Seleziona una pagina

Svolgi un lavoro autonomo, magari sei libero professionista, e da tempo stai cercando un modo per portare l’attività online. In particolare, sei interessato a capire come usare il web per incrementare clienti e fatturato, vero? Se è così, ho la soluzione per te: ti spiegherò come portare la tua professione indipendente da offline a online in 6 semplici passi, massimizzando la probabilità di crescita del tuo business.

Vedremo insieme:

  • Cosa si intende per attività di lavoro autonomo?
  • Quali sono gli elementi distintivi del rapporto di lavoro autonomo?
  • Chi rientra nei lavoratori autonomi?
  • Perché l’online é il contesto migliore dove lavorare autonomamente?
  • Come registrarsi come lavoratore autonomo?

Se, poi, desideri realizzare praticamente quanto ti dirò, puoi farlo attraverso un percorso d’implementazione e coaching continuativi, ovvero il Corso per diventare Consulente Online

 

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

 

Fremi per portare il tuo impiego autonomo in rete ma non sai da dove cominciare?
Rivolgiti ai nostri esperti

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

 

Cos’è il lavoro autonomo?

 

Il lavoro autonomo è l’attività in proprio che un professionista svolge senza subordinazione alcuna, svincolato, cioè, dal datore di lavoro. Un lavoratore autonomo s’impegna a offrire servizi o prodotti ai suoi clienti (imprenditori, aziende o altri committenti), nei tempi concordati e in cambio d’una retribuzione. Il rapporto di lavoro autonomo in Italia è regolamentato dall’articolo 2222 del Codice Civile.

Sapere cosa caratterizza il lavoro autonomo, è fondamentale per capire se tale forma d’occupazione può essere in linea con la personale idea di realizzazione professionale. Nonostante alcune diversità, legate alla specifica professione, nel complesso, il lavoratore indipendente

  • organizza il proprio lavoro, in termini di orari, sede lavorativa e modalità di svolgimento
  • detiene tutti gli strumenti che servono per produrre beni/servizi
  • si assume ogni rischio economico e giuridico legato all’attività
  • guadagna in base alle vendite
  • concorda il prezzo di vendita direttamente col cliente.

 

 

Vuoi sapere quali sono i lavori autonomi più promettenti del momento
Scoprili partecipando al Corso “Lavorare in proprio Online”

ISCRIVITI GRATUITAMENTE

 

 

Chi sono i lavoratori autonomi? 

 

architetto freelance come esempio di lavoro autonomoLe persone che svolgono un lavoro autonomo sono, ad esempio, liberi professionisti, artigiani, artisti, parrucchieri, architetti, coltivatori diretti, venditori a domicilio, commercianti, imprenditori individuali e riders di nuova generazione.

I lavoratori autonomi si differenziano da quelli subordinati (i dipendenti, per intenderci), per assenza di capi e l’autonomia pressoché completa nella gestione delle attività. Inoltre, differiscono anche dagli impiegati a progetto in quanto non vincolati all’esecuzione di progetti.

Probabilmente, ti sarà saltato all’occhio l’inserimento del freelance all’interno della categoria “lavoratore autonomo”. Se, infatti, sei abituato a considerarli sinonimi, la cosa ti sembrerà strana. Che differenza c’è tra libero professionista e lavoratore autonomo? Ebbene, la diversità è concettuale: il primo mette a disposizione degli altri la proprietà intellettuale, il secondo la manualità. È necessario fare questa sottile distinzione perché, talvolta, le due figure vengono considerate separatamente.

Ti stai chiedendo, dopo questa distinzione, chi rientra nei lavoratori autonomi e quali sono, invece, le attività in libera professione? Posso farti degli esempi: nella prima tipologia rientrano elettricisti ed estetiste; nella seconda medici, ingegneri, architetti e tutti i professionisti del digital.

In Italia, al pari degli altri Paesi del mondo, le persone che scelgono di lavorare in autonomia, sono tante. Lo fanno per reinventarsi professionalmente, costruire un futuro lavorativo più redditizio oppure seguire le proprie passioni.

 

 

Lavoro autonomo: come farlo online

 

Perché conviene lavorare in proprio online? Il web è fortemente orientato al lavoro autonomo e i professionisti indipendenti che ne apprezzano i vantaggi, sono cresciuti molto nell’ultimo periodo. Oggi, chi vuole trovare clienti, ravvivare un’attività poco profittevole, non soccombere a saturazione del mercato o difficoltà economiche, deve sfruttare le tecnologie informatiche. Difatti, il web è il miglior contesto dove sviluppare o far crescere una professione

Quali sono i vantaggi del lavoro autonomo online? La convenienza è riassumibile in:

  • maggior probabilità d’intercettare potenziali clienti
  • tanti mezzi e modi per interagire col pubblico
  • possibilità di monitorare costantemente l’andamento del business.

Possono ricorrere a Internet specialisti autonomi d’ogni tipo e settore, senza distinzione d’età o genere; dal fisioterapista, al commercialista fino al personal trainer.

