Seleziona una pagina

Se desideri affrontare il mondo della comunicazione, non puoi fare a meno di scoprire cos’è linnovazione digitale e come si fa. È importante capire quali sono i suoi punti focali nel retail e in azienda, ma anche conoscere cosa si intende per innovazione digital nell’ambito della formazione ad esempio grazie al nostro Digital Innovation Program.

Questo articolo ti guiderà in questo processo innovativo, per:

  • definirne ruoli e benefici,
  • studiare i suoi campi d’azione,
  • destreggiarti coi nuovi strumenti digitali a disposizione
  • comprendere la rivoluzione del mondo della comunicazione.

 

 

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

 

 

SCOPRI IL DIGITAL STRATEGY FRAMEWORK®

Il metodo per definire una strategia digitale integrata per mettere tutti i canali online al servizio dei fatturati della tua azienda.

SCOPRI IL CORSO

 

 

Cos’è l’innovazione digitale: definizione

 

L’innovazione digitale in azienda può essere capita e definita in diverse maniere. Penso che la migliore sia:

“l’innovazione digitale è la capacità di applicare e integrare i vari strumenti del web nell’attività di impresa, con l’obiettivo di migliorare l’intero processo produttivo”. Tutto questo per proporre al cliente finale un’esperienza unica, focalizzandosi ancora di più sui suoi bisogni.

Vediamo insieme sette tendenze della digital innovation e tutte le possibilità di sviluppo che offrono, in particolare alle aziende che riescono a integrarle con successo nella loro attività.

 

Come portare l’innovazione digitale in azienda

 

1. Falla nel piccolo, costituisci una piccola impresa

Se sei imprenditore di una piccola e media impresa, o microimpresa, hai un importante vantaggio: tu sei rapido, veloce, puoi prenderti dei rischi che i grandi non possono correre.

Non stare a tentare imprese impossibili, come cambiare la tua azienda. Piuttosto, comprane una piccolina, già esistente, che faccia cose innovative, oppure ancora creane una nuova e mettici dentro persone, meglio poche, per fare innovazione digitale.

2. Fai continuamente ricerca e sviluppo

Dedica quest’azienda, questa business unit, a fare ricerca e sviluppo, concepiscila come un laboratorio dove sperimenti continuamente strumenti all’avanguardia, canali, processi, nuove strategie, nuovi funnel, al fine di poter fare delle innovazione digitale in aziendainnovazioni grazie a dei test continui.

3. Scegli le persone giuste

Non tutti siamo fatti per fare le stesse cose nella vita, c’è chi nasce fantasista in un campo di calcio e chi invece è tagliato per fare il portiere o terzino destro. Per fare quel lavoro, un mestiere nel mondo delle innovazioni digitali, devi scegliere le persone giuste.

L’ideale ovviamente sarebbe se fossi tu stesso, o qualcuno dei soci dell’azienda, il portatore di tale sviluppo. Questa è la migliore situazione in assoluto.

4. Implementa dei processi di trasferimento sistematici

Quando nella tua piccola azienda, o business unit, hai trovato delle cose che funzionano grazie alle sperimentazioni che hai fatto, devi riuscire a creare un processo sistematico grazie al quale trasferisci al tuo business principale quest’innovazione. Questo, affinché l’investimento di tempo, energie, risorse e soldi che hai fatto nell’innovazione dia i suoi frutti e si possa integrare in un business che ha dimensioni più grandi ed è già consolidato.

Registrandoti qui sotto potrai avere un’ora di assessment con Luca in cui potrai scoprire quali sono le aree non sfruttate dalla tua azienda e strutturare un action plan da seguire per sfruttare le opportunità dell’innovazione digitale.

 

Scopri il live Webinar Gratuito “Raddoppia le Vendite grazie al Digital Marketing” 

 

 

 

Come fare innovazione digitale

 

L’organizzazione interna e il modello di gestione delle imprese hanno iniziato ad evolversi a partire dagli anni ’80. Oggi, più che mai, questa digital transformation è diventata rapida e intensa. I tempi di produzione stanno accelerando sempre di più grazie agli avanzamenti tecnologici.

Di conseguenza, il modello di gestione deve poter affrontare adeguatamente questa sfida: l’efficacia operativa e l’ottimizzazione dei processi di produzione sono ormai gli elementi chiave di successo nell’innovazione digitale. In certe industrie, come il turismo e il comparto assicurativo, questa tendenza è ancora più evidente perché la digital innovation sta affrontando il modello di business tradizionale.

