziende stesse. Le tecnologie social hanno letteralmente cambiato il modo di vivere di milioni di persone e anche le aziende stanno cambiando i loro comportamenti. Imprese di ogni genere utilizzano ormai i social media come mezzo per acquisire clienti e migliorare le proprie prestazioni. Per di più, oltre a coinvolgere i consumatori direttamente attraverso i social media, le aziende ascoltano e osservano ciò che i consumatori fanno e si dicono l’un l’altro sulle piattaforme social per acquisire feedback e dati comportamentali.

Le social technologies e il perché del loro successo

Le tecnologie sociali sono state accolte da persone di culture, fasce d’età e segmenti demografici diversi per vari motivi. Primo tra tutti il fatto che attingono a bisogni primari: formare gruppi e condividere informazioni, divertirsi e comunicare contenuti interessanti. In un certo senso, le tecnologie sociali rappresentano un ritorno agli aspetti della tradizione orale, fornendo un mezzo a tutti i membri del gruppo per raccontare le loro storie. I comportamenti che stanno ribaltando i media e il marketing tradizionali oggi fanno affidamento al passaparola e forniscono la capacità a chiunque disponga di una connessione Internet di partecipare al gruppo e condividere conoscenze ed esperienze. Le tecnologie sociali si distinguono per le seguenti tre caratteristiche:

  • vengono sviluppate e create grazie all’IT;
  • permettono di creare, aggiungere o modificare contenuti e comunicazioni;
  • Consentono di distribuire e consumare contenuti e comunicazioni.

Le tecnologie sociali comprendono una vasta gamma di applicazioni che possono essere utilizzate sia dai consumatori che dalle imprese. La maggior parte delle applicazioni sono riportate nel grafico:

tecnologie sociali

Vediamo nello specifico di cosa si tratta:

  • Media and file sharing: permettono di caricare, condividere e commentare foto, video e audio
  • Social networks: permettono di restare connessi tramite profili personali e aziendali
  • Blogs & microblogs: permettono di pubblicare contenuti e condividere opinioni ed esperienze
  • Rating & reviews: sono piattaforme che permettono di recensire e valutare prodotti, servizi ed esperienze;
  • Social commerce: si possono fare acquisti in gruppo, su piattaforme social e condividere opinioni su quegli stessi prodotti;
  • Wikis: è possibile ricercare, modificare e aggiungere contenuti questo permette di accedere rapidamente alle conoscenze memorizzate
  • Discussion forums: sono utilizzati per discutere di argomenti condividendo idee e competenze;
  • Shared work space: sono strumenti che permettono di co-creare contenuti; coordinare progetti e compiti comuni
  • Crowd-sourcing: su queste piattaforme è possibile sfruttare la conoscenza collettiva e generare risposte derivate collettivamente;
  • Social gaming: Permettono di entrare in contatto con amici e sconosciuti per giocare.

La velocità con cui i social media sono cresciuti e l’impatto che hanno avuto sono senza precedenti. Per fare un esempio, Facebook ha raggiunto 50 milioni di utenti in solo 12 mesi, Twitter addirittura in 9 mesi mentre invece ci sono voluti 40 anni alla radio per trasmettere ad un pubblico così grande e oltre un decennio alla televisione.

I vantaggi della social economy per le imprese:

Come si può sfruttare la social economy all’interno dell’azienda per generare valore dalle social technologies? La risposta a questa domanda non è certo semplice. Come e quali social media  utilizzare dipende dal proprio business, dagli obiettivi che si vogliono raggiungere e dalla strategia che si mette in atto. La social economy però può portare vantaggi a tutte le funzioni aziendali migliorando e implementando tutta la catena del valore. Di seguito vediamo come la social economy può essere uno strumento utile all’interno dei vari dipartmenti aziendali:

Sviluppo del prodotto

Utilizzando le piattaforme social, le aziende possono attingere a una vasta comunità, alle loro valutazioni, ai commenti e alle loro opinioni. Questi dati una volta analizzati e compresi offrono un prezioso contributo al processo di progettazione. Alcune aziende permettono ai propri consumatori di partecipare attivamente ai propri progetti di sviluppo prodotto.

