Seleziona una pagina

Possiedi un sito web o lavori per un’azienda che vende online? Cercare di aumentare le vendite del tuo e-commerce è di certo la tua ossessione. Una cosa è certa, sei nell’articolo giusto! Ti fornirò consigli utili a far crescere le Tue vendite online che vorrai ringraziarmi personalmente per averti dato queste dritte. Dai scherzo, mi basta che tu riesca a trovare quello che ti manca o che ti si accenda la lampadina per raggiungere il tuo obiettivo; certo se poi vorrai farlo, sarò felicissima. Anche se ti stai approcciando da poco alla materia, potrai trovare parecchi spunti di riflessione e apprendere alcune strategie. Intanto, prima di iniziare, ci tengo a ribadire che quello delle vendite online è un settore molto vasto e complesso e porta con sé forse tutti gli ambiti del digital marketing. Per questo, a prescindere dall’andamento del tuo sito e-commerce, tenersi aggiornati sulle strategie per vendere online non è mai sbagliato, anche perché non si finisce mai di migliorare un e-commerce

Le opportunità offerte in questo campo sono molteplici, tanti i corsi e-commerce tra i quali spaziare se sei già occupato in questo settore, vorresti aprire uno shop online o stai ancora studiando. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ora però cominciamo, le cose di cui parlare sono tante. Andiamo a vedere come aumentare le vendite di prodotti sul tuo sito web. Buona lettura.

 

Scopri attraverso questo Webinar Gratuito come far decollare le Vendite del Tuo Negozio Online

ISCRIVITI SUBITO

 

Come aumentare vendite E-commerce in 7 step

 

Come migliorare le vendite online è il pensiero fisso di ogni proprietario o impiegato di un e-commerce. Oggi è facile aprire un sito ed iniziare a vendere, non è altrettanto facile ottenere dei guadagni reali e proficui. Bisogna mettere in atto delle tecniche per aumentare le vendite studiate e mirate, non si può improvvisare e pretendere di ottenere dei buoni risultati.

I problemi riscontrati possono essere molteplici, se volessimo racchiuderli in tre macro aree sicuramente devi controllare questi tre aspetti se non riesci a vendere:

  • numero di reali clienti
  • ordine medio effettuato sul tuo sito
  • frequenza con cui gli utenti riacquistano da te.

Prima di fare qualsiasi mossa senza nessuna strategia di vendita, fermati un attimo, rifletti su questi aspetti e punta al miglioramento di tutti e tre gli indicatori. Inizia a definire il piano di attacco facendo attenzione a questi 7+1 consigli per aumentare le vendite del tuo e-commerce che sto per indicarti.

test e-commerce specialist

 

Brand Awareness, non rimanere in disparte

 

Lavorare sulla tua Brand Awareness significa lavorare sulla conoscenza del brand, far sì che gli utenti si fidino del tuo marchio, lo riconoscano come affidabile e di conseguenza andare ad aumentare le vendite e-commerce. Questa è sicuramente una massima semplificazione del concetto ma la realtà dei fatti è che più persone ti conoscono, più persone si fidano di ciò che proponi e maggiore sarà la propensione all’acquisto. Così facendo otterrai benefici anche dal punto di vista della SEO e riuscirai a fare in modo che i clienti si fidelizzino, ovvero acquistino ripetutamente. 

Ti è mai capitato di abbandonare il carrello perché non ti sentivi sicuro/a del sito in cui stavi navigando, non era chiaro come pagare o con chi avessi a che fare? A me sì, questo significa che compito del brand è fare in modo che l’utente abbia chiaro a chi decide di dare i propri soldi. Non puoi permetterti di perdere un acquirente perché non si sente sicuro e perché hai sottovalutato di inserire alcuni dati. 

 Trasparenza e qualità sono i fattori principali per una buona Brand Awarness:

  • Fai capire chi sei, quali sono i valori che muovono il tuo business, metti la faccia in quello che fai
  • Non dimenticarti di inserire dati come il “dove ti trovi” 
  • Ancora più importante, adempi agli obblighi di legge: numero di iscrizione alla Camera di Commercio e Partita IVA devono essere sempre presenti nel sito
  • I contenuti che produci devono essere ottimi
  • Fornitori e partner affidabili
  • Nel caso ti rivolgessi a qualche influencer, bada bene a chi scegli per rappresentarti
  • Agisci sempre pensando all’effetto che potrai avere sulla reputazione del brand online.

