Seleziona una pagina

Sei un appassionato della cucina regionale italiana? Niente di meglio che prenotare un pranzo, una cena o un corso di cucina sul sito delle Cesarine, dove il digitale incontra la cucina casalinga italiana più autentica, quella fatta dalle antiche ricette tradizionali delle nonne. Oggi ne parlo con Davide Maggi, amministratore delegato delle Cesarine, maestre dell’homecooking e ospiti di grande professionalità e cordialità.

 

silvia colomboChi sono le Cesarine?

davide maggiIn origine le Cesarine erano un gruppo di circa 30 ottime cuoche bolognesi, che cucinavano per i loro fortunati ospiti solo piatti della cucina tradizionale emiliana. Il nome è la variante femminile di Cesare, cioè di colui o di colei che è al centro dell’economia domestica e che raduna intorno alla tavola l’intera famiglia.

Oggi la rete delle Cesarine è presente in tutta Italia e presidia soprattutto le principali località turistiche, 120 circa. Conta di circa 700 case, dove cuoche e cuochi casalinghi ospitano persone insieme alle quali assaggiare e, a volte, anche cucinare i piatti della tradizione culinaria delle singole regioni.

Le Cesarine quindi non sono più solo a Bologna e non sono più solo donne. A Roma, ad esempio, va per la maggiore un Cesarino, ottimo ambasciatore della più autentica cucina tradizionale romana.

Ad oggi i clienti delle Cesarine sono soprattutto stranieri, storicamente grandi estimatori dell’homefood italiano. 

 

silvia colomboCome faccio a diventare Cesarina?

davide maggiOccorre andare sul sito delle Cesarine e compilare il format previsto per la candidatura. In sintesi è necessario mandare alcune foto della casa, una descrizione della propria esperienza culinaria, le ricette che si intende proporre ai propri ospiti (devono essere ricette locali e legate al territorio)

Dopodiché c’è un team che valuta le singole candidature per procedere nella selezione.

 

silvia colomboQuanto guadagnano le Cesarine?

davide maggiDal prezzo indicato sul sito per le varie esperienze culinarie, due terzi restano alla singola Cesarina, mentre un terzo va alla gestione della piattaforma online.

Questo perché le Cesarine operano nel settore dell’economia di condivisione (la cosiddetta sharing economy sul modello AirBnB) e il loro business model prevede due attori principali:

  • da un lato le Cesarine, che sono le vere e proprie artefici dell’home cooking italiano
    Home cooking

    Cooking class con le Cesarine

  • dall’altro la piattaforma online che è proprietaria del marchio “Le Cesarine”. A tale piattaforma spetta il compito di creare e aggregare la comunità delle Cesarine, di diffonderne i valori e di stimolare l’incontro tra la domanda e l’offerta di food experience autentiche, genuine e di gran qualità. 

 

Italian homecooking online

 

silvia colomboQuali sono gli strumenti di web marketing delle Cesarine?

davide maggiLa strategia di web marketing delle Cesarine prevede l’uso di Google Ads e di display advertising su siti terzi, con l’obiettivo principale di catturare l’attenzione di potenziali clienti che spesso sono stranieri e stanno anche oltreoceano.

 

 

Per quanto riguarda invece il social media marketing, per farsi conoscere le Cesarine usano canali quali Facebook e Instagram.

Di recente è stata istituita anche a una newsletter e un’attività di affiliation marketing con OTA (online travel agency) quali AirBnB, Viator, Getyourguide, Expedia.

Una precisazione: le Cesarine usano anche canali pubblicitari offline quali la stampa tradizionale e il programma televisivo “L’Italia a morsi”, condotto su Discovery Channel da Chiara Maci, una famosa food blogger. Le attività pubblicitarie offline hanno soprattutto lo scopo di aumentare la brand awareness e la credibilità del marchio “Le Cesarine”.

 

silvia colomboQuali sono gli strumenti di web marketing più efficaci?

davide maggiSicuramente l’affiliation marketing che mira a sviluppare il business B2B soprattutto con le OTA. Questo successo è garantito da due fattori:

 

  • tra i clienti delle OTA ci sono molti stranieri intenzionati a venire in Italia, spesso anche per fare homefood tourism, un fenomeno culturale in gran spolvero negli ultimi anni
  • il servizio delle Cesarine è unico, nel senso che è l’unica rete di cuoche casalinghe ad essere presente in tutte le principali località turistiche italiane, ha la particolarità di ospitare in belle case private e gode di un ottimo rating su tutti i principali siti di recensioni online

 

Molto buoni sono anche i riscontri che si hanno con le campagne Google Ads, rivolte soprattutto allo sviluppo del business B2C.

