Seleziona una pagina

Cosa fare dopo il licenziamento è una domanda sempre più attuale in un contesto lavorativo difficile come quello contemporaneo. Mi preme quindi partire subito da una considerazione: oggi essere licenziati non è assolutamente anormale, anzi è un’esperienza molto più comune di quanto si creda; ciò non toglie che si tratta di un evento traumatico che pone alcuni interrogativi sia personali sia professionali; affrontare tutte queste domande può essere il primo passo verso una rinascita professionale.

In questo articolo non mi addentro in un’analisi legislativa, scrivendo per esempio a cosa si ha diritto in caso di licenziamento, perché non è il mio ambito e rischierei di fornire informazioni incomplete. Mi occupo però di digitale e posso testimoniare come questo mercato sia in costante crescita, quindi come possa essere proprio questo l’ambito in cui potersi riqualificare dopo un licenziamento.

A tal proposito, indicherò quali sono le competenze personali che bisogna considerare per lavorare in questo campo, ponendo attenzione alla formazione e alle nuove professioni che è possibile imparare, seguendo per esempio il Master Digital Marketing di Digital Coach®.

Mi soffermerò poi sulle mansioni più richieste nel mercato digitale, su come mettersi eventualmente in proprio e cercherò di fornire qualche consiglio su cosa fare per trovare lavoro dopo il licenziamento, riflettendo su domande spinose, come se rimane traccia, da qualche parte, di un licenziamento per giusta causa.

Consulenza Gratuita su come Costruire il Tuo nuovo Curriculum

RICHIEDILA SUBITO

 

Cosa fare dopo il licenziamento? Consigli utili

A questa domanda rispondo che, secondo me, è in primo luogo necessario prendersi del tempo.
Licenziamento non significa fine di una carriera professionale. Non mi stancherò di ripetere questa frase nell’articolo, perché aldilà del motivo per cui si è perso il posto di lavoro, sbagliare fa parte della natura umana, nella vita privata così come nell’ambito lavorativo. Poi questa affermazione vale ancora di più se il termine del contratto si è verificato a causa di un taglio del personale dettato da motivi economici, purtroppo situazione ormai comune a molte persone che hanno subito il licenziamento. Ciò nonostante, bisogna ammettere che un licenziamento può essere un ostacolo nella ricerca di un nuovo lavoro, soprattutto se per “giusta causa”, ovvero dettato da un’errata condotta del dipendente.

Quindi cosa fare dopo il licenziamento? Bisogna pensare positivo, non abbattersi, non mettere in discussione il proprio valore e tutto il percorso fatto fino a questo momento. Sono consapevole che non sia facile, perché il licenziamento può essere un episodio traumatico della propria vita, a cui possono seguire numerosi interrogativi a livello sia personale sia lavorativo.
Proprio alla luce di tutto questo: ci vuole del tempo perché all’inizio percepirai il licenziamento come una sconfitta, anche se non è così. Quindi prenditi un periodo di inattività per un’analisi interiore, al fine di raggiungere un nuovo grado di consapevolezza che possa trasformare questo trauma in una possibilità.

In questo lasso di tempo, potrai procedere con un’analisi del tuo valore, mettendo anche in campo le competenze che vorresti ottenere per realizzare alcuni desideri professionali; oppure potresti aprire la mente a possibili lavori che non avevi considerato, interrogando internet e i motori di ricerca. Cogli l’occasione per cambiare.
È doveroso sottolineare però che questa fase di riflessione non può durare mesi o anni, altrimenti si rischia di non riuscire più a risollevarsi, visto che il lavoro è come una palestra: bisogna fare pratica per essere sempre in forma. Quindi è necessario passare a una seconda fase di attività, solo così si può procedere verso un’effettiva trasformazione.

