Seleziona una pagina

Trovare il lavoro ideale è il sogno di tutti. Nella maggior parte dei casi, però, mettere a fuoco chi si è e cosa si vuole fare della propria vita risulta difficile. L’ambiente in cui viviamo e le persone che ci circondano tendono, e tenderanno sempre, a influenzare le nostre decisioni. Tuttavia, questo non significa che non possiamo fermarci un momento e riflettere su che lavoro fare per sentirci pienamente realizzati.

A fare i conti con una problematica del genere non sono soltanto i giovani, freschi di studi, o indecisi se abbandonarli, ma anche gli adulti.

Quale professione scegliere quando non si è in grado di capire cosa riesce davvero a entusiasmarci? Che lavoro fare quando sembra che l’unico mestiere possibile sia quello che già si fa oppure quello che altri hanno deciso per noi?

Ecco che ci ritroviamo a cercare sul web test attitudinali sul lavoro ideale. Lo scopo di un test serio sul lavoro ideale è quello di fare emergere parti di noi stessi che abbiamo sottovalutato o aspetti del nostro carattere che non abbiamo ritenuto rilevanti per la sfera professionale. Il più delle volte si pensa che i lavori ideali siano quelli che fanno le persone che ammiriamo oppure quelli che ci sono stati presentati come tali. Così facendo spostiamo la nostra attenzione all’esterno, mentre invece è dentro noi stessi che dobbiamo guardare.

Pertanto, ti presenterò alcune professioni digitali ponendo l’accento sul tipo di carattere che deve avere chi ambisce a ricoprire ciascun ruolo. Infine, avrai la possibilità di metterti alla prova con un test sul lavoro ideale e dare avvio alla tua nuova carriera. 

 

lavoro ideale: che lavoro fare

 

Lavoro ideale

La ricerca del lavoro ideale è una condizione comune a molte persone. Che si tratti di neolaureati, di giovani che vorrebbero trovare lavoro subito dopo il diploma o abbandonare gli studi, o ancora di professionisti insoddisfatti, poco importa.

La necessità di sentirsi appagati dal lavoro che si svolge quotidianamente porta sempre più persone a cambiare il proprio percorso professionale, anche più volte nella vita. Per quanto possa risultare stancante, è un bene che non ci si voglia rassegnare ad un presente o un futuro di insoddisfazione.

Tuttavia, per capire che lavoro fare bisogna essere consapevoli di quali sono le proprie attitudini. Una volta presa coscienza di queste, trovare il lavoro ideale non sembrerà più una sfida impossibile. 

 

Per chi vuole lavorare con il diploma

Oggigiorno sono in tanti i giovani che, una volta conseguito il diploma, sono sicuri di non voler intraprendere una carriera accademica oppure stanno pensando di interromperla. In realtà, un buon numero di competenze che oggi sono richieste dal mercato del lavoro non richiedono necessariamente una laurea.

Si tratta più che altro di conoscenze teoriche e pratiche che non vengono insegnate all’università e che quindi è necessario apprendere frequentando dei master o dei corsi. Il digitale è uno di quei settori che si basa molto sull’acquisizione di competenze legate a tool specifici, tra l’altro in continuo aggiornamento.

Se non sai che lavoro fare dopo il diploma, continuando a leggere troverai le descrizioni di alcune professioni digitali dal punto di vista delle attitudini del candidato ideale. Avrai modo di farti un’idea piuttosto precisa di ogni profilo professionale, ma se dovessi avere ancora dubbi puoi sempre fare il nostro test sul lavoro ideale.

Inizia tu stesso a porti domande come le seguenti: ti piace lavorare in gruppo o da solo? Sei timido o estroverso? Impulsivo o riflessivo? Comunicativo o taciturno? Razionale o creativo? Cerchi le novità o le percepisci come fonte di stress?

Inoltre, se hai capito che per sentirti motivato hai bisogno di agire, piuttosto che di studiare, un corso pratico è quello che ti serve. È vero che ti troverai a dover apprendere delle nozioni teoriche, ma saranno immediatamente trasformate in operatività. Così facendo sperimenterai la soddisfazione che deriva dal sentirsi bravi in qualcosa.