Distribuzione:

Previsione della domanda:

Le tecnologie sociali moltiplicano le potenziali fonti di informazioni sulla domanda, aggiungendo un altro livello di granularità per migliorare l’efficienza della distribuzione e la reattività. Sulla base di informazioni condivise sui social network da parte di clienti o persone nella rete di distribuzione (ad es. personale dei negozi al dettaglio), i fornitori possono rispondere a variazioni molto localizzate della domanda e rilevare in anticipo scorte. Le aziende possono utilizzare le informazioni derivate dalle piattaforme social per migliorare il controllo dell’inventario.

Distribuzione dei processi aziendali:

Alcune organizzazioni utilizzano piattaforme social per impegnarsi all’esterno e assegnare lavoro a terzi. Amazon, per esempio, ha sviluppato un sistema chiamato Amazon Mechanical Turk, un marketplace di crowdsourcing che rende più semplice per gli individui e le imprese affidare in outsourcing i propri processi e lavori a una forza lavoro distribuita in grado di svolgere virtualmente questi compiti.

Marketing e vendite

Ricerche di mercato:

Le tecnologie sociali possono essere utilizzate per raccogliere informazioni su prodotti, marchi e opinioni sui concorrenti. Queste informazioni possono essere utilizzate come input per i requisiti e la progettazione dei prodotti, campagne pubblicitarie, prezzi, packaging e altre attività di marketing e sviluppo del prodotto. Un approccio prevede “l’ascolto” e l’analisi delle interazioni e delle conversazioni sui social networks. L’analisi delle interazioni sulle piattaforme social può fornire feedback sulle campagne e aiutare a valutare la salute generale del marchio. Le aziende possono anche monitorare le chiacchiere sui social per tenere traccia delle mosse della concorrenza e quindi adeguare o organizzare le proprie campagne di marketing. Oltre ad ascoltare e analizzare passivamente le interazioni sociali, le aziende possono interagire direttamente con i clienti nei forum e nelle comunità online e chiedere feedback ai membri.

Comunicazione e interazione di marketing:

Le tecnologie sociali offrono un modo per comunicare direttamente con i clienti e con messaggi e contenuti altamente personalizzati come prezzi speciali o altre promozioni per determinati clienti e mercati. I social network possono essere utilizzati per rafforzare l’immagine del brand. Inoltre, offrono più modi per creare un maggiore coinvolgimento con i clienti, ad esempio per promuovere determinati prodotti, attraverso media interattivi come i giochi social. Inoltre, possono essere utilizzati per creare comunità di clienti che possono essere sfruttate per il marketing e lo sviluppo del prodotto. In questo ruolo, i social media aiutano i clienti a comunicare tra loro, in modo che le aziende possano partecipare attivamente o passivamente.

Lead generation:

Per lead generation si intende quell’insieme di azioni che che hanno come obiettivo l’acquisizione e la generazione di contatti interessati. Il Lead, infatti, è un potenziale cliente interessato al prodotto o servizio offerto che è entrato in contatto con l’azienda lasciando i propri dati. La lead generation, fatta attraverso i social media, permette di acquisire contatti profilati sfruttando canali come Facebook, LinkedIn e Instagram. Se utilizzati con intelligenza e associando le giuste strategie, i social media possono far crescere il tuo business, raggiungendo sia obiettivi di brand positioning sia obiettivi di vendita e conversione. Se vuoi approfondire il tema delle lead generation puoi leggere l’articolo sul nostro blog.

Social commerce:

I social media sono ormai una fonte d’acquisto ed è possibile facilitare le transazioni aggiungendo una funzione di acquisto sulla piattaforma social o sull’e-commerce.  Grazie al social commerce è possibile lo studio dei propri utenti e capire tendenze e preferenze che porteranno all’acquisto. La social economy e i social media, basano la loro attività sulle interazioni tra le persone perciò la partecipazione e la discussione sono il punto di forza di queste piattaforme. Per questo motivo sono canali fondamentali attraverso i quali le aziende hanno la possibilità di aumentare le vendite del proprio e-commerce. Se vuoi approfondire e capire meglio cos’è il social commerce puoi leggere il nostro contenuto sul blog.

Assistenza clienti

Le tecnologie sociali possono migliorare il servizio clienti in diversi modi. Una piattaforma social può fungere da canale dedicato a questa funzione, assumendo parte del lavoro normalmente svolto al telefono dai call center. Le risposte entrano a far parte di un database in crescita e in cui è possibile effettuare ricerche che può includere conoscenze. Per le aziende è un modo per ascoltare le conversazioni con i clienti, identificare i problemi del servizio clienti e agire tempestivamente.