 

Dopo il licenziamento un nuovo futuro digital

In Italia, il lavoro digitale non ha ancora conosciuto quella rivoluzione successa in altre parti del mondo, ma la situazione sta rapidamente cambiando, ecco perché io consiglio di trovare lavoro nel digitale. Questo non significa che sarà semplice: il marketing digitale sta diventando sempre più complesso e differenziato, bisogna quindi informarsi per conoscere le figure lavorative più ricercate dalle imprese, ed è necessario coltivare il proprio sapere, ovvero fare formazione, per riuscire a cogliere nuove possibilità. Nei prossimi paragrafi dell’articolo, illustro alcuni dati sulla crescita di questo ambito professionale e quali sono, in questo momento, i lavori più richiesti nel settore digitale.

 

Guarda come dare una svolta alla tua vita grazie alle professioni emergenti dell’Online

PARTECIPA SUBITO AL WEBINAR GRATUITO

 


Perché nel marketing digitale?

In Italia, lavoro e digitale è un binomio che da anni sta sviluppando una crescita costante.
I dati di Confindustria in merito al 2019, indicano come 6 imprese su 10 in Italia abbiano iniziato una digitalizzazione per portarsi al pari delle proprie avversarie europee. Ciò riguarda figure con altissimo profilo tecnologico, come esperti di robotica e sicurezza dati, ma coinvolge anche, in maniera trasversale, i professionisti che si occupano di promozione e comunicazione digitale, in campi quali il web marketing e i social media, ovvero ambiti dove sarebbe possibile riqualificarsi dopo un licenziamento, senza non dover conseguire ulteriori lauree.
Difatti, un’indagine di Digital Coach, pubblicata su Linkiesta, rivela come l’anno scorso siano state pubblicate 564 offerte di lavoro in questo ambito, 200 delle quali attuate da aziende che, fino a quel momento, erano considerate “tradizionali”, ovvero non erano ancora entrate nel digitale. Il digital world potrebbe quindi essere una buon contesto per chi vuole capire.

test-sulle-professioni-digitali


Le professioni digitali più richieste

Innanzitutto, cos’è il lavoro digitale? Lavorare nel digitale significa avere a che fare con internet. Gli ambiti di impiego sono molti e differenti: è possibile analizzare dati; creare contenuti attraverso la scrittura creativa e mettendo in pratica competenze visuali; elaborare strategie di comunicazione e promozione; lavorare con i social media (Facebook, linkedIn, Instagram); occuparsi della vendita online di diversi prodotti. Tutte queste competenze sono acquisibili con una fase di formazione che potrebbe portare al conseguimento di una nuovo lavoro. Di seguito, per capire come entrare nel mondo digitale, elencare tutte le attività, conoscenze e possibilità offerte attualmente dal mercato web in un solo articolo è pressoché impossibile, mi sono quindi limitato a elencare quali sono le professioni digitali più ricercate in questo periodo:

  • Il Web Analytic Specialist analizza di dati che arrivano dal web, per capire come si comportano gli utenti, così da permettere di elaborare strategia di marketing più funzionali.
  • Il Sem Specialist si occupa di annunci pubblicitari online, in modo specifico su Google e sugli altri motori di ricerca.
  • Il Seo Manager si occupa del posizionamento di pagine e articoli di un sito nelle prime posizioni di Google e degli altri Search Engine.
  • Il Web Content Manager è specializzato sulla creazione di contenuti digitali di qualsiasi tipo e origine, avendo anche presente dove posizionare ciascuno di essi per sfruttarne al meglio le potenzialità.
  • L’E-Commerce Specialist è un professionista che si occupa di processi e strategia riguardanti la vendita online di qualsiasi tipologia di prodotto.
  • Il Social Media Manager si occupa di gestire, analizzare e produrre contenuti su Facebook e sugli altri Social Media utilizzati da un’azienda.

ELENCO CORSI CON CERTIFICAZIONI

 

Le competenze necessarie

Dopo un licenziamento potresti aver messo in discussione le tue competenze. Ma come già detto in questo articolo, licenziamento non significa mettere in discussione tutto il percorso formativo realizzato fino a questo momento. Ciò nonostante, per far fronte alla ricerca di un nuovo impiego, sarà necessaria una crescita del proprio bagaglio personale. Spesso nel lavoro si parla sempre più di skill (abilità in inglese).

