Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.9 stelle
    4.9 / 5 (23 )
  • Vota!


Innovazione, digitalizzazione, dematerializzazione, portano tutti verso un’unica svolta epocale: il Digital Business.

Nel Marketing, così come nella costruzione della Brand Identity di un’impresa, si parla sempre di “digital” e strategie di rinnovo. Ma cos’è e come funziona il Digital Business?

Strettamente correlato alla Digital Transformation, il Digital Business non è altro che la trasformazione in digitale delle imprese e del loro business. Dalla finanza alla moda, dalle telecomunicazioni ai trasporti, la chiave per la reinvenzione di un’azienda consiste nel capire come sfruttare le tecnologie digitali per creare un nuovo business o di applicare queste tecnologie ad un business già esistente.

Per sapere di più su cosa è e le potenzialità della Digital Transformation leggi l’articolo alla pagina dedicata.

Come per il business, l’innovazione digitale è prima di tutto una questione di vision. In poche parole? Bisogna avere esperienza, conoscenza e l’intuizione necessaria per portare le aziende verso una vera e propria automatizzazione. Il tema centrale rimane comunque la capacità di riuscire a bilanciare gli investimenti tecnologici per finanziare e monitorare l’andamento di un’impresa.

 

digital-business

 

Le 7 colonne portanti del Digital Business

 

Al di là delle mode, quali sono le soluzioni e gli approcci che possono realmente fare la differenza? Quali sono poi le strategie digitali necessarie affinché un’azienda possa muovere i primi passi verso il Digital Business?

Scopriamolo insieme punto per punto.

 

BUSINESS INTELLIGENCE

Intesa come Business Analytics, o anche Real Time Analytics, (per il controllo in tempo reale di un business) e Social Media Analytics (per l’analisi del sentiment e la misurazione della reputation). Nello specifico, il Business Analytics si avvale di insight qualitativi e quantitativi al fine di orientare le azioni di un’azienda. In altri termini si occupa di trasformare un dato in informazione, affiancando alle analisi esplorative dei dati l’uso di tecniche ed algoritmi statistici. Predictive Analytics, Clustering e Forecasting sono solo alcuni esempi degli strumenti utilizzati, in grado di migliorare la conoscenza estratta dai dati.

Il processo di raccolta, trasformazione e valorizzazione delle analisi prevede quattro fasi:

  • Data Collection: la raccolta e riorganizzazione dei dati
  • Data Modeling: i dati vengono quindi configurati in base alle KPI (Key Performance Indicator)
  • Reporting: per raggruppare in documenti condivisibili i dati e le informazioni più pertinenti
  • Dashboarding: in base al reporting, i dati generano dashboard e differenti modalità di visualizzazione e consultazione funzionali al business

 

BIG DATA

Ovvero l’elaborazione di grandi quantità di informazioni eterogenee. Dato il numero dei dati prodotti, oggi la sfida del Digital Business consiste nel raccogliere ed interpretare tutti i Big Data provenienti soprattutto dai sensori integrati in migliaia di oggetti collegati alla Rete  (Internet of Thinghs), per avere una visione ancora più realistica del fatturato di un’azienda. Va da sé che l’integrazione degli Analitycs e dei Big Data costituisce una strategia fondamentale in termini di Digital Transformation.

 

INTERNET OF THINGS (IoT)

Secondo la definizione ufficiale dell’Internet Business Solutions Group: “I’IoT può essere considerato come il momento in cui ad Internet hanno iniziato ad essere connessi più dispositivi che persone”. Sostanzialmente, oltre agli smartphone e ai tablet, la vasta rete dei dispositivi connessi alla rete contengono al loro interno sensori in grado di raccogliere e scambiare dati. Tutto ciò vale per gli oggetti più disparati: dalle automobili ai GPS, dai pozzi petroliferi ai motori a turbina, fino ai smart-watch e dispositivi indossabili, ai frigoriferi…

Grazie ai software e i vari componenti, i campi che entrano in gioco in quello che è conosciuto anche con il nome di Industrial Internet of Things (IIoT) riguardano: gli Analytics, il machine learning, e i Big Data.

