Seleziona una pagina

Joomla vs WordPress

Pro e contro dei due CMS

WordPress e Joomla sono i due più noti CMS al mondo, ma cos’è un CMS? Un CMS (acronimo per Content Management System) è una piattaforma che permette di creare, gestire e visualizzare contenuti in un sito web. Se hai un blog nel quale pubblichi articoli, con una parte di frontend visibile agli utenti e una di backed da cui entri come amministratore per scriveree pubblicare i tuoi post allora stai usando un CMS

Joomla e WordPress: cosa hanno in comune i due CMS

JOOMLA VS WORDPRESS

Per creare siti web senza essere provetti programmatori i migliori CMS (Content Management Systems, sistemi di gestione dei contenuti) sono WordPress e (seguito a una certa distanza) Joomla. I due CMS hanno però una sostanziale differenza, almeno per quanto riguarda i presupposti per cui sono nati:

  • WordPress, nato nel 2003, è un CMS per creare blog, ovvero siti di contenuti editoriali (alias articoli, video, foto). La sua semplicità di gestione ha fatto sì che anche un semplice blogger senza competenze informatiche potesse creare il proprio sito. Per creare un sito con WordPress rimandiamo a questa guida
  • Joomla, che ha debuttato nel mercato tre anni dopo (2006) è un po’ più macchinoso per la realizzazione di siti, però le features lo rendono adatto a creare siti performanti, ricchi di funzioni che vedremo più nel dettaglio in questo articolo

Sia WordPress che Joomla sono semplici da installare. Per quanto riguarda il primo CMS molte compagnie di hosting offrono addirittura servizi di installazione automatica con WordPress. Quanto ad installare Joomla invece, per quanto un po’ meno immediato, richiede comunque pochi passaggi. 

Le analogie fra WordPress e Joomla tuttavia finiscono qua, e ora via alle differenze fra i due CMS

WordPress: pregi e difetti del CMS più usato al mondo

Inizialmente concepito per la creazione di blog e siti vetrina, WordPress nei suoi 16 anni di vita e carriera si è evoluto per diventare sempre più performante. Ma, come vedremo più in là, WordPress ha anche i suoi difetti. In questi paragrafi tratteremo i prp e i contro del più popolare CMS esistente.

Pregi di WordPress

Fra i pregi che ne hanno fatto Il CMS più gettonato fra gli utenti e aziende di tutto il mondo ci sono senz’altro:

  • l’interfaccia di backend, graficamente intuitiva  e che permette realizzare e gestire i siti anche ai principianti
  • l’opportunità di realizzare un sito gratis, perché essendo WordPress (come Joomla) un CMS in open source, mette a disposizione degli utenti una moltitudine di temi e plugin gratuiti.
  • i celebri plugin, ossia le estensioni che gli conferiscono funzioni aggiuntive rispetto al sito “base”. Nel corso degli anni sono tali e tanti da garantire a un sito i più alti livelli di personalizzazione.
  • i temi e template grafici, che permettono di realizzare un sito esteticamente bello e funzionale.
  • la possibilità di ottimizzare il sito in ottica SEO grazie al prezioso plugin Yoast SEO. Questo, anche se non garantisce in automatico un ottimo posizionamento (che dipende da molte più variabili che non la scelta di questo o quel CMS) rende più fluido il raggiungimento di questo obiettivo
  • una vasta community di web designer e sviluppatori, nonché una moltitudine di articoli e tutorial per guidarti nella creazione di un sito e/o nella risoluzione di un problema

Difetti di WordPress

Questo elenco sembrerebbe fare di WordPress l’ideale per realizzare il proprio sito web, ma non è tutto oro quello che luccica. Questo CMS ha infatti altri difetti che lo rendono meno appetibile se si ha in mente un progetto online meno “improvvisato”, più professionale e complesso. Via quindi ai punti deboli di WordPress:

  • i plugin: ebbene sì, i plugin non sono solo una “delizia”, ma anche una “croce” per chi gestisce un sito WordPress. Nella foresta dei plugin trovi infatti quello meno sicuro. Si veda ad esempio come, a novembre 2018, i siti WordPress andarono in tilt in massa a causa dei plugin WordPress GDPR e Jetpack
  • i temi: come per i plugin un’enorme quantità di temi non sempre va a braccetto con la qualità. Non tutti temi infatti sono sicuri, e anche qui potremmo riportare lo spiacevole aneddoto del tema Houzez-Real Estate, che fu ritirato dal mercato rendendo inagibili migliaia di siti aziendali che lo usavano. L’utilizzo di un tema sbagliato, inoltre, impedisce all’utente di aggiornare un sito. 
  • gli aggiornamenti a pagamento: sebbene “WordPress” faccia apparentemente rima con “gratuito”, anche quando acquistiamo il tema di un sito risparmiando sulla licenza, in realtà tale licenza toccherà comunque pagarla quando bisognerà aggiornare il sito per ragioni di sicurezza
  • i rallentamenti causa traffico sul sito: altra pecca di un sito WordPress è il fatto che quando vi transitano “troppi” utenti il sito si rallenti, rendendo meno fluide e rapida la sua risposta ai comandi dell’utente
  • le funzioni native limitate: per godere di funzioni come l’avere un sito multilingua bisogna aggiungere ulteriori plugin, correndo il rischio di rallentare la navigazione sul sito. 

Joomla: pro e contro del competitor di WordPress

Joomla, nato nel 2006 e quindi più giovane di tre anni rispetto a WordPress, è un CMS concepito fin dai primordi per siti web più complessi ma anche performanti a livello professionale. Dal lato “user experience” va detto che Joomla richiede una certa dimestichezza con la programmazione e un’interfaccia più complessa. Non è quindi un CMS per “beginners” del web, eppure vista la versatilità dei siti in Joomla la pazienza di imparare a usarlo verrà premiata. Ma vediamo nel dettaglio i pregi e i difetti di questo CMS.

I vantaggi di Joomla

Da molti degli utenti più scaltriti con l’informatica, meglio se programmatori o web developers, Joomla è ritenuto un CMS versatile, prestante. I vantaggi dell’usare Joomla invece del più sdoganato WordPress sono: 

  • il poter creare un sito a costo zero (costo dell’hosting a parte, ma questo per qualunque CMS). Joomla, non diversamente da WordPress, è un CMS open souce, che quindi prevede anche plugin e temi gratuiti (per quanto meno che per WordPress)
  • la relativa semplicità: pur con un processo di installazione un po’ più macchinoso e con un’interfaccia di backend meno intuitiva di quella di WordPress Joomla è abbastanza approcciabile anche a chi non è un genio dell’informatica
  • le funzioni native: fra cui il poter realizzare siti multilingua e i siti e-commerce (laddove su WordPress devi installare il plugin Woocommerce). Questo rende la piattaforma più versatile
  • l’ottimizzazione in ottica SEO: sebbene in modo meno immediato che su WordPress, con Joomla e con la dimestichezza che il CMS richiede si possono raggiungere ottimi risultati sul lato SEO
  • la creazione di piattaforme di social network grazie alle molte funzioni integrate nel CMS Joomla
  • la community: come WordPress, anche Joomla vanta risorse come articoli e video tutorial, inoltre dati i milioni di utente la pagina ufficiale offre del supporto umano fatto di tecnici, sviluppatori e web designers

Svantaggi di Joomla

Joomla, se da un lato è uno strumento potente, dall’altro ha i suoi difetti (o che possono risultare tali a quegli utenti a corto di soldi e competenze). Difetti che sono connessi con la proverbiale macchinosità del CMS, ossia:

  • una gestione dei permessi utente tutt’altro che semplice, e che richiede molteplici passaggi
  • la scarsità di temi e plugin in quanto i template dei siti sono numericamente inferiori rispetto a WordPress e meno belli graficamente. Questo difetto, tuttavia, ha anche un risvolto positivo: il fatto che i siti Joomla, in quanto meno diffusi e poplari, siano meno soggetti ad attacchi di hacking

 

 

 

 

 

  • Rating Lettori
  • Votato 5 stelle
    5 / 5 (3 )
  • Vota!


Valutazione Digital Coach su Google