 

CORSO E-COMMERCE MANAGER

 

Recensioni

 

Particolare rilievo voglio dare a quest’ultimo elemento da tener presente se vuoi aumentare il numero delle vendite online. Sfrutta qualsiasi occasione per incoraggiare gli utenti a lasciare subito una recensione o tornare inseguito a farla. Le recensioni aiutano a semplificare il processo decisionale dell’utente. Torniamo al discorso della sicurezza: più l’utente valuta sicura una piattaforma e ogni incertezza relativamente un prodotto viene meno, più sarà propenso a concludere l’acquisto. Uno studio di ricerca dello Spiegel Research Center della Northwestern University afferma che la visualizzazione delle recensioni può aumentare il tasso di conversione fino al 270%, soprattutto per quanto riguarda gli acquisti ad un prezzo alto: più un prodotto è costoso più è considerato rischioso comprarlo, perciò la conferma sulla qualità tramite le recensioni online sarà uno stimolo efficace a far chiudere la transazione. Il rovescio della medaglia è che i prodotti con 5 stelle vengono spesso visti con scetticismo, quelli con meno stelle sono considerati più affidabili. Questi i fattori, secondo la ricerca, che vanno ad influenzare l’impatto delle recensioni: 

  • Prezzo del prodotto
  • Grado di incertezza o rischio connesso all’acquisto
  • Valutazione media delle stelle
  • Presenza di recensioni negative
  • Numero di recensioni .

 

Semplifica la vita dei tuoi clienti

 

Uno dei primi aspetti che devi andare a verificare se non stai riuscendo ad aumentare le vendite del tuo e-commerce è la fruibilità del tuo shop. È cosa nota che navigazione ed esperienza utente favoriscono la conversione degli stessi, ma vediamo quali elementi specifici vanno ad influire sulla crescita delle vendite, questo ti aiuterà anche a capire come aumentare i clienti

  • Navigazione: per ogni sito è importante che sia ben navigabile, per un e-commerce è fondamentale che non ci siano ostacoli fastidiosi. In questo caso faccio riferimento alla struttura del menu, che deve essere immaginato per facilitare la ricerca degli utenti e portarli immediatamente sui prodotti che desiderano. Quanto pensi impieghi un potenziale cliente ad abbandonare lo shop se non trova subito quello che cerca? o se le categorie non sono strutturate in maniera intuitiva per poter raggiungere quanto prima il prodotto desiderato? Conosci già la risposta. Questo per farti capire che ragionare sull’architettura del sito è una strategia di vendita e-commerce di primaria importanza, così come i link interni e i prodotti correlati, tecnica quest’ultima che facilita la ricerca andando a stuzzicare un potenziale cliente. Il menu deve riportare alle sezioni più popolari, se una categoria non è popolare allora andrà inserita sotto quella che lo è, così aumenterai anche il PageRank.

 

 

  • Prodotti per popolarità: come ti dicevo creare una pagina con i prodotti più popolari fa si che l’utente acquisti immediatamente senza problemi. Elencarli in base al prezzo raramente si rivela una buona strategia.
  • Prodotti a confronto: Google valuta come migliori i siti che permettono ai propri clienti di confrontare la merce, perché li indica come siti web utili, quindi, bisogna attenersi al suo parere per rendersi desiderabili ai suoi occhi ed essere classificati.
  • Carrello visibile: l’utente deve avere sempre sotto controllo la situazione acquisti, perciò e bene che questo sia immediatamente riconoscibile.
  • Bottone acquisto visibile: come per il carrello, anche il bottone dell’acquisto deve essere ben visibile e in posizione strategica per minimizzare il tempo che passa dall’intenzione all’acquisto al click su “acquista”.
  • Processo checkout snello e sicuro: altra best practice è sicuramente quella di non richiedere l’iscrizione per far conoscere le spese di spedizione. Tante volte l’utente abbandona il carrello di fronte ad un processo troppo lungo. Il percorso tra l’inserimento del prodotto nel carrello e l’acquisto deve essere facile. Inoltre, utilizza diversi metodi di pagamento sicuri e conosciuti come PayPal, ad esempio, darai ampia scelta ai clienti e si sentiranno tranquilli scegliendo la modalità per loro più congeniale.
  • Ottimizzazione mobile: oggi la maggior parte di noi naviga da cellulare. Ti basta sapere questo per capire che non puoi tralasciare un simile aspetto ma cogliere l’occasione e ottimizzare tutta la struttura del sito affinché sia garantita un’esperienza unica agli utenti. Anche Google prende nota di questo e privilegia i siti con una buona leggibilità da mobile. Grazie a Google Analytics puoi verificare la provenienza del traffico e avere la conferma sul device più utilizzato dai tuoi clienti. Se più del 70% di essi proviene da mobile, corri a fare le dovute modifiche e migliorare il tuo e-commerce!

