Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.4 stelle
    4.4 / 5 (36 )
  • Vota!


L’Associazione Calcio Milan S.p.A. è una società calcistica italiana fondata nel dicembre 1899, con sede nella città di Milano. Si, lo so che tutti la conoscete benissimo, soprattutto i maschietti, ma una riga di presentazione è di rito.

25 milioni di fans su Facebook, 3 milioni di follower su Twitter, 3000 iscritti al canale YouTube.

Quello che molto probabilmente non tutti sapete è che il Milan, dal primo luglio 2016, ha dato vita alla Milan Media House, una divisione interna dedicata alla produzione dei contenuti. 

Un vero è proprio laboratorio creativo, dotato di sale tecniche di regia, sale audio e di montaggio, gestiti da un team tecnico e creativo di eccellenza. Un progetto che rappresenta un forte segnale di innovazione.

Di questa tendenza, della Milan Media House e della logica editoriale dietro ad ogni contenuto digital e social ce ne parlano: il Planning Manager, Marco Castellaneta e, Beatrice Moro, che si occupa del Social Media Management

Milan-Media-HousePer quali canali Milan Media House progetta i contenuti?

Milan-Media-House

La Milan Media House, nuovo dipartimento di comunicazione del Milan nel quale lavoro, ha l’obiettivo di prendere in gestione interna tutti i canali di comunicazione del club:

  • Milan TV il canale tematico, presente sul satellite e sul pacchetto Sky Sport.
  • AcMilan.com, già online in inglese, italiano e cinese, ma stiamo lavorando per lanciare versioni in altre lingue.

Poi ci sono i social media: Facebook, Twitter, Instagram, Google+ e YouTube. In Cina, abbiamo aperto un account su Weibo, WeChat e YouKu.

Il Milan è inoltre presente su Dugout, una piattaforma digitale lanciata insieme ad altri 9 top club europei il 30 novembre 2016. Si tratta di un social media verticale sul mondo del calcio. 

Oltre a tutti questi canali, ci sono 3 realtà satellite strettamente connesse al Milan, che hanno rispettivamente un sito ed una pagina Facebook, anch’essi gestiti dalla Milan Media House:

  • Casa Milan, sede del Milan, che oltre ad ospitare noi dipendenti, attrae il pubblico in una serie di iniziative in tre diverse location: lo shop, il ristorante Cucina Milanello ed il Museo Mondo Milan, dove si trovano tutte le coppe che la squadra ha vinto negli ultimi anni. 
  • Fondazione Milan di public charity
  • Milan Academy, con il progetto Milan Junior Camp.

La Milan Media House funge quindi da cabina di regia nella definizione di una strategia editoriale unica per tutti questi canali.

 

Milan-Media-HouseCi puoi raccontare la vostra strategia editoriale sui diversi canali?

Milan-Media-HouseRaggiungimento di nuovi target e produzioni crossmediali sono i due aspetti sulle quali stiamo puntando la nostra attenzione per la definizione della nostra strategia editoriale.

 Il Milan deve cercare di ottimizzare tutti gli sforzi produttivi in ottica crossmediale, quindi, dobbiamo pensare ad un contenuto che possa poi essere declinato su tutti i canali di comunicazione, per un pubblico locale e globale.

L’obiettivo di raggiungere nuovi target è fondamentale perché il Milan vuole cercare di sviluppare dei progetti editoriali rivolti, non più solamente agli appassionati di calcio, a cui è già abituato a parlare, ma anche a persone che possono essere ingaggiate e interessate al Milan in quanto brand rilevante e forte in tutto il mondo. La musica, il gaming, il fashion ed il food sono alcune delle “scene” che potenzialmente il Milan potrebbe ingaggiare con dei progetti editoriali specifici.

 

Milan-Media-HouseQuali tipologie di contenuti preferiscono i vostri utenti?

Milan-Media-HouseSecondo alcune statistiche, l’attenzione media di chi naviga è inferiore agli 8 secondi, soprattutto sui social media. Questo vuol dire che l’utente o viene ingaggiato nei primi 8 secondi dal contenuto che proponi, oppure passa avanti. Per questo motivo, i contenuti che produciamo sono brevi, facili, non troppo pesanti (in inglese snackable “sgranocchiabili”) per poter essere fruiti dagli utenti come piccoli pezzi di informazione e ingaggio, rapidamente consumabili.

Milan-Media-HouseI calciatori hanno un ruolo attivo nella realizzazione dei vostri contenuti? Come li coinvolgete?

Milan-Media-HouseI calciatori sono l’asset più importante e più interessante per tutti i follower e tutti i fan del Milan. Cerchiamo sempre di porli al centro dei nostri progetti editoriali coinvolgendoli, non solo nella realizzazione del concept, ma anche nell’attivazione.

I social media, oggi, danno a tutti la possibilità di avere dei canali di comunicazione, crearsi una propria audience. La maggior parte dei nostri calciatori sono dei millennials, giovani che usano i social media come tutti e che hanno un pubblico di riferimento sul loro canale. Quindi è importante per noi coinvolgere anche i loro canali nell’attivazione dei progetti editoriale.

Milan-Media-HouseCi vuoi raccontare un’azione di engagement recente, che ha avuto successo?

Milan-Media-HouseTe ne racconto una molto interessante proprio in ottica di crossmedialità, che dimostra concretamente che cosa stiamo cercando di fare per andare in quella direzione.
Abbiamo organizzato con Gerard Deulofeu una Q&A andata in diretta nello stesso momento su Milantv e Facebook, dando quindi la possibilità di accedere al giocatore e aprendo i commenti live degli utenti.

