Seleziona una pagina

MIP+Media+smartphone

Fonte

 

Trend del Mobile nel 2014? Il coupon!

 

Ecco i temi caldi emersi ieri all’incontro  “Mobile Marketing &Service: quando la strategia fa la differenza” dell’Osservatorio Mobile Marketing & Service del Politecnico di Milano.

 

Durante  quello che, anno dopo anno,  è diventato l’appuntamento fisso di addetti lavori e non, l’Osservatorio Mobile Marketing & Service ha presentato i risultati della Ricerca 2013.

 

Prendo posto nell’aula sovraffollata, carica di aspettative:  è il settimo anno di questa ricerca che studia lo stato dell’arte dei trend del mobile in atto e non vedo l’ora di scoprire quali siano le nuove tendenze.

La panoramica di apertura ci conferma che la “Mobile transformation” non può più attendere, considerati i dati di diffusione, penetrazione, tempo speso e rilevanza che vengono presentati:  previsioni di 5,6 milioni di smartphones nel 2019, 60% del tempo speso sui social da mobile, un 1/3 delle ricerche su google effettuale da mobile.
Come sottolinea  Giuliano Noci, Ordinario di Marketing  del Politecnico di Milano, il mobile non può più essere approcciato solo dal mero punto di vista tecnico: bisogna integrare il mobile nelle strategie aziendali, e servono  nuovi processi di mappatura del customer journey per tracciare le esperienze mediali dell’individuo e qualificarle in termini di multitasking, viralità ecc…

 

Il mobile diventa “estensione digitale” di “esperienza reale”.

 

Entrando nel vivo dei risultati della ricerca, Andrea Boaretto, Responsabile della Ricerca, ci sottolinea che, in un’epoca in cui la pressione promozionale ha raggiunto picchi elevatissimi , il 55% dei mobile surfer dichiara di cercare attivamente promozioni e il 54 % di confrontare i prezzi su mobile. Non solo: il 76% degli utenti si dichiara favorevole a ricevere coupon sul proprio mobile. Ecco che è emerso il primo vero trend di quest’anno per il mobile: il coupon!

Lato utente, il coupon via mobile è comodo e permette di ricevere sconti contestuali, anche direttamente nel punto vendita.  Lato retailer, il coupon via mobile rappresenta una grande opportunità per intercettare il consumatore  multicanale evoluto e portarlo nel punto vendita (drive-to-store). Quest’ultimo aspetto rende particolarmente interessante la dematerializzazione dei coupon per le aziende “brick&mortar” (che uniscono cioè una rete di vendita fisica a quella su canali online)

 

Occorre ovviamente fare attenzione ai costi e alle marginalità, ma d’altra parte, un coupon scaricato da un’App è un ATTO CONSAPEVOLE e, come tale, garantisce una buona redemption.

 

L’Italia ha inoltre la possibilità di prendere spunto da quanto già realizzato all’estero per ricavare modelli efficaci ed evitare errori già sperimentati.

 

La seconda fase di presentazione dei risultati ci aggiorna sulla situazione del Mobile Advertising, Marta Valsecchi, Responsabile della Ricerca  insieme a Boaretto, ci annuncia che, dopo un primo slancio nel 2011 e la crescita del 55% nel 2012 (per un valore di circa 90 milioni di euro), nel 2013 c’è stato il salto tanto atteso: il mercato del mobile advertising è cresciuto del 129% arrivando a 204 milioni di euro stimati nel 2013.

Nel dettaglio, scopriamo poi che il mobile advertising rappresenta il 10% dell’internet advertising, che il display advertising rappresenta il 57% del totale e che la crescita principale è stata registrata dal “keyword advertising”.

E soprattutto: Google e Facebook rappresentano il 70% del totale fatturato nel 2013.

Scende infine la percentuale di utenti che “clicca” sulla pubblicità mobile per errore (15% contro il 26% dell’anno precedente ), mentre chi sceglie di cliccare dichiara di farlo perché interessato al prodotto, servizio, sito o App veicolato,  o indotto da sconti  premi, giochi. Solo raramente la grafica e la creatività particolarmente accattivante vengono citate come motivo del click (19%).

 

Se vi interessa approfondire l’argomento, tenete presente che i risultati completi della ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

 

Chiudo lasciando un monito che è stato più volte ribadito nella giornata di ieri: un approccio strategico nell’uso del mobile è fondamentale. Il potenziale del settore è alto bisogna approcciarlo in modo integrato, strutturato e strategico, non meramente tecnico, considerando gli utenti come “esseri umani” con specifiche attitudini al device e tenendo ben presenti le le peculiarità del mobile, che lo rendono perfetto per iniziative cross-canale, come potenziatore di altri mezzi.

 

Antonella Pezzarossa

Master in Digital & Social Media Marketing

Digital-Coach.it

Linkedin: linkedin.com/in/antonellapezzarossa

Vuoi approfondire? Consulta il programma del corso mobile marketing.

 

RICHIEDI RISORSE GRATUITE

Se desideri ricevere RISORSE GRATUITE, AGGIORNAMENTI, INTERVISTE ED OFFERTE DI LAVORO NEL DIGITALE ti basta indicare i tuoi interessi/obiettivi e la tua email nel form sottostante.Ti invieremo contenuti allineati ai tuoi interessi e ti garantiamo che non cediamo ne cederemo a terzi il tuo indirizzo e-mail .

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

 

Antonella Pezzarossa