Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.9 stelle
    4.9 / 5 (23 )
  • Vota!


Flixbus è una grande realtà europea che si occupa di trasporto passeggeri, a loro abbiamo chiesto di raccontarci come le strategie digital hanno supportato il loro sviluppo e come i social li aiutino a comunicare con i propri utenti. Questo diventa particolarmente importante visto che in tutto il mondo si stanno sempre più affinando le strategie digital applicate alla comunicazione non solo delle realtà online.

 

Abbiamo oggi con noi per le interviste di Digital Coach, Simona Clerici, Pr Manager di Flixbus, realtà che permette alle persone di spostarsi in Italia e in Europa in modo comodo ed economico. Flixbus lavora nel mondo del digitale e ha raggiunto dei numeri incredibili di passeggeri.

fotosimonaclerici_flixbus_perwSiamo contenti di constatare che nonostante le esigenze delle persone siano cambiate si abbia ancora molta voglia di viaggiare, non solo in modo virtuale come le nuove tecnologie ci permettono di fare. Constatiamo ogni giorno che le esigenze di come viaggiare sono molto cambiate e abbiamo deciso di applicare innovazione proprio in un mondo che era “tradizionale”. Possiamo definirci sia una Start-up tecnologica, un e-commerce e un’impresa tradizionale. Quando pensiamo quindi all’innovazione deve essere sempre immaginata a 360°. Innovazione di prodotto, ma che non trascuri il modo stesso di pensare a Flixbus.

Partiamo dai servizi che possiamo offrire a bordo:

  • Wi-fi (per navigare online senza problemi durante il viaggio)
  • Prese di corrente (per ogni utente)
  • Confort di bordo (seduta accogliente, spaziosa e ben distanziata)

Il viaggio infatti può così non essere solo “attesa” ma ogni passeggero può lavorare, studiare o semplicemente guardare un film o ascoltare la propria musica preferita.

Per il prossimo futuro intendiamo ancora investire in tecnologia perché per noi l’obiettivo è quello di alzare l’asticella del livello della qualità. Un esempio è la recente introduzione di un sistema di messaggistica per il passeggero che è in attesa dell’autobus che riceve una notifica push sul cellulare in caso di ritardo dell’autobus. Questo è un esempio delle soluzioni che introdurremo per migliorare costantemente l’esperienza del cliente Flixbus. Il cliente al centro con delle soluzioni semplici, immediate che però sono molto efficaci.

Ci racconti come è possibile viaggiare con Flixbus? 

 

fotosimonaclerici_flixbus_perwIl servizio Flixbus deve essere per prima cosa flessibile, ogni offerta infatti, è pensata e cucita sull’esigenza dei nostri passeggeri, partendo dalla fascia più giovane di popolazione, i Millennials. Loro rappresentano il nostro target “d’elezione”, ai quali pensiamo quando dobbiamo strutturare una campagna, quando vogliamo apportare un’innovazione o quando vogliamo migliorare il nostro servizio. Un esempio sono i canali di accesso al servizio come il web e l’App. Tutti devono poter accedere in pochissimo tempo, con pochi click al servizio perché quando si desidera programmare un viaggio spesso non lo si può pianificare. Sappiamo poi che i giovani amano cambiare idea “all’ultimo minuto” e noi offriamo la possibilità di cambiare l’orario e il giorno della partenza fino a 15 minuti prima della prenotazione effettuata. Viaggiare smart, ma anche in assoluta comodità anche come bagaglio. Con noi è possibile viaggiare con due bagagli in “stiva” e uno a bordo, dando ai nostri passeggeri un’altra dimensione del viaggio, un viaggio economico non deve per forza costringerci a viaggiare con il minimo indispensabile.

 Come avete scelto di comunicare Flixbus in Italia in questi anni?

fotosimonaclerici_flixbus_perwLa comunicazione è per noi un elemento portante. Volevamo soprattutto che le persone iniziassero a pensare al viaggio in bus tra città e città, soprattutto nel Nord Italia c’erano molte reticenze e la comunicazione è stata la leva su cui abbiamo puntato per farci conoscere e per diffondere la fiducia in questo tipo di servizio. Era fondamentale rompere una barriera, quindi abbiamo lavorato per target utilizzando sia canali tradizionali che digital. Proprio perché guardiamo molto ai Millennials abbiamo studiato le loro necessità e i canali dove prendono informazioni. Abbiamo quindi lavorato molto sui social network aprendo una pagina Facebook che curiamo moltissimo perché sia cool e possa trasmettere la piacevolezza di viaggiare con Flixbus e che siano in linea con le aspettative di un pubblico giovane. Non abbiamo tralasciato sui social la dimensione della fidelizzazione con delle conversazioni che siano interessanti e utilizziamo spesso gli User Generated Content. Ovvero il contenuto generato spontaneamente dai nostri utenti e che per noi rappresenta un grande valore aggiunto. Vederci raccontati con gli occhi dei nostri passeggeri è la nostra soddisfazione più grande. Siamo una community che cresce costantemente così come il livello delle interazioni e dei feedback e questo di conseguenza ha una ricaduta positiva sul traffico, sia sui social che sui nostri bus.

