Seleziona una pagina

 

Landing Page è una parola in cui ti sarai sicuramente imbattuto leggendo un libro di marketing, o magari valutando il preventivo dell’agenzia che ti sta supportando nella promozione online del tuo business. La sua traduzione letterale, pagina di atterraggio, non ti aiuta a comprendere appieno la sua utilità e importanza all’interno di una strategia di marketing.

La prima cosa che devi sapere è che creare delle landing pages di successo ti permetterà di convertire più facilmente prospect in clienti che acquisteranno i tuoi prodotti o servizi.

Com’è possibile raggiungere questo obiettivo?
Molto semplice: leggi quest’articolo e dai un’occhiata al nostro Master Web Marketing, un percorso formativo che ti fornirà tutti gli strumenti per promuovere la tua attività sul web in modo professionale.

Di cosa parla questo articolo?
L’obiettivo fondamentale è quello di chiarire ogni tuo dubbio su cos’è e a cosa serve una landing page, come realizzarla, che elementi deve avere per essere efficace e quali strumenti, gratuiti e a pagamento, puoi utilizzare per crearne una.

 

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

Sfrutta anche tu questa tipologia di pagina per attirare nuovi clienti.
Affidati ad un nostro esperto del settore!

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

 

Che cos’è una Landing Page e a cosa serve

 

La landing page è uno spazio online ben strutturato, dove gli utenti atterrano in seguito ad un clic su un link e in cui sono chiamati a compiere un’azione di conversione significativa, tramite una specifica call to action (CTA). Qual è l’obiettivo di una landing page? Questo è proprio ciò che distingue una pagina d’atterraggio da un qualsiasi altro contenuto web: convertire i potenziali clienti in lead o acquirenti

Di solito, questo tipo di pagina web è utilizzata come atterraggio per campagne pubblicitarie su Google, YouTube e diversi canali social. Essendo un investimento importante per un’azienda, bisogna fare in modo che queste pagine di conversione performino al meglio. Quindi, bisogna ideare una strategia intelligente, pensare ad un copywriting persuasivo ben strutturato e usare strumenti semplici per la realizzazione.

Essendo la promozione online un gioco di squadra, ti consiglio di utilizzare un piano di marketing nel quale interagiscano diverse tipologie di contenuti e vari canali di promozione. Il tutto deve essere preceduto da un’analisi del tuo mercato di riferimento, dei tuoi competitor e dalla creazione dell’identikit del tuo potenziale cliente (buyer persona).

Le landing pages possono essere utilizzate all’interno di una strategia di marketing per:

  •  generare contatti profilati;
  •  intercettare nuovi clienti;
  •  promuovere un nuovo prodotto o servizio;
  • ottenere un’iscrizione ad un webinar o ad un evento;
  • preordinare un prodotto.

Tutti questi obiettivi si possono raggiungere grazie ad una strategia integrata di più strumenti di online marketing. Se vuoi migliorare la tua presenza online e ottenere successo, diventa un Digital Marketing Manager grazie alla nostra certificazione.

Arrivati a questo punto, la domanda che ti sarai sicuramente posto è: posso fare a meno di una landing page?
Se vuoi avere successo con la tua attività, assolutamente no. Ecco qui sotto spiegato il perché.

 

 

Perché creare una Landing Page?

 

Fare una pagina di atterraggio significa ideare uno spazio online nel quale incontrare un potenziale cliente che è in target con il tuo prodotto o servizio. L’obiettivo è fare in modo che l’utente, dopo aver letto il contenuto, compia un’azione significativa per il tuo business: lasciare un lead (un contatto) o acquistare.

Ma cosa significa lasciare un lead?

All’interno dell’inbound marketing, generare una lead significa creare un presupposto di vendita. Un utente che scrive i suoi dati (nome, cognome e numero di telefono e/o e-mail) e acconsente al loro utilizzo, oltre ad essere interessato, riconosce il valore che il tuo prodotto può portare alla sua vita, perché risponde ad un suo bisogno reale. Dare “un volto” ad un prospect ti permette di creare successivamente un’azione di marketing che trasformi quel contatto in un cliente reale.

