Seleziona una pagina

“Ho deciso, apro un blog di successo!”. Magari sei un’azienda che punta ad incrementare il traffico sul proprio sito oppure il massimo esperto in un certo settore e non vedi l’ora di condividere questa tua passione sul web. Fatto sta che, per fare tutto questo, hai deciso di aprire un blog.

Non si tratta, però, di uno di quelli creati per hobby, pensando “io ci provo, se va male fa niente, l’importante è partecipare!”. Al contrario, il tuo obiettivo è avviarne uno di successo, che riscuota interesse tra i lettori, permettendoti anche di guadagnare.

Se ti stai domandando “Come creare un blog di successo?” e non sai darti risposte, puoi stare tranquillo perché sei capitato nel posto giusto! Mettiti comodo, ho preparato per te un articolo ad hoc che chiarirà ogni tuo dubbio. 

Insieme vedremo:

  • gli step da seguire passo passo per capire come creare un blog di successo
  • le strategie da adottare per ottenere eccellenti risultati
  • come guadagnare grazie al tuo blog.

Vuoi saperne di più sul mondo del blogging? Allora ti consiglio di valutare il corso Web Content Editor

 

Come creare un blog di successo: gli step da seguire

Per creare un blog di successo dovrai fare a monte delle scelte strategiche in linea con i tuoi obiettivi. Ma quali sono gli step da seguire? Scopriamoli insieme nel dettaglio.

 

La scelta del CMS 

Il primo passo da compiere per capire come creare un blog di successo è scegliere il CMS (Content Management System) da utilizzare ossia la piattaforma web per la creazione del tuo blog e la gestione dei suoi contenuti.

In giro ce ne sono tantissimi gratuiti e in molti puntano proprio a quelli, ammagliati dall’idea di poter guadagnare senza spendere neppure un centesimo. Ma sarà davvero così? Cerchiamo di fare chiarezza.

Non vi è dubbio che queste piattaforme web offrano moltissimi vantaggi, ad esempio:

  • nessun esborso monetario, neppur minimo
  • la possibilità di effettuare la configurazione in maniera semplice e veloce 
  • non sono necessarie conoscenze e competenze tecniche per il loro utilizzo.

Blog di successo-CMSNon è, però, tutto oro quel che luccica, infatti:

  • l’URL non è personalizzabile
  • lo spazio web è limitato
  • la scelta dei temi e del design è estremamente ridotta
  • spesso la piattaforma impone di ospitare della pubblicità.

Facile intuire che queste piattaforme vadano benissimo per chi desidera creare una sorta di diario personale online in cui raccontare di sé e delle proprie passioni. Se, invece, il tuo obiettivo è guadagnare, il mio consiglio è quello di utilizzare WordPress, il CMS gratuito più utilizzato al mondo.

Si tratta di un software autoinstallante e autoconfigurante che permette di creare un blog in pochi minuti e di gestirne i contenuti in maniera semplice, intuitiva, senza particolari competenze. In cosa si differenzia WordPress dalle piattaforme di cui ti ho parlato sopra?

 

 

WordPress è un sistema più dinamico, consente l’aggiornamento degli articoli, offrendoti la possibilità di:

  • creare un tuo dominio privato a costi contenuti
  • scegliere tra tantissimi template gratuiti  
  • personalizzare i temi 
  • creare landing page, pagine di vendita e form di iscrizione
  • pubblicare contenuti secondo un piano editoriale
  • inserire banner e link di affiliazione 
  • estendere le funzionalità di WordPress grazie a dei plug-in già installati sulla piattaforma (plug-in per statistiche, SEO, sicurezza base del blog, ecc..) ed altri scaricabili gratuitamente ed installabili direttamente con un solo click (plug-in per le funzioni di e-commerce, form di contatto, buttons, ecc..)
  • usare il software in maniera semplice ed intuitiva: il backend è simile a quello di Word; puoi formattare, modificare gli articoli a tuo piacimento (aggiungendo paragrafi, grassetto, colori, ecc.), inserire immagini, video (anche direttamente da YouTube), podcast ed altri elementi come emoticon, GIF, ecc.

 

Attenzione, però, a non confondere WordPress.org (i.e. il software di cui ti ho appena parlato) con WordPress.com (simile a tutte le altre piattaforme gratuite).

Guadagnare con un blog-wordpress

Ma se WordPress offre molti più servizi rispetto agli altri CSM ed è totalmente gratuito, perché allora non tutti i blogger lo usano? Ti stavi ponendo giusto questa domanda, ho indovinato? Facciamo chiarezza anche su questo punto.