 

silvia colomboQuali sono le figure professionali digital più importanti?

davide maggiLo staff a supporto delle Cesarine è composto solo da persone con competenze digitali che si possono classificare in tre macro-dipartimenti:

 

  1. quello tecnologico che si occupa della presentazione online delle varie food experience. In sostanza sviluppa in front end e in back end le parti strategiche del sito, quali le cene, i corsi, le destinazioni e i profili delle Cesarine
  2. quello che si occupa di content marketing, sviluppando contenuti (testi, foto, video) da proporre sul sito e sui vari canali social
  3. quello che prepara l’advertising online e che quindi dialoga con Google e con i siti terzi coi quali si fa affiliate marketing

 

silvia colomboQuali sono i progetti futuri dell’home food by “Le Cesarine”?

davide maggiGrazie anche al lavoro svolto finora dalle Cesarine, l’home cooking e le food experience ad esso collegate sono diventati ormai dei fenomeni culturali in gran voga. Il mercato ha dimostrato di apprezzare sempre più questo modo innovativo di gustare i sapori autentici della cucina tradizionale italiana, basti pensare che il fatturato degli ultimi 3 mesi delle Cesarine è già il doppio di quello dello scorso anno.

I punti fermi dai quali si parte per la costruzione e l’implementazione della strategia futura sono i seguenti:

  • la rete di Cesarine che copre tutte le principali località turistiche italiane
  • la varietà di food experience proposte, che si distinguono non solo in base alla durata (cene versus corsi di cucina), ma anche in considerazione della bellezza della location o dell’eccezionalità dei piatti proposti
  • la focalizzazione sul mercato statunitense

Il prossimo obiettivo è aumentare il giro d’affari di tutte le Cesarine perché al momento circa 100 lavorano a pieno regime, mentre le altre sono più legate alla stagionalità.

Ciò si realizzerà con il web marketing che sarà mirato a catturare l’attenzione di nuovi clienti stranieri, ma soprattutto quella di potenziali clienti italiani, interessati a conoscere più da vicino il nostro ricchissimo e variegato patrimonio culinario regionale.

homefood

Le Cesarine di Ostuni

Ad esempio, sei in vacanza in Sicilia. Anziché andare a mangiare al ristorante, perché non prenotare un’esperienza culinaria da una Cesarina? Cucinare e mangiare insieme a una persona del luogo è sicuramente un modo divertente e innovativo per gustare delle ottime ricette e per conoscere da vicino la tradizione culinaria della regione che si visita. Senza contare il fatto che ciò dà la possibilità di passare qualche ora in case di gran fascino.

Un’ultima cosa: ti piace cucinare e hai a disposizione una casa sul Lago di Como, a Venezia, a Positano o in altre località turistiche di pregio? Contatta subito le Cesarine. Molto probabilmente potrai entrare a far parte della loro rete e mi avrai quanto prima come tua ospite per gustare le tue prelibatezze culinarie!

 

Vuoi anche tu sviluppare business online come stanno facendo le Cesarine? Può esserti utile seguire il corso digital strategy oppure quelli di affiliate marketing e di SEM base o SEM avanzato che sono più mirati all’advertising online. Trovi tutti questi corsi nel catalogo Digital Coach e ricordati che c’è anche la possibilità di frequentare online o on demand.

ARTICOLI CORRELATI

food marketingcome creare una start up

food blogger

Silvia Colombo on Linkedin
Silvia Colombo
Sono una libera professionista e mi occupo di organizzare corsi di marketing/comunicazione per i quali, a volte, sono anche docente. Per aggiornare le mie competenze, mi sono iscritta al Master Digital Marketing in Digital Coach, ho conseguito la certificazione e ora sono felicissima di iniziare a lavorare nel mondo digitale.
Adoro viaggiare (sono accompagnatrice turistica), leggere, ballare e stare con le persone, anche se "solo" on line. ;-)
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]
[i]
[i]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[i]
[index]
[index]
[i]
[i]
[index]
[index]