Seleziona una pagina

In questo articolo, voglio parlarti di come sarà lavorare dopo il covid:

  • Quali saranno i lavori più richiesti dopo il coronavirus?
  • Che tipo di nuove professioni emergeranno?
  • Come ripensare il proprio lavoro dopo il COVID-19?
  • Su quali settori in crescita converrà investire?

La pandemia globale ha condizionato il modo di vivere e lavorare di molte persone, costringendo diverse aziende ad una digitalizzazione più veloce del previsto e a ricorrere allo smart working. Inoltre, molte professioni offline si sono spostate sul web, o sono in fase di trasformarsi in nuovi mestieri online, e tantissimi professionisti hanno deciso di intraprendere una carriera autonoma, mettendosi in proprio.

Se anche tu sogni di diventare un libero professionista, prendi spunto da queste 8 nuove idee di business per lavorare in proprio!

 

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

Vuoi una guida per decidere che lavoro cercare dopo il coronavirus?
Affidati ad un nostro esperto!

RICHIEDI UN COACHING 1-1

 

 

Il mondo del lavoro dopo il covid

 

Come sarà lavorare dopo il covid? Nel periodo della pandemia, abbiamo avuto modo di conoscere più da vicino lo smart working. La tendenza attuale è spostare online il lavoro che si faceva in ufficio, dato che la contingenza consente di svolgere il proprio lavoro ovunque ci si trovi.

Ma cosa succederà concretamente? Le aziende continueranno ad investire, dove possibile, in sistemi di lavoro da remoto. Questo per risparmiare su tutti i costi fissi, soprattutto quelli legati agli affitti, o utenze di una sede fisica.

Le imprese si auspicano che ci sia un aumento della produttività, correlato al cambiamento dello stile di vita dei propri dipendenti. L’altra faccia della medaglia evidenzia difficoltà da parte dei lavoratori nella gestione del confine tra vita personale e lavorativa (work life balance), con conseguenti sprechi di energie e tempo. Eppure, per molti impiegati, diminuire i tempi degli spostamenti casa-lavoro, e avere la possibilità di organizzare al meglio la giornata in funzione della propria famiglia, significa essere più produttivi, motivati e meno stanchi.

 

test lavorare da casa

 

 

Come lavorare post pandemia

 

Lavorare dopo il covid

Che cosa cambierà nel mondo del lavoro dopo il covid-19? In questo processo di cambiamento lavorativo, la prima cosa che si modificherà sarà l’organizzazione funzionale della città. Mi riferisco a:

  • deurbanizzazione del centro cittadino verso la periferia. Con la possibilità di lavorare da remoto, le persone preferiranno trasferirsi da un’abitazione che magari avevano scelto per vicinanza al luogo lavorativo, ad una meno dispendiosa, in un contesto periferico, ma decisamente più vivibile.
  • il ritorno ai paesi di origine dei lavoratori fuori sede.
  • il rientro nella propria nazione da parte di persone che erano emigrate per trovare agevolazioni fiscali, o per realizzare il sogno di fare un’esperienza di vita all’estero.

 

Questo fenomeno che già esisteva, ora è ancora in ulteriore crescita. In futuro, le aziende potrebbero non avere più sedi fisiche e continuare a gestire il personale e il lavoro tramite vari tool di telecomunicazione. Inoltre, si stanno consolidando quelle figure professionali nate grazie al digitale, che prima non avevano molto spazio nel mercato del lavoro, e che ora è possibile svolgere semplicemente avendo a disposizione una connessione. Oggi, si sente spesso parlare di “nomadismo digitale”, concetto per il quale si può continuare ad essere un impiegato aziendale, ma abitare dove si preferisce.

 

Scopri come lavorare in proprio online in tempo di crisi!

PARTECIPA AL WEBINAR GRATUITO

 

 

Il lavoro dopo il covid e lo smart working

 

smart working Come abbiamo visto, lavorare dopo il covid potrebbe essere ben diverso dal passato. Ad esempio, in che modo le aziende potranno monitorare il lavoro dei propri impiegati?

