Seleziona una pagina

KEYWORD RESEARCH

Cos'è e come farla con 3 free tool

seo-keyword-researchNon sai come fare la Keyword Research per il tuo sito web o il tuo blog? Vuoi posizionarti nella prima pagina dei motori di ricerca? In questa pagina scoprirai i primi step per creare una strategia vincente, cercare le parole chiave giuste e scalare la SERP (Search Engine Results Page).

Potrai affrontare i primi step che ti permetteranno di scoprire quali sono le keyword cercate online dai tuoi utenti e quali sono gli argomenti di maggior interesse per il tuo settore e il tuo business. Se vuoi specializzarti e approfondire scopri ora il Corso SEO Specialist.

 

 

Vuoi trovare una Strategia Digitale efficace?

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

Keyword Research: cos’è e come farla

La ricerca di parole chiave è una delle fasi fondamentali che aiutano a creare una strategia SEO (Search Engine Optimization, ottimizzazione per i motori di ricerca) vincente e quindi a posizionare la tua attività tra i primi risultati organici di Google. Consiste nel ricercare le keyword giuste per il tuo business. Da dove iniziare? Prima di tutto identifica il tuo core business e poi definisci il target che vorresti raggiungere. Una volta messo a fuoco il tuo obiettivo e il tuo pubblico di riferimento, prendi un foglio Excel e crea un elenco di parole chiave valide immedesimandoti nel tuo utente ideale, ipotizzando le sue richieste e le sue necessità. Le focus keywords devono essere pertinenti al tuo concept e devono avere volumi di ricerca significativi.

Infatti è importante trovare parole più specifiche e meno ricercate, le cosiddette long tail keyword, che circoscrivono un pubblico di nicchia. Più lunghe e peculiari sono le keyword, più è probabile un buon posizionamento nella SERP (Search Engine Results Page). Ciò accade perché in questi casi si riscontra meno concorrenza e le persone che seguono le long tail, nonostante siano un numero ristretto, sono spesso più motivate ad acquistare e a svolgere un’azione che porti a una conversione.

Inoltre, si rivela molto utile l’analisi semantica latente che consiste nel prendere in considerazione sinonimi e termini simili alla keyword con volumi di ricerca rilevanti, anche se già utilizzati dai competitor.

Completato il tuo elenco su Excel, inizia ad analizzare la concorrenza. Quali contenuti sono tra i primi risultati? Che struttura hanno? Quali correlate e long tail utilizzano? Ora hai tutto ciò che serve per iniziare a imbastire la tua keyword strategy.

 

Vuoi diventare SEO Specialist? Mettiti alla prova con questo test! 

Test SEO Specialist

 

Perché è importante la ricerca di parole chiave?

La Keyword Research è necessaria per avvicinarti al tuo pubblico permettendoti di cogliere il suo Search Intent: quali sono le parole ricercate dai tuoi utenti? Cosa cercano su Google e cosa vogliono trovare? Gli intenti di ricerca possono essere di quattro tipologie:

  1. ricerca informazionale, l’utente cerca informazioni su un argomento;
  2. ricerca navigazionale, l’utente utilizza il motore di ricerca come un’enciclopedia cercando parole e siti specifici;
  3. ricerca commerciale, l’utente naviga cercando e confrontando diversi prodotti di cui necessita e che vorrebbe acquistare;
  4. ricerca transazionale, l’utente fa una ricerca mirata su un prodotto che vuole acquistare.

 

Vuoi saperne di più? Guarda ora il Corso SEO gratuito!

 

Strumenti per la ricerca delle parole chiave

Per affinare e adattare la keyword strategy ai tuoi obiettivi, devi utilizzare dei SEO tool specifici. Ne esistono tanti e possono essere free, freemium e a pagamento. Ma è possibile fare una buona ricerca di parole chiave con le risorse gratuite diffuse nel web? Certamente! Vediamole da vicino.

 

I migliori 3 free tool

Questa è una breve guida per chi vuole approcciarsi alla Keyworsd Research utilizzando tool gratuiti con cui è possibile creare una strategy vincente. Quali sono e come utilizzarli? Per rispondere a questa domanda prendiamo come riferimento tre piattaforme: Google Autocomplete, Answer The Public e Google Trends. Tra le migliori e popolari risorse del web, scopriamo ora come sfruttarle e adoperarle al meglio.

 

Google Autocomplete

È lo strumento principale che può aiutarti nella tua Keyword Research grazie proprio a Big G. Inserendo la query nella buca di ricerca, Google mostra di seguito diverse correlazioni semantiche (consultabili anche in fondo alla pagina dei risultati) e le principali ricerche collegate alla tua parola chiave.

google-autocomplete

 

Inoltre, è importante analizzare lo snippet della Vocal Search che il colosso di Mountain View inserisce tra i primi risultati organici della SERP, con la dicitura “le persone hanno chiesto anche”, sottolineando quanto sia importante per il motore di ricerca soddisfare le richiesti degli utenti.

 

snippet-vocal-search

 

Answer The Public

È il secondo free tool indispensabile. Facile e veloce, questa piattaforma ti permette di cercare gratuitamente le keyword con un click. È un ottimo compagno di squadra per scrivere online e per trovare argomenti per nuovi contenuti. Answer The Public elenca, grazie a grafici circolari che creano diverse combinazioni, i suggest di Google. Ma la sua peculiarità è l’approccio discorsivo: riesce a captare long tail e diversi topic permettendo di strutturare un piano editoriale approfondito.

answer-the-public

 

Google Trends

È il terzo strumento che può aiutarti in questa fase: raccoglie informazioni dal web analizzando oltre 5 miliardi di ricerche quotidiane effettuate. Un tool importante per valutare gli argomenti di tendenza e le ricerche specifiche degli utenti.

Tra i free keyword research tool è da segnalare keyword.io che consente di effettuare le ricerche non solo su Google, ma anche all’interno di altri ecosistemi come Bing, Wikipedia, Amazon, YouTube.

 

Keyword Research a pagamento

Per avere dei risultati soddisfacenti e per diventare dei veri professionisti è importante però imparare a usare e saper maneggiare anche SEO tool freemium e a pagamento. Tra i più importanti non possiamo non citare: SEOZoom, SEMRush, Ubersuggest, Ahrefs.

Questi strumenti permettono di pianificare una strategia SEO, di analizzare l’andamento dei siti sui motori di ricerca (Seo Audit) e sono indispensabili per la costruzione di un sito web SEO Friendly. Ti aiuteranno a captare le criticità da risolvere così da aumentare il traffico di visitatori e migliorare il posizionamento, ottenendo un maggior numero di conversioni.

Se vuoi essere competitivo non perdere mai di vista i tuoi obiettivi, aggiornati sempre sulle nuove tendenze e non dimenticare che una ricerca di parole chiave ben fatta parte dall’intento di ricerca degli utenti. Per capire come ottimizzare o cambiare la tua strategia, dopo aver selezionato le keyword migliori per il tuo sito web, procedi con l’analisi delle performance tenendo sempre in considerazione il tracciamento dei posizionamenti.

Mettiti subito a lavoro, porta il tuo business tra i primi risultati di Google.