 

MACHINE LEARNING

Inteso come l’insieme dei meccanismi di apprendimento automatico e modelli di forecasting. Mettete un attimo da parte Will Smith e “Io,Robot”, l’intelligenza artificiale può essere applicata anche alle strategie di marketing e business. Come? Dando vita ad una piattaforma di intelligenza artificiale (AI) sul proprio sito, anche un Chatbot per intenderci, e un software di machine learning in grado di fondere le competenze umane e i dati raccolti per migliorare l’assistenza clienti e predire le azioni degli utenti.

 

BLOCKCHAIN

letteralmente “catena di blocchi”, la Blockchain può essere considerata come l’Internet delle Transazioni. Inizialmente creata per il commercio dei Bitcoin, questa nuova tecnologia permette di creare e gestire database strutturato in “blocchi”, ognuno dei quali contiene e gestisce più transazioni tracciabili tra loro. Nel campo del Digital Business si rivela soprattutto un metodo affidabile e resistente ai tentativi di intrusione negli archivi dei dati.

 

MOBILE TECHNOLOGY

Ogni marketer di successo ne è al corrente: la maggior parte degli utenti accede alla rete utilizzando il proprio smartphone e resta connesso tramite dispositivi mobile per almeno il 60% del proprio tempo. Le App sono senza dubbio una grande risorsa per incrementare il Digital Business di un’azienda e superare il gap funzionale tra e-commerce e negozio fisico. Il cliente preferisce di gran lunga acquistare, leggere recensioni, comparare, utilizzare coupon tramite il proprio smartphone e al tempo stesso, le App permettono di tracciare la customer journey, raccogliere dati statistici, geolocalizzare e monitorare l’utente.

 

CLOUD COMPUTING

Ultimo, ma non per importanza, sicuramente avrete già sentito parlare di Cloud. Bene, il Cloud Computing non è altro che una tecnologia che consente di accedere a dati, applicazioni e servizi tramite Internet. Si tratta principalmente di App caricate su una sorta di “nuvola” in rete (cloud per l’appunto), in grado di fornire analisi relative all’archiviazione, l’elaborazione o la trasmissione di dati, strettamente correlato alla Business Intelligence.

 

 

 

Come creare un Digital Business di successo 

 

“Tra il dire e il fare c’è di mezzo il digitale”. Secondo Gartner, Digital Business non significa espandere l’uso della tecnologia in azienda, ma pensare alla tecnologia in modo completamente nuovo, come fonte di innovazione e opportunità. Per attuare una buona strategia digitale, ci sono alcuni passaggi da tenere a conto.

 

  • LA CONSAPEVOLEZZA: il punto di partenza è senza dubbio la consapevolezza che nessun business può durare in eterno. Le tecnologie cambiano continuamente e la vera sfida è riuscire a capire quando interrompere e sperimentare un nuovo ambiente di sviluppo.

 

  • IDEARE UNA ROAD MAP: sviluppare un nuovo prodotto/servizio significa anche analizzare i gap e i punti di forza dell’azienda fino ad individuare il veicolo del cambiamentodigital-business-cloud

 

  • LA TECNOLOGIA: Immaginare l’architettura IT ideale significa soprattutto progettare la tecnologia necessaria per il giusto Digital Business, intesa come software, App, intelligent units e piattaforme di vario tipo.

 

  • IL GIUSTO PARTNER: progettare la tecnologia necessaria non basta e riuscire in una tale impresa da soli non è così facile. Il consiglio è quello di rivolgersi a compagnie e società specializzate nel settore IT (Cisco, Oracle, SAP e così via) per ottenere supporto e assistenza.

 

  • LA WORKFORCE DIGITALE: abilita il tuo team all’utilizzo dei nuovi strumenti digitali aiutandoli ad individuare nuove opportunità (formazione, affiancamento, workshop, training, aggiornamento strategico e manageriale).

