Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.8 stelle
    4.8 / 5 (9 )
  • Vota!


Trovare lavoro facendo rete e mettendosi in gioco: è questa la scommessa di Wizbii, il nuovo portale made in France che sta rivoluzionando il mercato dell’occupazione per neolaureati e giovani imprenditori. Di cosa si tratta? Lo spiega Charlotte Ardito, responsabile della comunicazione per Wizbii.

Michela Trada

Charlotte, che cos’è Wizbii, a chi si rivolge e qual è il suo utilizzo?

 

charlotte arditoWizbii è una startup francese creata tre anni fa per aiutare i giovani nella loro carriera. Dopo un triennio di grande successo in Francia abbiamo deciso di svilupparci in altri paesi d’Europa (Italia, Spagna, Regno Unito e Germania) con l’obiettivo di aiutare gli studenti e i giovani laureati a trovare uno stage o un lavoro e con la volontà di dare ai giovani imprenditori una maggiore visibilità.

 Attualmente, la piattaforma professionale Wizbii conta più di 550mila utenti: 400mila in Francia, 70mila in Spagna, 53mila in Inghilterra, 20mila in Italia e 2.000 in Germania. Wizbii si rivolge dunque ai neolaureati, ma anche a chiunque cominci una nuova carriera, a chi non ha molta esperienza professionale e a chi ha un progetto imprenditoriale e vorrebbe trovare dei soci per lanciare un’attività.

L’utilizzo della piattaforma è molto semplice. Dopo l’iscrizione gratuita si entra in un portale che contiene, come la maggiore parte dei social networks:

  • una pagina “attualità”;
  • un profilo personale nel quale si danno informazioni sugli studi e l’esperienza professionale;
  • uno spazio per trovare nuovi utenti da aggiungere nella propria rete di contatti;
  • la pagina dei progetti imprenditoriali;
  • uno spazio dove trovare offerte di lavoro, di stage e di apprendistato, in Italia e nel mondo.

Wizbii è anche disponibile per le aziende, che possono pubblicare gratuitamente i loro annunci di lavoro e avere una pagina personalizzata. I servizi dedicati alle aziende sono raggiungibili su pro.wizbii.com e seguiti da un team dedicato.

Michela TradaWizbii potrebbe essere paragonato a LinkedIn: quali sono le principali differenze tra le due piattaforme?

 

charlotte arditoPossiamo paragonare Wizbii a Linkedin ma, contrariamente ad altri social networks professionali, Wizbii è completamente gratuito (nessuna offerta Premium) ed è soprattutto dedicato ai giovani, con un’età media di 24 anni. I membri non entrano dunque in competizione con persone con maggiore esperienza, poiché le offerte pubblicate su Wizbii sono dedicate ai ragazzi: pochi anni di esperienza, contratti di stage o primi contratti di lavoro e così via. In più, il funzionamento di Wizbii favorisce l’aiuto reciproco tra i membri: possono supportarsi a vicenda nella loro ricerca e pubblicare argomenti di attualità.

L’originalità di Wizbii sta nell’offrire la possibilità di creare gratuitamente una pagina dedicata a startup o progetti imprenditoriali visibile da oltre 550.000 utenti. 

Michela Trada

Che spazio occupa la comunicazione in Wizbii?

charlotte arditoCome Responsabile Comunicazione Italia il mio compito è quello di promuovere le nostre iniziative per aiutare i giovani nella loro carriera tramite blog e qualsiasi piattaforma online che possa contribuire a farci conoscere. Utilizziamo i canali social – principalmente Facebook – un blog e il Daily Wiz dove pubblico quotidianamente degli articoli sul lavoro giovanile, sulla vita studentesca e sull’imprenditorialità con lo scopo di orientare, consigliare e informare i ragazzi a costruire la loro carriera.

La comunicazione è fondamentale in un portale come Wizbii, soprattutto quando si arriva in un nuovo Paese dove nessuno conosce il brand. Si ricomincia tutto dall’inizio, con tanto lavoro dal punto di vista strategico. Vogliamo essere creativi trovando nuove operazioni di comunicazione per attirare l’attenzione del nostro target e fare in modo di essere ricordati.

Michela Trada

Quali sono i principali obiettivi della vostra strategia di digital marketing? Quali sono gli elementi di misurabilità che avete deciso di monitorare?

charlotte arditoIl nostro obiettivo principale è quello di far conoscere Wizbii in Francia e all’estero, accompagnando i giovani dalla fine dei loro studi alla realizzazione della loro carriera.  Il primo elemento di misurabilità è il numero di utenti iscritti su Wizbii. Facciamo molta attenzione al numero di persone che hanno trovato uno stage o un lavoro grazie a Wizbii e al numero di utenti che ritornano sul portale perché non vogliamo che Wizbii sia solo il luogo per trovare lavoro, ma un posto utile durante tutto il percorso professionale.

Michela Trada

Che rapporto ha Wizbii con le piattaforme social e come le utilizza?

 

charlotte arditoEssendo noi stessi un social network professionale, il “Social internet” è molto importante per noi. La maggior parte della nostra comunicazione avviene sui social, sia per far conoscere Wizbii ai ragazzi sia per condividere gli articoli dei blog di Wizbii. Usiamo dunque i social per comunicare su Wizbii presso i giovani, comunicare con gli utenti ma anche per informarci sulle nuove tendenze di comunicazione, del digitale e dei concorrenti. Grazie ai social vogliamo creare un clima di fiducia tra i membri di Wizbii.

Michela Trada

Oggi quali competenze sono imprescindibili per fare Digital Marketing?

 

charlotte arditoChi vuole lavorare nel digital marketing o nella comunicazione digitale deve innanzitutto essere molto curioso, aver voglia d’imparare cose nuove poiché il web e il digitale sono in continua evoluzione. Dunque serve interessarsi a ciò che succede nel mondo dal punto di vista digitale. Penso, poi, che si debba avere molta creatività: c’è sempre da inventare, da creare per sorprendere i fan e le persone che si seguono. L’umiltà è anche molto importante. Un esempio: se una volta hai ricevuto 3mila like su un post non puoi pensare che il lavoro sia finito e che i tuoi fan ti ameranno per sempre; devi solo credere che hai lavorato bene per questa volta e forse avuto anche un pizzico di fortuna e che tutti possono far bene come te. Per questo non bisogna mai smettere di “studiare”.

 

 

Michela Trada on sabtwitterMichela Trada on sablinkedinMichela Trada on sabgoogleMichela Trada on sabfacebook
Michela Trada
Giornalista, content marketing consultant