Dire che WordPress è totalmente gratuito non è del tutto corretto. Infatti, è gratis solo nella versione base; se desideri un dominio

di proprietà in cui non compaia la dicitura “WordPress”, se vuoi maggiore capacità di archiviazione o non vuoi ospitare la pubblicità imposta dalla piattaforma, allora dovrai pagare qualcosina.

 

Si tratta pur sempre di cifre modeste se paragonate ai tantissimi servizi messi a tua disposizione dalla piattaforma. Se sei alle prime armi e vuoi saperne di più su WordPress, potrebbe interessarti la Guida WordPress. Ti illustrerà tutte le potenzialità e le caratteristiche di questo utilissimo CMS.

 

Il dominio da utilizzare

Il secondo step da seguire per comprendere come creare un blog di successo è la scelta del dominio da utilizzare. Il dominio è il nome che identificherà il tuo blog in maniera univoca sul web, per cui ti consiglio di sceglierlo con molta accuratezza, creatività, originalità.

Come prima cosa, nella scelta del dominio, tieni in considerazione il target a cui ti rivolgerai. Pensa a come sarebbero confusi i lettori se il dominio fosse VivereperViaggiare.com ma l’argomento principale fosse la moda (se sei interessato all’argomento ti consiglio il nostro articolo su come creare un blog di moda). Ricorda: il dominio ha un’importanza strategica in quanto cattura i lettori attratti proprio da quel nome.

Se stai cercando di capire come avviare un blog affermato, un’altra domanda da porti prima di scegliere il dominio è: “Voglio fare Personal Branding o Business Branding?”. Nel primo caso i contenuti saranno incentrati sulla tua persona, pertanto il dominio dovrà contenere il tuo nome o soprannome. Nel nel secondo caso, invece, si parlerà della tua azienda, quindi il dominio dovrà rifletterne la ragione sociale.

Un ulteriore elemento da considerare riguarda l’indicazione del nome del CMS all’interno del dominio. A meno che tu non sia disposto a pagare per acquistarne uno di proprietà, nel dominio comparirà il nome della piattaforma utilizzata. Ciò costituisce un’importante entrata economica per la casa madre del software.

 

 

Hosting gratuito o a pagamento?

L’hosting è lo spazio web deputato ad ospitare fisicamente il blog. È importante che abbia un’adeguata capacità di archiviazione, velocità di caricamento e ti garantisca la costante presenza online.

Esistono sia hosting gratuiti sia a pagamento. Quelli gratuiti non sono tra i migliori per diversi motivi:

  • instabilità/problemi di connessione
  • ridotto spazio di archiviazione
  • non garantiscono assistenza 
  • numero limitato di visite.

Decisamente meglio gli hosting a pagamento in quanto, pagando cifre mensili contenute:

  • bypassano i problemi visti sopra
  • ti garantiscono non soltanto uno spazio web veloce e affidabile ma anche la possibilità di creare immediatamente il tuo blog al suo interno. Tu dovrai solo preoccuparti dell’iscrizione al servizio di hosting, a tutto il resto ci penserà il provider.

 

Quale tema scegliere

Dopo aver creato il blog, dovrai pensare alla scelta del tema da utilizzare. WordPress ti offre numerosi temi gratuiti e, se desideri qualcosa di più particolare o diverso, puoi tranquillamente comprarne altri a pagamento.

Acquistarli è molto semplice: ti basterà scaricarli da appositi siti, come fossero dei plug-in, ed automaticamente verranno installati sulla piattaforma.

Altra nota positiva a favore di WordPress: i suoi temi sono di tipo responsive ovvero si adattano dal punto di vista del display a qualunque dispositivo, anche mobile. Non trovi che sia utile visto che al giorno d’oggi quasi tutti accediamo al web da smartphone o tablet?

 

Le strategie su come aprire un blog di successo

“Il blog si è spento a meno di un mese dalla sua apertura. Ne da il triste annuncio il suo creatore, ex aspirante blogger di (in)successo”.

 

blog per guadagnare-strategy

Immagina la scena: hai finalmente avviato il tuo blog, iniziando a pubblicare articoli molto interessanti. Il tempo passa ma le visite scarseggiano. Quindi ti domandi “Cosa ho sbagliato? Forse i miei articoli sono poco interessanti?” oppure inizi a giustificare la situazione attribuendo la colpa alla competizione spietata.