Ci sono le soft skill e le hard skill: le prime sono caratteristiche del proprio carattere che possono essere innate, o che comunque possiamo coltivare dedicando del tempo a noi stessi; le seconde sono conoscenze più tecniche e specifiche peculiari a ogni professione. Per quest’ultime non c’è scampo, si acquisiscono solo facendo formazione, prima ancora che pratica, perché molte di queste sono abilità non ordinarie che si possono apprendere solo una volta entrati in questo mondo.
Non mi addentro nell’elenco delle hard skill, perché dipendono molto dall’impiego specifico che intendi svolgere; voglio però sottolineare le soft skill che reputo fondamentali per lavorare nel digitale. A mio avviso, le seguenti non sono solamente delle abilità utili a trovare lavoro nel digitale, ma vere e proprie caratteristiche per capire per rimettersi in gioco in un contesto professionale.

  • trovare lavoro dopo licenziamentoCuriosità. Il lavoro nel digitale è in continua trasformazione e ha sempre bisogno di un costante aggiornamento. Se come me, oltre ad amare la scrittura, da piccolo smontavi le macchinine per vedere come funzionavano, ti consiglio di farti avanti. In questo mondo non smonterai i computer, ma entrerai all’interno dei loro linguaggi, fra codice html, stringhe, plugin, software di automation e tante altre cose tecniche che quando funzionano danno tanta soddisfazione. Però ti avverto, non sarà semplice: bisogna studiare molto e avere voglia di sperimentare.

 

  • Capacità di lavorare in team. Se hai subito un licenziamento, potresti aver adottato delle insicurezza rispetto alla relazione con i colleghi. Questo è comprensibile, ma ricorda che non tutti i contesti lavorativi sono uguali, quindi se i tuoi precedenti collaboratori erano poco collaborativi, non vuol dire che saranno tutti così. Tale premessa introduce un elemento significato: il mondo del digitale sta diventando talmente vasto che è impossibile riuscire a svolgere tutte le attività che a esso competono, ciò nonostante queste professioni sono fortemente correlate tra loro, ciò significa che spesso ti troverai a lavorare in squadra con altre persone. In ambito digitale sono fondamentali l’ascolto e la fiducia reciproca, perché, anche se è doveroso possedere un bagaglio di competenze trasversali, alcune attività specifiche non le conoscerai: quindi sarà importante fidarsi delle persone con cui dovrai collaborare.

 

  • Strategia. Io che arrivo sempre ultimo a Risiko, non sarei forse la persona più adatta a parlare di tale abilità. Scherzi a parte, imparerai subito che qualsiasi azione digitale necessita di strategia: dalla creazione di un contenuto alla gestione di una pagina Facebook, dalla scrittura di un articolo fino all’invio di una mail. Per qualsiasi operazione bisogna essere consapevoli di quale sia l’obiettivo da perseguire, di quali sono i meccanismi che permettono di ottenerlo e di come essa si inserisce all’interno di un percorso di comunicazione più ampio. In qualsiasi ambito del digitale, non esiste la semplice esecuzione, ma dietro a qualsiasi lavoro dovrà esserci un pensiero e una riflessione su quel contenuto.

 

  • Mentalità aperta. Per me il binomio perfetto è curiosità uguale a creatività. Aldilà delle frasi personali, il digital cambia con una velocità impressionante: questo significa che anche la tua formazione dovrà essere costante e al passo con le novità introdotte, ogni volta, dal mercato digitale. È necessario quindi informarsi e sperimentare, perché prima di introdurre una qualsiasi novità all’interno del tuo “fare digitale”, dovrai provare e riprovare, per diventare poi padrone di questa innovazione.

