Seleziona una pagina
  • Rating Lettori
  • Votato 4.8 stelle
    4.8 / 5 (13 )
  • Vota!


Come diventare uno youtuber?

Vuoi scoprire come diventare uno youtuber? Ti sei sempre chiesto come e quanto si guadagna con Youtube? Bene, sei nel posto giusto. Con questa miniguida scoprirai come è possibile fare della propria passione un lavoro. Youtube è uno dei mezzi di comunicazione più importanti e utilizzati al mondo, e detiene il primato come social network esclusivamente dedicato ai video. Per questo motivo, coloro che aprono un canale su questa piattaforma sanno che le potenzialità che offre sono numerose e molto ampie ma, allo stesso tempo, non è così semplice diventare uno youtuber. Infatti, iniziare bene è il primo passo per riuscire ad avere successo, cercando di limitare il più possibile gli errori. Come si suol dire, il buongiorno si vede dal mattino!

youtube

Ci sono diversi passaggi che bisogna effettuare per diventare youtuber e ne esistono degli ulteriori per cominciare a guadagnare con Youtube. Vediamoli nello specifico.

Aprire un canale

La prima fase essenziale per diventare uno youtuber è ovviamente quella di aprire un canale. Poiché Youtube è di proprietà di Google, per aprire un canale è necessario inserire una Gmail, cioè un account Google. Se non lo possiedi ancora, il tuo primo passaggio è proprio creare una Gmail

Conclusa l’iscrizione a Gmail, vai su Youtube e clicca su “accedi” in alto a destra e subito dopo “aggiungi nuovo account” inserendo la nuova Gmail.

A questo punto, bisogna inserire una foto profilo e un’immagine di copertina. Cliccando sul riquadro per modificare l’immagine del profilo, Youtube ti rimanderà a Google+, la piattaforma social di Google. Inserisci (o cambia) la foto profilo, salva le modifiche e torna su Youtube. Devi sapere che con un account Google è possibile usufruire di tutte le sue numerose funzionalità, tra queste quindi anche Google+, sebbene sia un social network poco usato e non molto conosciuto.

Una volta tornato sulla schermata del tuo canale Youtube, inserisci anche una foto di copertina. Nel web le immagini sono importantissime, è per questo motivo che le tue devono essere chiare, originali e accattivanti, restando comunque fedele al tema che tratterai.

Inserisci, infine, una breve descrizione del tuo canale, introducendo il tema, o i temi, che tratterai. Ti consiglio di evitare la formalità e di puntare su un linguaggio semplice, diretto, come se stessi parlando a tu per tu con il tuo pubblico, o potenziale tale. Usa l’ironia e comincia a dare fin da subito un taglio alla tua personalità e a come ti mostrerai ai tuoi visitatori.

Riepilogando:

  • Crea una Gmail;
  • Accedi a Youtube con la nuova Gmail;
  • Inserisci foto profilo e foto di copertina;
  • Inserisci breve descrizione.

Costruire i video

Se vuoi diventare uno youtuber, avrai quanto meno una vaga idea di cosa vuoi pubblicare nel tuo canale, e quindi l’argomento che vuoi trattare. I temi più utilizzati dagli youtuber, in generale, sono senza dubbio quelli riguardanti i videogame, mentre per il lato più prettamente femminile, uno degli argomenti più trattati è il make-up. Qualunque sia l’oggetto del tuo canale, i video che inserirai devono apparire quanto più professionali possibili: montaggio e fotografia, neanche a dirlo, sono le due caratteristiche tecniche più importanti se vuoi diventare virale; ironia e differenziazione sono le pecurialità che possono far raggiungere numerose visualizzazioni al tuo video.

Da questi ultimi accorgimenti, ti sarai reso conto che diventare youtuber è una bella sfida, e non proprio una passeggiata, come invece potrebbe sembrare inizialmente. Per questo motivo, se pensi che vuoi far diventare la tua passione un vero e proprio lavoro, ti consiglio di affiancarti degli esperti che ti possano aiutare a gestire sia la parte tecnica/grafica, sia la parte comunicativa. Se credi di esserne in grado senza ausili esterni, buttati e buona fortuna! Dopo qualche esperimento, capirai da te se ne hai bisogno o meno.

Una volta creato il video, caricalo sul tuo canale e monitorane le prestazioni.

