Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.9 stelle
    4.9 / 5 (17 )
  • Vota!


Facebook Business Manager: uno strumento unico per organizzare le proprie attività di marketing su Facebook e Instagram. Che tu sia un professionista del marketing, un dirigente d’azienda o un piccolo imprenditore, come dice lo stesso Facebook “chiunque può essere uno straordinario marketer con il tool giusto”. Nulla di più vero. Se intendi promuoverti sul più diffuso social network al mondo non puoi rinunciare a Facebook Business Manager, potentissimo alleato per pianificare in modo pratico e funzionale il tuo lavoro.

Ogni giorno centinaia di migliaia di inserzionisti investono milioni di euro nella pubblicità su Facebook e Instagram ma non tutti ottengono i risultati sperati. È vero, la piattaforma di advertising di Facebook permette anche alle micro imprese di investire in piena autonomia ma la sua accessibilità ha un risvolto negativo. Il sistema di promozione del social blu è solo apparentemente semplice. È invece attraverso le sue innumerevoli feature e opzioni, formati e posizionamenti che permette di sfruttare al meglio la macchina messa a disposizione, rendendola estremamente performante. Facebook Business Manager rende possibile esattamente questo: agire in modo organico, mirato, strategico, comodo.

Facebook Business Manager cos’è

Facebook Business Manager è la piattaforma che consente agli inserzionisti di pubblicare e monitorare le inserzioni, gestire risorse come pagine FB, account Instagram, liste di pubblico e catalogo prodotti, controllare accessi e autorizzazioni di chiunque lavori a questi progetti. L’intero spettro del social advertising in un unico ambiente, rendendo più rapidi, semplici e funzionali processi e attività. Offre report Facebook dettagliati utili a monitorare le campagne in corso, panoramiche sulla spesa pubblicitaria, le impression e molto altro ancora. Facebook Business Manager è insomma il centro di controllo dal quale devono essere tracciati i risultati prodotti dalle proprie strategie di promozione su Facebook e Instagram.

Scopri come diventare esperto nell’utilizzo del Facebook Business Manager in uno dei seguenti:

 

Facebook Business Manager a cosa serve

Che tu stia facendo social media marketing o social selling, usare Facebook Business Manager significa sfruttare a pieno le potenzialità offerte da FB, Instagram e Messenger.

facebook utilizzo medioVuol dire instaurare relazioni personali con una delle più grandi community al mondo, indipendentemente se la tua attività operi e sia conosciuta a livello globale o locale. Significa incontrare le persone su Instagram, nel luogo in cui esplorano le loro passioni, traggono ispirazione e scoprono contenuti di loro interesse. Permette di avviare conversazioni dirette con oltre un miliardo di persone che utilizzano Messenger, mezzo attraverso il quale aiutare le vendite, offrire supporto, fidelizzare il cliente. Fare tutto questo tenendo traccia dei risultati prodotti da ogni sforzo prodotto su ognuno di questi canali.

Facebook Business Manager come funziona

Gestire più pagine e/o account pubblicitari diversi: Business Manager permette di farlo. Supporta, inoltre, il lavoro in team. Possono essere definiti dei ruoli all’interno della piattaforma e per ogni singola pagina. Sarà così possibile definire quali account possano operare su ogni singolo cliente, a cosa possa accedere ognuno di loro: chi solo al servizio pubblicitario, chi solo alla pagina, chi potrà modificare i post o solo analizzare una pagina o ancora esclusivamente mettere online le campagne e così via. La piattaforma, con un unico accesso, come anticipato, permette di vedere tutti i dati dei nostri clienti e gestire la loro attività su Instagram e FB.

 

 

Facebook Ads

Con il nostro Facebook Business Manager tutorial vedremo insieme come

  • aprire un account
  • settare le impostazioni
  • collegare il profilo personale, l’account instagram e una o più pagine
  • collegare diversi account pubblicitari e lavorare in team
  • Impostare il pixel
  • Creare la prima campagna

Prima di tutto questo però è necessario chiarire come funzioni Facebook Ads, vale a dire il meccanismo pubblicitario del più famoso social al mondo.

