Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.9 stelle
    4.9 / 5 (17 )
  • Vota!


Shopping su Instagram che si apre all’e-commerce

Quante volte vi sarà capitato di scorrere le foto, esclamare “ma che bello, lo comprerei!” e avere la voglia compulsiva di fare shopping su Instagram, riferendovi agli oggetti più svariati quali vestiti, scarpe, mobili, gadget, motori, orologi etc. Il social di fotografie più utilizzato al mondo, vi semplifica la vita e mette a disposizione la sua vetrina anche per l’acquisto: tutto questo è possibile grazie alla modalità “shopping” che permette l’inserimento di un nuovo tipo di post chiamato “shoppable post” il quale prevede un tag speciale che collega gli oggetti della foto direttamente all’e-commerce corrispondente: è questa la nuovissima frontiera dello shoppable content.

Il servizio nato dalla partnership tra Instagram e Shopify (una delle le piattaforme di e-commerce più utilizzata) è stato testato in America per circa un anno su un campione di aziende selezionate. Dopo il successo ottenuto l’iniziativa arriva anche in altri nove paesi tra cui l’Italia. Le aziende hanno così in mano un potente strumento per portare il content marketing in altri lidi e sfruttare l’influenza delle immagini su Instagram per aumentare le conversioni. 

Cos’è lo shoppable content

Questa novità si inserisce in un era digitale in cui il punto non è più vendere un prodotto ma vendere un’idea, un modo di essere, un concetto, una fantasia, un’emozione: questo scopo si può raggiungere solo con strategie di content marketing. Per questa ragione prima di capire come si usa la modalità shopping su Instagram è necessario capire cosa si intende per shoppable content e come il social network si inserisce in questo quadro. 

Da tempo il content marketing è uno degli elementi che determina il successo di un brand, la creazione e la diffusione di uno storytelling diventa sempre di più un esigenza per gli utenti, ma per quanto il content sia strategicamente potente contenuti e vendita dei prodotti sono sempre stati due faccia della stessa medaglia, inseparabili ma mai insieme nello stesso momento: o testa o croce.

Così per rispondere ad un mercato in continua crescita e ad un uso sempre maggiore dei social network nasce lo shoppable content che unisce lo storytelling all’acquisto immediato per aumentarne l’efficacia e rendere l’esperienza dell’utente più completa e immersiva. 

Shoppable content letteralmente vuol dire “contenuto acquistabile” e si riferisce a tutti quei mezzi di comunicazioni, quali foto e video, in cui è possibile selezionare un prodotto e comprarlo subito dopo averlo visto. L’esigenza di alzare ancora una volta l’asticella del content marketing deriva dalla consapevolezza del mercato: oggi che oggi le aziende infatti si devono interfacciare con clienti sempre più esigenti, resi tali dal continuo avanzare della tecnologia e dalla possibilità di avere “ora” quello di cui hanno bisogno. Tutti i social ormai sono delle vetrine e sotto questa luce ogni utente vorrebbe avere subito quello che attira la sua attenzione tra un contenuto social e un altro. 

shoppable contentLe vie offerte da questo tipo di comunicazione sono infinite e molto forti perché toccano le corde emotive e sognatrici degli acquirenti latenti. Parliamo di prodotti che si inseriscono alla perfezione in un racconto senza snaturarlo, anzi dandogli valore proprio grazie alla propria presenza, e senza interromperlo (a differenza della classica pubblicità). Non a caso Instagram è nato come il “social dell’ispirazione”: già questo sembra un ottimo punto di partenza per sfruttare al meglio la creazione di storie e contenuti aprendo le porte a tante possibilità creative. Vediamo adesso come.

 

 I punti forti dello shopping su Instagram

Gli shoppable post hanno una potenzialità tutta da esprimere e da scandagliare. Il loro utilizzo potrà fare la differenza per molti brand, soprattutto per le piccole e medie aziende che possono trovare in questo servizio un mezzo economico ma efficace grazie ai molti assi nella manica di cui dispone:

L’uso di un canale di acquisto preferenziale: L’80% dei navigatori internet su Mobile utilizza lo Smartphone per prendere decisioni d’acquisto o relazionarsi con i brand interessati. Il 34% lo usa anche per finalizzare la transazione.

 L’individuazione di acquirenti latenti: Solitamente chi accede ad un e-commerce lo fa perché sta cercando qualcosa, perché si è informato precedentemente e sa cosa gli serve con esattezza. Utilizzando un post, in cui si racconta in primis una storia, sarà possibile intercettare anche quegli utenti che prima di quel momento non avevano in programma di comprare il prodotto mostrato: non si fa altro che anticipare le esigenze dell’utente e a volte dargli vita dal nulla, come? Basta creare un’immaginario dietro il prodotti e con i post di Instagram la sfida diventa più semplice.