Comunicazione interna e HR

Collaborazione e comunicazioni:

La social economy apporta notevoli vantaggi anche alle relazioni interne all’azienda. I social media possono migliorare significativamente le prestazioni organizzative migliorando la comunicazione e la collaborazione sia all’interno dell’azienda che all’esterno. Molti strumenti possono essere utilizzati per facilitare la collaborazione e la co-creazione, ridurre il tempo trascorso in riunioni di persona non necessarie e aiutare a condividere le conoscenze e le pratiche interne. Inoltre molte piattaforme possono consentire lo smart working. Da quasi ogni luogo, infatti, i dipendenti possono avviare progetti, formare team e completare i loro compiti.  Gli strumenti di collaborazione consentono ai membri del team di condividere conoscenze, lavorare su documenti contemporaneamente e comunicare con membri del team remoti, appaltatori o clienti.

Abbinare talento e ruoli:

La tecnologia sociale fornisce una finestra sul mercato del lavoro per determinare quali competenze sono disponibili e consentire alle imprese di scoprire le competenze di candidati specifici. Studiando i contenuti aggiunti da un candidato su LinkedIn, valutando la sua formazione ed esperienze lavorative pregresse e le competenze un datore di lavoro può ottenere preziose informazioni sui candidati. I social network interni possono fornire approfondimenti simili.

Leggi l’articolo LinkedIn per aziende per comprendere come pubblicizzare la tua azienda su questo social network.

La social economy in Italia

L’Italia è un paese in cui la social economy è un settore maturo. Un paese connesso, social, e con un trend in crescita per quanto riguarda sia l’uso di  Internet sia delle social technologies in senso più ampio. In Italia ci sono circa 50 milioni di utenti online e 35 milioni gli utenti attivi sui social. Gli italiani spendono circa 6 ore connessi ad internet ogni giorno, e circa 2 ore sui social. Per quanto riguarda le nuove tecnologie gli assistenti vocali da mobile o device dedicati sono in crescita. L’81% degli italiani è fortemente coinvolto sui social anche grazie all’uso massiccio degli smartphone che ormai circa il 98% degli utenti utilizza. YouTube e le app targate di Facebook come WhatsApp, Facebook, Instagram e Messenger sono tra le più utilizzate. Instagram e Pintarest sono le piattaforme che crescono più di tutte in termini di utilizzo. Su Pinterest inoltre stanno crescendo moltissimo anche le sponsorizzazioni grazie al miglioramento della piattaforma stessa. Crescono anche SnapchatTwitterWeChatReddit. Queste ultime sono piattaforme molto diverse tra loro ed è evidente come la crescita sia diffusa. Impossibile naturalmente non toccare l’argomento TikTok che in pochissimo tempo dal suo lancio ha raggiunto l’11% di utenti. Non vi è solo la necessità di rimanere connessi con amici, colleghi, brand e influencer anche la ricerca di svago ed intrattenimento. Guardare video online, seguire vlog, l’ascoltare musica, radio online e podcast sono attività che permettono intrattenimento e crescita personale. Anche il mondo del gaming online non è più possibile ignorarlo. I numeri parlano chiaro: 4 italiani su 5 giocano, 2 su 5 possiedono una console. Su queste console spendono quasi 50 minuti al giorno del loro tempo e il 5% effettua pagamenti in-app. Per quanto riguarda l’ecommerce l’87% degli utenti effettua ricerche online pre-acquisto mentre conclude l’acquisto circa il 77% degli utenti. Come si nota da questi dati la social economy anche in Italia è un settore in crescita e le sue tecnologie possono essere implementate e migliorate per raggiungere gli obiettivi desiderati.

In questa pagina abbiamo visto cos’è la social economy e come riesce a sbloccare valore e produttività grazie alle social technologies. Se vuoi conoscere meglio l’utilizzo dei social media e diventare un professionista puoi iscriverti alle certificazioni di Social Media Specialist o Social Media Manager.

Metti alla prova le tue conoscenze social e fai il nostro TEST!

CLICCA QUI  

 

 

Valutazione Digital Coach su Google