Facebook Ads cos’è e come funziona

Facebook Ads è il sistema di inserzioni a pagamento di Facebook che permette di promuovere prodotti e servizi utilizzando il grafo sociale al fine di profilare l’utenza.
Ha due punti di forza:

  • La vastità dell’audience e la sua eterogeneità
  • La forte connessione tra gli utenti.

grafo sociale facebook businessCos’è il grafo sociale

Il grafo sociale è un archivio di tutte le info che noi utenti decidiamo di dare a FB: a partire dalla registrazione, tutte le info che diamo e tutte le attività che facciamo (dire dove ci troviamo, che film guardiamo, i like che mettiamo, con chi stringiamo amicizia etc) comporranno il patrimonio informativo. Facebook poi trasferisce agli inserzionisti queste informazioni utili a profilare gli utenti per individuare così più precisamente le persone alle quali indirizzare le proprie attività di marketing.

Profilare l’audience su Facebook

Cosa utilizziamo per targetizzare e trovare i nostri utenti perfetti all’interno del pubblico di Facebook? Si ha la possibilità di targetizzare le campagne di marketing per luogo, dati demografici, interessi, comportamento, connessioni, pubblico personalizzato. Vediamo nel dettaglio le opportunità.

Luogo

A seconda di disponibilità economica e interessi posso decidere di puntare su un intero continente o su un singolo, piccolo paese. Il sistema di Facebook si sta affinando sempre di più fino alla possibilità di inserire un indirizzo e produrre delle campagne che saranno visualizzate solo da chi insiste nel raggio di un km, ad esempio. Una possibilità molto utile per le piccole imprese locali.

Dati demografici

Informazioni come sesso, età, lingua: questo tipo di targetizzazione è una delle possibilità che rendono unico Facebook. Non è l’algoritmo a elaborare le informazioni ma l’utente stesso a dare le proprie informazioni. Il risultato è non dover procedere per cluster ma avere riferimenti precisi. È l’utente a indicare cosa gli piace, a visitare determinate pagine, a mettere like e commentare post: sono tutte le azioni che permettono poi a Facebook di indirizzare su di lui messaggi e campagne che ritiene siano per lui pertinenti.

Comportamenti

Abbiamo detto dell’importanza dei dati che gli utenti inseriscono nella piattaforma componendo il proprio profilo ma è attraverso l’analisi dei suoi comportamenti che Facebook è in grado di fare il salto di qualità come piattaforma pubblicitaria. Ad esempio, se un utente comunica spesso la propria posizione e Facebook registra che lui si trovi un giorno in Portogallo, qualche settimana dopo in Norvegia e poi ancora in Italia dedurrà che sia un viaggiatore. Vale a dire il target perfetto per un’agenzia di viaggi, un tour operator. 

Allo stesso modo sempre procedendo tra gli esempi, FB è in grado di capire se sono un appassionato di tecnologia, o se sono uno che compra subito i primi modelli sul mercato (early adopter). Se vendo prodotti tecnologici e indirizzo a questo target la mia campagna, chi vedrà l’annuncio lo percepirà come qualcosa di positivo, quasi di servizio.

Connessioni

Spesso ci capita di vedere nel news feed l’inserzione di una pagina con scritto “A questi tuoi amici piace questa pagina”. Il meccanismo che mette in atto Facebook è il seguente: “i tuoi amici ne sono già fan, perché tu no?”. Chi gestisce una pagina può sfruttare questa opzione indicando come proprio target gli amici dei fan della propria pagina

Pubblici personalizzati

E’ possibile creare dei nostri pubblici. Se ho l’intenzione di promuovere il mio sito attraverso Facebook sarà utile poter caricare gli utenti già iscritti alla mia pagina, o che hanno già acquistato. Se possiedo queste info potrò magari escluderli dalle mie inserzioni: se hanno già acquistato o sono iscritti potrebbe non essere di mio interesse continuare a produrre su di loro degli sforzi pubblicitari. Al contrario, invece, per determinati obiettivi potrebbe essere fondamentale includerli e fare remarketing. In questo caso Facebook permette di fare delle campagne finalizzate a far compiere loro l’azione d’interesse per il nostro business che non hanno ancora finalizzato. Un esempio? L’utente di un’agenzia di betting che ha completato la registrazione ma non ha ancora effettuato il primo deposito. 