Allora, come diventare lavoratori autonomi digitali?

Attraverso 6 azioni vincenti, adattabili a qualsiasi forma di attività autonoma. Vediamole insieme.

 

 

La miglior soluzione per rendere profittevole lavorare in proprio online?
Formarsi “learning by doing”!

SCOPRI COME

 

 

Formati nel digitale

 

lavoro autonomo e formazione nel digitaleIl lavoratore autonomo che desidera andare in rete ha due possibilità: gestire la transizione in prima persona oppure affidarsi a qualcuno che lo faccia al posto suo (agenzia o libero professionista). In ogni caso, e questa è la prima, importante, azione che consiglio, è necessario acquisire conoscenze di marketing online.

Quindi, se vuoi muoverti autonomamente, dovrai studiare come portare il tuo impiego online e trovare clienti, con quali strumenti e canali.

Se, invece, preferisci rivolgerti a specialisti esterni, saranno sufficienti delle nozioni basilari, necessarie, però, per comprendere e controllare l’operato dei professionisti, dirigere le attività e fornire informazioni utili e consapevoli. Dovrai riuscire a spiegarti, capire, riprodurre quanto appreso. Solo così potrai apprezzare il valore delle azioni adottate e credere nella loro efficacia per il raggiungimento dei risultati. 

Per formarti in modo mirato ed essere operativo quanto prima, avrai bisogno d’un programma di studi personalizzato; puoi definirlo rivolgendoti alla scuola che dirigo, Digital Coach.

 

 

Da dove partire per diventare lavoratore autonomo digitale?
Definiamo insieme il percorso migliore per te

CONTATTACI

 

 

Acquisisci un posizionamento distintivo

 

il lavoratore autonomo deve fare branding onlinePur offrendo molteplici occasioni di successo professionale, la rete non è esente da competizione. Per far emergere il lavoro autonomo online, quindi, devi riuscire a posizionarti sul web come professionista con precisa specializzazione e definite peculiarità.

Questo obiettivo si può raggiungere solo studiando materie strategiche quali Digital Strategy, Inbound Marketing e Personal Branding. Grazie a queste, infatti, potrai sviluppare le competenze necessarie per collocarti sul web in modo efficace ed esclusivo.

Per comprenderne l’importanza, ti faccio un esempio. Considera gli avvocati; il loro settore è estremamente competitivo. Eppure, Internet può ancora offrirgli grandi soddisfazioni lavorative, se vi si posizionano efficacemente. Quindi, l’avvocato penalista, per differenziarsi, non può limitarsi a dire chi è. Deve anche specificare i settori di specializzazione (furto, rapina, omicidio, truffa…) e come lavora. In questo modo, facendo emergere la sua unicità, riesce a trasmettere in cosa eccelle sugli altri.

 

 

Vuoi capire perché per affermare il lavoro autonomo online devi avere una strategia digitale?
Partecipa al webinar!

webinar gratuito raddoppia le tue vendite con il digital marketing

 

 

Lavora sulla presenza online

 

lavoratore in proprio deve creare contenuti per la retePer farti conoscere come lavoratore autonomo devi creare o migliorare l’immagine digitale. Ciò significa, collocare le tue competenze professionali all’interno del mercato che le considera utili, valide e che per beneficiarne sarà disposto a pagarti, soprattutto se scarsamente disponibili.

Quindi, attuare il mio terzo consiglio significa:

  • dotarsi di sito o landing page
  • scrivere su blog, personale oppure altrui
  • realizzare video su YouTube o registrare podcast
  • fare networking con potenziali clienti e colleghi.

Analizza, perciò, il target; comprendine le esigenze e offrigli ciò di cui ha bisogno. Crea risorse utili e di valore ed estendi la tua presenza su motori di ricerca, social e le diverse piattaforme comunicative esistenti.

Usa creatività e ogni mezzo a disposizione per rafforzare posizionamento professionale ed esclusività. 

 

 

Sei deciso a distinguerti tra i lavoratori autonomi, battendoli a colpi di click?
Impara a vendere te stesso e quello che fai

COMINCIA DA QUI

 

 

Seleziona i Social Media

 

lavori autonomi devono focalizzarsi su un Social MediaFocalizzarsi su uno specifico Social Media è il quarto passo per sviluppare un lavoro autonomo online. Sebbene sia preferibile essere presente su tutti i canali Social, ti consiglio di concentrarti bene su uno soltanto, capendone il funzionamento e le dinamiche.

Il perché è semplice: ogni piattaforma è a sé, con regole e struttura particolari. Conoscerne i meccanismi e, soprattutto, saperle usare bene, richiede tempo e applicazione costante. Tuttavia, è l’unico modo efficace per aver visibilità e, di conseguenza, possibilità lavorative

Quindi, scegli il canale strategico sulla base del settore a cui appartieni e della tua personalità. Comincia, poi, a realizzare contenuti, così da farti conoscere. Se fai l’allenatore professionale, potresti usare Instagram o YouTube per mostrare sessioni di allenamento. Se fai il legale, invece, potresti scrivere sul blog per parlare di tematiche d’interesse per il pubblico. Oppure, concentrarti su LinkedIn, costruendo un profilo professionale efficace e interagendo con gli utenti attraverso post e messaggi privati.