Col passare del tempo, vedendo gli scarsi risultati, ti deprimi, ti convinci è meglio  chiudere i battenti, a poco meno di un mese dall’apertura del blog. L’errore è proprio qui! Ti spiego perché.

Comprendere come creare un blog di successo non è una passeggiata. Si tratta di un’attività che richiede dedizione, perseveranza, pazienza. Non significa soltanto scrivere articoli nella speranza che qualcuno li legga. Vuol dire definire innanzitutto una strategia concreta con annesso piano d’azione, volto a garantirne il successo.

“Strategia?! Piano d’azione?! Da dove parto?! Helppp!!!”. Niente panico. Ho preparato per te un elenco completo che ti aiuterà a capire come creare un blog di successo e a sviluppare una strategia ad hoc. Sei curioso? Scopriamolo insieme!

 

Identifica target e tone of voice 

Il primo passo è definire il tuo target ovvero tutte le persone o aziende a cui ti rivolgerai, le quali vedranno nei tuoi contenuti (quindi nei prodotti/servizi che offri) la soluzione ai loro problemi/bisogni.

“Ma perché definire un target? Non è meglio rivolgersi a più persone possibili per avere più chance?”. La risposta è: ASSOLUTAMENTE NO! Pensaci: sul web navigano tantissimi utenti ma soltanto una piccolissima percentuale di loro sarà interessata ai tuoi articoli.

Solo con questi ultimi potrai instaurare un rapporto duraturo, basato sulla fiducia, assicurandoti la loro fedeltà, indipendentemente dai contenuti dei tuoi competitors. Se, al contrario, non delimiti la tua nicchia potresti rischiare di perdere i tuoi lettori da un momento, vanificando tutti gli sforzi fatti fino a quel momento.

avere successo grazie ad un blog-scelta del targetMa quindi, concretamente, come si crea un blog di successo, definendone il target? È molto semplice. Devi stabilire il profilo della cd. “buyer personas” ovvero del tuo lettore tipo. Ti basta attribuirgli nome, età, sesso, lavoro svolto, reddito, domicilio, situazione familiare, bisogni/problemi che incontra.

Questo passaggio è fondamentale poiché, a seconda del profilo della tua buyer personas, potrai cucirgli su misura dei contenuti. Quindi ogni volta, prima di scrivere degli articoli, ripeti questi utili passaggi:

  • rileggi il profilo della tua buyer personas
  • chiediti quale suo problema vuoi risolvere con questo articolo
  • domandati quale suo bisogno desideri soddisfare.

Sulla base del target prescelto, dovrai poi usare il tone of voice più adatto alla tua audience. Per tono of voice non si intende tanto quello che dici quanto come lo dici. Più userai il tono dei tuoi lettori, più si sentiranno “a casa”, conquisterai la loro fiducia e riscuoterai autorevolezza ai loro occhi.

Avevi mai sentito parlare delle buyer personas? Sai perché è fondamentale definirne il profilo in una strategia di Inbound Marketing di successo? Per saperne di più, leggi la Guida all’Inbound Marketing.

 

Usa i lead magnet

I lead magnet sono dei form utili per convertire il traffico sul blog in prospects (potenziali clienti), acquisendo i dati dei visitatori (indirizzo mail, anagrafica, ecc). Ti starai domandando “Ma a cosa serve raccogliere queste informazioni?”.

Beh, sono dati essenziali poiché il tuo blog potrà anche essere letto da moltissimi utenti ma sai quanti ci atterreranno per non tornare mai più? Mantieniti forte: il 90%! E non sono io a dirlo, le statistiche parlano chiaro.

 

blog famoso-lead magnetPuoi quindi capire quanto è importante collezionare i dati dei propri lead in modo da poterli raggiungere successivamente e creare traffico dal nulla: potresti ad esempio lanciare nuovi prodotti, fare sondaggi, attuare tecniche di up-sell/cross-sell.

Tutto questo è gratis? Apparentemente sì ma nella pratica no poiché, in cambio dei contatti dei tuoi lettori, dovrai offrire loro qualcosa, ad esempio risorse gratuite come e-book e webinar gratuiti, promozioni, ecc.

 

 

Scegli l’argomento da trattare

Di cosa parlerà il tuo blog? Il mio consiglio è scegliere un argomento che conosci bene, ti appassiona, sul quale sei costantemente aggiornato. Questa tua passione trapelerà dagli articoli, permettendoti di conquistare la fiducia dei tuoi lettori. Potresti diventare esperto, guru del settore o, perché no, divulgatore per il tuo pubblico.