 

 

Pubblico simile

Pubblico simile (look a like) è una delle possibilità più utilizzate dai marketer di tutto il mondo. Come funziona? Molto semplice. L’inserzionista possiede una categoria di utenti che dimostra un interesse particolare, o è categoria molto importante (es. chi ha già acquistato). Non solo ha la possibilità di caricare i loro dati sulla piattaforma per farne un pubblico personalizzato ma può anche creare anche dei pubblici simili. Sarà a quel punto l’algoritmo di Facebook a lavorare per individuare persone che hanno evidenziato comportamenti o predisposizioni simili a quelle del nostro riferimento. Un’opzione davvero preziosa quando non si è ancora in grado di capire quali siano gli interessi specifici, l’età o il sesso delle proprio target migliore.

Come funzionano le aste su Facebook Ads

E’ un sistema ad asta cieca. Non conta solo l’offerta economica, l’offerta in denaro viene combinata con altri fattori per determinare il valore finale che stabilirà la posizione in classifica nell’asta. Dopo le prime 500 impressioni si attiva la qualità dell’annuncio: dà un punteggio alla nostra inserzione in base a quanto sia interessante, un valore fortemente influenzato dalla percentuale di interazione.
Facebook ha spazi limitati, quindi promuove gli annunci che producono di più (e quindi vendono di più). In sostanza, se un inserzionista punta 1 euro e ha un punteggio altissimo e un altro inserzionista ne punta anche 2 (il doppio) è molto probabile che l’asta la vinca chi ha offerto meno. Non perché Facebook sia democratico, naturalmente, ma per una logica di mercato. Se l’inserzione di chi ha investito di meno è di gran lunga migliore e più pertinente della seconda è molto probabile che venga cliccata più volte e così, mr. Zukerberg, guadagnerà di più.

 

Facebook Business Manager guida pratica

Entriamo nel dettaglio delle operazioni pratiche da seguire per impostare correttamente Facebook Business Manager, partendo da registrazione e login fino ad arrivare a lanciare la prima campagna.

Creare un account Business Manager

Se hai già creato una pagina Facebook o hai solo un profilo Facebook, la prima fase di configurazione di Business Manager è creare un account personale.

  • Vai su Business Manager e fai clic sul grande pulsante blu Crea Account in alto a sinistra sullo schermo.
  • Inserisci il nome della tua attività nella casella pop-up, quindi fai clic su continua .
  • Immetti il nome e l’indirizzo e-mail aziendale che si desidera utilizzare per gestire il proprio account Facebook Business Manager, quindi fai clic su fine.

Aggiungi la pagina aziendale

In questa fase hai un paio di opzioni a disposizione. È possibile aggiungere una pagina aziendale di Facebook esistente o crearne una nuova. Se gestisci pagine Facebook per clienti o altre attività commerciali, puoi anche richiederne l’accesso.

Per aggiungere la tua pagina Facebook al Business Manager:

  • Dalla dashboard di Business Manager, fare clic su aggiungi pagina. Dopo, nella finestra pop-up, fare nuovamente clic su aggiungi pagina.
  • Inizia a digitare il nome della tua pagina aziendale di Facebook nella casella di testo. Il nome della tua pagina aziendale dovrebbe essere completato automaticamente, quindi puoi semplicemente fare clic su di esso e poi su aggiungi pagina. Qualora tu sia amministratore della pagina che stai cercando di aggiungere la tua richiesta verrà approvata automaticamente.
  • Se hai più di una pagina Facebook associata alla tua attività, aggiungi le pagine rimanenti seguendo gli stessi passaggi.

 

Aggiungi il tuo account pubblicitario

Tieni presente che una volta aggiunto l’account personale a Facebook Business Manager non puoi rimuoverlo, quindi è particolarmente importante aggiungere solo gli account di tua proprietà. Per accedere a un account cliente, fai invece clic su richiedi accesso.

