Seleziona una pagina

Il miglior CMS per la creazione di un sito

Quali caratteristiche considerare per la scelta del CMS

Miglior CMS

Oggi, creare un sito web, è possibile anche per chi non possiede competenze specifiche sui linguaggi di programmazione web;  esistono infatti, molti tool e guide che aiutano a capire come creare una pagina web da zero. Una delle risorse principali da tenere in considerazione è il CMS (Content Management System), il ‘sistema di gestione dei contenuti’ che permette, grazie ad un’interfaccia utente, di creare e gestire in completa autonomia i contenuti di un sito.

Se sei alla ricerca del miglior CMS sul mercato per il tuo nuovo sito, è importante ricordare che non bisogna solo soffermarsi sulla totalità delle sue caratteristiche rispetto a quelle dei concorrenti, ma occorre invece stabilire a priori quali sono i requisiti essenziali e le funzionalità del CMS che possono assicurare vantaggi concreti all’attività online, considerando soprattutto:

  1. tipologia del sito: quale fra questi devi realizzare? Blog, vetrina aziendale, e-commerce, sito portfolio (per professionisti, è un catalogo dei servizi offerti con evidenza delle esperienza maturate), forum di discussione?
  2. dimensione di partenza del sito e possibile evoluzione della sua struttura (per es. un e-commerce potrebbe espandersi notevolmente nel futuro, per cui oggi occorre considerare caratteristiche del CMS (oltre che dell’hosting) che consentano la gestione di questa crescita)
  3. necessità di personalizzazioni nella grafica e nella gestione dei dati
  4. specificità della attività svolta

Quindi, in due parole, ‘the best CMSè quello che più si adatta alle esigenze del suo utilizzatore ed alle probabili prospettive future, pur cercando di restare nella cerchia dei sistemi più conosciuti ed utilizzati al mondo (e quindi presumibilmente più affidabili e supportati).
Quindi ti consiglio di approfondire di seguito le caratteristiche che possono essere proprie (o meno) di un CMS, selezionando poi quelle fondamentali per la tua attività e che il tuo CMS dovrà quindi possedere.

Caratteristiche basilari del CMS

Un buon CMS deve consentire di:

  1. creare pagine con design responsive, che si adatta a tutti i tipi di dispositivi (gli smartphone in particolare) utilizzando template preformattati, personalizzabili anche senza conoscere elementi di grafica, CSS o altro codice
  2.  formattare i testi (con un buon editor che abbia funzionalità estese)
  3. usare tool per il controllo delle versioni delle pagine/articoli
  4. visualizzare l’anteprima di articoli e/o pagine
  5. utilizzare un sistema di archiviazione dati ben progettato, che semplifichi e riduca il tempo di ricerca/condivisione e approvazione del materiale aziendale integrando un motore di ricerca rapida per trovare dati, informazioni e contenuti con queste funzionalità:
    • compilazione suggerita
    • filtri di ricerca
    • logica booleana (AND, NOT, OR)

 

  1.  f. Coinvolgere il tuo pubblico: Punta a costruire una tua community. Opta per un CMS che includa tool per condividere i contenuti e le recensioni sui Social Media. Il CMS può venire in aiuto dei meno esperti con tool di testing automatizzati e semplici da usare.

Schermata di wordpress

Organizzazione delle attività e della sicurezza

Come tenere sotto controllo tutto ciò che accade sul proprio sito? il miglior CMS deve consentire di:

  • Performare il flusso di lavoro e l’organizzazione dei contenuti per
    1. attività di controllo attraverso report accessibili nei pannelli di gestione o inviati per e-mail
    2. pubblicare contenuti in un preciso momento e per l’arco di tempo necessario (es.: promozioni festività, offerte weekend, last minute estate)
    3. fornire una panoramica completa dei contenuti inseriti nelle varie categorie
    4. aggiornare automaticamente i link che puntano a una pagina, preservandone l’integrità in caso di modifica o spostamento in una categoria diversa
  • Gestire utenti e sicurezza: assegnare autorizzazioni ai collaboratori (per utenti e gruppi) per compiere azioni specifiche sui contenuti, basate su criteri come per esempio tipo di contenuto oppure ruolo e qualifica
  • Instaurare e mantenere Conformità alle normative, in quanto è essenziale rispettare i requisiti di conformità alle leggi che regolano la pubblicazione dei contenuti.
  • Implementare la sicurezza degli accessi: è importante che la piattaforma CMS integri meccanismi di autenticazione contro accessi illegittimi

Flessibilità e scalabilità

Dobbiamo anche guardare al futuro ed alle necessità di adattamento a mutate condizioni di lavoro interne, così come a nuovi trend e bisogni del mondo esterno. Il CMS deve:

  • Garantire flessibilità e scalabilità: dopo la scelta del provider di hosting, è “vitale” puntare a flessibilità e scalabilità (capacità di adattarsi a un aumento del carico di lavoro o a mutate condizioni), di modo che il CMS supporti qualsiasi tipo di crescita, dalle visite organiche ai picchi di accessi stagionali, a eventuali aggiunte di funzioni previste dalla strategia aziendale
  • Consentire la scalabilità multicanale: se fra gli obiettivi aziendali figura la strategia multicanale (pubblicazione di contenuti su più canali come Social Network, email, blog, forum, chat), allora si dovrebbe utilizzare un CMS con architettura che permetta di creare un unico contenuto adatto a vari canali, profilato secondo contesti e preferenze della propria nicchia di utenti
  • Prevedere la personalizzazione e l’adattamento ai nuovi dispositivi: Nuovi dispositivi continueranno a emergere nel tempo (vedi per esempio gli ‘wearable’, i dispositivi ‘indossabili’ come gli smartwatch). In quest’ottica, puoi metterti al riparo dall’inadeguatezza scegliendo una piattaforma personalizzabile ed estensibile, per adattarsi a qualsiasi mezzo e contesto.
  • Facilitare l’ottimizzazione SEO: il CMS dovrebbe aiutarti ad ottimizzare i contenuti. Gli algoritmi cambiano di continuo e diventa quindi urgente adeguarsi a essi aggiungendo metadati in modo semplice e rapido

Multisiti e Multilingue

Prevedi di creare più divisioni della tua azienda o di espanderti all’estero? Allora il tuo CMS deve:

  • Gestire multisiti e siti multilingue: un’architettura basata su oggetti e non su pagine è la soluzione più pratica e veloce per creare contenuti in diverse lingue. Puoi creare una sola pagina – ad esempio “Contattaci” – pubblicata e fruibile in tante lingue.
    Se la tua presenza online si avvale di più marchi in diverse aree geografiche, è necessario scegliere un CMS che supporti gestione e distribuzione su più siti da un’unica piattaforma per una gestione globale da una sola base operativa
  • Gestire funzionalità editoriali legate alla traduzione di testi:
    1. interfacce per la visualizzazione dei contenuti originali e tradotti
    2. traduzione automatica
    3. replica pagine e componenti da lingua madre a quella straniera
  • Includere la flessibilità necessaria per adeguarsi alle normative internazionali
  • Gestire targeting geografico (contenuti e marketing).

Per gli E-commerce

Se il tuo sito è un e-commerce, allora dovrai prevedere che il CMS possa:

  • Garantire integrazione di e-commerce e contenuto: è fondamentale che il CMS integri sistemi per gestire sia i contenuti sia le operazioni commerciali, perché attraverso un buon contenuto puoi comunicare qualcosa in merito ai tuoi prodotti e servizi, orientare le scelte e influenzare le decisioni di acquisto.
  • Fornire un’interfaccia integrata per l’e-commerce e la gestione logistica simultanea online/offline. Da un unico pannello nello stesso CMS devi poter gestire inventari, cataloghi, ordini, profili dei clienti, prezzi e promozioni. Se la tua azienda produce e vende prodotti, o eroga servizi sia online che offline e in diverse sedi, nasce l’esigenza di integrare queste dimensioni per gestire la catena di distribuzione in modo unificato e con aggiornamenti simultanei (ordini, spedizioni, inventari, scorte e magazzini).
  • Consentire l’automazione con regole basate su un percorso predefinito: Il CMS con funzioni di eCommerce e Marketing Automation è in grado di automatizzare le operazioni successive a qualsiasi azione compiuta dagli utenti (informazioni profilate, messaggi post vendita, follow-up, aggiornamenti su promozioni dopo eventuale abbandono del carrello).
  • Permettere pagamento, spedizione e tasse compatibili con sistemi di terze parti: nella valutazione del miglior CMS assicurati che le funzioni ‘carrello’ e ‘ordini’ siano compatibili con le varie soluzioni di pagamento, spedizione e tasse.

Evoluzione dei CMS

Nuove funzionalità dei migliori CMS: ti possono essere utili?

  • Profilazione offerte e targeting basati sulla posizione geografica: Le persone oggi dicono di avere poco tempo. Verità o percezione della realtà, sfrutta questa condizione a tuo favore: gioca d’anticipo proponendo quello che stanno cercando con offerte personalizzate e contenuti esclusivi profilati. Punta su funzionalità come il targeting basato sulla posizione dell’utente
  • Funzionalità Cloud: ormai è chiaro che il cloud offre maggiore agilità, scalabilità e time-to-market (tempi in cui un’idea diventa ‘prodotto’) più rapidi, a prescindere dal tipo di piattaforma. I suoi vantaggi fanno gola perché permette di generare dati sfruttando risorse in rete, senza installare hardware e software sui computer. Tutto avviene online mediante un accesso da browser o da app, e da ogni dispositivo. Un CMS in cloud è anche più conveniente perché riduce i costi iniziali di acquisto/manutenzione e offre formule ‘on demand’

I CMS più diffusi

Di seguito, ti elenco i CMS fra i migliori in circolazione, fornendoti una loro descrizione. Dovrai dedurre quale di essi più si adatta alle tue esigenze:

  1. WordPress
  2. Joomla!
  3. Drupal
  4. Magento
  5. Shopify

WordPress

logo di wordpress

Con i suoi 18 milioni di installazioni nel mondo, WordPress è in assoluto il CMS open source  (=’codice aperto’ di cui i detentori dei diritti favoriscono la modifica, lo studio, l’utilizzo e la redistribuzione a titolo gratuito) più utilizzato al mondo. In origine era stato concepito come sistema per i blog, ma attualmente esistono diverse estensioni (plugin) che fanno sì che il software possa diventare un CMS adatto per tutti gli scopi.

Dati:
• 18.000 plug-in e più di 14.000 template disponibili
• “Installazione in 5 minuti” grazie al wizard
• URL ottimizzati per i motori di ricerca
• Strumenti di pubblicazione e di amministrazione per i dispositivi mobili
La grande community di utenti del software può usufruire di un’enorme varietà di temi, plugin e widget. Ma, proprio a causa di ciò, i critici riscontrano che il sistema viene appesantito, nonché reso più complesso e meno chiaro. In aggiunta, WordPress,  per via della sua diffusione, è diventato un obiettivo ideale per gli attacchi hacker, di conseguenza è necessario effettuare spesso tutti gli aggiornamenti di sicurezza.
L’installazione di base richiede tuttavia un dispendio di energia piuttosto ridotto e in questo modo va ad adattarsi bene alla creazione di siti piccoli e strutturati in maniera semplice. WordPress offre un CMS efficiente con un’interfaccia web facilmente utilizzabile, ideale soprattutto per i blogger, i quali intendono mettere a disposizione contenuti che variano spesso e con layout accattivanti. Se la complessità del proprio progetto online cresce, l’usabilità del software è un po’ appesantita dai plugin.
WordPress ha moltissimi plugin che ti permettono di trasformarlo in un vero e proprio e-commerce, fra i quali il più conosciuto e utilizzato è Woocommerce, un  plugin gratuito che con pochi semplici click ti permette di trasformare in un negozio virtuale il suo sito.