Ovviamente il tema dovrà essere di interesse, ricercato sul web, scelto solo dopo un’accurata ricerca del mercato e dei competitors. Non spaventarti se ti accorgi che in molti hanno parlato dello stesso argomento, ciò significa che quel tema è parecchio gettonato. Puoi quindi stare tranquillo, stai andando nella direzione giusta.

 

 

 

Crea un piano editoriale

Dopo aver scelto l’argomento da trattare, dovrai creare un piano editoriale vale a dire una sorta di diario nel quale programmerai cosa pubblicare e quando. Quali sono i benefici di un piano editoriale ben strutturato? Ti permette di:

  • essere sempre online con i contenuti, non solo soddisfacendo le aspettative dei tuoi attuali lettori ma anche raggiungendo nuovi utenti
  • evitare ripetizioni 
  • monitorare le performance dei contenuti pubblicati, modificandone eventualmente la programmazione.

L’ideale sarebbe postare almeno 2 articoli a settimana  per due buoni motivi:

  • più pubblichi, più probabilità hai di intercettare gli utenti sul web e trasformarli in prospects, inserendo call to action/optin form che rimandano ai tuoi prodotti/servizi 
  • Google premia la regolarità di pubblicazione a favore dell’indicizzazione dei tuoi articoli.

Insomma, un piano editoriale ben fatto sarà la guida verso il tuo obiettivo: capire come creare un blog di successo!

blog conosciuti-piano editoriale

 

Fai pubblicità al tuo blog

Nel  mondo del web non basta esserci, devi farti notare! Non ti serve a nulla scrivere articoli super interessanti se poi nessuno ne sa dell’esistenza. Farti notare è semplice, hai moltissimi strumenti a disposizione.

  • La SEO: ti aiuta a posizionare i tuoi articoli nella parte alta della SERP, all’interno della sezione organica. I risultati si vedono nel medio/lungo termine.
  • La SEM: pubblicità a pagamento utile a posizionare i tuoi articoli in alto nella SERP, sopra la sezione organica. Questa attività da risultati più immediati della SEO ma è molto più dispendiosa dal punto di vista economico.
  • I social network: garantiranno parecchia visibilità ai tuoi contenuti grazie alle condivisioni fatte.

blog e guadagno-social media

  • Scrivere guest post su blog più conosciuti e trafficati: tu offri contenuti alla piattaforma che ti ospita in cambio di visibilità e maggior trust da parte di Google.

 

  • Ospitare guest post scritti da blog meno popolari: in cambio, questi condivideranno i loro articoli tra la loro audience, assicurandoti quindi maggiore visibilità.

 

  • Pubblicare mention post: sono post contenenti link al blog o sito web di influencer che affrontano temi interessanti per la tua buyer personas. Questi influencer andranno a condividere il tuo articolo, garantendoti visibilità tra la loro audience.

Insomma, sono tante le strategie per promuovere un blog. Dunque a te la scelta!

 

Come guadagnare con un blog

Immagina la scena: hai creato il tuo blog, iniziato a scrivere dei contenuti seguendo le strategie che ti ho elencato nel paragrafo precedente. Così facendo è cresciuto il traffico e ti sei conquistato una nicchia tutta tua. Non manca ancora qualcosa all’appello? Qual era il tuo obiettivo? Era quello di capire come creare un blog di successo. Ma sarà davvero possibile scrivere per il web e guadagnare? Scopriamolo insieme!

 

I metodi di guadagno da preferire

Guadagnare grazie ad un blog è certamente possibile. Come? Monetizzando i tuoi contatti ovvero convertendoli in potenziali clienti. Ciò significa:

  • indurre i prospects ad acquistare, se sei un’azienda che vende beni o servizi
  • invogliare i prospects a richiedere un preventivo, se offri consulenze
  • spingere i prospects a fare una donazione, se sei un ente no profit.