Dalla dashboard di Business Manager, fare clic in alto a destra su impostazioni di Business Manager. Nella sezione impostazioni, cliccare nel menu a sinistra su account pubblicitari, sottovoce del menu account. A questo punto clicca su “aggiungi”. A questo punto potrai:

  1. Aggiungere un account pubblicitario. Lo farai immettendo l’ID dell’account già esistente che puoi trovare in gestione inserzioni.
  2. Richiedere l’accesso a un account pubblicitario. Opzione utile quando devi usare l’account a nome di un’altra azienda, ad esempio quando si lavora come agenzia e l’account pubblicitario appartiene al cliente
  3. Creare un nuovo account pubblicitario. Ogni azienda può creare un account pubblicitario fin dall’inizio. Dopo aver speso denaro nel tuo primo account pubblicitario, puoi aggiungerne altri quattro, ma non puoi ospitare più di cinque account pubblicitari all’interno di un solo Business Manager.

 

 

Aggiungere i membri del team a Facebook Business Manager

Mantenere il controllo del marketing su Facebook può essere un grande lavoro e potresti non volerlo fare da solo.
Le attività di social media marketing e social media selling possono essere molto complesse e articolate, richiedendo così il lavoro congiunto di più professionisti.
Facebook conosce bene queste esigenze e permette il lavoro di squadra consentendo di aggiungere membri del team che potranno lavorare alla stessa pagina aziendale, ognuno secondo il proprio ruolo.

  • Dalla dashboard di Business Manager, fare clic sull’icona a forma di ingranaggio nella parte superiore della pagina.
  • Di default nella colonna a sinistra dovrebbe essere selezionata la voce utenti – persone. Questo farà apparire un elenco di tutte le persone che hanno accesso al tuo Business Manager di Facebook. Naturalmente in partenza riporterà solo il titolare dell’account ma cliccando su aggiungi sarà possibile autorizzare nuovi membri del team.
  • Nella casella pop-up, inserire gli indirizzi e-mail aziendali dei membri del team che si desidera aggiungere.
    A quel punto dovrai decidere che tipo di accesso dare alle persone che hai aggiunto al tuo account pubblicitario. Potranno avere autorizzazioni da dipendente, quindi con funzionalità limitate, o da amministratore e quindi un accesso completo. Non preoccuparti, potrai essere più specifico riguardo le autorizzazioni in uno step successivo, clicca intanto su aggiungi persone.
  • Una volta aggiunte le persone potrai scegliere quali pagine assegnare ad ognuno loro e con tipo di ruolo. Vediamo le opzioni che offre Facebook in questo senso.
    Amministratore: può gestire tutti gli aspetti della pagina, compresa l’assegnazione di nuovi ruoli pagina agli altri.
    Moderatore: può inviare, rispondere e cancellare messaggi e commenti, oltre a controllare gli insights.
    Analista: può gestire le impostazioni e visualizzare gli insights.
    Editor: può fare tutto ciò che è permesso a un moderatore della pagina oltre a pubblicare contenuti a nome della pagina.
    Inserzionista: può fare tutto ciò che è permesso a un analista oltre a creare annunci e campagne.

Dopo aver assegnato i ruoli appropriati alle persone giuste, fare clic su avanti.

Ruoli e autorizzazioni del team per account pubblicitario

A questo punto, come anticipavamo, potrai definire in modo più specifico le autorizzazioni ai membri del tuo team rispetto a quali account pubblicitari potranno gestire e che tipo di ruolo avranno per ciascuno di essi.
Successivamente, assegnerai quali account pubblicitari possono essere utilizzati dai membri del tuo team e quali ruoli avranno per ciascun account. Come per le pagine, hai diverse scelte in base alle responsabilità e ai livelli di accesso che desideri assegnare a ciascun membro del tuo team: analista dell’account pubblicitario, amministratore o inserzionista dell’account pubblicitario.

  • Amministratore dell’account pubblicitario: può gestire tutti gli aspetti delle campagne, inclusa la modifica dei dettagli di fatturazione e l’assegnazione di ruoli agli altri.
  • Analista dell’account pubblicitario: ha accesso solo per visualizzare il rendimento degli annunci.
  • Inserzionista account pubblicitario: può vedere, modificare e creare nuovi annunci.

A questo punto sei arrivato a conclusione del processo e puoi cliccare su avanti. Vedrai un avviso che riepiloga quante persone hai aggiunto al tuo team e quali ruoli hai assegnato. Ora devi aspettare che ognuno dei partecipanti accetti l’invito a far parte del tuo team di Facebook Business Manager. Ognuno riceverà un’e-mail con informazioni sull’accesso che hai fornito e un link per iniziare.