 I Millennials utilizzano il vostro servizio più da App o da desktop?

fotosimonaclerici_flixbus_perwIl desktop è ancora il canale privilegiato se consideriamo il dato in valore assoluto, ma se andassi ad analizzare la provenienza (come profilo) di chi acquista i nostri servizi da App sono sicura che proverrà dalla fascia più giovane di chi usa Flixbus.

Come interagiscono i clienti con i vostri canali social?

fotosimonaclerici_flixbus_perwI nostri passeggeri interagiscono moltissimo, non nego che spesso quando siamo di cattivo umore, andiamo a leggere la pagina Facebook di Flixbus dove leggiamo di storie d’amore a distanza che “proseguono” proprio grazie al fatto che esiste questo modo di viaggiare. Ci raccontano che grazie a Flixbus possono tornare a casa più spesso, per noi una vera e propria “iniezione” di buon umore che ci spinge a fare di più, a fare meglio innovando il nostro servizio.

Sbirciando proprio su Facebook e ho visto che c’è un nuovo programma di viaggio in Europa. Se ne può parlare?

 

fotosimonaclerici_flixbus_perwCorrettissimo Sì! È veramente una novità, si chiama Interflix è il concetto di Interail applicato al bus ed è molto semplice. C’è solo l’imbarazzo della scelta, Flixbus mette a disposizione 900 destinazioni sparse in 20 nazioni europee. Il biglietto ha il costo di 99€ ed è valido per 5 destinazioni a scelta. Si può scegliere dal classico Tour ad anello o si può scegliere di fare delle tratte separate tra loro, l’unico vincolo è che questi viaggi vanno esauriti nell’arco di 3 mesi e non è possibile fare un’andata e ritorno sulla stessa tratta, proprio perché si perderebbe la dimensione del “viaggio”. Vogliamo dare ai più giovani la possibilità di esplorare l’Europa .

Tornando al tema Europa, voi siete una realtà europea, ci sono distinzioni nel modo di viaggiare tra l’Italia e il resto d’Europa?

fotosimonaclerici_flixbus_perwIn Italia sono i giovanissimi a farla “da padroni” in particolare gli studenti fuori sede e i giovani lavoratori che hanno lasciato la propria città per trasferirsi in una nuova città, ma hanno il piacere di tornare a casa ogni qual volta gli è possibile. Flixbus inoltre è usato moltissimo dai turisti, italiani e stranieri e ha iniziato da poco ad avvicinarsi ai nostri servizi la clientela business. In Germania dove il servizio è più collaudato (Flixbus nasce in Germania proprio 3/4 anni fa) la clientela business rappresenta una parte importante del bacino di utenti che utilizzano il nostro servizio. Questo ci fa ben sperare perché anche in Italia ci potrà essere lo stesso tipo di evoluzione.

Una piccola anticipazione sul futuro?

fotosimonaclerici_flixbus_perwL’anticipazione che posso dare è che nei prossimi mesi continueremo ad investire in digitale ed innovazione, inoltre vorremmo andare ad esplorare nuovi modelli di comunicazione. CI vedrete in luoghi “insospettabili”!

Alessio Cuoci
Marketing Manager & Digital Project Manager -
Content Marketing Practitioner @Digital Coach

Dopo una Laurea in RP & Comunicazione D'Impresa e una parentesi lavorativa in UK mi sono posizionato nel settore Marketing & Comunicazione, il mio lavoro e la mia passione.
[13]
[13]
[13]
[13]
[12]
[12]
[12]
[12]
[10]
[10]
[10]
[10]
[11]
[11]
[11]
[11]
[14]
[14]
[14]
[14]
[15]
[15]
[15]
[15]
[16]
[16]
[16]
[16]
[17]
[17]
[17]
[17]
[18]
[18]
[18]
[18]
[19]
[19]
[19]
[19]