Seleziona una pagina

Una mini-guida per realizzare siti di hotel perfetti

L’importanza di realizzare un sito per un hotel

Oggigiorno, vista la crescita smodata dell’uso di internet su tutti i device (desktop, mobile, tablet, etc.) sarebbe un peccato affidarsi solo alle OTA per agganciare i clienti nel proprio hotel e non avere anche un sito web. Questo significa, per il gestore di un hotel, B&B o qualunque struttura ricettiva, dover pagare all’OTA una commissione per ogni cliente rimediato. Con un sito web invece, per giunta realizzato con i dovuti accorgimenti, si possono raggiungere platee di utenti molto più vaste e senza intermediazioni, godendo quindi dei vantaggi della vendita diretta.

Un sito web ufficiale permette inoltre al cliente di trasmettere la propria unique selling proposition, ossia l’offerta che lo differenzia dagli hotel concorrenti. Cercando, se è possibile, di dotare tale sito di un template originale che lo distingua dagli altri alberghi, che spesso usano quasi tutti template standardizzati per i loro siti. Un sito web, inoltre, è il punto di partenza di proficue strategie di digital marketing che permettono di fare incetta di clienti online. Strategie che, tuttavia, devono essere integrate e portare il sito in lizza alla SERP grazie alla SEO.

La realizzazione di un sito per hotel: tutti gli accorgimenti

Riprendendo il paragrafo precedente il sito web è il cavallo di battaglia di qualunque attività cerchi clienti online, alberghi compresi. Tuttavia, affinché un sito web sia funzionale ai propri obiettivi di marketing bisogna abbandonare l’idea del sito “fai-da-te” e affidarsi a una web agency, meglio ancora se specializzata in marketing turistico. Le spese saranno superiori, ma altrettante le possibilità di successo. I passi da seguire per avere un sito web performante per il proprio albergo li snoccioliamo in questo stesso articolo, un paragrafo dopo l’altro.

Curare la user experience del sito

Un sito web funzionale deve essere facile da navigare, con un design pulito, anche bello se vogliamo. Devono bastare pochi clic per condurre l’utente dalla gallery fotografica della struttura alla pagina dei servizi o al form di prenotazione di una camera d’albergo.

Inoltre bisogna assicurarsi che l’hosting del proprio sito garantisca tempi di caricamento rapidi. Un sito pesante, con tempi di caricamento lunghi, spazientisce l’utente, che lo abbandona rapidamente. Un sito lento, inoltre, non è particolarmente simpatico neanche a Google, infatti l’algoritmo penalizza quei siti che per caricare le proprie pagine impiegano parecchi secondi. 

In terzo luogo il sito del proprio albergo deve essere mobile responsive, ossia facilmente navigabile da tutti i dispositivi. Dev’essere possibile visualizzare il menù, i contatti, le pagine dei servizi offerti dalla struttura e quelle dei pacchetti promozionali. Questo permetterà di ricevere prenotazioni da ogni dispositivo, massimizzando i profitti. Creare un sito responsive con CMS (content management system) come WordPress (per i template professionali con questo CMS cliccare qui) Joomla, Magento, Prestashop e Drupal è semplice, e prevede una scelta di template con colori ed elementi grafici standardizzati. Installarli è semplice, e prevede le seguenti istruzioni:

  • Visitare il catalogo dei template (ad esempio su Themeforest)
  • Cercare i template sotto la dicitura “resposive”
  • Scegliere quello adatto alla propria struttura
  • Installarlo nel proprio sito. 

Il sistema di booking engine

Il precedente discorso della user experience porta con sé un’altro: quello di un buon software di booking engine (o sistema di prenotazione online). Esso permette all’utente di prenotare una camera d’albergo dal sito stesso dell’hotel, rendendo quindi il tuo sito un canale di vendita diretta. Altri vantaggi che un sistema di booking engine offre agli acquirenti delle camere è il poterne vedere le foto, la disponibilità, i costi, i servizi aggiuntivi, i pacchetti di offerte vantaggiose, i periodi in cui prenotare il soggiorno in base ai prezzi. I vantaggi per gli albergatori consistono nell’autonomia di prenotazione del soggiorno da parte dei clienti, che effettuano le loro transazioni online. Inoltre il fatto che il booking engine sia collegato al sito dell’albergo permette di monitorare le conversioni.