 

Per i neolaureati

Anche chi ha portato a termine l’università può trovarsi spaesato al momento della ricerca di un lavoro. Se ti sei laureato, ma non hai ancora ben chiaro quale lavoro scegliere, anche in questo caso un test serio sul lavoro ideale può sicuramente aiutarti.

Per riuscire ad affrontarlo al meglio, ti suggerisco di concentrarti sia sulle scelte che hai fatto sia su quelle che avresti voluto fare se non vi fossero stati condizionamenti esterni. Se, per esempio, hai intrapreso un corso di studi perché ti era stato imposto, prova a pensare a quale sarebbe stata la tua scelta.

Allo stesso modo, se hai iniziato a sperimentare il lavoro in un settore in cui desideravi inserirti, ma hai capito che quel mestiere non fa per te, concentrati su quali elementi di quel lavoro ti piacciono oppure detesti. 

Tieni presente che, poiché non esistono solo i mestieri tradizionali, anche un hobby può oggigiorno trasformarsi in un’attività soddisfacente sul piano economico. Se sei una persona a cui piacciono i social media e trascorri delle ore a creare dei contenuti che poi condividi, stai relegando a passatempo uno dei lavori digitali più richiesti.

Probabilmente se non sai che lavoro fare è perché non hai realmente preso in considerazione tutte le opzioni disponibili. Inoltre, non devi dimenticare che il tuo carattere e il tuo modo di relazionarti fanno parte della tua persona e contribuiscono, più di quanto immagini, a fare di te il candidato ideale o meno per un determinato lavoro.

 

Per chi vuole cambiare professione

La ricerca del lavoro ideale riguarda anche chi non è più soddisfatto della propria professione e vuole cambiarla. Può capitare sia di trovarsi impegnati in un mestiere che non piace sia di avere perso interesse verso un ambito lavorativo scelto in passato. Del resto, l’essere umano è tutt’altro che statico, quindi è più che normale desiderare, a un certo punto della propria vita, di evolversi dal punto di vista personale e professionale.

Il più delle volte quello che frena i lavoratori già inseriti da molti anni in un determinato contesto, è la paura di non poter iniziare un nuovo lavoro in un settore del tutto differente. Tuttavia, un modo per trovare il lavoro ideale esiste.

Innanzitutto, bisogna partire dalla considerazione che il proprio passato lavorativo non è stato completamente inutile. Sicuramente avrai acquisito competenze che potrebbero essere rilevanti anche nella nuova professione.

Inoltre, scoprirai che quelle relazionali hanno un peso maggiore rispetto a quelle tecniche, perché richiedono più tempo per essere apprese. Questo significa che se hai imparato a gestire un team, a dialogare in modo appropriato a seconda delle circostanze e degli interlocutori o, ancora, ad ascoltare, porti con te un bagaglio personale che ti aiuterà a rimetterti in gioco.

Se sei sicuro di voler cambiare lavoro, ma al contempo non sai quale professione scegliere, parti proprio dalle cosiddette soft skills. L’incontro con la tua professione ideale, infatti, avverrà quando riuscirai a conciliare i tuoi interessi con le tue attitudini personali.

Facendo il nostro test sul lavoro ideale potrai fare chiarezza su quali sono i tuoi punti di forza e di debolezza e orientarti verso il lavoro digitale più adatto al tuo carattere. Una volta individuato il percorso formativo che può valorizzare le tue attitudini, non ti resta che acquisire le conoscenze teoriche e pratiche di cui hai bisogno per migliorare la tua vita professionale.

 

RICHIEDI LA TUA CONSULENZA DI CARRIERA GRATUITA

 

Lavoro ideale: quale professione scegliere?

Fino ad ora sono state prese in esame le circostanze in cui può trovarsi chi cerca il lavoro ideale, ma non sa cosa fare per trovarlo. A rendere difficile il raggiungimento di una situazione lavorativa soddisfacente, è proprio la scarsa conoscenza di se stessi. Se prima non si ha una visione chiara del proprio carattere, dei propri punti di forza e di debolezza, non si può capire fino in fondo quale lavoro scegliere.

Dato che ad ogni lavoro corrisponde un carattere ideale, ti accennerò quali sono le competenze tecniche necessarie a ciascuna figura professionale, per poi soffermarmi sulle attitudini personali del candidato ideale. Le competenze tecniche, infatti, vanno acquisite solo dopo aver individuato il settore per cui si è naturalmente portati. Leggendo avrai modo di farti un’idea su quale può essere la professione in ambito digitale più adatta a te.