È stato un progetto crossmediale, perché declinato su tutti i canali di comunicazione del Milan: sito, social media e tv. C’è stata una fase pre di raccolta delle domande, dove abbiamo coinvolto anche Google+, Instagram, Twitter, i canali cinesi e Dugout. Una fase live su MilanTV e su Facebook e una fase post, di condivisione del video on demand su tutti i canali di comunicazione.

Milan-Media-HouseQuale sarà il vostro prossimo passo nella strategia di content marketing?

Milan-Media-Houseil passo più importante per il 2017 è il lancio dell’App, che diventerà uno strumento fondamentale di content delivery, ma soprattutto, utile per creare la Community Milan, che attraverso l’App potrà usufruire di una serie di esperienze esclusive.

 

 

Milan-Media-HoseQuali sono gli obiettivi e le priorità digital e social di AC Milan?

Milan-Media-HouseMi piacerebbe fare una premessa: il Milan è conosciuto in tutto il mondo come uno dei club più importanti.

AC Milan, però, non è soltanto questo: è una vera e propria azienda di entertainment.

Il nostro obiettivo, attraverso i canali social, è cercare una comunicazione che possa avvicinare il più possibile i nostri tifosi al nostro mondo, sia dal punto di vista sportivo,sia da quello sociale, eliminando tutte le barriere.

Per noi è fondamentale avere vicini i nostri tifosi, coinvolgendoli nel miglior modo possibile, rendendo il club di tutti, come recita il nostro hashtag di riferimento #weareacmilan, che spiega bene quello che vogliamo sia il club per i nostri tifosi.
“Noi tutti siamo il Milan, tutti i nostri tifosi sono il Milan”. Senza loro, d’altronde, il club non potrebbe esistere, per cui per noi sono la priorità.

Milan-Media-HouseSu quali canali state focalizzando la vostra strategia digital come li utilizzate ?

Milan-Media-HouseIl Milan è presente su vari social network: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, Google+. In particolare, siamo stati il primo fra i club italiani ad aver aperto un profilo Facebook e a capire quale cambiamento era in atto in quegli anni.

il sito web è il fulcro della nostra comunicazione e stiamo cercando di creare una pianificazione che possa andare a parlare ai nostri tifosi sui vari canali, con tagli diversi.I n particolare, su Facebook implementiamo moltissimi contenuti video, dirette live, puntando a coinvolgere e condividere il più possibile con i nostri tifosi.
Ad esempio, dopo la finale di Super coppa italiana che abbiamo vinto contro la Juventus, abbiamo avviato una diretta  live che ha creato un grande engagement.

 

Milan-Media-HouseC’è un caso di engagement di successo che vuoi raccontarci?

Milan-Media-HouseDal punto di vista digitale abbiamo già ottenuto molti successi, ma ne vorrei citare due in particolare, uno più legato al passato ed uno più recente.

  • il primo è il milione di follower su Twitter, che è stato raggiunto in tempi brevissimi. (Oggi sono 3 milioni).
  • Il secondo è la creazione della Milan Media House, il nuovo dipartimento di comunicazione, che il Milan ha voluto fortemente, dove nasce il sistema di coordinamento organizzativo della comunicazione istituzionale: dal nostro canale tematico MilanTV, a tutti i canali digital e social.

La volontà di creare un dipartimento dedicato a queste nuove modalità di comunicazione rappresenta un forte segnale di innovazione del Milan come azienda.
La Milan Media House ha rivisto tutti i canali, rinnovato completamente la veste grafica e i contenuti. Abbiamo puntato sullo storytelling, su una maggiore visibilità delle storie che raccontano quello che è il Milan dentro e fuori dal campo.

Milan-Media-HouseAvete dei canali dedicati per il vostro sviluppo internazionale?

Milan-Media-HouseSi, il Milan nasce come Club Internazionale, per cui già dall’inizio abbiamo deciso di mantenere come prima lingua l’inglese, proprio per poter parlare a tutto il mondo.
La nostra fan base per l’80 – 90% è composta da tifosi internazionali.

Abbiamo dei mercati di riferimento molto importanti per lo sviluppo del nostro brand, uno di questi è sicuramente quello cinese. Come si sa, i nostri social non possono essere utilizzati in Cina. Per questa ragione,due anni fa, in occasione di una delle nostre trasferte lì, abbiamo aperto dei profili su Wechat, Weibo, YouKu, che ci danno la possibilità di parlare anche ai tifosi che vivono lì.

Ci avvaliamo di una agenzia che ci aiuta a capire quali sono i trend più importanti del momento ed il linguaggio giusto per poter comunicare in modo efficace ad una cultura che è molto diversa da quella occidentale.

In occasione del capodanno cinese in particolare, abbiamo realizzato con i nostri calciatori delle clip sull’anno del gallo.

 

Federica Geraci on FacebookFederica Geraci on InstagramFederica Geraci on LinkedinFederica Geraci on Twitter
Federica Geraci
Laurea Magistrale in Marketing e Mercati Globali alla Bicocca.

Messo in tasca il nostro Digital Certification Program, si diletta a farsi raccontare dai protagonisti del digital qualcosa di quello che vivono ogni giorno nelle loro attività lavorative.

Per tutti quelli che vorrebbero chiedere a queste professionisti "come funziona da voi?", ma non hanno modo di farlo.
[i]
[i]
[i]
[i]