 

  • Flessibilità. Nel mondo digitale sarà difficile ottenere un lavoro dipendente, perché nel digitale è molto comune la figura del freelance, ovvero il lavoratore autonomo che fornisce la stessa mansione per diverse aziende. Questa può essere buona cosa se il tuo licenziamento è frutto di incomprensioni con un datore di lavoro; ma preparati a lavorare di sera per terminare la creazione di un sito entro la data stabilita, oppure il sabato o la domenica, per presidiare a un evento di cui gestisci le pagine social. La vita online procede velocemente. Naturalmente non vuol dire che dovrai essere a disposizione 7 giorni su 7, sacrificando le relazioni interpersonali, ma solo che difficilmente avrai dei turni settimanali sempre uguali.

 

  • Saper rischiare. Mi soffermo su questa definizione, anche se potrei fare la figura di un nerd della parola. Una cosa è rischiare, ovvero buttarsi dentro una novità senza aver considerato le possibilità di fallimento, un’altra è saper rischiare, ovvero lanciarsi verso una sperimentazione, ma calcolando il più possibile il rischio, ovvero cercando di capire le criticità e le possibili soluzioni. Ecco, nel mondo digitale questa attitudine è importante e preponderante, anche perché sono molti ormai gli strumenti che ti permettono di prevedere quali siano le conseguenze. Il lavoro digitale è un mondo fatto di numeri, anche quando ti occupi di creatività, capirai come l’analisi di un content precedente possa fornire delle indicazioni su come introdurre delle novità all’interno di una campagna di comunicazione. Potrai comunque sbagliare, perché in qualsiasi scommessa c’è una percentuale di sconfitta, ma se il digital ci mette a disposizione un po’ di strumenti di analisi dei rischi, perché non utilizzarli? 

Condisci tutte queste competenze con la comprensione base della lingua inglese, perché molti tutorial sono scritti in questa lingua. Con queste caratteristiche potrai valutare cosa fare dopo il licenziamento per per rimetterti in gioco in una futura professione digitale.

RICHIEDI SUBITO UN COACHING DI ORIENTAMENTO GRATUITO

 


Come trovare lavoro dopo il licenziamento?

Trovare lavoro è un lavoro, anche nel settore digitale. Questo significa che devi cercare di essere sul pezzo, dedicare del tempo sia alla ricerca sia al contatto di nuovo aziende, scrivere su Linkedin per farti vedere, saper confezionare lettere motivazionali diverse per ciascuna azienda per cui ti presenti come candidato. Inoltre dovresti anche valutare cosa fare dopo il licenziamento con il curriculum: quindi se è necessario esplicitarlo nel tuo documento di presentazione professionale, oppure quando ti presenterai in un colloquio di lavoro, soprattutto se è stato per giusta causa. Di seguito cerco di rispondere a queste domande e fornisco alcuni elementi che, secondo me, sono imprescindibili per cercare lavoro in ambito digitale.


Formazione

Cosa fare dopo il licenziamento se non si possiede una laurea? Sarebbe possibile lavorare nel digitale? Direi di si, ma per trovare una nuova occupazione bisogna essere pronti a riqualificarsi.
Inoltre le professioni digitali richiedono molte competenze trasversali, anche in ambito tecnico, queste conoscenze vengono acquisite solo grazie alla spiegazione di un professionista che le applica abitualmente. Quindi è importante investire risorse nella formazione, perché più conoscenze si possiedono maggiore è il proprio valore nel mercato del lavoro. Ma secondo me formazione fa anche rima con sperimentazione: ovvero applicazione delle conoscenze tecniche appena acquisite. Il consiglio è avere sempre un angolo del web dove poterti allenare, che sia un sito web personale o una pagina Facebook di prova, perché per fare palestra ci vogliono sempre gli attrezzi.

