Seleziona una pagina

Errore http 500: cos’è, cause e possibili soluzioni


Errore 500: cos’è, cause e possibili soluzioni

 

 

 

l’errore 500 è comparso a tutti almeno una volta, è quasi fisiologico ed impossibile non imbattersi in pagine bianche che ci comunicano l’impossibilità di raggiungere il sito.
A volte in modo esplicito ma il più delle volte con messaggi di difficile comprensione per chi non mastica la materia.

Per capire bene cosa sia l’errore 500 è bene spiegare brevemente e per grosse linee come funziona il web.

La rete internet non è altro che la comunicazione tra dispositivi il più delle volte tra computer, smartphone, tablet (ecc) e server sul quale risiede la risorsa che cerchiamo come ad esempio un sito internet ed avviene utilizzando un protocollo chiamato http.

La comunicazione inizia, ad esempio, quando digitiamo nella barra di ricerca del nostro browser l’indirizzo url del sito che vogliamo visionare, in questo modo il nostro computer effettua una chiamata al server che contiene il sito che desideriamo visionare.
Il server contattato restituisce dei codici denominati “codici di stato http” ovvero dei messaggi di risposta sotto forma di numeri e cifre che identificano appunto lo stato della comunicazione.
I codici di stato http si dividono in cinque grandi famiglie:

  • 1xx: informativi (dal numero 100 in poi)
  • 2xx: conferma (dal numero 200 in poi)
  • 3xx: redirezione (dal numero 300 in poi)
  • 4xx: errori del client (al quale appartiene il famoso errore 404)
  • 5xx: errori del server 

Ogni famiglia contiene un elenco più o meno lungo di codici che identificano in modo ancora più dettagliato il problema o l’informazione da trasmettere.

COS’È L’ERRORE 500

L’errore 500 fa quindi parte dei codici di stato http ed appartiene alla quinta famiglia dei problemi riguardanti il server ovvero la macchina sul quale risiede la risorsa che desideriamo raggiungere.
Spesso si fa confusione nel distinguere gli errori 500 da quelli 400 poichè il risultato è lo stesso (impossibile visualizzare il sito o la risorsa desiderata) ma la differenza è sostanziale: gli errori 400 riguardano il dispositivo che effettua la richiesta mentre i 500 sono relativi solo ai server.
Quando compare l’errore 500 significa che qualcosa è andato storto, il browser ce lo comunica in diversi modi a secondo se usiamo Chrome, Firefox, Safari o altri browser i messaggi potrebbero differire. Ecco i più gettonati:

  • Errore 500 Internal Server Error
  • HTTP 500 Internal Error
  • 500. That’s an error
  • HTTP Error 500
  • Internal Server Error
  • The website cannot display the page
  • HTTP 500 – Internal Server Error
  • 500 Internal Server Error
  • 500 Error
  • 500 server error
  • Internal server error 500

Gli errori 500 influenzano negativamente la SEO e pertanto dovrebbero essere risolti il prima possibile. Se il sito risulta irraggiungibile per pochi minuti non ci sarà nessun effetto negativo, al contrario un sito con errore 500 da qualche ora potrebbe essere penalizzato in quanto “problematico”.

Le possibili cause

Le cause che possono portare ad un errore 500 possono essere molteplici e nei casi più sfortunati anche una combinazione di esse.
C’è da dire però che la maggior parte delle volte il problema è dovuto ad interventi programmati e controllati del server come ad esempio degli aggiornamenti o una semplice manutenzione. In questi casi la problematica si risolve da se e non è necessario alcun intervento specifico, basta attendere qualche minuto o qualche ora per ritrovare la risorsa che cercavamo proprio li dove ci aspettiamo di trovarla.