Si può dire che il successo delle aziende si nasconda in gran parte nel fatto di saper far funzionare la propria trasformazione digitale. Questo compito non è semplice da implementare, perché sta modificando in profondità il modo di lavorare e ha impatto in ogni ambito aziendale. Per essere competitive, le imprese non possono fare altro che approfittare delle immense possibilità offerte dall’innovazione digital.

Per illustrare un esempio d’innovazione digitale in azienda, possiamo considerare il caso della multinazionale statunitense Walmart. Walmart ha sviluppato nel 2012 il proprio motore di ricerca semantica chiamato “Polaris”.

 

 

Lo scopo principale di tale strumento è migliorare al massimo l’esperienza dell’utente sul sito, sia desktop che mobile. “Polaris” attribuisce un punteggio d’impegno (engagement scoring) al “viaggio” del cliente al di là della query di ricerca che usa per garantirgli in futuro migliori risultati che coincidano con i suoi interessi personali. Grazie a questo tool, Walmart ha incrementato le vendite online di 15%.

Tuttavia, è chiaro che sono poche le aziende con la possibilità di investire in un progetto del genere. Questo è solo un esempio di come le innovazioni digitali possono ottimizzare i risultati finali di un business.

 

Trovare lavoro nelle innovazioni digitali

 

La selezione delle risorse umane è un fattore di grande importanza nel raggiungimento di risultati positivi da parte di un’azienda. Ecco perché merita un’attenzione particolare. Nell’era della digital innovation, nascono anche nuovi modelli di recruiting: si parla sempre di più del cosiddetto “social recruiting” che è l’incontro tra la selezione delle risorse umane e i social media. Le aziende che integrano i canali social nella loro attività di head hunting diventano sempre più numerose.

Il social recruiting offre un modello di selezione mirato e più efficace rispetto a quello tradizionale. Le imprese si possono interessare ai candidati più attivi in un certo ambito, ovvero quelli che dimostrano interessi e competenze attinenti al profilo ricercato. Come esempio possiamo citare la famosa piattaforma di ricerca di lavoro Monster.it.

innovazione digitale strumentiNel 2015 Monster ha introdotto sul mercato italiano Monster Social Job Ads, una soluzione di selezione delle human resources di nuova generazione, che permette di targettizzare gli utenti Twitter in modo molto preciso e in funzione dei loro profili professionali.

Questo strumento permette a Monster di presentare offerte di lavoro agli utenti con profili in linea con quelli ricercati dalle aziende.

L’innovazione digitale nelle risorse umane sta offrendo una grande flessibilità alle aziende. Nascono sempre di più piattaforme online che offrono lavoro su un compito specifico o progetto. Questo permette alle imprese di rispondere velocemente ai loro bisogni. L’assunzione di freelance è in crescita perché in genere i lavoratori autonomi dispongono di competenze elevate nella loro sfera professionale, così questo tipo di collaborazione rende le strutture più flessibili.

 

Digitalizzare l’azienda

 

Essere presente su Internet e possedere un’identità digitale è un “must” per ogni azienda, perché oggi il web è il canale principale di comunicazione con i clienti potenziali ed esistenti. “Se non esisti sul web e sui social non esisti per gran parte dei consumatori, soprattutto per i cosiddetti nativi-digitali”.

Le innovazioni digitali, con la crescita continua del ruolo del web e gli strumenti di nuova generazione che mette a disposizione, danno la possibilità alle imprese di aumentare la loro visibilità in maniera innovativa ed efficace. I social media, ormai parte della nostra vita quotidiana, offrono delle risorse incredibili in termini di visibilità digitale.

Una vera innovazione digitale che può essere praticata su Internet è il crowdsourcing. Questa tecnica consiste nel chiedere l’opinione degli utenti qualora si desideri introdurre un nuovo prodotto sul mercato e non solo… può essere anche la scelta del nome di una marca o qualsiasi cosa che riguardi l’attività dell’azienda in questione. Il crowdsourcing non solo aumenta la visibilità, ma coinvolge i consumatori nei processi interni creando un legame più solido con il brand.

La famosa Lego sta praticando con successo il crowdsourcing sul mercato giapponese. Le proposte di nuovi prodotti sono studiate con attenzione e vengono introdotte sul mercato solo se raccolgono 10.000 voti dagli utenti.

innovazione digitaleAllo stesso tempo, anche la creazione dei contenuti è un aspetto fondamentale con grande effetto sulla visibilità online delle aziende. Il loro ruolo è fondamentale: le imprese hanno interesse ad adottare una strategia di content marketing coerente, in linea con gli obiettivi prefissati, che incida in modo positivo sul raggiungimento dei risultati. 