Joomla!

schermo con logo joomla

Con 2,5 milioni di installazioni in tutto il mondo, Joomla! (open source) è il secondo più grande rappresentante sul mercato dei CMS. Il software si rivolge in egual misura sia a principianti che a esperti, ma nella pratica è più impegnativo rispetto a WordPress. Diversamente dal leader del settore, vaste funzionalità CMS vengono rese disponibili già senza nessun tipo di estensione. I principianti senza conoscenze professionali di informatica avranno la possibilità di avere accesso sia a una buona documentazione sotto forma di manuali online scritti dalla community, sia al forum degli utenti.
Dati:
• Attualmente sono disponibili circa 7.400 estensioni
• Gestione dei contenuti basata su oggetti
• Supporto della community disponibile anche in italiano
Joomla! è uno sviluppo del CMS open source Mambo. Il sistema vanta, soprattutto negli Stati Uniti, una grande popolarità. Joomla! mette a disposizione elementi contenutistici predefiniti che possono essere assemblati a piacimento per creare dei template personalizzati.
Suddivide le estensioni in plug-in, componenti e moduli: questi possono essere attivati dal back end o dal front end. A volte la gestione dei permessi e i processi di autorizzazione nei progetti più grandi sono ritenuti lacunosi. Anche qui le estensioni servono d’ausilio, ma non sempre sono disponibili.

Drupal

In origine il CMS a struttura modulare Drupal era stato pensato come soluzione per una community di studenti, mentre oggi è a disposizione del popolo di Internet come CMS open source a pieno titolo. Il software presenta un’installazione di base estremamente facile, ampliabile ulteriormente grazie a dei moduli. Ancora oggi la forza del progetto risiede nel fatto di avere una community: già il modulo base rende disponibili numerose funzioni come blog, forum, tag cloud (in italiano: nuvola di etichette, ovvero la rappresentazione visiva di tag).
Dati:
• Struttura modulare molto flessibile
• Installazione di base molto leggera, con più di 36.000 moduli d’estensione
• Attenzione posta sui progetti di Social Publishing e della community
• Più di 1100 distribuzioni adatte per particolari tipi di applicazione, disponibili come soluzioni indipendenti
Grazie alla sua struttura modulare, il CMS Drupal riesce ad offrire ampie possibilità di personalizzazione. Gli utenti che sanno esattamente di cosa hanno bisogno, possono tuttavia risparmiarsi l’assemblaggio manuale delle componenti software; inoltre, per numerosi scenari di applicazione esistono già distribuzioni preconfigurate, basate sul framework di Drupal.
Concentrandosi sul Social Publishing, Drupal si adatta perfettamente a piccoli e medi progetti di community. L’ampia gamma di estensioni permette, a questo proposito, di realizzare portali per imprese con complesse strutture con più domini. Tuttavia, l’amministrazione della parte centrale del CMS, provvisto di una grande varietà di estensioni, richiede competenze tecniche. Se non bastano le funzioni di base del software, è indispensabile installare manualmente moduli aggiuntivi che risultano dipendenti tra loro a livello complesso. L’aggiornamento delle estensioni diventa più difficile per via della scarsa retrocompatibilità.
Il campo su cui si concentra principalmente Drupal è la realizzazione di piattaforme di Social Publishing e di community. Tramite il sistema modulare flessibile, il CMS offre una soluzione perfetta per piattaforme altamente dinamiche che puntano sul contenuto user generated.

