Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 5 stelle
    5 / 5 (1 )
  • Vota!


Ecco a voi la video intervista SEO realizzata a Gaetano Romeo, CO-Fondatore e SEO Manager di SEORomeo, che ha accettato di condividere coi ragazzi della Digital Coach la sua esperienza di SEO specialist spiegando alcuni importanti fattori che contribuiscono al buon posizionamento sui motori di ricerca.  

 

La keyword in fatto di SEO sembra ormai essere “contenuti di qualità”. Quali sono le caratteristiche che rendono un contenuto “di qualità”?

Domanda tosta…argomento che sta trovando ampia discussione nella nostra comunità… Cerchiamo intanto di dare una definizione di “contenuto di qualità”. A mio modo di vedere per qualità s’intende l’utilità di un contenuto, ovvero la corrispondenza del contenuto con la ricerca che l’utente ha effettuato sul motore di ricerca. Troppo spesso l’utilità di un contenuto viene invece confusa con la lunghezza del testo prodotto, fattore che non necessariamente garantisce la corrispondenza dell’ informazione che l’utente sta cercando. Dare questa corrispondenza significa far apprezzare il nostro sito, favorirne la navigabilità e di conseguenza migliorarne i parametri di Time-On-Site e Bounce-Rate; creare questa pertinenza è creare contenuto di qualità che è anche lo scopo della SEO, proprio per questo così apprezzata e premiata nelle politiche di ranking di Google.

Inbound link: quanto valgono oggi?

Avrete senz’altro sentito parecchie discussioni anche in merito a questo argomento, sull’utilità dei link in entrata al proprio sito ai fini della SEO ma anche sul potenziale pericolo che questi possano rappresentare… Molti non saranno d’accordo con il mio punto di vista, ma secondo la mia personale esperienza (lo vediamo quotidianamente dall’analisi svolta in agenzia) gli inbound links costituiscono il fattore che incide principalmente sul posizionamento ed il ranking di una pagina web per una determinata keyword su Google. Il link è di fondamentale importanza per la SEO e determinante per gli stessi algoritmi di Google il quale, essendo cosciente di ciò, cerca di combattere lo smodato link building col rilascio di aggiornamenti come Google Penguin . In realtà la mia esperienza mi dice che chi ha sempre creato collegamenti (link) in maniera naturale, garantendo sempre una certa autorevolezza nella fonte citante e facendo attenzione alla provenienza eterogenea in fatto di IP dei link, non ha mai avuto problemi di penalizzazione…anzi ha sfruttato tutto il ranking boost che questo strumento può produrre in termini di SEO. L’attenzione va anche qui posta principalmente sull’argomento della prima domanda, cioè se il link proviene da un contenuto di qualità questo attribuisce alla pagina linkata una buona autorevolezza. Queste mie parole ovviamente non vogliono dare il via allo spam di links o all’abuso delle tecniche di link building perché questo significherebbe ignorare completamente l’aumento considerevole di controlli implementati da Google.

intervista SEO

I componenti per una buona SEO

 

Quale domanda avrei davvero dovuto farti per migliorare nella SEO?

Visto il tempo a disposizione mi sento di aggiungere solo un altro importante aspetto a quanto detto già sin’ora, ovvero la sempre più crescente importanza che sta assumendo il content marketing in ottica SEO. Bisogna realizzare che quello sulla SEO non è un lavoro a se stante o astratto da un contesto in cui più forze concorrono alla realizzazione di un obiettivo, che in questo caso è il posizionamento sui motori di ricerca. Oggi il veicolare in maniera intelligente, e quindi secondo una precisa strategia, i contenuti di una qualsiasi pagina web all’utente è davvero fondamentale. La SEO deve essere sempre più parte integrante di un processo di ottimizzazione più grande, che comprenda anche un piano editoriale mirato per l’utente e strategie per “incontrare” l’utente stesso. Per farla breve se prima si pensava alla SEO come due macro aree chiamate SEO on-site e SEO off-site, oggi si dovrebbe rivedere questo modello inserendo una terza macro area che unisca le due precedenti e che è proprio quella del content marketing, sul quale magari incentreremo una nuova intervista in futuro.   Queste indicazioni ti saranno utili per iniziare a conoscere le basi su cui si poggia la SEO. Da un’occhiata al corso SEO base.  Tuttavia, per usare questo strumento a livello professionale è necessario un elevato livello di specializzazione, formazione continua, costante apprendimento e miglioramento. Se vi interessa diventare un professionista SEO potete ottenere la CERTIFICAZIONE SEO SPECIALIST dopo aver seguito il CORSO SEO SPECIALIST di Digital Coach e superato il relativo esame finale con un punteggio di almeno 70/100. Se vi interessa anche il mondo SEM potete considerare anche il CORSO SEO SEM SPECIALIST a seguito del quale potete sostenere l’esame di certificazione SEO SEM specialist. Se volete invece un corso completo che copra sia la parte SEO che SEM è in partenza il nostro MASTER WEB MARKETING ONLINE! Altrimenti puoi cominciare in modo soft con il corso SEM base.  

RICHIEDI RISORSE GRATUITE

Se desideri ricevere RISORSE GRATUITE, come ad esempio la mini guida WordPress, AGGIORNAMENTI, INTERVISTE ED OFFERTE DI LAVORO NEL DIGITALE ti basta indicare i tuoi interessi/obiettivi e la tua email nel form sottostante.Ti invieremo contenuti allineati ai tuoi interessi e ti garantiamo che non cediamo ne cederemo a terzi il tuo indirizzo e-mail .

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Piervincenzo Spano
Laureato in Ingegneria Informatica, ho sviluppato forte interesse per il mondo web con particolare attenzione al settore e-commerce, SEO e digital marketing. Lavoro sviluppando il potenziale della mia azienda sul digitale e frequento il master in Digital e Social Media Marketing della Digital-Coach.