Questa è una difficoltà acuita dall’assenza delle persone in struttura, che verrà sopperita da sistemi sempre più sofisticati per vigilare sull’uso dei vari programmi di gestione aziendale.

Tuttavia, c’è un altro scenario da considerare: lavorare sulle performance del singolo dipendente. Le aziende potranno misurare l’efficienza e la produttività di ogni impiegato attraverso i key performance indicators (KPI), ovvero indicatori-chiave del risultato.

Pertanto, le imprese daranno la priorità ai risultati, perché si ragionerà per task e obiettivi raggiunti, piuttosto che sulla base delle ore lavorate. Di conseguenza, gli impiegati dovranno ampliare le loro competenze hard e soft, per ottenere performance migliori.

 

Vorresti dare una svolta alla tua vita?
Esplora le opportunità delle professioni emergenti online!

WEBINAR GRATUITO

 

 

Come cambiare lavoro dopo il covid

 

Cambiare lavoro dopo il covidÈ davvero possibile trovare un nuovo lavoro dopo la pandemia? Questo tema è il più delicato, poiché stiamo assistendo alla chiusura di molte aziende.

D’altra parte, tale fenomeno potrebbe portare all’apertura di molte partite IVA qui in Italia, in quanto molte professioni stanno diventando freelence, soprattutto nel digitale. Se anche tu vuoi intraprendere un percorso di questo tipo, dai un’occhiata al corso per diventare consulente online!

Cosa succederà nel futuro prossimo?

  1. Ci sarà una lenta ripresa delle assunzioni, ma i livelli di disoccupazione potrebbero non diminuire per i prossimi 3/4 anni.
  2. Lavorare per risultati, in smart working o da remoto, sono fenomeni che contribuiranno senz’altro a una crescita dell’auto-impiego. Faccio riferimento al fatto che ci saranno sempre più professionisti autonomi, che offriranno i propri servizi ad un’azienda lavorando a distanza, ma garantendo dei risultati concordati.
  3. Una gestione dei costi molto più bassa spingerà gli imprenditori all’assunzione di professionisti e non di impiegati.

 

 

La tua ambizione è creare un business?
Coltiva il tuo sogno imprenditoriale!

SCOPRI I CORSI

 

 

I nuovi lavori dopo il corona virus

 

Lavorare dopo il covid i nuovi impieghiCome abbiamo assodato, emergeranno nuovi lavori dopo il covid-19. Nonostante ciò, nei prossimi 4-5 anni, potrebbe risultare difficile trovare un posto fisso da dipendente, con un contratto a tempo indeterminato.

In Digital Coach, ci sono molti studenti over 40 con competenze ottimali, ma che non riuscivano a trovare la propria strada per inserirsi nel mondo del lavoro, spietato e in rapida evoluzione.

Per questo, nella nostra scuola, abbiamo creato percorsi formativi per aiutare le persone a riqualificarsi professionalmente, ad esempio come freelance nel digitale.

Oggigiorno, bisogna pensare di lavorare in maniera diversa. Tantissimi dei nostri allievi, dopo lo shock iniziale della perdita del lavoro, hanno trovato nuove opportunità lavorative grazie all’online.

Le professioni in crescita dopo la pandemia saranno perlopiù legate al mondo del digitale, mentre altre figure, come gli impiegati amministrativi, vedranno un decremento di ricerca da parte delle aziende. Anche a livello di selezione del personale si vedranno molti cambiamenti:

  • più colloqui online
  • l’uso massiccio dello smart working, che porterà ad un vero e proprio abbattimento delle distanze geografiche
  • lo stipendio tradizionale sarà sostituito da un contributo fisso e una quota provvigionale, proporzionale agli obiettivi effettivamente raggiunti.

 

 

Vuoi scoprire i nuovi impieghi per lavorare nel digitale?
Ottieni un’ora di coaching gratuito!

PRENOTA LA TUA SESSIONE