Seleziona una pagina

Come fare un sito e-commerce

incrementa le vendite con il digitale

 

Come fare un sito e-commerce

Come fare un sito e-commerce è la domanda che ti stai ponendo fortemente per iniziare a far vendere prodotti online alla tua azienda? Bene, in questa pagina verremo in tuo soccorso mostrandoti come aprire un negozio online e l’utilità di creare un sito ecommerce per far rendere al meglio la tua attività. Infatti nel 2019 diventa importante, se non fondamentale, per molte imprese possedere un sito e-commerce sfruttando così a pieno le opportunità di business digitali che internet offre. Prima di realizzare un sito ecommerce bisogna avere degli accorgimenti e prendere delle decisioni in merito a determinate questioni:

  • Gestione del magazzino: il proprietario dell’e-commerce dovrà decidere se avere un proprio magazzino per gestire la merce, oppure adottare il sistema di dropshipping. Questo sistema permette di avere un produttore o grossista che spedisce la merce al cliente a nome di chi gestisce l’ecommerce. Niente fornitura minima e niente costi di gestione.
  •  Scelta del prodotto/servizio: meglio se il prodotto è di nicchia in quanto difficilmente trovabile nei negozi tradizionali e potrai diventare il riferimento del cliente. Meglio anche essere appassionati di ciò che si vuole vendere in modo da non rischiare di perdere interesse.
  • Analizzare i competitor: capire chi sono, analizzarli e agire di conseguenza capendo meglio cosa fare e cosa non.
  • Stabilire la mission: fondamentale per identificare gli obiettivi aziendali a breve e a lungo termine, stabilendo la propria identità e la propria comunicazione.
  • Scelta del target: capire a chi vendere i prodotti/servizi, comprendere i potenziali consumatori che magari ancora non sono consapevoli dei benefici che potrebbero ricevere. 

Come vedi se ti fossi chiesto come fare un sito e-commerce, dovrai prima di tutto sciogliere tutti i tuoi dubbi e prendere delle decisioni concrete riguardanti i punti appena citati. Solo successivamente potrai pensare al sistema che ti permette di creare un sito ecommerce.

come fare un sito e-commerce cover 800x300

 

Perché aprire un e-commerce

Il fenomeno dell’e-commerce si sta ormai diffondendo rapidamente in tutto il mondo. Aprire un negozio online sta diventando una soluzione molto praticata da numerose imprese. Basti pensare che nel 2018 sono stati aperti circa 2 miliardi di e-commerce in tutto il globo. Nella stessa Italia il settore è cresciuto del 15-16% ed ha avuto un incremento costante nel corso degli anni. Tutto questo fa capire che creare un sito ecommerce è sicuramente un’opportunità importante per il tuo business. Se alla base c’è una strategia di marketing ben definita e non un progetto improvvisato e campato per aria, realizzare un sito e-commerce ha dei vantaggi notevoli. Questi vantaggi sono tutto ciò che un negozio solamente fisico non possiede e li andiamo a vedere subito nel paragrafo successivo.

 

Creare un sito ecommerce: i vantaggi

Creare un sito e-commerce per vendere online può portare solo enormi vantaggi ad un’azienda ed occorre sottolinearli a chi sta valutando di aprire un negozio online:

  • Vendita diretta ai clienti: eliminando gli intermediari dal processo di vendita avrai meno costi e volendo potrai praticare una politica di prezzi più bassi e concorrenziali.
  • Sito online sempre ininterrottamente: è un vantaggio importante rispetto a un negozio fisico. Ottimo sia per il consumatore che potrà acquistare quando vuole sul sito e anche per il venditore che non sarà costretto a chiudere il negozio. Come fare un sito e-commerce: i vantaggi
  • Comodità per il cliente: la possibilità di acquistare facilmente da casa con un semplice click è una cosa che fa comodo alla maggior parte delle persone. Se poi sempre con relativa facilità riceviamo tutto a casa, ecco che tal cosa può portare a una maggior propensione all’acquisto del consumatore. 
  • Espansione della clientela: a differenza di un negozio fisico dove i clienti sono per la maggior parte locali, con l’ecommerce è possibile raggiungere potenzialmente un vasto numero di persone. I limiti geografici non saranno più un problema e tutto ciò farà crescere il tuo business. 
  • Raccolta informazioni sui clienti: riuscire a conoscere ogni cliente e i suoi gusti è quasi sempre una mossa vincente. Avere dati sui bisogni che il consumatore ha e sulle sue preferenze favorisce l’azienda che potrà offrire al cliente ciò di cui realmente ha bisogno, incrementando le vendite.
  • Tecniche di remarketing: uno dei vantaggi molto importanti di un sito ecommerce è che ti permette di tenere traccia delle attività che i clienti svolgono sulla tua piattaforma online. In relazione al percorso che avranno fatto sul sito e al loro comportamento, si potranno utilizzare campagne di remarketing verso un determinato segmento di persone, offrendo loro ciò di cui hanno bisogno.

 

Come fare un sito e-commerce: i 7 pilastri

Sono 7 i pilastri su cui bisogna lavorare per far rendere un ecommerce al meglio. Vediamoli insieme:

  1. I prodotti: la chiave della crescita è nella più ampia selezione possibile. Per avere successo è importante pianificare bene le categorie  dei prodotti che di solito sono 4. La categoria Destination, comprende il prodotto di riferimento del negozio. Proprio per questa categoria il cliente in target considera il retailer come riferimento per la vendita di un prodotto, che ritiene di valore superiore rispetto ad altri concorrenti; la categoria Occasional, comprende prodotti forniti occasionalmente in momenti chiave (prodotti stagionali ad esempio) che rafforzano l’immagine del rivenditore; la categoria Come fare un sito e-commerce: i 7 pilastriRoutine, fornisce prodotti che soddisfano bisogni di routine del cliente; la categoria Impulse, rinforza l’immagine del retailer soddisfacendo necessità non pianificate da parte del cliente.
  2. Il servizio: fondamentale. Nell’order tracking, comunicare come seguire il prodotto, offrendo informazioni puntuali e in tempo reale. Supporto al telefono o in chat quando possibile. Rendere disponibile e semplice il reso. Tutto questo al fine di abbattere l’ansia del cliente.
  3. La logistica: tempo di consegna accettabile, avere più punti di presenza sul territorio facilita la consegna. Mostrare tutte le condizioni in modo trasparente e diversificare gli imballi in base al prodotto. 
  4. La tecnologia: scelta del CMS, se sviluppato da una community di sviluppatori e quindi open source (come Magento e Prestashop), oppure realizzato su misura del retailer e quindi CMS proprietario.
  5. L’esperienza: come un utente vive la navigazione. Importanti grafica, immagini, video, ma anche contenuto e soprattutto chiarezza nelle pagine di acquisto. Lo storytelling relativo a un prodotto può aiutare l’esperienza utente.
  6. La fiducia: far sì che i clienti abbiano fiducia in tutto. Fiducia nel servizio clienti, nei trasporti e nei corrieri. Gestire in maniera ottimale la propria reputazione online. 
  7. Il traffico: pianificare una strategia di acquisizione del traffico. Seo, Sem, Social Media, Affiliazione, Email, Display advertising, Remarketing, tutti i mezzi del digital marketing più consoni alla strategia. 

