Seleziona una pagina

Schermata 2014-02-10 alle 09.34.28

Intervista a Sasà Tomasello, creative marketer, blogger ed esperto di #marketingnonconvenzionale, cofounder insieme ad Enrico Scognamillo di Cread.me, una community on line, disponibile anche in versione mobile, “nata per accogliere i #creativi dell’intera filiera comunicativa e fornire così uno spazio virtuale di scambio ed ispirazione per creare valore aggiunto: Cread.me infatti permette agli utenti iscritti alla piattaforma di fare business, mostrare le proprie competenze e offrire e richiedere consulenze”.

 

Ma lasciamo la parola a Sasà.

 

A quale di queste due definizioni somiglia di più Cread.me: il Facebook per soli creativi o una piattaforma di recruiting?

In raltà a nessuna delle due. Il nostro modello di business è quello dell‘#Users Generated Advertising. I più attenti avranno notato che ho usato il plurale per la parola “Users” (Utenti), ed è questa la nostra idea, quella di mettere gli utenti in condizione di poter lavorare assieme per ideare, progettare e generare lavori di comunicazione, spaziando tra design, grafica, advertising e web. E per fare ciò abbiamo potenziato la nostra piattaforma di strumenti utili a far incrociare, conoscere e lavorare i creativi: un social network come facebook appunto, ma anche la possibilità di aggiungere i propri lavori nel portfolio per avere la massima visibilità e quindi, perchè no, essere reclutati per le proprie capacità.

 

Cosa distingue Cread.me da altre community on line di creativi?

Cread.me è una community che ha come suo scopo principale quello di riuscire a far collaborare gli utenti, noi pensiamo che sia “improprio” poter affidare un progetto esclusivamente ad una persona, senza confrontarsi con tutte le professioni che generalmente occorrono per poter adempiere alla realizzazione dello stesso.

 

Pensi che potrebbe diventare anche una piattaforma di #crowdfunding (associandosi eventualmente a quelle esistenti che lo fanno già come l’italiana Kapipal) dando così la possibilità ai membri di raccogliere fondi per realizzare le loro idee ?

Potrebbe essere, ma in realtà i nostri utenti lavorano su commissione per poter portar a termine i loro progetti. Tuttavia il futuro è imprevedibile.

 

Da poche settimane la Commissione Europea ha aperto le Calls for Proposal del Programma #Creative Europe, il nuovo Programma Quadro previsto per l’agenda 2014-2020: 1,46 miliardi di euro per finanziare la creatività e la diversità culturale in Europa. Cread.me potrebbe diventare capofila di un progetto con partnership europee selezionando i partner italiani attraverso i suoi contest diventando così una piattaforma internazionale?

Sinceramente, non abbiamo valutato questa ipotesi. Dovrei approfondire la questione. Non nascondo che ci piacerebbe molto, ma in questo momento siamo in una fase delicata, dopo un lungo periodo di beta test, ora stiamo raccogliendo i feedback e, fatto tesoro della nostra esperienza, stiamo concentrando tutte le nostre forza per rendere cread.me un’esperienza unica per i nostri utenti.

 

Un ringraziamento a Sasà per l’intervista con l’ augurio che la sua #startup possa varcare i confini nazionali e diventare un luogo di incontro per tutti i creativi d’Europa, al grido di: “Creativi d’Europa, più social, più visibili, più internazionali su Cread.me!”.

 

Daria Lubrano di Ricco

Master in Social Media Marketing

Digital-coach.it

Linkedin: It.linkedin.com/in/darialubranodiricco

Twitter: @LubranoDaria

GooglePlus: google.com/+DariaLubranodiRicco

 

 

Daria Lubrano di Ricco
#internationalization #chinesesocialmedia #socialinnovation #socialimpact #startup