Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.5 stelle
    4.5 / 5 (32 )
  • Vota!


Come creare un blog: te lo sei mai chiesto? Oggi dare voce al proprio business attraverso un blog è fondamentale per trasformare gli utenti in clienti (ebbene sì, con un blog si può guadagnare!). Il blog si rivela uno strumento efficace anche per fare personal branding. Ma come si crea un blog gratis su Internet? In questo articolo ti spiego come creare un blog personale e di successo in pochi e semplici passaggi. Vedremo anche come creare un blog di moda e di cucina: i food blogger e i fashion blogger stanno facendo scuola nel mondo della scrittura digitale.

I vantaggi di un blog

Lo so, stai pensando che scrivere richiede tempo e che “Italiano” non era la tua materia preferita alle Superiori. Creare un blog, però, non è affatto complicato come può sembrare ed, inoltre, gestire un blog produce numerosi vantaggi. Quali? Essere riconoscibili sui motori di ricerca, ad esempio. Creare un blog ben editato dal punto di vista SEO ti consentirà di “scalare” la SERP di Google e di essere trovato dai clienti. Attraverso un linguaggio diretto potrai, inoltre, comunicare il tuo messaggio al tuo pubblico di riferimento liberandoti dall’approccio freddo del linguaggio istituzionale e dalla classica scrittura “marchetta” dove il “noi” la fa da padrone. Il Blog sarà il tuo diario segreto, il tuo compagno di viaggio, la culla del tuo Digital Storytelling. Oggi fare personal branding è sinonimo di successo e cosa c’è di meglio se non creare un blog su Internet? Un blog, inoltre, è sinonimo di autenticità: su di esso non scriverai mai qualcosa che non pensi o che non ti appartenga. Nelle pagine del tuo percorso online, per creare un blog di successo, il lettore deve capire in modo netto e senza ombra di dubbio, chi sei e cosa fai e perché sei la risposta giusta ai suoi interrogativi. 

Come creare un blog gratis

Ma come si fa a creare un blog gratis su Internet? La soluzione, anche in questo caso, è nella rete. Esistono diverse piattaforme per creare blog gratis sul web; le più popolari ed utilizzate sono senz’altro blogger.com e wordpress.com. Blogger è la piattaforma di blogging di Google nella quale viene messa a disposizione dell’utente uno spazio gratuito in cui poter creare un blog e pubblicarlo in modo semplice e veloce. Per utilizzare Blogger non occorre conoscere linguaggi di programmazione nè acquistare spazi sul web; inoltre, con Blogger è possibile creare un blog e guadagnare con la realizzazione di contenuti grazie all’utilizzo dei banner di Adsense. Per creare un blog su questa piattaforma è necessario un account Google (il procedimento è il medesimo di quello dell’indirizzo Gmail). Una volta giunto nel pannello di amministrazione ti basterà cliccare sul pulsante “Nuovo blog” e il gioco sarà fatto (l’indirizzo finale sarà [nome].blogspot.com). Scelto il tema grafico, sarà sufficiente selezionare “Crea blog” per completare l’operazione ed iniziare a pubblicare.  

Se Blogger è popolare, WordPress non è da meno, anzi: si tratta del CMS (Content Management System) più usato al mondo. Esistono due modi per utilizzare questa piattaforma: la prima inerente alla creazione di un blog gratuito su WordPress.com; la seconda, più avanzata, basata sul self-hosted che consente di caricare WordPress su uno spazio web acquistato separatamente. La prima soluzione è adatta ad un utente alle prime armi, che deve prendere confidenza con l’universo dei blog e dei blogger proprio come te; la seconda, invece, è per quanti hanno già un blog e vogliono personalizzarlo con plugin avanzati e desiderano guadagnare con banner pubblicitari. Fatte le dovute premesse, è ora di iniziare a creare!

Per dar vita al tuo blog gratuito su WordPress.com, devi collegarti alla pagina iniziale del servizio e cliccare sul pulsante “Crea sito Web”. Il sistema ti chiederà dunque di selezionare il tema grafico e di scegliere il tuo indirizzo ([nome].wordpress.com).Una volta selezionato “piano gratuito” e creato il tuo account potrai accedere alla tua area personale e cominciare a personalizzare il tuo blog. Sei pronto per scrivere il tuo primo articolo? Bene, clicca sull’apposita icona e fai scorrere le dita sulla tastiera: vedrai che le parole arriveranno da sole. Quali sono le principali differenze tra Blogger e WordPress? Il primo non può essere utilizzato in modalità self-hosted (quindi non si può installare su uno spazio web acquistato separatamente) e non prevede l’utilizzo di plugin. Blogger, però, come scritto in precedenza, permette agli utenti di monetizzare i propri contenuti usando i banner di AdSense.