In conclusione, una landing page è un mezzo per fare lead generation e per raggiungere uno scopo ben specifico: aumentare il fatturato.

 

Creare una landing page efficace è uno dei modi per acquisire nuovi clienti online.
Guarda questo webinar gratuito per sfruttare il potenziale del digitale!
webinar gratuito raddoppia le tue vendite con il digital marketing

 

 

Differenza tra pagina d’atterraggio e sito web

 

landing page Una landing page, diversamente da una normale pagina di un sito web, di un articolo di un blog, o della descrizione prodotto di un e-commerce, non contiene link che rimandano all’esterno. Difatti, viene creata affinché i visitatori possano navigare solo al suo interno, senza “vie di fuga”. Gli unici clic possibili sono quelli sui bottoni delle call to action o il tasto di invio del form. Riguardo le differenze più tecniche, devi sapere che queste singolari web pages si distinguono dagli altri contenuti digitali perché spesso non sono collegate al menu principale di un sito internet, bensì sono legate direttamente al dominio in cui sono contenute. Di solito, questa scelta si applica ai fini di aumentare il tasso di conversione, perché se i visitatori fossero lasciati liberi di girovagare in un sito, rischierebbero di andare fuori dal funnel e ciò si tradurrebbe in clienti persi.

Inoltre, se hai un sito internet o un blog, puoi operare la scelta di impostare la tua landing come homepage, oppure se fossi al primo step, potresti prendere in considerazione di usarla come sito one page.

 

 

La strategia per una Landing Page efficace

 

Come anticipato nei paragrafi precedenti, una pagina di atterraggio di successo deve avere una strategia che si integri con altri canali di marketing. In che modo devi agire?

  • Definisci il tuo target e il tuo tono di voce;
  • Individua l’obiettivo;
  • Decidi il canale di acquisizione (campagna pubblicitaria su Google Ads, Social Ads, YouTube Ads…).

Dopo aver definito questi tre aspetti fondamentali, potrai realizzare la tua landing page prendendo spunto da altri modelli presenti online.

Quali sono le caratteristiche di una pagina di atterraggio efficace? Scoprilo nei prossimi paragrafi!

 

test-porta-la-tua-azienda-online

 

 

La struttura

 

Qualsiasi landing page, per essere considerata tale, al suo interno non deve avere un menu, né header o footer. Questo è importante a livello strategico perché, se l’obiettivo di queste pagine è quello di convertire, la presenza di questi elementi potrebbe distrarre l’utente facendolo uscire dalla pagina. Piuttosto, ti consiglio di soffermarti sul titolo e il sottotitolo: sono le prime cose che l’utente legge e fanno capire di che cosa parlerà la pagina. Dovranno quindi essere chiari, attraenti, ben visibili.

 

 

Il contenuto

 

Definiti titolo e sottotitolo, dovrai passare alla scrittura del contenuto della pagina landing, che dovrà quindi essere chiaro ed esplicativo.

Un aspetto importante è quello di essere coerenti con quanto scritto sull’annuncio e quello che l’utente leggerà cliccando sullo stesso. Infine, ricorda di dare informazioni il più precise possibili per convincere l’utente a compiere l’azione che desideri.

 

 

Social Proof

 

Vuoi dare prova dei benefici che prometti ai costumer con il tuo prodotto o servizio? Il miglior modo per farlo è inserire delle prove reali e tangibili, scrivendo nella tua pagina di destinazione delle recensioni e dei commenti reali di persone che hanno provato il tuo brand e ne sono rimaste soddisfatte. Il social proof può aiutarti a rassicurare chi atterra sul tuo contenuto per la prima volta e aumenteranno le probabilità che l’utente diventi tuo cliente.

 

 

La CTA

 

Le call to action sono le chiamate all’azione con cui punti a convertire il tuo traffico, sono il fine ultimo di ogni landing page: è lì che si vuole che l’utente clicchi.

Di conseguenza, esse devono descrivere chiaramente l’azione che comportano e devono essere racchiuse in una grafica ben visibile.

Una landing può contenere anche più di una CTA, purché conducano tutte alla stessa meta, cioè la conversione.