C’è ancora un elemento cruciale in termini di visibilità: per essere un passo avanti rispetto alla concorrenza, un sito web deve apparire il più in alto possibile nella pagina dei risultati di Google. Un sito web o blog può avere dei contenuti molto validi e di alta qualità, ma se non è ben posizionato rimarrà “nascosto” per la maggior parte degli utenti.

Come raggiungere questo obiettivo ambizioso? In che modo apparire nella parte alta della SERP? Facendo SEO e SEM: due attività che nell’era dell’innovazione digitale diventano sempre più complesse, poiché l’algoritmo di Google si aggiorna continuamente per offrire all’utente risultati sempre più pertinenti.

 

Digital innovation e inbound marketing

 

inbound-marketing-goalGrazie all’innovazione digitale, le aziende possono passare dal modello di outbound marketing all’inbound marketing.

L’inbound marketing fa in modo che siano i clienti ad avvicinarsi all’azienda andandola a cercare per primi. Nel web, l’utente ha la possibilità di cercare qualsiasi informazione su tutti i tipi di prodotti o servizi e vuole ricevere una risposta adeguata nel momento in cui esprime il suo bisogno.

Oggi non sono più i messaggi commerciali invadenti che ti faranno guadagnare dei nuovi clienti ma il fatto di offrire loro contenuti di qualità, adatti alle loro richieste. 

Questo nuovo approccio di rivolgersi agli utenti in modo delicato e intelligente, permette alle imprese di mostrarsi competenti nel campo in cui operano. Così i prospect saranno più fiduciosi e anche più propensi ad acquistare.

 

Personal branding e l’online reputation

 

L’innovazione digitale ha fatto sì che oggi, i contenuti sul web si creino e si diffondano a una velocità incredibile. Internet è senza dubbio la fonte di informazioni principale: gli utenti condividono le loro esperienze anche per quanto riguarda i prodotti e i servizi che hanno testato. Inoltre, molti, se desiderano acquistare qualcosa, cercano l’opinione di quelli chi già ha effettuato un acquisto. Ogni cosa che è stata detta o scritta online dagli utenti ha un impatto sulla su reputazione del marchio.

Le aziende di oggi hanno bisogno di fare un monitoring continuo per crearsi un’identità digitale. Pertanto, se non si attivano per costruire la propria reputazione online, lo faranno gli utenti per loro. Ma un aspetto così fondamentale un’attività non può essere fuori dal controllo del brand.

Il monitoring permette di reagire velocemente ai commenti negativi sulla tua attività ed è importante farlo perché “ci vogliono 20 anni per costruire una reputazione e solo 5 minuti per annientarla”.

Certamente, non è necessario reagire solo ai commenti negativi, ma anche a quelli positivi. Sarebbe bello ringraziare un utente che parla bene dei tuoi prodotti o servizi e in questo modo puoi stringere un rapporto di fiducia con la tua customer base.

Nell’epoca della digital innovation, diversi strumenti del web facilitano il monitoring della reputation. Quello più conosciuto e completamente gratuito è Google Alerts, poi ci sono WebMii, Omgili, Mention e molti altri.

 

Il linguaggio dell’innovazione: social media marketing

 

I social network sono il mezzo per rendere l’informazione immediatamente accessibile, coinvolgere il pubblico di riferimento e creare relazioni con gli utenti, e tutto questo in modo molto dinamico. Se si usano in linea con la strategia globale dell’azienda, i social media possono portare dei risultati positivi in tanti aspetti del business:

  • Aumentare la brand loyalty: una strategia di social media marketing rende i consumatori più fedeli alla marca;
  • Più opportunità di incrementare i tassi di conversione: ogni singolo post può generare la reazione di un utente, che a sua volta potrebbe portare a una visita sul sito aziendale e, eventualmente, una conversione.
  • Incrementare l’awareness del marchio: i social sono diventati un canale di comunicazione potente perché permettono di stringere relazioni con clienti esistenti e presentarsi a quelli potenziali che non ti conoscono ancora.