 

 

Sponsorizza e crea Campagne Online

 

Il terzo consiglio che voglio darti riguarda le sponsorizzazioni, il successo del negozio online dipenderà da questa azione. Come ti spiegavo all’inizio, il numero dei clienti è il primo fattore da controllare se non riesci ad aumentare le vendite del tuo e-commerce e il miglior modo per attrarre un alto numero di visitatori sul tuo sito è fare delle campagne pubblicitarie. La quantità non è l’unico elemento decisivo, attrarre migliaia di persone che non comprano nulla è di certo controproducente, è la qualità la chiave di volta. Grazie alle pubblicità online puoi trarre benefici da entrambi i fronti. In gergo tecnico parliamo di volume di traffico profilato per aumentare le conversioni: più le persone che atterrano sul sito sono interessate ai prodotti più aumenterà la probabilità che concludano un acquisto.

Una volta che hai chiaro questo, la tua attenzione deve focalizzarsi sulla provenienza del traffico. I modi per attrarre utenti sono molti e l’efficacia di una sorgente di traffico piuttosto che un’altra dipende anche in questo caso da più elementi come il settore di cui ti occupi, da quello che vendi e dai desideri dei tuoi clienti. Non esiste la fonte di traffico per eccellenza, solo le analisi preliminari e i test sul campo potranno darti una conferma certa del canale che più farà fruttare i tuoi soldi.

Non dimenticarti che un sano e-commerce sta in piedi anche solo grazie all’acquisto di traffico delle campagne pubblicitarie. Con questo non voglio dire che tutto ciò che riguarda i risultati organici, il lavoro sulla SEO, i piani di content o il Blog non siano utili, anche queste sono tutte strategie per aumentare le vendite online ma che richiedono più tempo per generare risultati e non è detto che le persone attratte vogliano acquistare realmente. 

Tornando alle sponsorizzazioni, ecco a te i canali pubblicitari maggiormente utilizzati che permettono l’aumento di vendite online.

 

Google Ads

strategia aumentare vendite e-commerceTutti abbiamo ricevuto e riceviamo pubblicità su Google, le conosciamo bene. Queste provengono dall’utilizzo dello strumento Google Ads, proprietà Google appunto, in grado di far vedere annunci pubblicitari in cima o al lato della SERP degli utenti intercettando le ricerche effettuate, utilizzando le parole chiave.Le possibilità offerte dalla piattaforma sono numerose: dalle campagne per Ricerca; Display; YouTube e Shopping, tutte con le proprie caratteristiche e pensate per raggiungere obiettivi specifici che devi avere bene chiaro in precedenza.

Una volta intrapresa questa scelta quello che dovrai tenere sempre a mente è di monitorare i risultati ottenuti dagli investimenti. Grazie all’integrazione di Google Analytics puoi tenere traccia di tutte le azioni fatte sul sito e ovviamente delle vendite, solo così potrai capire qual è l’azione che ha permesso di aumentare le vendite di prodotti sul tuo sito web.