I MASTER NEL MARKETING DIGITAL

 


Un curriculum efficace

Un curriculum aggiornato è la prassi, così come è fondamentale personalizzare questo documento, e la lettera motivazionale, in base alle richieste dell’azienda per cui ti stai candidando.
Però per distinguerti dagli altri aspiranti, potresti avere un curriculum infografico o un video curriculum. Il primo è un documento che, attraverso immagini, icone, dati e testo, può rappresentare con maggiore vivacità la formazione e le esperienze di un lavoratore. Il secondo è un prodotto audiovisivo dove il candidato spiega le sue caratteristiche ed esperienze, aggiungendo magari quei tocchi di creatività che possono attrarre un responsabile delle risorse umane. Per quest’ultimo, ti consiglio però di chiedere consulenza a un videomaker, anche se si tratterà di un servizio a pagamento, così avrai la certezza di ottenere un risultato professionale. Questi due strumenti potrebbero darti maggiori possibilità, dimostrando a un futuro capo il tuo spirito creativo e la tua capacità di innovazione, mettendo tra l’altro in luce la tua professionalità, oscurando così magari una qualche falla dovuta a un licenziamento.


Segnalare il licenziamento oppure no?

Cosa fare dopo il licenziamento in merito al curriculum? Bisogna segnalarlo? La risposta è no.
Il candidato non deve indicare nel curriculum che è stato licenziato, anzi questo è di norma sconsigliato, perché si rischia di essere penalizzati, senza poter nemmeno passare al colloquio di selezione. Inoltre è vero che un azienda deve segnalare all’ufficio di collocamento il licenziamento di un dipendente, ma non deve dichiarare le sue motivazioni, quindi le cause di un licenziamento non compariranno nella scheda professionale custodita all’interno del Centro per l’impiego, ovvero quel documento che certifica le esperienze formative e professionali di una persona in cerca di occupazione. Quindi non rimane traccia di un licenziamento per giusta causa. Ma attenzione, è doveroso scrivere nel curriculum le ultime esperienze lavorative, anche se fra queste c’è l’azienda che ha provveduto al licenziamento, visto che nel curriculum è penalizzante anche la presenza di lunghi periodi di inattività.


Presidiare su Linkedin

Se il lavoro digitale è un nuovo mondo da esplorare, LinkedIn è la sua finestra. Questa risorsa non è un social media ordinario ma una piattaforma in cui i professionisti si incontrano, confrontano e informano. Su LinkedIn ormai si muovono anche i recruiting delle aziende che selezionano nuovo personale, quindi è necessario che tu abbia un profilo aggiornato, così come è necessario che tu sia attivo nello scrivere, condividere e riflettere sulle diverse dinamiche della professione digitale che hai scelto di svolgere. Come impegno minimo, ti consiglio di scrivere almeno un articolo a settimana.

Impara a utilizzare Linkedin in modo efficace

FREQUENTA ONLINE IL CORSO


Cercare lavoro online

Sono diverse le piattaforme che analizzano il mercato del lavoro digitale, permettendo di confrontare e individuare nuove possibilità fornite dalle aziende. Innanzitutto il sito di Digital Coach, dove stai leggendo questo articolo, ha una sezione che offre spazio al lavoro digitale: il job allert è un portale dove le aziende pubblicano i propri annunci di ricerca del personale, ogni professionista digitale può iscriversi, semplicemente lasciando il proprio indirizzo mail per ricevere delle notifiche al momento della pubblicazione. Altri siti interessanti dove cercare lavoro sono per esempio CareerJet, InfoJobs, Glassdoor e Meritocracy, fra quest’ultime forse quella che più riguarda il mondo digitale. Il mio consiglio è di fare un giro su ciascuna piattaforma, provandole capirai quale risulta più efficace per l’impiego che stai cercando.