 

 

UX-UI

 

Una landing page di successo deve essere anche facile da navigare e veloce nel caricamento. Ma soprattutto bisogna che sia responsive, per essere vista correttamente da ogni dispositivo e il suo design si deve adattare a qualsiasi device da cui si visualizzi. Mobile (landing page) first! Ecco perché è importantissimo tenere conto della user experience, attraverso una user interface adeguata e performante. Anche questi elementi contribuiscono in modo decisivo sul Conversion Rate.

 

landing call to action

 

Scegli la tipologia di pagina di atterraggio

 

il testo di una landingIn base agli obiettivi che vuoi raggiungere, potrai scegliere tra diversi tipi di landing page:

  • Click Through Landing Page: l’obiettivo è quello di convincere l’utente a procedere nell’acquisto, attraverso un copy che non lasci spazio a dubbi o impedimenti ma al contrario che mostri i vantaggi e l’utilità del prodotto/servizio.
  • Squeeze page: l’obiettivo è quello di fare in modo che l’utente lasci i suoi dati personali, solitamente nome, cognome e indirizzo e-mail. Ricorda che più è lunga la lista di dati da inserire, più è probabile che l’utente abbandoni la pagina!
  • Sales page: l’obiettivo è vendere il prodotto presentato nella stessa pagina. Normalmente hanno un testo molto lungo accompagnato da immagini, video e tutto ciò che può portare al raggiungimento dell’obiettivo.
  • Landing page per la promozione di un brand: l’obiettivo è appunto la diffusione e la condivisione del marchio su altri canali. Per questo, sono pagine caratterizzate dalla presenza di più pulsanti di azione, così da rendere più immediata e facile la condivisione.

 

Triplicare le tue vendite è possibile.
Guarda questo webinar per scoprire come fare!

webinar passa alle digital sales

 

 

Come creare una Landing Page di successo

 

Dopo aver definito target, obiettivi e canale di promozione della pagina di atterraggio, è arrivato il momento di realizzarla. Due sono le strade che puoi intraprendere: da una parte puoi creare una landing page partendo da zero, ma questo comporta tempi e costi elevati; dall’altra puoi scaricare dei template per landing page, gratis o a pagamento, che riducono drasticamente il tempo di realizzazione, anche senza competenze grafiche e di programmazione.

Prima di elencarti questi programmi, vorrei chiarire alcuni aspetti importanti per la creazione della pagina. Eccoli di seguito.

  • Dominio: da comprare se non ne sei in possesso, o se ne possiedi già uno ti basterà aggiungere una nuova pagina al tuo sito web slegata dal menù.
  • Cookie e privacy policy: crea la tua cookie policy e privacy policy conforme alle nuove norme del GDPR. Se hai un consulente di diritto informatico bene, in caso contrario potresti fare un abbonamento ad un Plugin online, come ad esempio Iubenda.

Chiariti questi punti, ecco alcuni programmi per creare landing pages gratis o a pagamento.

 

 

Mailchimp

 

Questo fantastico tool di e-mail marketing, oltre ad avere un comodo e intuitivo editor per le newsletter, mette a disposizione anche dei template landing pages e dà la possibilità di fare gli A/B test. Esistono abbonamenti free e premium, a pagamento (questo è un esempio di modello Freemium). Fino a 2000 contatti in lista MailChimp è gratuito con l’inserimento del logo nei contenuti. Inoltre, questo servizio offre anche uno strumento di analisi dei dati nativo, per vedere le performance. 

Se vuoi approfondire ulteriormente, puoi consultare questa risorsa: MailChimp Landing Page.

 

landing page con mailchimp

 

 

WordPress

 

Si tratta del CMS attualmente più diffuso nel mondo digital, dopo di esso, per numero di utilizzatori, c’è Joomla, un mezzo altrettanto valido, ma meno intuitivo. Propone design gratuiti e personalizzabili. Se hai creato il tuo sito in WordPress (WP), ma anche se non hai nulla da cui partire. 

