Seleziona una pagina

In questo articolo ti spiegherò cos’è il ROAS, come si calcola, e perchè è fondamentale usarlo nell’analisi della tua attività online. Inoltre ti aiuterò a capire come ricavarlo utilizzando gli strumenti di analytics più comuni. Utilizzerò qualche esempio di calcolo per rendere le cose più semplici. Il ROAS (Return On Advertising Spend) letteralmente è il calcolo del ritorno sulla spesa pubblicitaria, e viene usato per misurare la sostenibilità economica di una campagna di marketing digitale. Se questa definizione ti risulta poco comprensibile, continua a leggere per toglierti ogni dubbio, e impara a usare questa metrica per migliorare la tua attività!

 

ROAS formula

RICAVI DELLE CAMPAGNE / SPESE PUBBLICITARIE * 100

Aspetta, non storcere il naso… qualche esempio ti aiuterà a comprendere meglio cos’è il ROAS. Ipotizziamo che Davide abbia lanciato 3 mesi fa una campagna Google Ads per incrementare le vendite delle sue magliette. Il costo dell’operazione ammonta a € 4000 in click e € 3000 per il compenso di chi ha seguito la campagna. Pertanto, la spesa pubblicitaria complessiva di Davide negli ultimi 3 mesi è di € 7000. Nel frattempo Davide ha guadagnato € 20.000 dalla vendita delle sue magliette. Applichiamo allora la formula all’esempio di cui sopra ovvero 20.000,00 / 7.000,00 * 100.

calcolo ROAS

Il ROAS di Davide è….di  € 2,85 per ogni € speso, quindi il 285%. Niente male vero? Davide sarebbe molto soddisfatto.

Un altro esempio? Marco gestisce un sito di e-commerce per la vendita online di scarpe per bambini. Per promuovere il suo sito e ottenere più traffico decide di fare delle campagne Google Ads, grazie alle quali ottiene rapidamente del traffico. Passati un paio di mesi Marco è impaziente di capire se le sue campagne lo stiano facendo guadagnare.

Supponiamo che le sue campagne raggiungano un fatturato totale di € 12.000 ogni mese e che usare Google Ads gli costi circa € 2.500 al mese. Applicando la formula ai nostri dati scopriamo che

12.000 / 2.500 = 4,8 o 480%

Ciò significa che per ogni € speso nella sua campagne, Davide ha guadagnato circa € 4,80.

Ora è più chiaro il concetto

Oppure credi che la professione del web specialist non sia quella giusta per te? Per scoprirlo fai il test qui sotto.

 

Fai il test

 

Consigli utili per il calcolo del ROAS

Il consiglio che mi sento di darti è quello di affidarti a professionisti competenti che possano seguire le tue campagne e consigliarti i canali più adatti alle esigenze del tuo business.ROAS cos'è

E’ importante sapere che le aziende possono valutare il loro obiettivo ROAS solo quando hanno un budget definito e una gestione sicura dei  margini di profitto. Un ampio margine significa che l’azienda può sopravvivere a un basso ROAS, al contrario margini minori indicano che l’azienda dovrebbe mantenere bassi i costi per la pubblicità. 

Un altro elemento utile per calcolare il costo effettivo di una campagna pubblicitaria è considerare i fattori che seguono:

  • Costi di partner/fornitore: generalmente vengono sostenute delle spese associate a partner e venditori che forniscono assistenza a livello di campagna o di canale. Una contabilità accurata delle spese del personale pubblicitario interno come il salario e altri costi correlati devono essere tabulati. Se questo tipo di spesa non viene considerata nel calcolo, l’utilità del ROAS diminuirà.
  • Commissione di affiliazione: la commissione percentuale pagata agli affiliati, nonché le commissioni sulle transazioni di rete.
  • Clic e impressioni: metriche quali costo medio per clic, numero totale di clic, costo medio per mille impressioni e numero di impressioni effettivamente acquistate.

Queste variabili devono essere definite, calcolate in modo perfetto per avere dei risultati più attendibili.Una regola generale è :

Se il tuo ROAS è inferiore a 3:1, rivaluta la tua strategia di marketing, probabilmente stai perdendo soldi.
Con un  ROAS 4:1, il tuo marketing sta dando un guadagno.
Se il tuo ROAS è 5:1 o superiore, le cose funzionano piuttosto bene.

In sostanza, se un determinato elemento del tuo marketing digitale (che sia una campagna, un gruppo di annunci, un annuncio, ecc.) produce almeno € 3 per ogni € 1 che investi, stai andando bene. Naturalmente ogni azienda ha una soglia minima sostenibile per la redditività, ma questa regola è un buon punto di partenza.

 

.

 

Perché usare il ROAS?

A questo punto, potresti pensare: ok, il monitoraggio del ritorno sulla pubblicità è complicato. Non posso semplicemente guardare la mia percentuale di click o il mio tasso di conversione e utilizzare tali informazioni per ottimizzare la mia pubblicità online? La risposta è NO.