Magento (per E-commerce)

Immaginando un podio, sul gradino più alto dei CMS per l’ecommerce troviamo Magento. Ma, proprio come in una gara agonistica, se vuoi vincere e alzare il premio devi metterci impegno, passione e testa. Non parliamo di veri e propri requisiti tecnici (come per Joomla), devi però renderti conto che, quando gestisci un sistema articolato come Magento, hai a disposizione un quantitativo di funzioni elevatissimo. Magento richiede tempo e competenza e si adatta a realtà di un certo spessore.
Usabilità di Magento:
Magento è una piattaforma che, come Joomla, richiede una struttura molto solida per essere supportata al meglio. L’interfaccia è molto gradevole e professionale, ma non brilla certo per intuitività o semplicità, tuttavia l’obiettivo è fornirti una piattaforma espandibile con tutte le funzioni di cui hai necessità. Hai a disposizione moltissime estensioni gratuite e a pagamento che ti permettono di personalizzare il tuo negozio per ogni evenienza.
Criticità di Magento:
Un sistema così ampio e complesso è normale che si scontri con problemi di apprendimento e usabilità (dall’installazione della piattaforma stessa, al pannello di amministrazione, fino alla gestione dei template) E’ considerato tra i CMS con la curva di apprendimento più alta.
Costi di Magento:
Magento è gratuito ma solo nella sua versione base. Le opzioni più avanzate sono a pagamento. I costi di Magento in media sono più elevati rispetto agli altri CMS, sia per il costo delle estensioni da acquistare, sia per l’hosting che richiede un piano adatto e sostanzioso per sostenere questo gigante con performance adeguate.
Esistono due versioni di questo CMS: la Community Edition, standard e gratuita e quella Enterprise, che offre assistenza tecnica dedicata e performance avanzate.

Shopify (per E-commerce)

Shopify è un CMS nativo e-commerce quindi creato appositamente con lo scopo di vendere prodotti/servizi. E’ semplice da usare e ha molte funzionalità che puoi implementare a seconda delle tue esigenze.
Shopify, un po’ come WordPress ma in chiave commerciale, è alla portata di tutti, facile e veloce a partire dall’installazione: basta registrarsi, puntare il DNS del proprio dominio all’e-commerce e il gioco è fatto.
Usabilità di Shopify:
La velocità con la quale puoi creare un e-commerce bypassando tutte le fasi di sviluppo, grazie anche alle sue applicazioni aggiuntive – importantissime per aumentare le vendite – è notevole. Inoltre può essere facilmente integrato con tutti i sistemi di pagamento più noti.
Hai anche la possibilità di integrare APP come: upsell e cross-selling, email per recuperare i carrelli abbandonati (molto utile!), una serie di template gratuiti e a pagamento per personalizzare il tuo shop. Infine, se si hanno necessità particolari, Shopify mette a disposizione i suoi professionisti a cui chiedere consulenze per realizzare lo shop dei propri sogni.
Criticità di Shopify:
L’unico neo dell’e-commerce con Shopify è che, per poterlo utilizzare, è necessario pagare un piano mensile e una piccola percentuale su ogni vendita generata.
Costi di Shopify:
Ovviamente un sistema facile, veloce e così articolato non è gratuito. Si consiglia di utilizzare Shopify se si ha a disposizione un buon budget o se si deve lanciare in fretta un e-commerce.

Conclusioni

Spero che le indicazioni sopra ti siano state di aiuto, in un mondo vasto come quello dei CMS, ed in relazione alla numerosità delle caratteristiche disponibili e delle necessità di ogni utilizzatore.
In ogni caso, per approcciarti a questo mondo, potresti imparare ad utilizzare 2 tra i più diffusi CMS open source: Digital Coach ti dà la possibilità di fare corsi specifici per WordPress e Magento tenuti da professionisti tra i più affermati del settore.
Per ulteriori informazioni clicca sui link sotto:

Corso WordPress and Website Creation

Corso WordPress for Blogging and SEO Copywriting

Corso Magento ed e-commerce software

[wprs-box]

Valutazione Digital Coach su Google