Seleziona una pagina

Sei uno youtuber? Vuoi divulgare i tuoi contenuti video? Cerchi di dare maggiore visibilità al tuo canale YouTube? Bene, sei arrivato nel posto giusto perché di seguito troverai alcuni semplici trucchi per ottimizzare il tuo canale. 

 

Ottimizzazione di YouTube: cosa è

Cosa si intende per “ottimizzare un canale Youtube“? Semplice: dare risalto al proprio account adottando alcuni accorgimenti in grado di migliorare la visibilità dei propri video nelle ricerche. Ciò riguarda sia i navigatori tramite app sia quelli da desktop, quindi capirete che si tratta di una pratica necessaria per assicurare il successo dei propri contenuti. Se applicate alcune attenzioni, vedrete che la SERP sarà generosa nei vostri confronti e questo significa far atterrare sul proprio canale maggior traffico… e quindi più visualizzazioni!

I trucchi del mestiere

Non esiste la formula magica che riesca all’istante ad attrarre sulla vostra piattaforma un numero importante di utenti, però ci sono alcuni fattori che influenzano il ranking sul motore di ricerca di YouTube, che sembrano essere molto affini a quelli di Google. Partendo da questi elementi, possiamo modificare la percezione dei nostri contenuti applicando alcuni segreti all’ottimizzazione. 

 

 

Quali sono i fattori di ranking? 

Come già detto non si tratta di una regola statica, ma alcuni elementi sono chiari. Alcuni di questi sono i fattori di ranking principali, tra cui figurano il tempo di visione, la lunghezza del video, il numero di iscritti e il numero di interazioni. Come possono essi influenzare il successo di un video? Entriamo nello specifico di ogni variabile. 

Il tempo medio della visione di un video 

Conoscere la permanenza di un utente sulla pagina mentre il video scorre è importante perché ci fornisce informazioni circa l’adeguatezza del nostro contenuto: è logico che più è prolungata la presenza, più interessante sarà il nostro canale. Quindi, creare video curati e in grado di attrarre gli utenti migliora anche le possibilità di posizionarsi nella SERP. Viene da sé che tale espediente permette di ottimizzare il canale YouTube che stiamo curando. 

La durata del video 

Un video completo, ricercato e interessante, solitamente, dovrebbe superare i 10 minuti di durata, perché significa che l’argomento dello stesso è stato sviscerato, riuscendo a dare piena risposta ai dubbi dell’utente che lo sta visualizzando. Naturalmente, è sconsigliato eccedere e aggiungere minuti superflui che rendano la visione noiosa. 

Quanti iscritti ha il canale 

Il numero di subscribers è un messaggio importante di autorevolezza che arriva all’algoritmo di YouTube e regala punti di ranking favorevole. Avere molti iscritti significa godere della stima degli utenti. Se cercate di ottimizzare il canale YouTube, dovete quindi risultare il più attraenti possibile per chi capita sulla vostra piattaforma così da “trattenerlo”. 

Controllare il numero di interazioni 

Quante condivisioni ha quel video? Quanti commenti ci sono? Quanti like ha preso? Tutto quello che comporta un’azione da parte dell’utente indica la volontà di interagire da parte dello spettatore. Se la call to action è efficace, lo si capisce proprio dalla concretizzazione di queste azioni. Tenere sotto controllo questi aspetti significa avere chiaro come ottimizzare un canale YouTube

 

segreti ottimizzazione canale youtube

 

I punti forti dell’ottimizzazione di un canale YouTube

Dopo aver appreso quali sono i maggiori motivi che influenzano il ranking nella SERP YouTube, è arrivato il momento di scoprire i segreti principali per indirizzare al meglio il traffico verso il nostro canale. 

Keyword e nome del canale 

Come già saprete, nel nome del vostro canale sarebbe importante che ci fosse la keyword su cui si basa la vostra produzione di contenuti. Quindi, non solo nel titolo del video che state ottimizzando, ma addirittura nel vostro channel title. Si tratta della regola numero uno per riuscire ad attrarre l’attenzione delle indicizzazioni, anche per ciò che riguarda la SERP Google. 