La creazione di un’esperienza completa e diretta: l’utente non avrà scuse, anche il più pigro cederà, non si tratta più di vedere un prodotto in una foto, andarlo a cercare nel browser e poi passare all’e-commerce. Rendere tutto più veloce è il modo per “accompagnare” virtualmente il cliente durante la sua esperienza e lasciare poco margine ai ripensamenti.

Il soddisfare una tendenza ormai dilagante: questo servizio si inserisce spontaneamente all’interno del solito e quotidiano agire dell’utente. Una semplice navigazione può trasformarsi in un’opportunità di acquisto anticipando persino le esigenze del proprio target. Lo shoppable post non ha fatto altro che concretizzare una tendenza ormai dilagante tra gli utenti: usare ogni giorno i social come vetrine o magazine di moda da sfogliare. 

L’ispirazione: Se si è bravi a creare dei buoni contenuti il prodotto passerà in secondo piano rispetto a quello che rappresenta e questo lo renderà ancora più interessante agli occhi dell’utente. 

Come creare gli shoppable post

Il procedimento per creare uno shoppable post è semplice, basta seguire pochi passaggi e possedere alcuni requisiti indispensabili. 

Cosa serve per accedere al servizio?

Possono accedere al servizio:

  • Solo i profili business collegati alla pagina aziendale di facebook. Per chi ha ancora il semplice profilo utente basterà effettuare lo switch al profilo Instagram Business con un semplice comando presente nel menu “Options” (come mostra l’immagine in basso).

 

intagram business

 

  • Gli account configurati da un indirizzo IP situato in America, Regno Unito, Australia, Canada, Germania, Francia, Italia, Spagna o Brasile.
  • Avere una pagina Facebook Shop approvata (fondamentale per creare il collegamento con i prodotti nella sezione “vetrina” di facebook shop). Determina quali prodotti hai intenzione di offrire per l’acquisto e ricordati che è necessario impostare ciascun prodotto singolarmente e inserire i dettagli inclusi il nome, il prezzo e il collegamento al prodotto sul proprio sito Web e-commerce. 

Una volta soddisfatti questi requisiti, si può iniziare a caricare i post adibiti allo shopping su instagram e permettere l’acquisto dei prodotti direttamente da una fotografia

Come realizzare il post 

Lo shoppable post si crea come qualsiasi altro post ma con qualche semplice passaggio in più:

  1. Carica la tua immagine su Instagram: carica la foto, contenente il prodotto o i prodotti, proprio come faresti con qualsiasi altra immagine.
  2. Tagga i prodotti: una volta aggiunta la foto, seleziona per l’opzione “tag products” 
  3. Crea il collegamento con i prodotti su facebook: una volta selezionato l’elemento da taggare comparirà la lista dei prodotti facebbok, seleziona il prodotto da collegare e abilita il tag. In questo modo ogni prodotto avrà all’interno della fotografia tutte le info necessarie e il prezzo relativo.
  4. Pubblica il post 

tag prodotti vetrina facebook

 

L’uso da parte dell’utente

Dopo aver pubblicato il post l’utente riconoscerà la natura “shoppable” della foto grazie alla presenza dell’icona a forma di shopping bag situata nell’immagine, in basso a sinistra. Basterà un tap su questa icona per far comparire dei pop-up rettangolari all’interno della foto, uno per ogni prodotto taggato, con il nome del prodotto, le caratteristiche e ovviamente il prezzo. L’utente, a questo punto, potrà selezionare il prodotto che gli interessa e visualizzarlo nel dettaglio. Nel momento in cui fosse interessato all’acquisto, basterà un clic su “Shop Now” per essere catapultato immediatamente nella pagina dell’e-commerce di riferimento per procedere con il pagamento.

shoppable post

La sfida creativa

Adesso i brand dispongono di una nuova arma nel loro arsenale e non di poco conto: il successo dello shopping su Instagram è dietro l’angolo e può segnare una vera e propria rivoluzione nel modo di fare e-commerce. In questo nuovo quadro che si sta dipingendo, le aziende dovranno superare una sfida difficile: la sfida creativa. Il mezzo è indubbiamente forte ma è sorretto da un fattore fondamentale, ovvero i contenuti e lo storytelling. Il rischio da evitare è sicuramente quello di utilizzare il profilo Instagram come un semplice surrogato della piattaforma e-commerce ufficiale. Questo è un errore da evitare assolutamente, la chiave del successo, in questo caso più che mai, è rispettare la natura del social di riferimento e sfruttarne al massimo le potenzialità narrative e suggestive per far vivere STORIE! Inizia ora la battaglia per distinguersi e fare la differenza.
Quindi per le azione “buon lavoro” e per gli utenti, ovviamente, “buon shopping su instagram”. 

Come ha dimostrato l’articolo, il mondo digital si muove alla velocità della luce, per stare al passo scopri questo master e l’e-commerce non avrà più segreti per te!

Vittoria Salvo
Laureata in discipline della comunicazione e specializzata in televisione, cinema e new media, coltivo una grande passione per il mondo sfaccettato e dinamico della comunicazione digitale: dalla scrittura al visual e dai video al creative content.
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]