Aggiungere l’account Instagram

Ora che hai impostato account e risorse puoi collegare il tuo account Instagram anche a Facebook Business Manager.

  • Dalla dashboard di Business Manager, fare clic sull’icona a forma di ingranaggio nella parte superiore della pagina.
  • Nella colonna a sinistra seleziona la voce account – account instagram. Clicca su aggiungi e inserisci nome utente e password.
  • Seleziona gli account pubblicitari a cui desideri che acceda quando fai pubblicità su Instagram. Solo le persone che possono accedere a questi account pubblicitari potranno usare questo account Instagram.

 

Scollegare una pagina da business manager

Facebook Business Manager è uno strumento potentissimo, eccezionale dal punto di vista delle performance che consente di produrre. Tuttavia, non brilla per semplicità di utilizzo e presenta diversi piccoli bug. Una delle difficoltà più comuni è legata alle difficoltà nel rimuovere una pagina precedentemente collegata. Il metodo più immediato è ricorrere a un piccolo artificio.

Bisognerà creare una nuova pagina, fittizia e generica, che avrà il solo compito di permettere di rimuovere quella indesiderata. Successivamente collegandosi a Facebook Business Manager accedendo alle impostazioni e all’elenco delle pagine sarà  necessario cliccare su aggiungi pagina e poi su reclamare una pagina. A quel punto, incollare l’indirizzo della pagina fittizia che è stata creata. Solo ora, cliccando a sinistra sull’icona a omino si potrà scegliere quale pagina rimuovere. Se non fosse stata creata l’altra pagina non sarebbe stato possibile compiere questa azione.

dashboard facebook business manager

Facebook Business Manager Dashboard

Il tool di Facebook che permette agli inserzionisti di gestire pagine aziendali, account pubblicitari e applicazioni da un’unica interfaccia monitorandone i risultati è finalmente impostato. La dashboard di Facebook Business Manager è navigabile attraverso il menù a tendina che si apre cliccando sull’icona ad hamburger in alto a sinistra. Le aree sono suddivise in 5 categorie:

  • Pianificazione,
  • Creazione e gestione,
  • Misurazione e report,
  • Risorse,
  • Impostazioni.

Tutte le funzionalità del tool sono così suddivise in 5 macro-aree con le relative sottocategorie.

 

 

Il pixel di Facebook

retargeting con pixel fb

Prima di fare qualsiasi campagna è necessario preparare l’account in modo tale da avere poi tutti i dati a disposizione per agire nel migliore dei modi. Per fare questo è necessario affidarsi al pixel di Facebook.

Cos’è il pixel di Facebook

E’ uno script che va inserito in tutte le pagine del sito e permette di avere informazioni precise e dettagliate su chi lo naviga. È l’elemento che permette all’algoritmo di lavorare e compiere le azioni per le quali il social media marketing su Facebook è davvero potentissimo affidandosi su profilazioni davvero pertinenti. Naturalmente il pixel è in grado di assorbire e catalogare tantissime informazioni, sarà compito del marketer invece capire e definire quali siano le azioni compiute dagli utenti sul sito che sarà davvero importante tracciare.

Quando un sito utilizza cookie significa – in estrema sintesi – che tiene traccia delle informazioni sui propri visitatori. Il meccanismo che si genera è questo: il pixel memorizza gli utenti che visitano le nostre pagine e permette di comunicare con Facebook. Appena l’utente entra sul sito, lo script dirà al social blu “questo utente/cookie è riferito a un individuo che ha visitato le tue pagine”. Fino a quando questo utente non svuoterà la cache avremo la possibilità di utilizzare i cookie per usare queste info per la profilazione e compiere su di lui azioni di remarketing.