Considera che le professioni di cui ti parlerò in questa mini guida sono solo alcune, quindi potresti risultare portato per una di quelle che qui non menzionerò. Motivo per cui, ti invito a fare il test che trovi a fine articolo per non avere più dubbi su che lavoro fare.

 

lavoro ideale: quale professione scegliere

 

Social Media Specialist/Manager

In questa professione, così come in altre in ambito digitale, ci sono sia i manager che gli specialist. La differenza fra queste due figure consiste nel fatto che il primo deve coordinare gli altri, e quindi deve avere delle spiccate capacità di leadership, mentre il secondo ha un ruolo principalmente tecnico.

Questo significa che se guidare le persone, organizzare e gestire più situazioni contemporaneamente, ti piace e ti riesce bene, puoi diventare un bravo manager. Al contrario, se non ti senti portato per la gestione di un team, ma sei caratterialmente adatto a lavorare con i social media, puoi sempre proporti alle aziende come specialist.

Quella della social media manager è una professione complessa. Difatti questo professionista è responsabile della creazione e implementazione di una strategia di marketing sui social network. Attraverso l’analisi dei KPI (Indicatori chiave di performance), il social media manager capirà poi se il suo lavoro sta producendo i risultati attesi.

Si presenta, pertanto, come un professionista a proprio agio sia con le parole che con i numeri, dato che le sue competenze spaziano dal social copywriting all’analisi degli insights. Se ti va di leggere una guida su come scrivere le didascalie sotto le foto di Instagram, visita questo sito.

Vediamo quali attitudini personali deve avere chi ambisce a lavorare con i social media:

  1. Capacità comunicative: la tua abilità nel sapere comunicare un brand ha a che vedere anche con le tue personali capacità di comunicare efficacemente con chi ti sta intorno. I social media specialist/ manager sanno che ogni social, brand o pubblico, ha un suo tono di voce che necessita di un copy tagliato su misura. Tuttavia, difficilmente ci si potrà improvvisare abili comunicatori se si è poco estroversi e tendenzialmente silenziosi. Inoltre, essere comunicativi sarà estremamente utile quando si dovrà dialogare in modo costruttivo con colleghi, capi e clienti.
  2. Leadership: In un ambito dinamico e imprevedibile come quello dei social, le figure coinvolte in una strategia di social media marketing sono tante. Pertanto, se ambisci a diventare un social media manager, devi essere in grado di organizzare il lavoro del tuo team e gestire le relazioni con gli stakeholder. 
  3. Creatività: A comunicare online oggi sono in tanti e riuscire a farsi notare richiede ottime capacità di immaginazione. Dovrai sempre attingere alle tue risorse personali per creare un contenuto visivo che soddisfi i bisogni comunicativi del brand, incontri il favore della sua audience e sia migliore di quello della concorrenza.
  4. Strategicità: dal momento che ogni azione di marketing viene pianificata per fare sì che il brand in questione raggiunga determinati obiettivi, è necessario che chi si occupa di social media sappia mettere la propria creatività al servizio della strategia.
  5. Organizzazione: essere organizzati è una dote di natura. Ragion per cui, è bene non affidarsi esclusivamente ad aiuti esterni come i tool. Rifletti su come sei solito gestire il tuo tempo e le scadenze (di qualsiasi tipo) e capirai, in una scala da uno a dieci, quanto sei organizzato. Chi si occupa di social media marketing deve scrivere un’enorme quantità di copy per i post sui social e non può in alcun modo affidarsi al caso. Ciò comporta un’organizzazione impeccabile e la freddezza necessaria a prendere le giuste decisioni rapidamente.
  6. Proattività: parte del social media marketing è il social media customer care, il quale consiste nel prendersi cura della propria audience. Ad oggi i clienti vogliono che i brand dialoghino con loro direttamente. Per riuscire a fare questo devi essere una persona proattiva, vale a dire che ha facilità a instaurare relazioni e creare una vera e propria community attorno all’azienda.
  7. Flessibilità: durante la propria giornata lavorativa, il social media manager può trovarsi ad affrontare situazioni scomode come gestire il malcontento di alcuni clienti oppure impostare una strategia sulla base di un nuovo trend. Si tratta di attività che richiedono preparazione, ma anche una certa velocità e prontezza nel gestirle.
  8. Curiosità: un social media manager deve essere curioso di sapere cosa accade sia nei social che nel mondo reale. Solo allenando la propria curiosità e capacità di osservazione, chi si occupa di social media marketing, potrà creare contenuti originali, coinvolgenti e in grado di intercettare gli argomenti del momento.

