Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • No Rating Yet!
  • Vota!


Pinterest_Logo

Pinterest, il cui nome è la fusione tra il verbo “to pin” appendere più il sostantivo “interest” interesse, è il social network fatto di immagini, di colori, quasi come fosse un arcobaleno, realizzato grazie ai contenuti degli utenti. Nato nel 2010, oggi è usato per il 90% da donne,  ha registrato il più alto tasso di crescita di nuovi iscritti/utenti superando addirittura Facebook con un incremento del 66,52% da Settembre ’12 a Settembre ’13. (Facebook ha avuto un incremento del 58,8% Twitter del 54.12% e YouTube del 52.86% – Sondaggio condotto da Shareaholic).

Con questo tasso di crescita è caldamente suggerito di usare Pinterest per promuovere il proprio brand.

Pinterest, è uno strumento semplice per aumentare visibilità, credibilità, efficacia e “awareness” di un brand.

Utilizzare Pinterest è molto semplice, basta iscriversi, creare delle board o lavagne personali da riempire con le proprie immagini, “pinnare”. Oppure è possibile condividere le immagini presenti nelle cartelle di altri utenti, “repinnare”.

E’ di pochi giorni fa la notizia che adesso su Pinterest è possibile postare GIF immagini animate che possono essere riprodotte con il” tasto play” (posto nell’angolo inferiore sinistro dell’immagine) che consente, anche, di mettere in “pausa” l’animazione, se disturba. Attualmente tale funzione è solo in fase di sperimentazione e a disposizione di alcuni utenti commerciali negli USA ma presto sicuramente sarà fruibile da tutti  i pinners. Interessante notare che questa funzionalità è stata abbandonata su Twitter mentre è poco usata su Facebook.

La visibilità di un brand può aumentare sensibilmente anche grazie alla possibilità di associare dei testi o dei link ai pin, infatti, una volta cliccato sul link, si approda direttamente sul sito di origine e se il pin è di una azienda, l’utente può trovare spesso informazioni sul prodotto come il prezzo o come acquistarlo. Facile no?

La visione, e lo studio dei contenuti postati dagli altri utenti  può aiutare i reparti creativi e di marketing delle aziende ad avere maggiori stimoli ed idee per la creazione di nuovi prodotti, articoli e collezioni.

Pinterest non è un canale di vendita diretta, non è un e-commerce, tuttavia è proprio attraverso la possibilità di inserire il link nei propri pin, diretti al sito, che l’azienda può incrementare la propria visibilità e di conseguenza il proprio fatturato.

Ogni azienda quindi con pochi semplici pin accattivanti e dinamici può far conoscere facilmente i propri prodotti e creare tendenze attraverso i repin dei suoi followers.

Pinterest non è in concorrenza con gli altri social ma si dimostra per le sue peculiarità complementare e funzionale.

La possibilità di utilizzare queste funzioni non deve essere persa soprattutto di fronte a dati rilevanti come:

  • Su 20 milioni di utenti registrati, il 15% di questi sono newbie (ovvero utenti “nuovi”, che non hanno mai avuto accesso ad un social network);

  • Il 25% degli utenti compra ciò che hanno visto su Pinterest;

  • Esiste una possibilità doppia che un utente faccia un acquisto rispetto a un utente di Facebook.

Fonte

Grazie alla possibilità che offre questo social di comunicare attraverso le immagini, orientando lo sguardo dell’utente verso una dimensione legata di più alla vista e alle sensazioni, è possibile costruire una strategia di social media marketing originale, mirata e vincente.

 

Giusi Arcolace

Master in Digital e Social Media Marketing

Digital-coach.it

Giusi Arcolace