A cosa serve il pixel

Remarketing FacebookQuesto script inserito in tutte le pagine del sito permette di:

  • MONITORARE IL TRAFFICO SUL SITO: una volta installato sul sito inizierà a raccogliere informazioni.
  • OTTIMIZZARE LE CAMPAGNE: utilizzerà queste informazioni per ottimizzare le campagne. Spingerà di più nelle aste per gli utenti simili che hanno già convertito, indirizzerà il budget all’obiettivo che abbiamo impostato (traffico, conversioni, etc).
  • CREARE ELENCHI DI PUBBLICO: In fase di impostazione della campagna potremo creare determinate azioni. In base al compimento di quelle azioni il pixel creerà degli elenchi di pubblico sui quali potremo poi fare azioni di marketing successive.

Per fare un esempio, un’agenzia di betting potrebbe impostare due diverse azioni da monitorare: registrazione e deposito. A quel punto potrebbe poi impostare delle azioni di marketing su coloro i quali si sono registrati ma non hanno depositato. La stessa cosa per i visitatori di un e-commerce che però non hanno acquistato. Creando un’inserzione con una regola “tutti i visitatori, tranne quelli che hanno già convertito” Facebook farà in modo di far vedere l’annuncio a tutte le persone in target che, però, non hanno ancora compiuto l’azione desiderata.

Come creare il pixel

  1. Dalla dashboard di Facebook Business Manager clicca sull’icona menu in alto a sinistra. Nella scheda misurazione eventi clicca sulla voce pixel.
  2. Nella schermata che si apre clicca sul tasto blu “aggiungi un’origine dei dati” e seleziona pixel di Facebook.
  3. Immetti un nome (fino a 50 caratteri) per il pixel, quindi fare clic su crea . Quando fai clic su crea, accetti i termini e le condizioni dei pixel. Ti consigliamo, naturalmente, di leggerli.
  4. Attendi che il pixel sia creato, quindi fai clic su configura pixel.
  5. Installa lo script su tutte le pagine del sito, magari affidandoti a Google Tag Manager.

codice pixel facebook

Se vuoi sapere tutto sul pixel di Facebook e consularti consigliamo di dare un’occhiata a questo nostro articolo.

Impostare la prima campagna con Facebook Business Manager

A questo punto abbiamo creato il nostro account su Facebook Business Manager, abbiamo calibrato questa potentissima macchina settando tutte le impostazioni, collegato il profilo personale, l’account instagram e tutte le pagine che intendiamo gestire. Se lavoriamo in team avremo collegato i diversi account pubblicitari e stabilito ruoli e livelli di autorizzazione per ciascuno di essi e, infine, una volta impostato il pixel, strumento indispensabile per ottimizzare i nostri sforzi, siamo finalmente pronti a creare la prima campagna.

  • Dalla home di Facebook Business Manager clicca sull’icona menù in alto a sinistra.
  • Nella scheda creazione e gestione, andare su gestione inserzioni, quindi fare cliccare sul pulsante verde crea nella schermata che si apre.
  • Scegli l’obiettivo della campagna. Facebook offre molti obiettivi pubblicitari per aiutarti a raggiungere i risultati che desideri. Il tuo obiettivo pubblicitario corrisponde all’azione che desideri che le persone eseguano quando vedono le tue inserzioni. Componi il tuo messaggio, definisci il pubblico cui rivolgerlo, posizionamenti e formati.

Ci siamo. Adesso hai l’intera gamma delle possibilità offerte da Facebook nelle tue mani.

Master in Digital Marketing

master-digital-marketing

Tutto questo ti appassiona e vuoi farne il tuo lavoro? Puoi scegliere di frequentare il digital marketing master, che ti consentirà di acquisire tutte le competenze necessarie ad affrontare i temi che abbiamo visto in questa mini-guida. 

Stai cercando un master più specifico per l’area social? Ecco il nostro master in social media marketing, online in aula a Milano nella sessione diurna o serale.

Puoi anche focalizzarti su una specializzazione verticale.in area social. Al caso tuo fanno certamente il corso Facebook Marketing, il corso Facebook Ads e il corso (e certificazione) social media specialist.

ARTICOLI CORRELATI

  

Gianpiero Versace on Linkedin
Gianpiero Versace
Giornalista professionista con esperienza su diversi media, ho maturato qualificate competenze nella comunicazione aziendale, nelle PR e l'ufficio stampa tradizionali prima di essere travolto da fascino e potenzialità di comunicazione e marketing digitali.
Digital, sport, music & writing addicted.