 

creare landing pages con wordpress

 

In questo content management system potrai installare diversi Plugin che ti aiuteranno nell’impresa, come ad esempio: 

  • OptimizePress: costa 97€ una tantum e grazie al suo visual editor è di facile e intuitivo utilizzo
  • WordPress landing pages Plugin: è un Plugin gratuito con la possibilità di fare un upgrade alla versione premium. Per costruire la tua landing potrai scegliere uno tra i modelli disponibili e renderli personalizzati grazie a un page builder drag & drop molto semplice.
  • Page builder: con WordPress puoi scegliere anche tra diversi plugin di page building, free o con un budget da dedicargli, come per esempio WP Backery o Elementor.

Se vuoi scoprire più nel dettaglio, puoi leggere come creare Landing Page WordPress.

 

 

WIX

 

Come fare una landing page con Wix? Anche Wix è un valido CMS che puoi scegliere per produrre la tua pagina. Questa piattaforma mette a disposizione diversi template e modelli, sia gratuiti che a pagamento. Inoltre, ha un centro assistenza che fornisce diverse guide su come si fa una web page landing, in cui si spiega ad esempio come indurre i visitatori a compiere una specifica azione su di esse.

 

 

Landing page Facebook

 

Come si crea una landing page su Facebook? Come creare una landing page per Instagram?

Facebook Ads, tra i suoi formati pubblicitari, ha implementato i Canvas, delle esperienze a schermo intero. Significa che all’interno di una campagna di social adv, puoi creare una landing page gratis senza essere costretto ad avere un sito o ad acquistare un dominio. Questo modello funziona a tutti gli effetti come pagina di atterraggio, solo che si trova dentro Facebook e non su un server. Perciò, avrai tutti gli elementi costituenti, come titolo, copy e visual, ma il lavoro da fare sarà di certo più rapido perché potrai partire da template già fatti e non dovrai attivare monitoraggi particolari.

 

 

Unbounce

 

Unbounce è il re delle pagine di atterraggio, con più di 15.000 utenti. Se vai sulla sua homepage, troverai subito un esempio di come si fa una landing page e potrai vedere che tra i brand che lo utilizzano ci sono anche big player come Vimeo e Hootsuite. Unbounce ha un page builder drag & drop davvero facile da usare, potrai fare A/B test e usare uno degli 85 modelli a disposizione. Ne esiste una versione free con contenuti ristretti, ma senza limiti di tempo: potrai comprarlo se e quando vorrai.

 

landing page builder unbounce

 

 

Leadpages

 

Leadpages è uno dei software più utilizzati per fare landing pages. Attraverso un Plugin, si integra alla perfezione con i siti web creati con WordPress. Ha un editor semplice, che consente di lavorarci anche se non si sa nulla di HTML e CSS. Leadpages può farti realizzare i tuoi contenuti in modo rapido e ti permette anche di raccogliere lead per il tuo database. Puoi provarlo gratis per 14 giorni con delle limitazioni, e dopo la prova potrai scegliere se acquistarlo e scegliere uno dei piani a pagamento, che vanno dallo standard all’advanced.

 

software pre landing page leadpages

 

 

Instapage

 

Con meno di 30 dollari al mese in abbonamento, potresti avere un altro tool davvero di semplice utilizzo. Instapage vanta oltre 1 milione di web pages create e un conversion rate (tasso di conversione) medio del 22%. Puoi mettere online il tuo progetto e lavorarci insieme al tuo team, fare A/B testing, integrarlo con il tuo software per le DEM e i tuoi canali social.

 

costruire una landing con instapage

 

 

Esempi di Landing Page

 

Ti sono già venute delle idee per la tua landing page? Se sei in cerca di ispirazione, potresti dare un’occhiata ai template e modelli online. Di seguito, vedrai esempi di landing pages per ogni tipologia che abbiamo elencato.