C’è però da precisare che non tutti i software di booking engine sono protetti contro i virus o offrono soluzioni di pagamento diversificate per gli utenti che prenotano. Tale ostacolo si può tuttavia aggirare installando nel proprio sito un sistema di booking engine ad hoc per gli hotel. Un’altra raccomandazione è che tale sistema sia visibile in ogni pagina del sito e anche visualizzando il sito da dispositivi mobile. 

Avere un sito multilingue

Per una struttura turistica è parimenti fondamentale avere un sito multilingue, così che possa intercettare anche utenti stranieri. Tradurre il sito in inglese, lingua universale, è un buon passo, ma non sufficiente. La scelta delle lingue in cui tradurre i contenuti del proprio sito dipende da un imprescindibile fattore: le nazionalità dei nostri utenti target. Un esempio sono gli hotel di Rimini, che hanno tradotto in russo le proprie pagine per via della grande affluenza di turisti russi nelle proprie strutture.

Importante è affidare la traduzione dei contenuti del proprio sito a un traduttore professionista. Affidarsi alle proprie competenze (a patto di non essere traduttori) o a Google Translate è indice di scarsa professionalità e inaffidabilità della propria struttura. Il che non può non ripercuotersi sulla propria web reputation. Il traduttore candidato a tradurre un sito deve conoscere il settore turistico ed essere madrelingua nella lingua in cui i contenuti andranno tradotti. Inoltre è importante che i contenuti siano ben inseriti nella mentalità e sensibilità culturale egli utenti destinatari.

Ma non basta: essi devono essere ottimizzati in ottica SEO, tenere quindi conto di permalink, title, metadati ed eventuali H2. Quanto alle parole chiavi esse devono essere effettivamente quelle più ricercate e competitive nella lingua dell’utente destinatario dei contenuti

Foto belle, professionali e veritiere

Oltre ai contenuti scritti, certamente importantissimi in una strategia di digital marketing turistico, bisogna però ricordare che anche l’occhio vuole la sua parte. Quindi è importantissimo caricare nel sito foto belle e altrettanto verosimili delle proprie camere d’albero, della propria struttura, ancor più se sita in una località suggestiva. Uno studio di Trivago del 2014 ha stimato che gli hotel nel cui sito sono presenti almeno 20 foto hanno il 29% di probabilità in più di essere “bombardati” da prenotazioni.

Le foto poi trasmettono emozioni, e rientrano nell’ottica dello storytelling (a.k.a. il conquistare il futuro cliente raccontando la storia della propria attività). Oltre alle camere oggetti delle foto possono (e devono) essere piatti tipici della zona, altri ambienti dell’hotel (ad esempio il piano bar,la piscina, il giardino) ed eventi.

Tali foto, ma è superfluo dirlo, raggiungeranno il proprio scopo solo se scattate da professionisti. Le foto devono essere di 2000 pixel per garantire la massima risoluzione ed essere adattabili anche a formati mobile. Inoltre sono consigliatissimi i colori calde nelle foto, che trasmettono ospitalità come le foto di ambienti illuminati. Da evitare sono le foto sfocate e improvvisate, scattate dalla mano poco esperta dell’albergatore

Inserire collegamenti ai social media e ai siti di recensioni

In una struttura turistica è importante dare voce all’utenza, che condivideranno il sito e i suoi contenuti all’interno dei social media. Ne va della web reputation del brand dell’hotel stesso. Questo rende irrinunciabili i bottoni social sul sito. Importante è anche collegare il proprio sito a un altro di recensioni come Tripadvisor. I collegamenti ai social e ai siti di recensioni sono necessari per generare conversazioni sulla propria struttura, sia che si tratti di recensioni degli utenti (purché veritiere) sia che si tratti di foto ricordo condivise su Instagram scattate all’interno della struttura. 

 

 

 

Valutazione Digital Coach su Google