Se pensi che la maggior parte di queste qualità ti appartengano, e che lavorare nel social media marketing possa essere il tuo lavoro ideale, ti suggerisco di frequentare il Corso Social Media Specialist oppure il Corso Social Media Manager. Avrai modo di abbinare alle tue attitudini personali le giuste competenze tecniche. Se, invece hai ancora dei dubbi, fai il nostro test su lavoro ideale.

 

lavoro ideale: quale lavoro scegliere

 

E-commerce Manager

L’e-commerce manager è di uno dei professionisti, al momento, più richiesti dal mercato del lavoro. Oggigiorno, le aziende hanno modo di sperimentare quanto sia profittevole la vendita online. Infatti, sono sorti dei business che, da subito, hanno puntato sull’online orientandosi a un tipo di vendita che non prevede l’apertura di negozi sul territorio.

Dal punto di vista delle competenze tecniche, un bravo e-commerce manager deve essere in grado di fare un’analisi della concorrenza, ideare una strategia di marketing per il business di cui si occupa, essere in grado di vendere online e sapere leggere gli analytics. L’importanza di questi ultimi sta crescendo notevolmente in quanto consentono di capire da chi è composta la propria potenziale clientela.

Se non sai che lavoro fare, ma il settore delle vendite ti interessa oppure hai un background professionale in questo ambito, potresti diventare e-commerce manager. Se vuoi iniziare a farti un’dea sul tema dell’e-commerce marketing, leggi questa guida.

Prendiamo in esame le attitudini che devi possedere per diventare e-commerce manager: 

  1. Organizzazione: l’e-commerce manager deve essere in grado di organizzare il proprio lavoro e coordinare in modo efficace quello degli altri. Ogni team, infatti, contribuisce al raggiungimento degli obiettivi aziendali. In questo modo, l’e-commerce aziendale potrà contare su una buona gestione del magazzino, delle strategie di marketing, del posizionamento sui motori di ricerca, del customer care e via dicendo.
  2. Leadership: affinché l’organizzazione del lavoro per un e-commerce sia impeccabile, l’e-commerce manager deve essere un buon leader e un problem solver nato. Ciò significa saper affrontare i problemi cercando soluzioni in modo creativo.
  3. Comunicazione: le abilità comunicative sono strettamente collegate alle due citate sopra. Per essere un buon leader, riuscire a organizzare le figure professionali che ruotano attorno a un e-commerce e pianificare il lavoro di ciascuno, un bravo e-commerce manager deve saper comunicare efficacemente. Un difetto nella comunicazione con i collaboratori, infatti, può rallentare il raggiungimento degli obiettivi di business.
  4. Flessibilità: quello dell’e-commerce manager non è un lavoro statico che si ripete uguale ogni giorno. Al contrario, è un mestiere che richiede una visione strategica e dunque la capacità di modificare le strategie adottate, fino a quel momento, in favore di altre ritenute migliori.

Se leggendo questa descrizione delle soft skills di un buon e-commerce manager ti sei riconosciuto, ti consiglio di frequentare il Corso E-commerce Manager. Durante le lezioni avrai modo di acquisire le competenze tecniche necessarie per lavorare in questo settore. Una volta concluso il master potrai dedicarti al tuo lavoro ideale

 

 

Web Marketing Manager

Un’altra interessante figura professionale in ambito digital marketing è quella del web marketing manager. Si tratta di un professionista che deve avere una preparazione ampia e trasversale in grado di abbracciare varie discipline: dalla SEO al content marketing, dalla web analytics alla user experience fino ad arrivare alla creazione e gestione di campagne di advertising. 

Il web marketing manager è colui che coordina gli specialist dei vari team e che, per questo motivo, deve poter fare affidamento sulle proprie conoscenze e sulla propria esperienza per organizzare al meglio il lavoro di tutti. 