 

Squeeze page o lead page, obiettivo lead generation

squeexe page lead generation

 

Sales Page per la vendita diretta

sales langing page

 

Landing per eventi

landing page per eventi

 

Click-through page: informare il target per portarlo sulla pagina di acquisto

clic through page

 

Thank you page, per ringraziare i tuoi nuovi lead o clienti

Thank you page

 

 

Landing Page Optimization

 

Mi dispiace deluderti, ma non esistono landing pages perfette al primo colpo. Come ogni altro contenuto online, vanno ottimizzate nei tassi di conversione, attraverso il CRO, conversion rate optimization. Spesso, le strategie di digital marketing risultano inefficaci. Quanti soldi buttati in campagne che non convertono e non portano vendite?

landing page optimizationQuesto, nella maggior parte dei casi, accade perché non si ha una landing page efficace sulla quale far approdare i propri potenziali clienti. Se stai navigando su Facebook da mobile, vedi un annuncio, clicchi su un link e ti aspetti la stessa velocità di navigazione dell’app su cui eri. Ma poi che succede se il sito web su cui vieni inviato si carica lentamente, aspetti, o torni indietro sul tuo feed? Tantissime volte accade proprio questo: si creano campagne bellissime, con copy e visual fatti davvero bene, si investono budget consistenti e poi si hanno tassi di conversione bassi.

Ma perché succede? Perché non si dà il giusto rilievo al luogo online in cui gli utenti andranno a finire dopo aver fatto clic su un link. Le landing website pages rappresentano un nodo cruciale del funnel di marketing, o del customer journey, cioè di quel percorso utente creato appositamente per il segmento del target che un’azienda vuole raggiungere con i suoi prodotti o servizi.

Ecco perché ogni elemento all’interno di una pagina d’atterraggio deve essere ben bilanciato: niente deve essere lasciato al caso. Ogni parola, ogni bottone, CTA, immagine o video, deve essere progettato in modo minuzioso, poiché al variare di un solo elemento di questi, potrebbe cambiare in modo sostanziale il tasso di conversione. Anche per questo motivo, in fase di A/B test, si consiglia di modificare una cosa per volta, per capire cosa funziona e cosa no, quale elemento performa meglio di un altro.

 

 

A/B test

 

a/b test landing pagePer verificare che si stia lavorando bene, devi guardare i dati risultanti dalla navigazione. Una volta interpretati correttamente, con un approccio data driven saprai dove fare esperimenti per migliorare il conversion rate.

Prima di cominciare a fare A/B test (o split test) nel tuo laboratorio digitale, devi ricordarti che ogni elemento di una pagina di destinazione ha un peso specifico assai elevato, proprio perché i componenti sono pochi e sono stati scelti con cura. Alla minima variazione di uno di essi potrebbe corrispondere una differenza molto grande nel tasso di conversione. Per questo motivo, si consiglia sempre di modificare un solo elemento per volta.

Questa metodologia di testing si può riassumere in 3 step:

  1. creare due versioni della tua pagina di atterraggio: variante A e B che si distinguono per un unico dettaglio
  2. splittare, cioè dividere il traffico in due parti che saranno indirizzate sulle due redazioni
  3. raccogliere i dati e capire cosa fa aumentare o diminuire il conversion rate

Se A e B differissero per più di un elemento per volta, non riusciresti a individuare cosa performa meglio. Se cambiassi titolo e copy al contempo, come saresti in grado di capire da cosa dipende l’alterazione del tasso di conversione? Inoltre, ti consiglio di fare questi test di tanto in tanto perché i contenuti vanno aggiornati: ricorda che quello che funzionava un mese fa, oggi potrebbe non essere più valido.

 

Impara finalmente a fare landing page che convertono,
richiedi una sessione di coaching personalizzata e gratuita

COACHING STRATEGICO

 

 

Emanuele-BozzoniOTTIMIZZAZIONE A CURA DI EMANUELE BOZZONIlinkedin_badge

Aiuto PMI e liberi professionisti a costruire la loro presenza online. Attualmente sono un freelance con il sogno di aprire una sua web agency.

 

Martina-Santoro-digital-coachTRASCRIZIONE A CURA DI MARTINA SANTOROlinkedin_badge

Laureata in Lettere e orientata ai numeri, ho seguito il percorso Digital Certification Program ed ora lavoro come Digital marketing specialist e Content strategist. La mia aspirazione è continuare a formarmi per diventare una professionista del digital marketing che aiuta aziende e liberi professionisti nella crescita del loro business.