 

Fare digital innovation nel mobile marketing

 

Il dinamismo dell’innovazione digitale ci fa chiedere quale sarà il prossimo grande cambiamento perché, essere fra i primi a integrare le nuove tecnologie, significa avere un vantaggio rispetto alla concorrenza. Oggi il pc non è più l’unico mezzo tramite il quale gli utenti hanno accesso a tutti i prodotti e servizi presenti online, ma ci sono anche smartphone e tablet, smart watch e device sviluppati nell’internet of things. Un dato molto interessante è che il 70% degli utenti online accede da dispositivi mobili.

 

 

Per la prima volta gli utenti sono raggiungibili 24h al giorno e 7 giorni su 7 e anche per questo le aziende devono essere sempre a disposizione. Per rendere possibile tutto ciò e garantire un’esperienza utente eccellente, bisogna anche adattare i siti web aziendali ai dispositivi mobile sviluppando in ottica mobile friendly o creando applicazioni ad hoc.

 

 

Approfondimenti

Idee per restare aggiornati sull’innovazione digitale

 

Il primo marketplace dei provider di soluzioni digitali

 

Già attivo da gennaio 2018, ScegliFornitore.it è un motore di ricerca che consente, a imprese e pubbliche amministrazioni che si imbattono nel settore dell’innovazione digitale, di accedere alle offerte di circa 1100 aziende dell’Information Technology attraverso circa 15 mila keyword e 3 mila prodotti.

Un modo interessante, nuovo, efficace e trasparente per far incontrare domanda e offerta all’interno di uno scenario sempre più complesso e frammentato.

sceglifornitore.it innovazione digitale

Le aziende catalogate all’interno del motore di ricerca sono suddivise per categorie di proposizione: seguendo la classificazione è possibile accedere alle imprese specializzate in piattaforme di digital e mobile payment, di eCommerce e mCommerce, o ancora di eProcurement, spaziando dall’eGovernment e dalla digitalizzazione PA ai sistemi gestionali. In più vi sono imprese che si occupano di Marketing automation, del SEO e del SEM, senza dimenticare offerte più tradizionali come quelle dedicate a data center, security, architetture IT e reti, hardware e periferiche.

Grande spazio riservato all’innovazione digitale anche più avanzata, che coinvolge settore pubblico e privato sotto i profili di Cloud e Big Data, IoT e comunicazioni M2M, fino ad arrivare alle applicazioni Fintech basate sulla tecnologia Blockchain.

 

L’azienda vincente è quella che punta sull’innovazione digitale: ultimo report del Politecnico di Milano

 

Negli ultimi anni hai assistito sicuramente ad una trasformazione epocale nei paradigmi competitivi delle imprese, effetto soprattutto della digital disruption, o rottura digitale, che ha trascinato molte imprese verso il successo ma anche molte altre verso il declino.

Tutte, però, hanno dovuto prendere coscienza di un inesorabile cambiamento culturale in atto (come si comporta il cliente, i nuovi stili di leadership aziendali, la velocità delle decisioni da intraprendere) e della necessità di perseguire l’innovazione digitale, in modo agile e veloce, in un contesto che permane di risorse limitate. 

Questa trasformazione sta cambiando e ha cambiato le organizzazioni, i sistemi di governance, le metodologie di progetto e i modelli di sourcing verso un approccio sempre più aperto.

La digital innovation sembra avere un peso sempre più rilevante nelle strategie e nelle decisioni di spesa delle imprese italiane. Lo dimostra la costante crescita del budget ICT per oltre un’impresa italiana su tre (36%). 

Sono questi i dati più rilevanti della ricerca di recente realizzata dagli Osservatori Digital Transformation Academy e Startup Intelligence del Politecnico di Milano che, attraverso le risposte di oltre 270 tra Chief Innovation Officer e Chief Information Officer e interviste dirette, ha fotografato l’innovazione digitale in termini di risorse impiegate e modalità di governance, studiando il livello di adozione di modelli di Open Innovation e il relativo grado di soddisfazione.

open innovation

Il digitale sta trasformando l’intero ecosistema di interlocutori delle imprese italiane. Cresce l’interesse per l’Open Innovation e contemporaneamente aumenta il ricorso a fonti di innovazione finora poco utilizzate come startup, centri di ricerca, università, clienti esterni e aziende non concorrenti.

Tra i dati svelati dalla ricerca dei due Osservatori interessante vedere che il 55% per cento delle imprese ha attivato azioni di sensibilizzazione per modelli di imprenditorialità interna e che il 38% collabora già con startup.