Quelle appena descritte si definiscono forme di guadagno attive in contrapposizione alle forme di guadagno passive. Queste ultime possono essere distinte in forme di guadagno diretto e indiretto. Le forme di guadagno diretto comprendono:

 

blog per avere notorietà

  • banner pubblicitari: dopo esserti iscritto ad una piattaforma pubblicitaria gratuita come Google Adsense riceverai un codice HTML da inserire sul blog. Così facendo compariranno in automatico banner pubblicitari coerenti con quel determinato articolo. Ogni visualizzazione o clic su quel banner ti assicurerà dei guadagni. Questi saranno tanto più alti quanto più gli articoli offriranno contenuti interessanti;
  • vendita spazi pubblicitari: se hai ottenuto rilevante successo, potresti vendere spazi pubblicitari ad altri blogger, dando loro visibilità. Col tempo potresti addirittura essere contattato direttamente da aziende interessate;
  • affiliazioni: ti basterà iscriverti a programmi di affiliazione come Amazon, inserendo nell’articolo i relativi link. Ogni acquisto fatto dai lettori del tuo blog tramite quei link ti garantiranno dei compensi. Non è banale guadagnare con le affiliazioni, il segreto è fare un’attenta analisi della propria audience e dei propri bisogni;
  • pubblicazione recensioni: una volta ottenuto consistente traffico, alcune aziende potrebbero chiederti di pubblicare (a pagamento) delle recensioni sui loro prodotti;
  • vendita corsi di formazione: se hai acquisito notorietà in quel settore o ti ritieni esperto in materia potresti vendere dei corsi di formazione sul tuo blog. La gente pagherà per imparare i trucchi del mestiere. Inoltre non dovrai necessariamente spendere una fortuna per tenere questi corsi (ad esempio per l’affitto della sala), potrai impartirlo via web facendo delle videochiamate grazie alle tante applicazioni gratuite disponibili online.

 

 

I metodi di pagamento indiretti, invece, si configurano quando utilizzi tecniche di inbound marketing. Cerchi di attirare persone sul tuo blog e trasformarle col tempo in potenziali clienti a cui poter vedere qualcosa e costruire un rapporto di fiducia duraturo. Oppure utilizzi il blog come vetrina per farti conoscere come professionista, mettendo in secondo piano l’aspetto del ritorno economico. Col passare del tempo le aziende interessate alla tua figura professionale potrebbero contattarti, offrendoti un lavoro.

 

Aprire un blog per guadagnare: quanto conviene?

“Vuoi aprire un blog?! Ma sei pazzo? Non te l’ha detto nessuno che ormai stanno morendo!?!”. Forse queste parole non ti sono nuove poiché ti sei già trovato in una conversazione del genere. In molti sono convinti che il blog stia morendo perché messo in ombra dai social network. Ciò non è del tutto vero.

Non sta affatto morendo ma si sta trasformando in qualcosa di diverso. Guarda per esempio come si sono ridotti i commenti lasciati sotto gli articoli rispetto alle lunghissime conversazioni fatte sui social. Nonostante ciò, il blog rimane pur sempre uno dei canali più importanti dell’Inbound Marketing.

Lo dimostra la ricerca condotta dal Content Marketing Institute secondo la quale nel 2018 il blog era tra i canali più efficaci per diffondere contenuti nel B2C, insieme all’E-Mail Marketing e ai Social Media. Inoltre, rientra tra i canali di comunicazione più sicuri in quanto non legato a specifiche piattaforme, diversamente dalle attività svolte sui social network. 

 

blog famosi-quanto conviene

 

 

I blog di successo made in Italy

Curioso di sapere quali sono quelli italiani più conosciuti e chi sono i loro creatori? Scopriamoli insieme:

  • Aranzulla: fondato da Salvatore Aranzulla, sotto ogni articolo non troverai dei commenti/condivisioni, con una community che attende la pubblicazione regolare dei nuovi contenuti. Questo blog anticipa, intercetta e risponde ai dubbi degli utenti in ambito informatico e tecnologico (computer, telefonia, Internet).

creare un blog per guadagnare-blogger italiani

  • The Blonde Salad: lanciato da Chiara Ferragni, la web star/fashion blogger più famosa d’Italia. Chiara, da sempre amante del fashion style, postava qui foto in cui indossava diversi outfit e parlava della sua vita da studentessa. Dispensava inoltre consigli sul fashion e lo faceva in maniera spontanea, come farebbe un’amica. Nel 2011 è stata premiata da Vogue come Blogger of the Moment  per aver superato 1 milione di visite nonché 12 milioni di impression mensili. The Blonde Salad, nato come diario personale, è ora divenuto un vero e proprio progetto editoriale ed e-commerce, gestito da una redazione con a capo Chiara Ferragni.