 

Social Media

I Social Media sono dei canali che non puoi trascurare se vuoi aumentare le vendite del tuo e-commerce. A differenza di Google Ads, su questi canali è possibile profilare il target dei clienti andando ad intercettare i loro interessi e caratteristiche. Facebook è il primo social network, in costante crescita, che ti dà l’occasione di rintracciare ogni giorno milioni di potenziali clienti mettendoti a disposizione una targettizzazione molto raffinata. In fase di settaggio degli annunci di Facebook puoi anche decidere di far apparire le pubblicità su Instagram, senza costi aggiuntivi. Oltre agli interessi, ad esempio, puoi sfruttare opzioni come il “retargeting” o “pubblici simili ai tuoi clienti”. In base al tuo business tieni presente anche YouTube, Pinterest e LinkedIn, altre vetrine con milioni di utenti. Un professionista saprà definire la strategia pubblicitaria adatta alle tue necessità per capire come migliorare le vendite online. Ora sai che sarebbe uno spreco sottovalutare e non sfruttare delle proposte di campagne sui social media. 

 

Automazioni e retargeting i tuoi alleati

 

Fino ad ora ti ho parlato di volume di traffico profilato, di target mirato e costruito ad hoc per il tuo shop e di come fare per ottenerlo, ma una volta raggiunto questo obiettivo non è finita qui. Ti ho anche detto che il monitoraggio è l’altro aspetto fondamentale per capire come aumentare le vendite online. Perciò, quando dall’analisi dei dati verificherai che un utente ha abbandonato il carrello oppure è atterrato sulla landing page e in entrambi i casi non ha concluso l’acquisto, sfrutta queste preziose occasioni per convertire l’utente!

Attraverso il retargeting e l’automazione ti è infatti possibile andare a colpire tutti quei clienti interessati all’acquisto ma che per qualche ragione non hanno eseguito il fatidico click. 

Ad esempio, puoi inviare a coloro che hanno abbandonato il carrello un codice sconto per spingerli nell’acquisto; puoi effettuare il retargeting tramite i social media; o sfruttare le automazioni per inviare messaggi contenenti call to action mirate alla conversione. Questi tre esempi ti permetteranno di convertire gli utenti e di conseguenza aumentare le vendite del tuo e-commerce

 

E-mail marketing che passione

 

Sempre in ambito automazioni, l’e-mail marketing è una delle tecniche per aumentare le vendite più efficaci. Quando l’utente acquista sul sito o si iscrive alla tua newsletter, per farlo, deve necessariamente lasciare i suoi contatti, in termini tecnici otterrai la cosiddetta generazione di lead, questa è il guadagno più prezioso in ambito di strategia marketing e-commerce. La lista di contatti ottenuta può e deve essere sfruttata da te per fidelizzare costantemente gli iscritti. Come ti dicevo prima attraverso la newsletter puoi inviare messaggi a coloro che ancora non sono tuoi effettivi clienti, perché non dovresti farlo con coloro che hanno acquistato già?

Grazie alle automazioni puoi sfruttare programmi di invio newsletter, come MailChimp o MailUp, per inviare ai già clienti dei buoni sconto, buoni regalo per il loro compleanno, suggerimenti, proposte, ultime notizie relative al tuo brand, sconti per le festività e cosa particolarmente gradita, puoi riservare l’accesso alle promozioni anticipate solo agli acquirenti più assidui oppure fornire loro una maggior scontistica.

 

Ordine medio più alto in 3 mosse

 

Per aumentare le vendite del tuo e-commerce ti consiglio di aumentare lo scontrino medio. All’inizio di questo articolo ti avevo indicato questo come il secondo elemento principale da tenere sotto controllo. Sfruttando questa tecnica non è detto che otterrai un numero di ordini maggiori, ma potrai riuscire a vendere più prodotti. L’obiettivo è aumentare il fatturato e il margine di guadagno su ogni scontrino. Ti indicherò 3 strategie per aumentare l’ordine medio. 

 

Up-sell

L’up-sell è quella tecnica che suggerisce al cliente di acquistare la versione più evoluta, accessoriata, completa, migliore e quindi più costosa del prodotto che stava per inserire nel carrello. Una tecnica che se ci pensi bene viene adottata anche dai bravi commessi negli shop fisici, perché non utilizzarla anche sul tuo negozio online?

Mostrare al cliente la versione migliorata di un prodotto, inserendo informazioni dettagliate e magari mettendo in bella vista le recensioni positive, si rivelerà una mossa vincente. 