 

ROAS come si calcola

 

Ricorda, l’obiettivo principale della pubblicità online è fare soldi, non solo generare traffico o conversioni.

 

Differenza tra ROI e ROAS

Come accennato in precedenza, il ROAS è l’abbreviazione di “ritorno sulla spesa pubblicitaria” ed è molto simile a un’altra importante metrica di marketing, il ritorno sull’investimento ROI. Il ROI è molto utile per valutare l’efficacia complessiva del tuo marketing. roas - roi

Il ROAS, si utilizza per valutare l’efficacia di una specifica campagna, gruppo di annunci, annuncio o parola chiave. Il ritorno sulla pubblicità è un modo incredibilmente flessibile per valutare qualsiasi aspetto del tuo marketing online .Vuoi sapere se un determinato set di annunci vale il tuo tempo e denaro? Controlla il tuo ROAS. Vuoi sapere se quelle modifiche al targeting che hai apportato funzionano? Controlla il tuo ROAS.

ROAS e ROI sono due indicatori che gli inserzionisti tendono a confondere. Infatti, nonostante siano due  indicatori diversi si influenzano a vicenda in modo significativo.

Il ROI (Return On Investment) misura la redditività del capitale investito dall’impresa e può essere utilizzato come metrica per ogni tipo di canale (se vuoi, puoi approfondire la tua conoscenza sul ROI di Facebook, ad esempio). Quando poi viene aggiunto un indicatore raramente preso in considerazione dagli inserzionisti, che è il tasso di margine, è possibile identificare i profitti effettivi e, di conseguenza, calcolare il ROI effettivo sui canali. La formula per calcolare il ROI è la seguente:

(Fatturato x Margine) – Spese) / Spese) X 100

Tornando all’e-commerce di Marco, immagina che la nostra azienda abbia un margine del 20%. Applichiamo la formula

(12000 × 0,2) – 2500) / 2500) x 100 = – 21,42%

e vediamo bene che nonostante un ROAS positivo (2,42), che riporta in termini di vendite, il nostro ROI qui è negativo, perché una volta calcolato il margine commerciale, ci rendiamo conto che l’investimento non è più redditizio. Questo ci insegna che è molto importante valutare il canale pubblicitario che si vuole utilizzare per le proprie campagne. Ora che conosci la differenza tra i due indicatori, devi  prestare sempre attenzione a separare i due indicatori. Ciò consentirà una chiara comprensione dei tuoi investimenti e vedrai quale leva è efficiente, ma anche, e soprattutto, vedrai se è redditizia o meno.

 

 

Una colonna per calcolare il ROAS

Il problema per il calcolo di questa metrica è che non è presente la colonna di misurazione su Google Ads, che invece è attiva su Analytics. Per capire come analizzare il ROAS abbiamo due modi. Entrambi passano dalle colonne personalizzate.

ROAS esempio

1) Da colonne > modifica colonne, si scorre verso il basso e si richiama “Colonne personalizzate”. Poi “+ Colonne”. Qui si esegue la seguente formula:

(Valore tutte le conv. / Costo) x 100 e si chiede di esprimere il valore in Numero (123). In questo modo, la colonna, dopo essere salvata, mostrerà il numero espresso come valore numerico e andrà valutato come valore percentuale. 110 si legge quindi 110%.

2) L’altra versione è invece l’inserimento della sola formula:
Valore tutte le conv. / Costo e chiedendo a Google Ads di usare un numero percentuale come risultato.
In questo modo, una volta importata, la colonna mostrerà lo stesso valore di prima, ma applicando anche la percentuale.

roas - calcolo

 

Conclusione

Il ROAS è una delle metriche più utili per valutare l’efficacia delle tue campagne di marketing digitale. L’obiettivo principale è generare nuove entrate. 

Se questo articolo ti ha incuriosito e vorresti migliorare le tue competenze in ambito Digital potresti frequentare il Master in DIGITAL CERTIFICATION PROGRAM

Se invece hai ancora qualche dubbio, fai il test per capire quale professione digitale fa per te!

 

Quale professione digital?

 

ARTICOLI CORRELATI

AdWords Specialist: chi è e cosa faDigital Content Specialist: Chi è, cosa fa e quanto guadagna

 

Luisella Urgeghe on EmailLuisella Urgeghe on FacebookLuisella Urgeghe on GoogleLuisella Urgeghe on InstagramLuisella Urgeghe on LinkedinLuisella Urgeghe on PinterestLuisella Urgeghe on Twitter
Luisella Urgeghe
Negli ultimi due anni mi sono avvicinata al mondo del digital marketing e mi sono appassionata, da allora continuo a formarmi grazie anche al Master che sto frequentando. Sono entusiasta del percorso intrapreso e spero sia solo l'inizio....
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[i]
[i]
[index]
[index]