Seleziona una pagina

SEO AUDIT E I TOOL DA UTILIZZARE

Diagnostica lo stato di salute del tuo sito web

La SEO Audit è un check up tecnico per diagnosticare lo stato di salute del tuo sito web, per trovare le soluzione più adatte per migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerca e per sviluppare la strategia SEO più ottimale. L’analisi SEO offre la possibilità di valutare punti di forza e debolezza del tuo sito web, mettendo in evidenza i fattori di ranking non ottimizzati per la buona performance del tuo sito attraverso il traffico organico. Oggi il traffico organico, quello che proviene dai motori di ricerca, è considerato il migliore da un punto di vista della qualità. Per fare SEO Audit, esiste una checklist di azioni da fare, supportata dall’uso dei tool. I vantaggi dell’uso dei SEO Audit tool oltre alla velocità di esecuzione, sono dati anche dalla presenza di report che ti permettono di avere dati certi su cui basare le tue strategie per portare miglioramenti sul tuo sito web. C’è però un limite all’uso dei SEO Audit tool: non tutto quello che si fa per migliorare il sito web ha necessariamente bisogno di report da analizzare, molte delle azioni che portano a migliorare il posizionamento del sito derivano anche da osservazioni che il SEO fa e dell’esperienza che lo stesso personaggio ha nello svolgere il suo lavoro.
Quando parliamo di SEO Audit facciamo riferimento ad una serie di controlli che hanno a che fare con:

  • SEO on Page
  • Contenuti
  • Link profile

Check sulla SEO on page

I controlli sulla SEO on page riguardano quelle azioni che bisogna seguire quando si crea un sito. Le criticità che possiamo individuare sono relative a:

  • architettura del sito
  • codice HTML
  • esperienza dell’utente

Si comincia con l’analisi della struttura logica del sito, dei menù di navigazione, delle pagine. Successivamente dobbiamo agire sull’eliminazione dei duplicati, la presenza di questi contenuti duplicati manda in confusione il crawler ed è considerato un errore grave. Per verificare che non ci siano problemi di questo si possono utilizzare questi tool Screaming Frog o Visual SEO Studio.

Screaming Frog nella sua versione gratuita permette la scansione fino ad un massimo di 500 URL per sito. Questo tool si comporta come uno spider o crawler dei motori di ricerca, restituendoti velocemente una serie di informazioni fra cui meta title e meta description, tag title, velocità di risposta delle pagine, alt delle immagini, broken link interni e in uscita, pagine di errore e redirect pagine duplicate e molto altro.

Visual SEO Studio è un tool concepito per professionisti SEO (agenzie, consulenti, In-House), agenzie/sviluppatori web ed e-commerce. Anche questo tool è uno spider SEO , trova i link del sito, ne scarica le pagine, le salva in un database locale e permette di esaminarle in modo approfondito.

 

Altro punto da verificare in una SEO audit è la presenza dell’errore 404, che si verifica quando sposti o cancelli un contenuto. Questa problematica richiederà un’analisi più frequente e puoi verificarlo attraverso Search Console di Google nella sezione relativa agli “Errori di scansione”.

Google Search console è un servizio gratuito offerto da Google che ti consente di monitorare e gestire la presenza del tuo sito nei risultati della Ricerca Google, nonché di risolvere eventuali problemi. Search Console offre strumenti e rapporti per verificare che Google riesca a trovare il tuo sito ed eseguirne la scansione, risolvere problemi di indicizzazione e richiedere una nuova indicizzazione dei contenuti nuovi o aggiornati, visualizzare dati sul traffico della ricerca Google relativi al tuo sito, ricevere avvisi quando Google riscontra problemi di indicizzazione, spam o di altro tipo sul tuo sito, mostrarti i siti che rimandano tramite link al tuo sito web, risolvere problemi relativi ad AMP, usabilità su dispositivi mobili e altre funzionalità di ricerca.

Quando effettui un SEO check a livello on page, devi accertarti anche che la rete dei link interni sia correttamente ottimizzata, con anchor text e tag adeguati.

I problemi che invece possono sorgere riguardo al codice HTML hanno a che vedere con la sua validazione secondo gli standard w3c. Per ottenere rapidamente la verifica delle criticità SEO a livello di codice HTML puoi ricorrere a https://validator.w3.org/ . Inserendo nella casella di ricerca il tuo sito, otterrai la lista di tutti gli errori presenti.