Stai cercando lavoro nel digitale? Ricevi le nostre offerte lavorative

ISCRIVITI AL JOB ALERT


Colloquio di lavoro dopo un licenziamento

La situazione di selezione è già un momento in cui bisogna mettersi alla prova, ma se stai cercando un impiego subito dopo un licenziamento, ci potrebbero essere ulteriori momenti di difficoltà
Come anticipato, nel curriculum non devi segnalare un licenziamento, ma è buona norma scrivere il nome dell’ultima azienda per cui hai lavorato, altrimenti il tuo curriculum potrebbe avere un periodo di inattività e venire subito penalizzato.
A questo punto, in fase di colloquio aspettati una domanda sulla motivazione per cui non lavori più nella tua ultima azienda. In questo caso, non bisogna nascondere il licenziamento e non bisogna mentire sulle cause he hanno portato all’interruzione lavorativa, visto che il responsabile delle risorse umane potrebbe anche chiedere a quella azienda delle informazioni sul tuo conto, oppure chiederti una lettera di referenza firmata dal tuo ultimo superiore. Allora come giustificare un licenziamento? Bisogna essere onesti ma anche farsi vedere propositivi. È difficile giustificare un licenziamento per giusta causa, ma potrebbe magari essere utile un’assunzione di colpa, per mostrare il proprio senso di responsabilità, oppure si può spiegare come il trauma del licenziamento abbia influito positivamente sulla propria maturità umana e professionale. In ogni caso non bisogna mai parlare male dell’azienda precedente, perché questo ti metterebbe subito in cattiva luce, lasciando intendere a chi sta tenendo il colloquio che un giorno potrai sparlare anche della sua impresa. In definitiva, prima di affrontare il colloquio, è necessario prepararsi bene, sapendo come rispondere alle domande scomode relative al licenziamento.


Cosa fare dopo un licenziamento per mettersi in proprio?

Dopo il licenziamento, soprattutto se nato da contrasti con un datore di lavoro, probabilmente si potrebbe non avere più voglia di avere capi a cui sottostare. Quindi si potrebbe optare per la scelta di un lavoro non dipendente. Il mercato digitale si presta molto a questa decisione. In primis perché di norma sarà difficile che troverai un contratto da dipendente, perché nel digitale è sempre più ricercato il profilo del freelance che ha la possibilità di lavorare per più aziende, organizzando il proprio lavoro. Il secondo aspetto potrebbe invece essere di natura economica: avviare un’attività digitale ha decisamente dei costi inferiori rispetto a una qualsiasi impresa offline, perché spesso non necessita di acquisti preventivi di immobili e merci, oppure perché non ci sarà per forza bisogno di un ufficio e un negozio in cui accogliere i clienti, o di un capitale d’investimento per avviare una produzione da distribuire. Come in tutte le attività imprenditoriali, anche in questo caso bisogna essere pronti a rischiare, ma per certi aspetti il mercato digitale prevede una certa gradualità d’investimento che offline non è possibile. Di seguito, elenco alcuni modi per attivare un’attività indipendente nel digitale.

 

Diventare consulente online

Per diventare consulente online è necessario avere un alto know how digitale e, una volta raggiunto questo obiettivo, dovrai essere abile a cercare clienti e posizionarti nel mercato d’appartenenza. Il Consulente fornisce consigli e suggerisce strategie per implementare la digital trasformation di un’azienda, oppure per migliorare la sua comunicazione e promozione digitale. Tendenzialmente ha un profilo manageriale.

Vuoi capire come diventarlo?

ISCRIVITI AL WEBINAR


Aprire una Web Agency

Se dopo aver subito un licenziamento diventassi tu il capo di te stesso? Nel caso in cui possiedi già una conoscenza trasversale del digitale, oppure possiedi una buona esperienza nella comunicazione offline, potrebbe essere una soluzione quella di aprire una Web Agency, agenzie di servizi che stanno crescendo, di pari passo, con il mercato digitale. La tua impresa di servizi potrebbe inizialmente essere composta solo da te stesso, allargando poi il proprio campo di competenza attraverso la collaborazione con altri professionisti del settore. Un’agenzia digitale non deve per forza essere specializzata su tutto quello che concerne la comunicazione digitale, deve però essere sempre all’avanguardia rispetto agli ambiti di cui ha deciso di occuparsi, al fine di poter fornire ottime prestazioni ai propri clienti.