 

  • SECURITY: Dopo aver analizzato i punti di forza e di debolezza, i mezzi e le strategie necessarie, non bisognerebbe mai dimenticare di mettere in sicurezza il proprio business revisionando e installando politiche di sicurezza (anche se già esistenti)

 

  • STAY HUMAN! : strano ma vero, non importa quanto la tua impresa sia ormai automatizzata, ci saranno sempre campi in cui il “contatto umano” è fondamentale, soprattutto quando si parla di clienti.

 

I requisiti principali

 

Ricapitolando, una volta stabilita la propria strategia di Digital Business, resta un ultimo punto da analizzare: come affrontare il caos dei dati e delle informazioni? Sono 5 le competenze principali che un manager/imprenditore dovrebbe considerare per una ricetta del successo a lungo termine:

  • Munirsi di un’equipe multitasking e con competenze sia IT che di marketing e comunicazione
  • Procedere verso l’automatizzazione dei processi
  • Saper coinvolgere i clienti e dipendenti
  • Saper applicare strategie e analisi per ottenere informazioni dettagliate
  • Tenere bene a mente il rischio di perdita di informazioni

 

Digital Business a chi serve:

 

  • A tutte quelle imprese che decidono di adottare modelli digital per creare prodotti e servizi intelligenti che sappiano stupire il cliente e supportare i dipendenti
  • In termini di integrazione, a coloro che desiderano arricchire le funzionalità dei propri software e piattaforme cloud
  • Alle aziende che non sanno più come gestire il massiccio volume di dati e informazioni e hanno bisogno di ricavarne analisi dettagliate
  • Alle aziende turistiche o società di trasporti che desiderano rimuovere gli intermediari, o meglio diventare l’unico intermediario tra domanda e offerta di un servizio “fisico”

 

digital-business-iot

 

I settori all’avanguardia 

 

Come abbiamo visto dai Big Data alla Predictive Analytics, dagli algoritmi al Cloud computing, dai social media all’ Internet of Things, la tecnologia sta cambiando rapidamente. Le implicazioni attraversano tutto l’ambiente IT, reiventando i processi di business e ristrutturando l’organizzazione aziendale.

 Vediamo allora insieme i settori che più di tutti hanno saputo sfruttare le potenzialità del Digital Business, nell’ambito di quella che potremmo definire come 4 rivoluzione industriale.

 

SETTORE BANCARIO

La vera sfida del Digital Business in questo caso consiste nella capacità di creare una customer experience di qualità, legata soprattutto ai processi di e-banking e gestione delle risorse umane. Già nel 2015 il 25% del budget It è stato indirizzato per dare nuove rispose e nuovi servizi in ambito Mobile, Big DataAnalytics e Cloud.

 

SETTORE SANITARIO

Più che di Digital Business in questo caso parliamo più di digital health. Grazie agli strumenti digitali e alle tecnologie di assistenza e mobile è possibile rimanere in collegamento 24h con medici e specialisti, con i Big Data e ai sistemi di Analytics si possono captare e studiare, invece, tutte quelle informazioni utili al monitoraggio e alla personalizzazione dell’assistenza sanitaria.

 

digital-retail

RETAIL e BENI DI CONSUMO

Secondo un report di Accenture il 63% dei consumatori italiani non avrebbero problemi ad affidare ad un sensore il compito di ordinare in autonomia ciò che serve in casa. Il ruolo del negozio in senso “fisico” sta inevitabilmente cambiando e la “terza” generazione dell’e-commerce si sta spostando verso nuove modalità d’acquisto, dall’online all’on-demand, sfruttando a pieno l’impatto delle tecnologie sul proprio business.

 

HIGH TECH

Strettamente correlato all’innovazione alla tecnologia, il Digital Business fa dell’High Tech un settore privilegiato. Software e tecnologie all’avanguardia migliorano l’andamento e i profitti delle aziende in termini di insight e visibilità e gestione dell’intero business. Nelle sue varie applicazioni (dalla domotica alla robotica, dalla telemetria all’industria automoilistica), l’Internet of thinghs permette sempre di più di colmare il gap tra mondo fisico e virtuale.

