Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 5 stelle
    5 / 5 (1 )
  • Vota!


Come di consueto siamo all’appuntamento settimanale del mercoledì con le interviste a protagonisti del mondo e-commerce italiano . Questa settimana abbiamo intervistato Antonio Lembo, CEO di Terashop con il quale abbiamo approfondito il tema della generazione e conversione del traffico web .

Traffico web: le attività più diffuse per generarlo

Traffico web, ‘una volta’ era molto semplice generarlo: SEO, campagne PPC, e-mail marketing producevano vendite. Oggi invece il traffico web deve intercettare i bisogni espressi degli utenti, persuaderli, coinvolgerli con contenuti e esperienze interessanti, fidelizzarli e infine generare advocacy.  Chi fa E-commerce sa, infatti, che generare traffico web e attrarre consumatori sono due delle attività che non smetterà mai di fare ed oggi più che mai esse sono talmente interconnesse da divenire quasi una cosa sola: ogni qualvolta si pensa ad attività di Digital Marketing lo si fa si nell’ottica di generare traffico web, ma soprattutto di coinvolgere l’utente, per migliorare la conversion rate e soprattutto il ROI. In sostanza meglio poco (tanto), ma buono (eccellente) cioè che converta.

Ho incontrato Antonio Lembo, CEO di Terashop, un’azienda che da oltre 10 anni aiuta piccole e grandi realtà a sviluppare la propria attività di E-commerce a 360 gradi, dalla realizzazione del sito internet fino alle più diffuse attività promozionali, con un occhio attento al ROI. Antonio ci racconta come per Terashop e i suoi clienti l’email-marketing è ancora uno strumento che genera il più alto conversion rate a costi relativamente contenuti, ma che da qualche tempo stanno sperimentando l’RTB – Real time Bidding – grosse piattaforme che mettono a disposizione degli inserzionisti spazi pubblicitari invenduti che permettono di lavorare secondo le più svariate modalità (CPC, CPS etc). Questo unitamente a campagne di social engagement danno ottimi conversion rate e permettono di migliorare il ROI. E non dimentichiamoci della nuova piattaforma di Facebook che ora permette di intercettare i bisogni degli utenti in maniera davvero segmentata. Ma sentiamo direttamente da Antonio come si sta muovendo oggi nello sterminato mondo del Digital Marketing:

Alcune delle attività che Terashop realizza per i propri clienti prevedono la realizzazione di e-temporary store e incentive shop. I temporary e-store servono a lanciare prodotti, soprattuto di nuove aziende, sul mercato e sono accompagnati da campagne in cui l’utente è chiamato a fare qualcosa per avere qualcos’altro in cambio, generando molta brand awareness -e conversioni- in poco tempo. Gli incentive shop invece sostituiscono i vecchi cataloghi di incentivazione cartacei con tutti i benefici delle nuove tecnologie. Vi ricordiamo -qualora foste interessati- che questi temi vengono ampiamente sviluppati nei master in E-commerce e Digital Marketing di Digital Coach. Vi invitiamo quindi a chiedere un colloquio di orientamento a questo link  nel quale vi verranno spiegati in dettaglio entrambi i percorsi.   Elena Boccalini Master in E-Commerce  google.com/+ElenaBoccaliniElena it.linkedin.com/in/elenaboccalini/

RICHIEDI RISORSE GRATUITE

Se desideri ricevere RISORSE GRATUITE, AGGIORNAMENTI, INTERVISTE ED OFFERTE DI LAVORO NEL DIGITALE ti basta indicare i tuoi interessi/obiettivi e la tua email nel form sottostante.Ti invieremo contenuti allineati ai tuoi interessi e ti garantiamo che non cediamo ne cederemo a terzi il tuo indirizzo e-mail .

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Elena Boccalini