Creare un E- Commerce in Dropshipping

Se sei un artigiano o comunque produci oggetti e merce che necessita di clienti, potresti valutare di aprire un tuo portale e-commerce per vendere direttamente i tuoi prodotti. In questo caso, puoi considerare di metterti in proprio online perché non dovrai affrontare spese iniziali di locali, uffici e prodotti. 

Infatti si sente sempre più parlare di Dropshipping eCommerce, ovvero la vendita online di prodotti che non si possiedono direttamente, attraverso un’intermediazione fra cliente e produttore. L’avviamento di questo servizio è low budget, in quanto non necessita di spese di acquisto delle materie prime, di attrezzature per la costruzione di oggetti, né di un magazzino in cui custodirle, nonché di uffici e negozi in cui presentare la merce ai propri clienti. Tutto questo risiede su internet. Il tuo compito sarà quello di contattare dei produttori e di trovare delle persone a cui vendere quella tipologia di prodotto. Ma attenzione, non sarà tutto facile e a portata di mano: il drop ship è un lavoro, come tale ci sarà bisogno di faticare per confrontarsi con la concorrenza e ottenere clienti.
Proprio per questo, consiglio per esempio, di scegliere la distribuzione di un prodotto di nicchia, così avrai modo di posizionarti con maggiore facilità sul mercato e stabilire relazioni più durature con i tuoi acquirenti.


Come avviare il tuo eCommerce in Dropshipping?

GUARDA IL WEBINAR


Guadagnare con un blog

Se hai un blog e ti piace scrivere, potresti ricevere dei soldi da un’azienda che ti chiede di recensire o consigliare sul tuo portale un determinato prodotto. Per fare questo, dovrai iscriverti a una piattaforma di affiliazione che ti metterà in contatto con le imprese che richiedono online questa tipologia di promozione. Il mondo delle affiliazioni non si è ancora sviluppato in Italia come nel resto del mondo, ma anch’esso si sta sviluppando come conseguenza della crescita del mercato digitale. 

Impara a guadagnare con le affiliazioni

FREQUENTA IL CORSO ONLINE


Coaching di orientamento

Cosa fare dopo il licenziamento per trovare lavoro è un dilemma complesso, ma come hai visto nell’articolo, essere licenziato non significa non avere più possibilità di ottenere un nuovo impiego, anche se il licenziamento è stato per giusta causa.
Tutto questo è possibile perché esiste nell’universo del lavoro un mercato che si sta espandendo, ovvero quello del digitale, dove si stanno concretizzando professioni e possibilità lavorative fino a qualche anno fa ancora sconosciute. Come abbiamo visto, l’universo digital è denso di nuove attività, ciascuna delle quali richiede competenze anche tecniche molto differenti, proprio perché tutto questo si sta sviluppando adesso e a velocità vertiginosa, potrebbe essere necessaria la consulenza di un esperto, per evitare di perdersi in scelte sbagliate, perseguendo strade che possano poi risultare poco proficue o lontane dalla propria professione ideale. Proprio per questo, oltre a consigliare di fare pratica e formazione, potrebbe essere utile confrontarsi con un professionista che conosce molto bene questo ambito, prima di partire per questa nuova avventura di cercare lavoro nel digitale.

Vuoi lavorare nel digitale ma non sai da dove partire?

RICHIEDI UN COACHING CON UN NOSTRO ORIENTATORE

 

Articoli correlati:

Competenze digitali più richieste  app per trovare lavoro fotocover  Dropshipping

 

Livio Taddeo on Linkedin
Livio Taddeo
Laurea in D.A.M.S (Disciplina d'Arte Musica e Spettacolo) e Master in Giornalismo e Comunicazione Plurimediale. Da sempre affascinato da tutto ciò che riguarda la creatività e la creazione di contenuto, di qualsiasi natura e con qualsiasi strumento.
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[i]
[i]
[index]
[index]