 

Realizzare un sito ecommerce

Se ti fossi convinto ad aprire un negozio online, ti consigliamo alcuni CMS per creare un sito e-commerce professionale, utili per gestire il tuo business online:

  • Magento: questa piattaforma è sicuramente la più completa e blasonata per la creazione di un ecommerce. Se si vuole sfruttare al meglio il potenziale di Magento, sarà opportuno comprare la versione più completa a pagamento che però ha il difetto di essere molto costosa. Permette un’ottima flessibilità e un buon controllo per quanto riguarda l’aspetto grafico e delle funzioni. 
  • Prestashop: tra i più conosciuti. A differenza di Magento è più adatto per piccole e medie imprese. Per chi lo utilizza è semplice da usare, così come è intuitivo per i clienti stessi. È un CMS leggero, di base gratuito con estensioni delle funzioni a pagamento. 
  • WordPress-WooCommerce: WordPress, piattaforma utilizzata principalmente per blog e siti, presenta dei plugin utili per svolgere la funzione di e-commerce. WooCommerce è proprio uno di questi. Risulta facile da utilizzare per chi già ha dimestichezza con WordPress. Non è adatto per grandi imprese con centinaia e centinaia di articoli, mentre è più funzionale per ecommerce con piccoli cataloghi. 

 

E-commerce gratis per esigenze di base

Per sapere come fare un sito e-commerce con una piattaforma base, rispetto ai CMS in precedenza citati, ti illustriamo i seguenti Come fare un sito e-commerce gratis basestrumenti:

  • Jimdo: utilizzare questa piattaforma ti permetterà di costituire in maniera semplice e gratuita un sito ecommerce. Basterà iscriversi sul sito ufficiale per avere a disposizione 500 MB di spazio e 2 GB di banda. Successivamente bisognerà scegliere la tipologia di sito da creare, il template, il nome di dominio. Infine con soli 2 pulsanti, “Shop” e “Design” potrai gestire tutto ciò che riguarda il modulo e-commerce e l’estetica.
  • One Minute Site: è una piattaforma gratuita che permette tranquillamente la vendita dei prodotti, anche se ha delle limitazioni come per esempio il dominio di terzo livello. Una volta che hai premuto su “crea il sito web” dovrai scegliere, a seconda del tuo grado di esperienza, se cliccare su “creazione guidata” o su “creazione fai da te”: Finito questo processo bisognerà cliccare sulla voce “e-commerce” e, a seconda di come vuoi impostare la tua strategia per vendere i prodotti, selezionare su “attiva il catalogo” o “attiva l’ecommerce”.

 

Acquisire competenze digitali per gestire un e-commerce

Molti potrebbero pensare che gestire un e-commerce sia una cosa semplice. In realtà sono diverse le competenze necessarie per far rendere al meglio un negozio elettronico. Oltre infatti a saper utilizzare bene il CMS di turno, bisogna supportare l’eShop con azioni di marketing digitale che aiutino a incrementare il traffico sul sito e a vendere. Bisogna aver cura soprattutto:

  • Della Seo: saper mettere bene in evidenza i prodotti nella home page del sito. È una fonte importante per l’indicizzazione in quanto è la prima pagina che gli spider di Google scansionano. Inoltre bisogna ottimizzare immagini, url e tag. 
  • Della Sem: farsi trovare, spendendo il giusto budget, tra gli annunci durante la ricerca delle keyword su Google da parte degli utenti.
  • Dei Social Network: creare contenuti e advertising sui social più adatti al proprio business è un’attività fondamentale che può portare a incrementare traffico sul sito e vendite.

Come vedi sono diversi gli ambiti del digital marketing che bisognerebbe conoscere per far crescere bene il proprio business online. Noi di Digital Coach abbiamo un’offerta formativa perfetta per farti acquisire queste competenze assolutamente necessarie. Se ti interessa un corso completo su ogni area del marketing digitale abbiamo per te il Digital Certification Program. Altrimenti, per corsi più specifici, ti presentiamo il:

 

Vorresti avere maggiori informazioni su Digital Coach e sulla nostra offerta formativa?

Clicca sul bottone qui in basso per partecipare alla presentazione, in sede oppure online. L’iscrizione é gratuita e senza impegno!

Richiedi informazioni, brochure e listino prezzi.

 

 

 

 

 

 

 

[wprs-box]

Valutazione Digital Coach su Google