 

INDUSTRIA MANIFATTURIERA

Oltre ai modelli di business innovativi, fondamentali per aumentare ricavi, ridurre costi e ottimizzare il fatturato lordo, l’industria manifatturiera si focalizza tanto sulla produzione di “digital smart products” quanto sulla personalizzazione della customer experience.

 

TRASPORTI, RISTORAZIONE, ACCOMMODATION 

Come per le macchine e le “fabbriche intelligenti”, il settore terziario fa del Digital Business una risorsa fondamentale. Si parla soprattutto di semplificazione delle analisi dei dati in tempo reale, di geolocalizzazione e dell’uso dell’Information Technologies mirato all’ottimizzazione della customer centricity.

 

 

“Digital Disruption”: Case Histories

 

Arrivati a questo punto ormai è chiaro: il Digital Business è grado di combinare sia il tradizionale mondo fisico che quello moderno digitale, in questo processo crea sia opportunità innovative che vere e proprie minacce alla vecchia maniera di fare marketing. La temuta “digital disruption” letteralmente “distrugge” i “vecchi” modelli di business e al tempo stesso premia i nuovi “beginners digitali”. Ecco alcuni degli esempi che vale la pena citare:

 

BLOCKBUSTER VS NETFLIX:

digital-business-case

Blockbuster, leader globale nel settore dell’entertainment, a metà anni novanta vantava migliaia di negozi “fisici”. Non avendo compreso a fondo il cambio di programma in corso che rendeva il “noleggio fisico” obsoleto a fronte della più rapida “fruizione in streaming”, è stato in pochissimi anni spazzato via dal mercato. Al suo posto, Netflix, nata nel 1999, ha saputo sfruttare il potenziale delle tecnologie e a soppiantare la Blockbuster nel momento del suo massimo splendore. Netflix oggi vanta nel mondo oltre decine di milioni di abbonati ai suoi servizi in streaming.

 

COOP & BARILLA:

Expo 2015: la COOP fa il suo debutto nel mondo Digital come “Primo supermercato del futuro”. L’obiettivo? Promuovere una nuova customer experience grazie all’introduzione di alcune soluzioni digitali: dai banchi interattivi, agli scaffali verticali fino allo schermo data viz.

digital-business-coopLa notorietà e la reputazione di cui gode il marchio Barilla a livello nazionale e internazionale, invece, sono il frutto di un’attività di marketing e comunicazione ben congegnata. Tra le varie strategie di Digital Business, Barilla ha usufruito delle risorse Mobile e dell’Internet of Things creando con App come Ipasta e sfruttando la potenzialità della tecnologia GPS degli smartphone per ottenere insight. Un noto progetto, nato da queste sinergie è Cucina Barilla, piattaforma digitale di prodotti complementari.

 

 

PITTAROSSO:

Il noto brand di calzature nasce nel 1923, ma solo dopo essere stato acquistato da Benetton nel 2011 l’azienda ha intrapreso un importante percorso di espansione commerciale e riorganizzazione strategica verso il digitale. In questo caso, si è optato per non ostacolare i punti vendita sul territorio ma di dotarsi di diversi sistemi dipartimentali specializzati ed un sistema di analisi che permettesse di raccogliere ed elaborare i dati provenienti da ogni singola area d’interesse.

Altri esempi : Amazon, Uber Pop, AirBnb… che hanno cambiato radicalmente il modo tradizionale di fare marketing

 

                                                                  

 

Per avere una formazione completa sul mondo digital e capire come sfruttare le tue competenze in campo, consulta la scheda informativa del nostro master DIGITAL INNOVATION PROGRAM.

 

Giulia Gennari
Le lingue sono la mia passione, il Digital Marketing la mia strada. Il mio sogno? Vivere viaggiando.
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[i]
[i]