Scopriamo quali attitudini personali è bene che abbia un aspirante web marketing manager:

  1. Capacità di problem solving: un web marketing manager, come tutte le figure manageriali, coordina altri professionisti e si trova costantemente a gestire situazioni complesse. Sapere quali sono gli obiettivi aziendali e pianificare le azioni dei vari team, non garantisce che fili tutto liscio come l’olio. Non a caso, essere dei problem solver nati è un ottimo requisito per chi voglia intraprendere questa professione.
  2. Flessibilità: Il digitale è in continua evoluzione, per questo motivo bisogna essere rapidi e pronti a trasformare i cambiamenti in nuove opportunità. 
  3. Creatività: il web marketing manager deve guardare ai problemi come a delle occasioni per ripensare una strategia in modo alternativo Ciò comporta, se necessario, la possibilità di percorrere anche strade nuove.
  4. Intuito: quando ci si trova a gestire un piano di marketing che vede coinvolti più canali e che deve fare sì che le azioni messe in campo convergano verso un unico obiettivo, avere intuito aiuta parecchio. L’azienda per cui si lavora non è un’isola, semmai è circondata da aziende concorrenti, e quindi bisogna essere sempre attenti a cosa accade all’esterno. Ragionando in questi termini, si può avere l’intuizione giusta al momento giusto.
  5. Capacità relazionali: è necessario che chi coordina altre persone riesca a comunicare con chiarezza non solo gli obiettivi di business, ma anche se stesso. Creare e mantenere nel tempo una buona immagine di sé, che trasmetta credibilità e competenza, consente di instaurare un dialogo fluido con colleghi e superiori. Saper gestire la comunicazione con gli altri significa anche capire quali esigenze possono avere le persone attorno a noi e rispondere in modo adeguato. Dunque, saper comunicare ma anche ascoltare.

Ti sei riconosciuto nella figura del web marketing manager? Tieni presente che le competenze tecniche si possono acquisire, ma le soft skills sono necessarie già in partenza. Se ritieni di essere in possesso della maggior parte di quelle che ho elencato, il Corso Web Marketing Manager potrebbe condurti verso il tuo lavoro ideale.

 

 

SEO Specialist/Manager

Il SEO specialist/manager è uno dei professionisti attualmente più cercati da aziende e web agencies. Si tratta di una figura che ha una preparazione a metà strada fra il tecnico e l’umanistico.

La SEO, ovvero Search Engine Optimization, è quella disciplina che si occupa di fare posizionare le pagine di un sito web tra i primi risultati del motore di ricerca. Le attività SEO si dividono in on site e off site: le prime si svolgono all’interno del sito web, le seconde invece all’esterno.

Tra le competenze tecniche fondamentali per uno specialista in ambito SEO vi sono le seguenti: capacità di fare ricerca keyword e link building, conoscenza del codice HTML, dei vari CMS come WordPress e Magento, e di tool come Google Analytics, Google Search Console e SEMrush. Se l’argomento SEO ha già iniziato a incuriosirti, leggi questo articolo. 

Vediamo, adesso, le attitudini che deve possedere chi aspira a diventare SEO Manager. Se sei ancora indeciso su quale professione scegliere, può darsi che questa sia quella che fa al caso tuo.

  1. Voglia di aggiornarsi: la SEO è una disciplina che necessita di un costante aggiornamento. Chi ambisce a diventare SEO specialist/manager deve essere una persona alla quale piace leggere quotidianamente le news di settore.
  2. Voglia di sperimentare: creare un proprio sito web è un ottimo modo per imparare sperimentando sul campo. Si deve essere persone con una mente dinamica, determinate a testare, in prima persona, il lavoro che verrà fatto sui siti dei futuri clienti.
  3. Capacità di gestire un team: un SEO manager deve necessariamente interfacciarsi con altri professionisti del digitale impiegati nella sua stessa azienda o web agency. Dal momento che un SEO manager è chiamato a gestire un team già esistente, oppure a crearne uno da zero, deve avere una certa predisposizione al lavoro di squadra. Ciò comporta la capacità di comprendere gli altri membri del team ed entrare in relazione con loro affinché ognuno possa svolgere il proprio ruolo in modo sereno e produttivo.
  4. Abilità nel comunicare: questa capacità si collega a quella sopra. Un bravo SEO manager deve distinguersi per le sue spiccate doti interpersonali, in quanto, come visto, vive la propria giornata lavorativa a contatto con gli altri.
  5. Mente analitica e umanistica: chi lavora con la SEO deve avere sia propensione per i numeri che per la creazione di contenuti. L’ideazione di un buon piano editoriale, infatti, aiuta il sito web in questione ad accrescere la propria credibilità all’interno del mercato di riferimento. Così come la conoscenza della web analytics facilita l’individuazione del proprio target e dei suoi interessi.
  6. Buona capacità decisionale: un SEO manager si trova a gestire situazioni complesse. Per fronteggiarle al meglio deve avere sangue freddo e capacità di prendere decisioni velocemente.