Blogger e WordPress non ti hanno convinto? Nessun problema. Sul web puoi trovare molte altre piattaforme per creare un blog gratis su Internet. Prendiamo ad esempio Tumblr, il “social/blogging” (il Blogger di Yahoo). Tramite Tumblr si possono postare articoli, foto, video e citazioni proprio come avviene su Facebook e si gestisce un profilo personale in pieno stile Social Network. Gli altri utenti iscritti al servizio possono condividere i tuoi post  sui tumblelog o aggiungerli ai preferiti. Per aprire il tuo blog su Tumblr devi registrarti e accettare i termini di condizione. Come avviene per Blogger anche Tumblr non può essere installato su uno spazio web esterno, ma è possibile acquistare un dominio personalizzato e usarlo come tramite per il proprio tumblelog; non consente di monetizzare direttamente i contenuti. 

Simile a WordPress è Joomla, un CMS free progettato per essere installato su uno spazio web acquistato separatamente. Può essere utilizzato su servizi di hosting gratuito (come Altervista che supporta altresì WordPress). Infine, abbiamo Medium, una piattaforma di blogging nata dai creatori di Twitter. Come concept è simile a Tumblr, ma permette di postare contenuti più lunghi con una grafica accattivante. Con Medium non si possono monetizzare i contenuti e non si può installare su uno spazio web esterno.

Come creare un blog di successo

Bene, ci siamo: hai scelto su quale piattaforma puntare per iniziare la tua avventura da scrittore ed ora devi cominciare a pensare ai tuoi contenuti. Esatto, i contenuti. Per creare un blog personale di successo devi postare informazioni di qualità. Il principio chiave del content marketing verrà in tuo aiuto: non conta quanto pubblichi, ma come pubblichi dal momento che “content is king“. Se ti piace scrivere non farti prendere troppo la mano: ricordati che il tuo compito è quello di rispondere ai bisogni degli utenti. Tu devi essere la soluzione ai loro problemi e quindi l’autoreferenzialità è sconsigliata per creare un blog di successo. Ecco alcune regole da seguire per fare centro.

  • Scegli un argomento sul quale ti senti preparato e che ti rappresenti ed inizia a metterti nei panni del lettore. Stai rispondendo alle sue domande?
  • Il tuo linguaggio deve essere chiaro e semplice, devi imparare ad andare dritto al punto senza troppi giri di parole. La concorrenza nel web è spietata e la tua unicità deve emergere sempre e comunque.
  • Cura i tuoi articoli in ottica SEO: in questo modo riuscirai ad indicizzarti meglio sui motori di ricerca e a raggiungere un numero maggiore di utenti.
  • Posta con regolarità mantenendo sempre lo stesso tone of voice e scegliendo argomenti inerenti al tuo target di riferimento. Periodicità deve fare rima con utilità.
  • Impara a conoscere internet e le sue dinamiche: studia, leggi, aggiornati. Un blogger deve essere in costante evoluzione

Come creare un blog e guadagnare

Se vuoi creare un blog e guadagnare con Internet puoi utilizzare Blogger e WordPress come ti ho spiegato in precedenza, ma devi sempre tenere presenti delle linee guida. Sono numerosi i casi di blogger che sono riusciti a sbarcare il lunario grazie al loro blog; quella del blogger è infatti un’idea di lavoro autonomo da tenere presente per riqualificare la propria professionalità e puntare sul digitale. Per prima cosa devi decidere se creare un blog di notizie, puntando su contenuti unici che possono diventare virali e per i quali il successo è tendenziale (dura cioè per un determinato lasso di tempo, esattamente come avviene al lancio di un prodotto) o se vuoi realizzare un blog di opinion-leading. Di cosa si tratta? Di Blog nati espressamente con lo scopo di promuovere il blogger e le sue idee al fine di farlo diventare un opinion leader in un determinato campo: un influencer. Ecco perché avere chiaro il tuo obiettivo, il tuo perchè e la tua mission è fondamentale per realizzare il tuo blog di opinion-leading. La tua personalità sarà la chiave di volta per emergere, quella che ti farà guadagnare un bel po’ di soldini. Degli esempi? I blog di Dario Vignali e Gianluca Diegoli in ambito marketing, quello di Chiara Ferragni nel fashion e Marie Forleo nel coaching. Se il tuo obiettivo è guadagnare, ecco i principi da rispettare:

  • Il blog non deve diventare il tuo fine, ma il tuo mezzo, la tua estensione virtuale;
  • Usa un linguaggio semplice, ma diretto con i tuoi lettori: creare empatia è uno dei requisiti per dar vita ad un blog di successo; 
  • Scegli un nome significativo: chiamare il proprio blog con il proprio nome è un’ottima strategia di personal branding.

Si può guadagnare con un blog in forma passiva (banner, sponsorizzazioni, affiliazioni) o attiva (conferenze, corsi, eventi, webinar). Facciamo alcuni esempi di guadagni “passivi” ovvero, introiti per i quali non è necessario il tuo intervento diretto:

  • Banner: guadagni a seconda di quanti visitatori visualizzano e/o cliccano sui banner ospitati sul tuo blog;
  • Infoprodotti: il guadagno è dato dalla vendita sul tuo blog di guide, manuali o ebook; 
  • Aree premium: rendere accessibili alcune aree del tuo blog solo a pagamento e guadagnare su di esse. 

Ed ora passiamo ai guadagni attivi ovvero gli introiti generati dal tuo diretto intervento grazie al blog:

  • Conferenze: tieni conferenze riguardanti il mercato di riferimento del tuo blog e vieni pagato per esse;
  • Eventi: vieni pagato per presenziare ad eventi o conferenze di ogni genere e per promuoverle sul tuo blog e sui tuoi canali sociali;
  • Consulenze: tieni delle skypecall o delle chiamate tramite hangout ad personam e vieni pagato per queste;
  • Corsi: ottieni un compenso per tenere corsi online (webinar) o offline riguardo alle tue materie di competenza.

Come creare un blog di moda

Abbiamo citato prima l’esempio di Chiara Ferragni che, con il suo “The Blond Salad”, nel 2014 ha fatturato ben 8 milioni di euro. Quella del fashion blogger è senz’altro una professione digitale molto gettonata in Italia; per diventare un blogger di moda non basta, però, essere appassionati di sfilate e passerelle. Come si crea un blog di moda? Anche in questo caso il punto di partenza, se vuoi intraprendere questa strada, sei proprio tu. Parti con un’attività di personal branding efficace e creati una tua community. Non dimenticare, poi, di studiare i comportamenti dei consumatori in base al principio “dimmi che scarpe indossi e ti dirò chi sei”.

Dovrai essere riconoscibile attraverso la tua unicità: copiare i contenuti altrui, per quanto vincenti, non ti aiuterà a creare un blog di successo e a guadagnare con esso. E Poi?

  • Scegli con cura il tuo pubblico di riferimento: un’audience di teenager è diversa da quella di una donna in carriera; 
  • Diventa visibile e credibile tramite i Social Media puntando specialmente su Instagram e Pinterest i social maggiormente visual;
  • Costruisci il tuo brand passo dopo passo e punta sulla qualità dei contenuti;
  • Crea relazioni autentiche con influencer del settore: fare rete è fondamentale

Come creare un blog di cucina

Se il fashion è gettonato dai blogger, il food è al primo posto per quanti in Italia hanno deciso di puntare sul blog per fare carriera e guadagnare con esso. Come si crea un blog di cucina? I principi sono i medesimi di quelli di un normale blog, con alcune peculiarità. 

  • Associa sempre a una parte descrittiva, una sezione più schematica per descrivere la ricetta passo passo;
  • Utilizza un linguaggio semplice;
  • Fatti aiutare dalle immagini o dai video: postare fotografie di piatti appetitosi aumenterà il tuo engagement;
  • Condividi i tuoi articoli sui social e chiedi ospitalità a food blogger famosi.

Ora che hai imparato a creare un blog non ti resta che cominciare a scrivere oppure segui il corso personal branding di Digital Coach.

Non dimenticare: il lavoro si impara sempre sul campo.

 

 

Michela Trada on sabtwitterMichela Trada on sablinkedinMichela Trada on sabgoogleMichela Trada on sabfacebook
Michela Trada
Giornalista, content marketing consultant