Se la percentuale di aziende che hanno avviato progetti di Open Innovation appare ancora limitata (il 28%), chi lo ha fatto ne è soddisfatto e adotta metodi sempre più completi e sistematici, un altro 32% è intenzionato ad avviarli a breve, mentre il 20% non conosce il fenomeno e un ulteriore 20% non è interessato a sviluppare queste tipologie di iniziative.

Il 73% di queste imprese sviluppa collaborazioni con università e centri di ricerca, il 56% svolge azioni di startup intelligence, il 48% realizza Call4Ideas e contest esterni, il 34% compie azioni di partner scouting su fornitori tradizionali o conduce hackathon, datathon e appathon, mentre solo il 14% fa crowdsourcing.

Meno seguita è la strada di leve strategico-finanziarie come i corporate incubator e accelerator (20%), delle acquisizioni (19%) o dell’istituzione di Corporate Venture Capital per entrare nell’equity di iniziative imprenditoriali (12%).

Molto meno diffuse (9%), infine, sono le azioni di Outbound Innovation, il modello che esternalizza stimoli di innovazione interna. Il 22% per cento di queste imprese sviluppa joint venture con altre realtà imprenditoriali, il 12% modelli di business a piattaforma, l’8% pratica il licensing dei propri prodotti, mentre il 3% sceglie rispettivamente le attività di donazione o la vendita di brevetti e spin-off.

 

 

I trend di crescita nell’innovazione digitale accelerano anche in Italia con budget in aumento nelle nostre imprese e con la presenza di interessanti investimenti digitali anche nelle Line of Business. Gestire efficacemente l’innovazione digital significa ripensare l’organizzazione nel suo complesso, dalle strutture ai processi fino ai meccanismi di coordinamento.

Le imprese, nonostante si ritrovino spesso imbrigliate in inerzie organizzative e culturali, ostaggio di modelli operativi burocratici e lenti, si stanno impegnando in questa trasformazione, da un lato sperimentando organizzazioni interne collaborative e interdisciplinari, dall’altro aprendosi a un nuovo ecosistema di partner, come startup o centri di ricerca, capaci di rispondere in modo flessibile e veloce al bisogno di innovazione digitale.

Nelle imprese sta crescendo la cultura dell’innovazione digitale e la consapevolezza della necessità di rivedere l’organizzazione in termini di ruoli, competenze e processi per migliorare la capacità di cogliere opportunitò della trasformazione tecnologica, assorbire conoscenza dall’esterno e aumentare la partecipazione del top management alle diverse direzioni aziendali.

Questo perché oggi non esiste più un modello organizzativo dominante per la gestione dell’innovazione, ma è fondamentale soprattutto la capacità di interiorizzare la nuova cultura di imprenditorialità a tutti i livelli.

 

 

Luca Papa VIDEO E CONTENUTO A CURA DI LUCA PAPAlinkedin_badge

Digital Marketing Manager Presso Digital Coach.

Sono Digital marketing manager di Digital Coach, formatore Google e consulente su tematiche di web marketing. In Digital Coach coordino l’attività di tutti i professionisti che svolgono docenza e insegno per Digital Coach e per Google discipline di Digital marketing quali Digital strategy, Inbound Marketing, SEM, Personal Branding.

 

giuliano fiore profilo digital coach thumb

TRASCRIZIONE A CURA DI GIULIANO FIORElinkedin_badge

Digital Marketing Specialist – Content Marketing Manager. Dal 2008 lavoro per RCS MediaGroup. Amo scrivere e realizzare contenuti online rilevanti e ben strutturati, tra cui sicuramente avrai già visto qualcosa :) Dopo tanta esperienza sto inseguendo l’ambita e avvincente professione di Growth Hacker. Nel 2016 Master in Digital Marketing e poi 2 certificazioni, SEO-SEM Specialist e Web Analytics Specialist. Mi piace aggiornarmi costantemente e imparare a sperimentare cose nuove facendo innovazione digitale, blogging e social media marketing. Visita il mio nuovo Professional Website

Luca Papa on FacebookLuca Papa on LinkedinLuca Papa on Youtube
Luca Papa
Digital Marketing Manager presso Digital Coach
Sono Digital marketing manager di Digital Coach, formatore Google e consulente su tematiche di web marketing. In Digital Coach coordino l'attività di tutti i professionisti che svolgono docenza e insegno per Digital Coach e per Google discipline di Digital marketing quali Digital strategy, Inbound Marketing, SEM, Personal Branding.