Purtroppo di tanto in tanto l’errore 500 è il risultato di veri e propri problemi che richiedono interventi specifici eseguiti da personale competente che sa bene dove mettere le mani. È molto facile infatti fare danni mentre si tenta di risolvere il problema principale, si consiglia vivamente di rivolgersi a professionisti competenti per la risoluzione delle problematiche legate ai server.

l’errore 500 è generato anche nel caso in cui il problema non sia proprio il server in se ma derivato dall’installazione in esso contenuto, ovvero il sito.
Se sul server è installato il Microsoft Information Service (Microsoft IIS) i codici di errori saranno molto più specifici e dettagliati permettendo risoluzione rapida del problema, in caso contrario bisogna procedere con una vera e propria indagine.

Di seguito le cause più diffuse che è bene verificare prima di ogni altra cosa:

  • Plugin e temi del CMS (WordPress, Joomla ecc), se non aggiornati possono creare problemi di compatibilità e stabilità.
  • la memoria impostata del PhP: spesso il sito richiede più risorse di quelle disponibili ed una memoria sottodimensionata può causare un errore 500.
  • il file .htaccess: è un file nascosto presente sul server che contiene al suo interno delle istruzioni di “comportamento”. Un uso improprio può far letteralmente saltare tutto il sito.
  • Permessi: sul server qualsiasi cosa è regolata dai permessi, non tutti possono accedere a tutte le risorse e quindi delle impostazioni sbagliate possono rendere il sito irraggiungibile.
  • Script corrotti o scritti male presenti nel sito possono avere lo stesso effetto.

Le possibili soluzioni

Il più delle volte un errore 500 si risolve da solo, come detto è una probabile risultante di interventi di manutenzione o aggiornamento del server. Basta perciò attendere da qualche minuto a qualche ora per rivedere il sito di interesse di nuovo funzionante ed online.

Quando invece il problema non è derivato da interventi programmati e controllati le cose si complicano non poco. Trovare la causa dell’errore 500 è una vera e propria indagine che dovrebbe eseguire solo chi ha competenze tecniche di un certo livello e le autorizzazioni necessarie per connettersi all’area amministrativa e gestionale del server.

Tralasciamo tutti gli interventi lato server che dovrebbe eseguire solo personale esperto e concentriamoci sugli interventi più “soft”. Se il sito è stato creato con un CMS tipo WordPress o Joomla possiamo provare a risolvere il problema intervenendo a “ritroso” sulle ultime modifiche.
Bisognerà accedere al server e dal pannello di amministrazione raggiungere la sezione per la gestione dei file. Una volta in questo punto possiamo:

  • Navigare tra le cartelle della installazione proprio come un normale computer e rinominare le cartelle degli ultimi plugin installati o aggiornati in modo da disabilitarne l’esecuzione.
  • visualizzare i file nascosti per poter vedere il file .htaccess e rinominarlo in modo che il sistema ne crei uno nuovo e funzionante in automatico.
  • Se in possesso delle competenze necessarie esaminare l’ultimo codice personalizzato inserito nel sito (ad esempio nel file functions.php.)

Come per tutte le cose anche i siti internet richiedono manutenzione e devono essere curati ed aggiornati in modo da essere sempre efficienti e funzionanti,affidarsi a personale esperto è indispensabile o in alternativa è possibile seguire dei corsi specifici e mirati ad espandere le proprie conoscenze nel settore.

Scopri il Corso WordPress and Website Creation

Il Corso WordPress & Website creation è una guida WordPress alle funzionalità base del CMS (Content Management System) più usato al mondo per la creazione di siti web, oltre il 30% dei siti internet mondiali sono stati realizzati con wordpress.

Il corso prevede l’analisi dei temi WordPress più diffusi e funzionali ed i plugin WordPress più noti. Verrà affrontato il tema della sicurezza, dei servizi a pagamento e delle informazioni legali necessarie alla creazione di pagine, blog e siti web con WordPress. 

E cosa più importante di tutte è fruibile sia online, on Demand e dal vivo in classe.

Valutazione Digital Coach su Google
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[i]
[i]
[index]
[index]