Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.9 stelle
    4.9 / 5 (29 )
  • Vota!


In questo articolo approfondiremo la figura del Brand Specialist. Per l’occasione, abbiamo intervistato Giada D’Abruzzo, una professionista operante da anni nel settore del digital marketing.

Le abbiamo chiesto di fornirci una descrizione di questa figura professionale, in particolare di rispondere alle seguenti domande:

Marta ChiarelloBrand Specialist: chi è?

 

Giada D'abruzzoIl Brand Specialist è colui che si occupa della gestione del marchio di un’azienda. Il riconoscimento di questa categoria professionale è nato proprio quando ci si è resi conto che grazie alla gestione del marchio si poteva generare un extra profitto.

Ad esempio: un paio di scarpe di un certo brand piuttosto che di un altro, può generare un valore diverso in termini di reddito.

Marta Chiarello  Quale percorso formativo hai fatto per ricoprire il ruolo di Brand Specialist?

    Giada D'abruzzoCome tutte queste nuove professioni, e tutte quelle che ruotano intorno al mondo del digitale, hanno iniziato ad esserci dei corsi universitari mirati o anche dei master.

Si può arrivare a questa professione provenendo anche da altre direzioni, perché è un mestiere molto trasversale e quindi sono tanti i modi in cui ci si può arrivare.

Che caratteristiche deve possedere un Brand Specialist? 

  • Capacità imprenditoriali
  • Capacità di analisi e di sintesi
  • Deve avere molta creatività
  • Deve essere attento ai cambiamenti

Il brand è sempre in continua evoluzione, quindi la bravura di un Brand Specialist sta nel capire il contesto in cui opera e anche nel cercare di accelerarlo un po’… quindi diciamo che c’è chi è partito a fare branding dalla grafica, design, comunicazione, analisi dei big data. Sono tante le vie per cui ci si arriva, forse è più per passione per cui ci si ritrova a fare questo lavoro.   

Marta Chiarello

Brand Specialist: in che tipo di azienda opera principalmente?

Giada D'abruzzoUn bravo Brand Specialist deve interagire con tutte le categorie professionali, poi in base alla dimensione dell’azienda cambia anche il suo ruolo. Diciamo che inizialmente ci si può occupare della gestione del marchio anche partendo dalla pizzeria sotto casa… e poi magari arrivare con l’esperienza ad andare avanti e farlo anche con grandissime aziende multinazionali.

L’esperienza fa da padrona in questo settore.

Bisogna avere rapporti un po’ con tutti, perché la gestione del marchio ruota attorno a tante categorie diverse:

  • C’è la parte di identity, in cui bisogna capire cosa l’azienda vuole andare a comunicare all’esterno;
  • C’è la parte di awareness, in cui attraverso attività di comunicazione, bisogna andare a far conoscere il brand in un certo modo;
  • La parte di immagine, curata di volta in volta in base al prodotto, non sempre va a coincidere con quella che è l’identità aziendale, certe volte può anche spostarsi;
  • Conta molto anche il posizionamento del brand, quindi rispetto agli altri competitors, capire in che modo contestualizzarsi e su quale target andare ad insistere;
  • Infine, si deve lavorare sulla questione della loyalty e dell’equity, ossia, cercare di andare a fidelizzare tramite una serie di azioni i clienti al brand, cercando di renderlo unico di volta in volta.

Bisogna fare molta attenzione e cercare di comunicare il più possibile con tutte le parti, perché ognuno può dare un dato importante.

Marta Chiarello

Quanto guadagna un Brand Specialist?

Giada D'abruzzoDipende non solo dall’esperienza e dal curriculum, ma anche dalla posizione geografica, dal tipo di realtà in cui si va ad operare: le statistiche dicono che ci si aggira attorno ai 25.000 – 45.000 euro l’anno. Più o meno questo è lo standard.

È ovvio che quando si inizia ci si può accontentare anche di meno o comunque ci sono tipi di contratti diversi, però è giusto pretendere una buona retribuzione per un lavoro che più sale di livello, più garantisce retribuzioni interessanti … non si è in molti, quindi può essere un buon settore su cui puntare.

La professione del Brand Specialist può dare molte soddisfazioni? 

Sì, ma bisogna anche assumersi molte responsabilità, essere risoluti, creativi, trasversali.

Chi fa questo lavoro non smette mai di lavorare, nel senso che può essere d’ispirazione qualunque cosa: anche se sei al bar con gli amici, senti i loro discorsi, da lì può venire un’idea o da lì si può ricollegare un qualcosa… quindi è un lavoro che devi fare per passione e non smette mai.

Marta Chiarello

Come si può iniziare una carriera da Brand Specialist? Hai qualche suggerimento da dare?

                 Giada D'abruzzo1.Sicuramente informarsi, utilizzare sempre Google e seguire gli aggiornamenti delle grandi e delle piccole realtà, vedere quali sono le campagne pubblicitarie più in voga del momento, i loro risultati ed i loro fallimenti… cercare di capire il tutto.

2.Osservare sempre tutto quello che c’è intorno, informarsi in qualunque cosa, più si è eclettici e trasversali meglio è in questo lavoro, quindi bisogna aver conoscenze dalla comunicazione alla grafica, dall’analisi dei dati al posizionamento SEO; devi conoscere un po’ di tutto, ancora più del Project Manager che di solito è la figura che si affianca a questa.

3.Lavorare -almeno in fase iniziale- molto sul proprio curriculum e sul proprio branding personale. Se non sei capace di vendere bene te stesso, figurati se poi sei in grado di farlo con il prodotto aziendale.

Un consiglio che posso dare a chi si avvicina a questo lavoro è quello di stracciare il CV europeo e fare qualcosa di più creativo, più grafico e semplice, che dia un messaggio molto forte all’azienda, sia per raccontare chi sei tu a livello di persona, sia per raccontare cosa sai fare, quello che vorresti fare.

È inutile iniziare il CV raccontando tutte le esperienze fatte, è difficile qualcuno si metta lì e legga tutto. Quello che conta è sapersi vendere, quindi il consiglio che dò è di fare un lavoro in più sul curriculum, perché può veramente fare la differenza. L’ho testato anche sulla mia pelle.

 

Se l’articolo ti è piaciuto potresti essere interessato ad approfondire queste professioni digitali:

Corso Brand Manager 

Corso Digital Marketing Manager

Master Digital Marketing

Master Digital Innovation Program

Marta Chiarello
Laureata in lingue con una grande passione per l'innovazione e il digital marketing.
[index]
[index]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]