L’importanza della pagina ‘Chi siamo’

Capita che questo spazio resti vuoto: giammai! Questo contenitore deve essere riempito perché YouTube è un luogo perfetto per mostrare le prime 48 lettere nella pagina dei risultati. Non solo riesce a fornire all’utente un’immagine chiara di chi siete, ma si rivela essere un formidabile snippet capace di arricchire di contenuto il vostro video. Anche in questo caso vale la regola delle keyword: laddove possibile inserite più parole chiave possibile, perché donano maggiore rilievo a livello di ranking. Sempre nella logica del buonsenso, però: mai eccedere e strafare, ma casomai ricorrete all’utilizzo dei numerosi tool gratuiti (ad esempio, SEMRush e Google Search Console) in grado di consigliarvi le keyword migliori per voi. 

Occhio al trailer!

Ogni canale può sfruttare un trailer di presentazione della durata di 30-60 secondi, con cui è possibile arrivare dritti al focus dell’attenzione degli utenti. Sfruttate tale opportunità chiedendo la sottoscrizione al vostro canale, non solo vocalmente, ma anche introducendo nel video un messaggio testuale. L’ottimizzazione del canale YouTube, infatti, passa anche attraverso un incipit gradevole ed accattivante. 

 

 

Mai dimenticare le keyword tags 

Keyword tags, che cosa sono? Si tratta delle etichette con cui è possibile indicizzare con maggior precisione in nostro canale YouTube, proprio come si può fare con un sito internet. Le trovate nella scheda Impostazioni avanzate e non utilizzare questa possibilità significherebbe non sfruttare un’occasione d’oro. 

I primi 15 secondi come una miniera d’oro 

Massimizzare i primi 15 secondi significa trattenere gli spettatori sul video per il resto della sua durata. Questo perché in quella prima porzione di visione, l’utente deciderà di guardare fino in fondo il contenuto o di skippare. Quindi, all’inizio siate interessanti, ma date anche la possibilità a chi si trova in quel momento sul vostro canale di capire cosa lo attende nei minuti successivi di visione. In quei 15 minuti vi giocate l’attenzione degli spettatori!

 

segreti ottimizzazione canale youtube

 

Playlist o no playlist? 

Decisamente sì alla playlist! Questo è un trucco che favorisce il permanere dell’utente sul vostro canale. Se il vostro video è in una playlist da voi creata, una volta terminato, YouTube passerà automaticamente a quello successivo. Quindi, questo è un metodo per aumentare il tempo che gli spettatori potranno trascorrere sulla vostra piattaforma, passando da un contenuto interessante all’altro. 

Migliora le miniature 

Fino a qualche tempo fa le miniature erano statiche. Adesso, muovendo il cursore su di esse, sono animate. Non tutti, però, sanno che è possibile personalizzarle. Ciò può rendere unico il vostro canale, spronando l’utente a scegliervi rispetto a qualcun altro, proprio perché la vostra originalità ha colto nel segno. Basta un po’ di fantasia per combinare al meglio i colori, i banner e i pattern. 

 

Scegliete una strategia fatta di sinergie

L’ottimizzazione di un canale YouTube richiede, quindi, competenze anche in ambito SEO, poiché si tratta di unire le forze a favore della migliore efficacia di una strategia. Anche se si tratta di YouTube, anche le altre nozioni in ambito di digital marketing sono preziose alleate nella stesura di un piano comunicativo efficace. Come già ribadito, non esistono regole fisse, ma sicuramente suggerimenti in grado di aumentare le views dei vostri video e permettere il miglior posizionamento nella SERP YouTube dei vostri contenuti. 

Se questo articolo non ha esaurito la vostra voglia di sapere in ambito YouTube, approfondite la vostra passione con una certificazione in Web Content Editor o seguendo direttamente da casa un master in Digital Marketing

 

ARTICOLI CORRELATI: 

sponsorizzare video youtube

come utilizzare i tag youtube

 

 

 

 

Lisa Baiocchi
Porto con me una laurea in Studi Internazionali, ma da sempre sono alla ricerca del canale giusto per esprimere la mia vena creativa. Al momento trovo una risposta nella fotografia e nella scrittura. Pragmatica e riflessiva, studio Digital Marketing presso Digital Coach® per acquisire nuove competenze.