 

 

Misura le performance

 

analisi performance del lavoro autonomoPortare sul web i lavori autonomi significa, principalmente, costruire e realizzare strategie di marketing online. Ciò, però, non è sufficiente. Per valutare l’efficacia di ogni singola azione da te realizzata, dovrai monitorarla e, soprattutto, misurarla in termini di performance.

Perciò, la quinta cosa che ti suggerisco è: impara a misurare i risultati delle cose che fai. Il che vuol dire imparare a leggere e interpretare gli Analytics. Conoscere e capire, anche solo superficialmente, questi dati ti permetterà d’apprendere come migliorare posizionamento, strategia e rendimento degli investimenti digitali, sia in termini di tempo che di budget. Puoi avere informazioni numeriche da ogni canale: Google, Facebook, Instagram, YouTube, Google Ads, ad esempio.

Supponiamo tu ritenga utile investire nei video e ne abbia già registrati cento. Come fai a sapere quali hanno ingaggiato maggiormente il pubblico, ottenuto più visualizzazioni, convertito, generato lead o comportato richieste di informazioni? Lo puoi fare soltanto attraverso delle dashboard di risultati. Ecco perché è importante comprenderli. 

 

 

Pronto per dare nuova vita al tuo lavoro autonomo e farlo crescere in rete?

VERIFICALO CON QUESTO TEST

 

 

Monitora la strategia e ottieni risultati

 

ottieni risultati nel lavoro autonomo grazie all'onlineHai selezionato il Social Media, realizzato contenuto, misurato le performance e aggiustato il tiro del piano strategico digitale. Arrivato a questo punto, il tuo lavoro autonomo online dovrebbe iniziare a dare qualche risultato.

Cosa suggerirti, quindi, adesso? Qualsiasi sia l’obiettivo che man mano ti prefiggerai, dovrai ciclicamente ripetere queste azioni: crea, misura, capisci, modifica, se e dove necessario, e ottieni risultati.

Se ti muoverai seguendo i miei consigli, magari inizialmente supportato da un digital coach, il web diventerà la tua nuova fonte di guadagno e gratificazione. 

La crescita del business online è progressiva; si costruisce a piccoli passi, attraverso il raggiungimento di obiettivi sempre più ambiziosi. Perciò non demordere se oggi il blog ha zero visualizzazioni e non genera contatti commercialmente utili. Comprendi cosa non funziona e cambiala. Vedrai che inizierai ad avere prima 100 visite al mese, poi 200, 500, 1000 e da lì a salire; lo stesso accadrà anche con i clienti.

 

 

Come diventare lavoratore autonomo 

 

compilazione domanda per diventare freelanceA meno d’un lavoro autonomo occasionale, ovvero con reddito inferiore ai 5000€ annui, per diventare lavoratore in proprio, sei obbligato ad aprire Partita Iva

Come aprire una Partita Iva per lavoro autonomo? La richiesta d’attribuzione viene effettuata compilando il Modello AA9, da consegnare assieme a carta d’identità valida e codice fiscale, entro 30 giorni dall’inizio del lavoro autonomo. In particolare, se vuoi lavorare da freelance, la domanda va inoltrata all’Agenzia delle Entrate, di persona o telematicamente. 

Per poter assolvere agli oneri contributivi, devi iscriverti presso una gestione previdenziale. Nello specifico, se sei iscritto all’albo o a un ordine dotato di Cassa di previdenza professionale, puoi procedere con l’iscrizione a questa. Alternativamente, devi passare alla Gestione Separata INPS. 

Fatto ciò, a seconda della professione autonoma e del regime fiscale scelto (forfettario, ordinario oppure ordinario semplificato), avrai specifici adempimenti tributari da rispettare. Dovrai, ad esempio, emettere fattura ogni qualvolta fornirai prodotti/servizi e tenere traccia di ogni incarico svolto e dei pagamenti (usando libri e registri). 

Per capire al meglio quali sono i costi da sostenere e i diritti e doveri dei lavoratori autonomi, ti consiglio di cercare fonti attendibili e aggiornate sul web, come questa, oppure di rivolgerti al commercialista di fiducia. 

 

 

Sei lavoratore autonomo con Partita Iva e vuoi portare online l’attività?
Parti col piede giusto!

DEFINIAMO INSIEME LA STRATEGIA VINCENTE

 

 

TRASCRIZIONE E OTTIMIZZAZIONE A CURA DI EZZUELA ZARANTONELLOlinkedin_badge

Credo nei contenuti e nel loro grande potere comunicativo. Per questo sto seguendo un master che mi permetta di crearli e diffonderli al meglio. Ciao, mi chiamo Ezzuela e sono una content creator.