Se ti sei riconosciuto in questo profilo caratteriale, ti suggerisco di frequentare il Corso SEO Manager. Con buona probabilità il tuo lavoro ideale è proprio questo. Se invece, sebbene la SEO ti incuriosisca, sei consapevole di non essere un leader nato, puoi frequentare il Corso SEO Specialist così da proporti alle aziende come figura tecnica.

 

SEO/SEM Specialist

Una figura professionale strettamente collegata a quella del SEO specialist è quella del SEO/SEM specialist. Si tratta di un professionista che deve avere conoscenza della SEO, di cui ti ho già parlato, e del SEM, ovvero del Search Engine Marketing.

Mentre chi si occupa di SEO lavora per fare posizionare le pagine di un sito web tra i primi risultati organici del motore di ricerca, chi fa SEM, per ottenere lo stesso risultato, seleziona e acquista un certo numero di keyword a pagamento.

Le keyword su cui il SEO/SEM Specialist investe economicamente sono quelle ritenute vantaggiose per il business. Come fa a riconoscerle? Sono quelle digitate dagli utenti sulla barra di ricerca di Google. Dunque, il traffico al proprio sito o a quello del cliente viene portato pagando il motore di ricerca per l’inserimento di una serie di banner pubblicitari.

Dopo avere cliccato su questi banner, l’utente atterra su una specifica pagina del sito contenente una call to action (per esempio, la compilazione di un form). SEO e SEM sono due attività complementari, motivo per cui, molto spesso, chi si occupa dell’una gestisce anche l’altra.

Le attitudini che deve avere un aspirante SEO/SEM Specialist sono le seguenti:

  1. Mente strategica: in un ambito come quello della SEO e del SEM è necessario studiare la propria concorrenza, il target di riferimento e la fetta di mercato in cui ci si deve inserire, prima di elaborare una strategia.
  2. Capacità di analisi: nel momento in cui viene messa in atto lo strategia, il SEO/SEM Specialist deve trasformarsi in un attento osservatore. Il suo compito è quello di analizzare l’andamento delle campagne SEM per migliorarne le performance attraverso gli aggiustamenti necessari.
  3. Creatività: una volta che l’utente ha cliccato sul banner atterrerà su una landing page. Affinché compia l’azione desiderata, è necessario assicurarsi che il contenuto all’interno della pagina, così come la sua efficacia sul lato estetico, siano all’altezza delle aspettative. Per questo motivo, un SEO/SEM specialist deve poter fare affidamento su una buona dose di creatività.
  4. Interesse all’aggiornamento continuo: Le discipline in ambito digitale richiedono una grande curiosità verso la propria professione. L’aggiornamento continuo è fondamentale per risultare preparati e competenti.
  5. Voglia di sperimentare: chi sceglie di occuparsi di SEO e SEM deve essere una persona a cui piace fare dei veri e propri test sul proprio sito web per verificare l’efficacia delle azioni intraprese e, al contempo, capire le ragioni della scarsa riuscita di altre. 

Se fino ad ora eri indeciso su quale professione scegliere, ma  ti sei riconosciuto nelle qualità indispensabili a un bravo SEO/SEM specialist, il Corso SEO/SEM Specialist fa al caso tuo. Avrai modo di studiare e fare pratica per svolgere questa professione al meglio.

 

 

Digital Marketing Specialist

Per ultima, voglio presentarti la figura professionale del digital marketing specialist. Per ricoprire questo ruolo è essenziale essere competenti in tutti gli ambiti del digital marketing.