 

  • Federica Piersimoni: fondato nel 2008 da Federica Piersimoni, era incentrato esclusivamente sui viaggi. Successivamente ne ha aperto un secondo nel quale parlava anche di lifestyle e food. Grazie al blog Federica ha fatto Personal Branding finché, un giorno, ha ricevuto l’offerta di diventare socia di un’agenzia di comunicazione. Oggi Federica ha coronato il suo sogno professionale: lavora come social advisor, aiutando le aziende ad impostare campagne di Influencer Marketing ad hoc per raggiungere i loro obiettivi 

 

  • Mangia Vivi Viaggia blog aperto da Gianluca Gotto, un ragazzo torinese che, finite le scuole superiori, ha deciso di lasciare la sua città e viaggiare per il mondo in cerca della felicità. Ci è voluto del tempo ma alla fine l’ha trovata: è riuscito a trasformare l’amore per la scrittura nel lavoro dei suoi sogni, quello di web writer. Tutto ciò senza rinunciare alla passione per i viaggi che lo ha portato a diventare nomade digitale e a lavorare da remoto. Successivamente è nata l’idea di aprire “Mangia Vivi Viaggia” per condividere la sua esperienza insieme a quella di tante altre persone che hanno trovato la felicità grazie a scelte di vita alternative. Perché in fin dei conti la ricetta della felicità è davvero semplice: “mangia, vivi e viaggia”

 

  • Viaggio solo andata: fondato da Marco Mignano e Ilaria Cazziol, parla del viaggio a lungo termine. Tutto è iniziato quando i due ragazzi hanno abbandonato il proprio lavoro per cambiare vita. Hanno creato questo blog per raccontare del loro viaggio e del loro percorso di crescita personale e professionale. Con il tempo, si è formata una community di lettori fedelissimi ed il blog è diventato il punto di riferimento per tantissime persone che decidono di intraprendere un viaggio solo andata. Oggi Marco e Ilaria lavorano come nomadi digitali e sono diventati imprenditori di se stessi proprio grazie a Viaggio solo andata.

 

  • Italiansinfuga: blog creato nel 2004 da Aldo Mencaraglia, emigrato in Australia, su cui condivide consigli diretti agli italiani desiderosi di emigrare all’estero. Spiega nel dettaglio quali sono i documenti necessari per partire, le città in cui conviene trasferirsi, come scrivere un cv e molto altro.

 

  • Ho voglia di dolce: creato da Valentina Boccia in cui condivide con il web la passione per i dolci trasmessale dalla nonna. Per lei preparare un dolce non vuol dire semplicemente eseguire una ricetta bensì creare un capolavoro capace di generare emozioni meravigliose in coloro che lo assaggeranno o alle quali verrà regalato. Oggi Valentina è una Food Blogger di successo ed ha persino pubblicato un libro con ben 150 ricette su torte, crostate, biscotti e chi più ne ha più ne metta!

 

Come avrai notato, ognuno dei blog appena descritti ha la propria storia. In comune hanno soltanto il fattore che li ha portati al successo. Ricette magiche? Fortuna? Nulla di tutto ciò. Solo tanta costanza, perseveranza e capacità di non mollare, dimostrate dai loro fondatori.

 

E tu sei pronto a seguire il loro esempio? Adesso sai anche tu come si crea un blog di successo, quindi non continuare a procrastinare e passa all’azione!

 

Cosa aspetti?

Richiedi maggiori informazioni su “come fare carriera nel digitale”

RICHIEDI LA TUA CONSULENZA DI CARRIERA GRATUITA

 

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Come diventare blogger di successo promuovere un blog e renderlo di successo come creare un blog

 

Maria D'amore on Linkedin
Maria D'amore
Un giorno qualcuno mi disse "tutto nella vita può succedere" ma io non ci avevo creduto. Beh, adesso posso dire che quella persona aveva ragione e la mia storia ne è l'esempio lampante! Dopo due lauree in economia ed una carriera intrapresa da commercialista, ho deciso di rimettermi in gioco e cambiare completamente rotta grazie ad un incontro speciale: quello con il mondo del Digital Marketing! Project Manager per una multinazionale di giorno e studentessa presso la Digital Coach di sera, mi sto specializzando in Content Marketing e SEO Copywriting. Grazie a questo percorso ho scoperto il piacere dello scrivere per il web e soprattutto una creatività in me che non avevo mai tirato fuori. Scrivo per aiutare il lettore a trovare le risposte che cerca, coinvolgendolo con contenuti chiari, sempre aggiornati ed accattivanti. Il mio motto? "Content is king!"