Quando parliamo dell’esperienza utente, ci riferiamo a quelle problematiche che rallentano il sito e non lo rendono user-friendly. Un sito lento che impiega troppo tempo a caricare i contenuti ti farà perdere clienti e verrà penalizzato da Google. Negli ultimi aggiornamenti dei suoi algoritmi, Google ha deciso di considerare questo fattore come uno dei più rilevanti ai fini del ranking. Gli opportuni SEO test possono farti scoprire che:

  • Le tue immagini non sono ottimizzate. Un tool online che ti permetterà di comprimere le tue immagini mantenendo comunque una buona qualità è Tinypng.
  • Hai problemi di visualizzazione a causa di javascript e cookies.
  • Il caching del browser non è stato abilitato.
  • Per come sono disposti i contenuti, il tuo sito non è usabile.
  • Il tuo sito non presenta un layout responsive.

Un tool che ti permette di compiere tutti questi controlli è PageSpeed Insights. Questo tool fa parte dei PageSpeed Service di Google. È uno strumento gratuito che analizza il contenuto di una pagina web e produce una valutazione numerica in centesimi ed una serie di suggerimenti per gli interventi da effettuare su alcune aree di efficienza di un sito web.

Altrettanto valido come tool è GT Metrix, che ti indica quali elementi ottimizzare per migliorare la velocità di caricamento del tuo sito. Il tool Web Page Test ti permetterà invece di scomporre l’intero processo di caricamento e analizzare le singole criticità.

 

Contenuti: i SEO check fondamentali

I tuoi contenuti all’interno del tuo sito web devono essere ben classificati, ordinati e originali. Per questo nella tua SEO audit si devono includere controlli volti all’analisi dell’architettura dei contenuti presenti sul sito.
Per verificare se i contenuti sono originali, si possono usare tool: Plagiarism Checker e Copyscape. Entrambi questi tool sono on line e permettono di verificare se il tuo contenuto è un clone di un altro presente nel web.

 

 

 

 

Un tool più completo rispetto a questi due è Siteliner Questo non solo scansiona le tue pagine e ti dice se, dove e in che percentuale ci sono contenuti duplicati, ma ti offre un report dettagliato su link rotti, domini relazionati, sitemap, ed altro ancora. Anche questo tool è on line.

 

Link Check: backlink, anchor text e link in uscita

I backlink svolgono un’azione importante al fine del posizionamento del tuo sito nei motori di ricerca. Quante più fonti puntano ai tuoi contenuti, meglio riuscirai a posizionarti in SERP. Non tutte le fonti hanno lo stesso peso, solo quelle di qualità ti daranno punti preziosi per scalare il ranking. Un ottimo strumento per controllare il profilo di backlink del tuo sito lo trovi nella funzione Site Explorer di Ahrefs. Questo tool ti permette di vedere quanti website linkano ai tuoi contenuti, con quali anchor text, l’autorità dei backlink, parole chiave di ricerca a pagamento e molto altro. Questo strumento è a pagamento.

Abbiamo anche Open Site Explorer di Moz, dove puoi controllare page authority, domain authority, se i backlink puntano ai tuoi contenuti con dofollow o nofollow. Questo tool ha una versione trial di 30 giorni.

Un altro tool molto prezioso in questa fase del tuo SEO check è Majestic SEO . Questo SEO audit tool, ti fornisce tutte le informazioni di cui hai bisogno per valutare la bontà di un backlink e verificare che la natura dei link che rimandano ai tuoi contenuti sia spontanea e genuina. È possibile usufruire di tutte le funzionalità di Majestic SEO soltanto nelle versioni a pagamento, ma alcuni report molto utili sono comunque accessibili anche in quella gratuita.
Per concludere questa parte della SEO audit devi fare dei SEO check anche sui link in uscita o outbound link. Le pagine alle quali linkano i tuoi contenuti devono essere attinenti alla tematica affrontata, affidabili e di valore.

Un software per desktop gratuito che ti permette di individuare rapidamente eventuali link rotti del tuo sito o esterni è Xenu. L’equivalente per Mac è Integrity.

Altri tool che ti offrono una panoramica sullo stato di salute del tuo sito sono:

Woorank: ti permette di verificare la presenza di link rotti, errori nei meta tag e nel codice HTML, errori 404, ed altro. Un punteggio che va da 0 a 100 ti dirà se il tuo sito è ben ottimizzato

SEO Site Check up: ti vengono indicati i problemi relativi ad una specifica sezione e il modo in cui correggerli. Anche qui viene assegnato un punteggio in base al livello di ottimizzazione del sito analizzato.

 

Possiamo anche installare a livello di toolbar anche queste applicazioni che ti faciliteranno notevolmente il lavoro di SEO check:

  • SEO Quake
  • Moz Bar
  • FireBug
  • NoFollow
  • Check My Links
  • HttpFox

 

CONTATTACI!

  • Rating Lettori
  • No Rating Yet!
  • Vota!


[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]