La preparazione di questo professionista deve spaziare dalla SEO al content marketing, dall’inbound marketing al social media marketing, dalle campagne SEM alla web analytics e via dicendo.

Di grande importanza è anche che le conoscenze del digital marketing specialist non siano limitate alla teoria, ma facciano affidamento su esperienze di lavoro concrete.

Concentriamoci, adesso, sul tipo di carattere che deve avere chiunque voglia diventare digital marketing specialist:

  1. Intuito: sebbene nel digital marketing i tool per monitorare l’andamento delle proprie strategie siano numerosi, non sempre questi strumenti riescono a fornire tutti i dati di cui si ha bisogno. Tuttavia, conoscendo bene i propri clienti e il proprio settore, un bravo digital marketing specialist può prendere le giuste decisioni per l’azienda anche in presenza di dati numerici parziali. In questo caso quindi è necessario avere un certo intuito, proprio perché bisognerà fare affidamento sulle proprie valutazioni.
  2. Curiosità: un digital marketing specialist deve cercare sempre occasioni di aggiornamento, che si tratti di letture sui siti web autorevoli in materia, così come di eventi a cui prendere parte. Il digitale cambia sempre e una mente curiosa e appassionata del proprio lavoro ha una marcia in più.
  3. Mente analitica: una propensione all’analisi è necessaria. Ogni azione di marketing, infatti, viene intrapresa solo dopo aver osservato i propri utenti e clienti. Si tratta della capacità di valutare correttamente i dati raccolti e trasformarli in una strategia di impatto.
  4. Buone capacità di adattamento: i bisogni dei potenziali clienti e di quelli già acquisiti variano nel tempo, pertanto è necessario avere una mente in grado di assorbire il cambiamento e tradurlo in nuove ed efficaci strategie. Vietato quindi rimanere ancorati ai vecchi schemi e non tentare nuove strade. Una buona capacità di adattamento consiste anche nel riuscire a lavorare in contesti diversi e a svolgere più mansioni contemporaneamente se necessario.
  5. Creatività: ormai tutte le aziende sanno che essere creativi è l’unico modo per emergere realmente in un mercato come quello odierno in cui l’offerta è vasta e di qualità. Per questo motivo essere creativi, e allenare costantemente la propria creatività, è diventata una necessità.

Se ti sei riconosciuto nella descrizione delle attitudini personali del bravo digital marketing specialist, sei a un passo dal fare il tuo lavoro ideale. Pertanto, ti suggerisco di frequentare il Corso Digital Marketing Specialist e di dare avvio alla tua nuova carriera nel digitale.

 

Fai il nostro test attitudinale e scopri qual è il lavoro giusto per te!

test professioni digitali

 

Conclusioni

In questa mini guida ho voluto prendere in esame la situazione di chi non sa quale professione scegliere. Che tu sia diplomato e convinto di non intraprendere una carriera universitaria, neolaureato, oppure insoddisfatto della tua attuale professione, tieni presente che la ricerca del lavoro ideale è un problema comune a molte persone.

In tanti, infatti, faticano a trovare una dimensione lavorativa che rispecchi realmente il loro modo di essere e che faccia sentire loro di poter dare un contributo significativo. Allo stesso modo, chi è in cerca della propria strada può sentirsi confuso e disorientato.

Conoscendo se stessi a fondo è possibile dirigere le proprie energie verso un lavoro in grado di tenere alta la motivazione nel tempo: requisito indispensabile per sentirsi soddisfatti. Per questo motivo, mi sono soffermata sulle attitudini personali che è bene che tu abbia se vuoi ricoprire un determinato ruolo.

Spero che questa lettura e il test attitudinale sul lavoro ideale ti abbiano aiutato a capire che lavoro fare.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Social media specialist amp e seo specialist E-COMMERCE SPECIALIST

Guendalina Barbagallo on FacebookGuendalina Barbagallo on InstagramGuendalina Barbagallo on PinterestGuendalina Barbagallo on Twitter
Guendalina Barbagallo
Laureata magistrale in Lingue per la Cooperazione Internazionale, attualmente sono Content Marketing Practitioner in Digital Coach. Nel tempo libero mi piace leggere, scrivere, viaggiare e praticare yoga.