 

Cross-sell

Variante della precedente è il cross-sell. In questo caso faccio riferimento alla tecnica per aumentare le vendite di un e-commerce che consiste nel proporre all’utente i prodotti correlati a quello che vuole comprare. Vendi costumi da bagno? tra i prodotti correlati inserisci pareo, teli da mare, borse, cappelli o occhiali da sole. Scegli gli articoli giusti grazie all’analisi degli storici di acquisto, studio della buyer persona o ricerche in Google. Colpisci i desideri dei tuoi clienti!

 

Bundle

Ultima strategia di vendita e-commerce per fare in modo di alzare l’ordine medio è il bundle. Un mix tra le tecniche precedenti che prevede la creazione di pacchetti contenenti al loro interno una selezione di prodotti già pronta e che l’utente può inserire nel carrello in un semplice click. Se vendi abbigliamento, puoi proporre un intero outfit oppure se hai un negozio di telefonia online puoi proporre un bundle composto da smartphone, cuffie e porta cellulare da auto. 

Questi pacchetti sono efficaci se promossi tramite sponsorizzate mirate sui Social Media e Google, puoi veramente sbizzarrirti fornendo alla clientela articoli utili o a cui non avevano mai pensato.

 

Resuscita i tuoi clienti

 

aumento delle vendite ecommercePer concludere, ti indico il terzo elemento da migliorare se non riesci ad aumentare le vendite del tuo e-commerce e anche l’ultima delle strategie marketing e-commerce, per me più utili, di cui ti voglio parlare: la frequenza di riacquisto. 

Potrebbe essere utile rintracciare un utente che ha comprato sul tuo negozio online un anno fa?

Assolutamente sì. Diminuisci il tempo tra un acquisto e l’altro, ogni 7-8 mesi contatta la lista di clienti che non passano sul tuo shop online da tanto tempo, ricordagli della tua esistenza, proponi loro offerte per farli tornare. Lo scopo è quello di velocizzare la frequenza degli acquisti. I mezzi per mettere in atto questa tecnica sono vari: sms, email, telefonate, invio di brochure anche per posta, ovviamente la scelta dipende da ciò che vendi. Questa è una fonte di traffico ottima, non sottovalutarla mai.

 

+1 consiglio extra

 

Lo definisco extra questo consiglio perché può risultare inaspettato e fuori dall’ambito digital. Sto parlando della pubblicità offline. Parlando di e-commerce ma anche riguardo negozi fisici sono fermamente convinta che oggi il dispendio maggiore e primario deve puntare all’online; una volta che avrai raggiunto dei risultati molto buoni e deciderai di fare un passo in avanti per raggiungere un aumento delle vendite online, ti consiglio di integrare a questi processi innovativi i metodi della pubblicità classica. Una strategia del genere deve certo garantire un ritorno sull’investimento, ma se i calcoli saranno calibrati nel modo giusto, potrei ottenere grandi soddisfazioni seguendo il mio consiglio.

 

Conclusioni e Consulenza Strategica Gratuita

Siamo arrivati alla fine di questo lungo viaggio in 7+1 consigli utili per aumentare le vendite del tuo e-commerce. Ti ho mostrato praticamente tutto quello che è bene analizzare, verificare e fare per migliorare un sito e-commerce. Hai tutti gli strumenti per agire concretamente e in maniera efficace in modo da raggiungere un aumento delle vendite online.

Spero di esserti stata d’aiuto o di averti aperto gli occhi per trarre le tue conclusioni e nel caso ottimizzare la tua strategia marketing. Soprattutto se sei agli inizi e se vuoi vedere dei risultati reali in un tempo predefinito, rivolgiti a degli esperti e fai decollare il tuo business. Se deciderai di fare da solo, con queste tecniche per aumentare le vendite hai già le basi per fare bene, ti servirà però tanta pazienza e tempo in più. Ti auguro di raggiungere gli obiettivi che sogni!

 

Inizia da qui, prenota la tua consulenza gratuita

CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

Articoli correlati:

come creare un ecommerce Ecommerce specialist E-commerce Trends del 2021: I risultati della ricerca