Raggiungere iscritti e visualizzazioni

Molto spesso non basta solo una buona qualità e una grande quantità di video affinché si raggiungano un elevato numero di iscritti e di visualizzazioni. Youtube, infatti, è la piattaforma social più utilizzata al mondo, per questo motivo ogni giorno vengono caricati centinaia di migliaia di video: non proprio una nicchia di mercato! La competizione è altissima e il tuo video potrebbe venire affossato da chissà quanti altri contenuti.

Oltre alle raccomandazioni di cui ti ho parlato nel paragrafo precedente, ecco alcune idee per aumentare i tuoi iscritti e le tue visualizzazioni:

  • Differenziarsi: rendere unico il tuo contenuto ti aiuterà a raggiungere più facilmente un ristretto pubblico. Potrebbe essere un buon modo per cominciare a farti conoscere;
  • SEO Youtube: fai in modo che i tuoi video appaiano per primi nella pagina dei risultati di ricerca, clicca qui per scoprire come;
  • Clickbait: non è il modo più elegante per raggiungere i tuoi obiettivi, ma può rivelarsi molto performante. Si tratta di inserire frasi o immagini che richiamino fin da subito l’attenzione del pubblico e lo invitino a cliccare sul tuo video (l’importante è che siano inerenti al tema trattato nel video);
  • Collaborazione: collaborare con altri youtuber può aiutare a ottenere visualizzazioni e iscritti appartenenti all’altro youtuber, e può quindi giovare ad entrambi;
  • Diffusione: una volta caricati, devi condividere il più possibile i tuoi video nei vari social o in altri siti di tua proprietà (se ne hai). Sappi, però, che i social network non di proprietà di Google (quindi tutti tranne Google+) penalizzano la diffusione di contenuti degli altri social concorrenti; in altre parole, se condividi il tuo video su Facebook facendo copia e incolla da Youtube, non ti aspettare grandi numeri dalla piattaforma di Zuckerberg, poiché è notoria la fortissima competizione fra Google e Facebook. Creare un blog parallelo al tuo canale Youtube, invece, può esserti da aiuto per aumentare la diffusione dei tuoi filmati;


  • Haters: incredibile ma vero, gli haters (“odiatori” in italiano) possono aiutarti tantissimo a raggiungere popolarità. Grazie alla loro foga nel mettere in mostra la disapprovazione verso un qualsiasi contenuto del web pubblicato da terzi, potrebbero dare vita alla diffusione del tuo video seppur commentato in maniera negativa. Mi rendo conto che non sembra il massimo, ma se avrai successo gli haters sono inevitabili!
  • Seguire le tendenze: trattare argomenti di tendenza è un’arma a doppio taglio che però, se sfruttata bene, può portare numerosi vantaggi. Infatti, se tratti un argomento molto caldo e ricercato da un ampio pubblico, vai inevitabilmente a competere con numerosi concorrenti e quindi rischi di essere nascosto. Se, però, il tuo video riesce ad emergere, potrai ottenere un ampio numero di visualizzazioni e, possibilmente anche di iscritti. Ti consiglio di adottare questo metodo dopo aver acquisito un po’ di esperienza;
  • Costanza: il tuo canale dovrà essere costantemente aggiornato, per cui ti consiglio di pubblicare almeno due video a settimana. Viceversa, rischierai di non essere notato e sarai affossato dalla concorrenza.

Come guadagnare con Youtube?

Dopo aver completato tutti i passaggi sopra elencati, potrai cominciare a chiederti come fare a guadagnare grazie a questa diffusissima piattaforma social. Sono pochi al mondo gli youtuber che sono riusciti a trasformare la loro passione nel loro unico lavoro: PweDiePie, Fernanfloo, Yuya sono solo alcune delle star del web mondiale che, con decine di milioni di iscritti nei loro canali, riescono a guadagnare altrettante decine di milioni di dollari all’anno. Fra gli italiani, FaviJ la fa da padrone insieme a CutiePie Marzia; il loro guadagno è molto inferiore rispetto a quello delle star mondiali ma si aggira comunque sulle centinaia di migliaia di euro annuali. Il successo che hanno intrapreso questi youtuber citati e molti altri nel mondo non è di certo arrivato all’indomani della loro iscrizione a Youtube, bensì si tratta di un percorso lungo e ben gestito.

monetizzazione youtube

Se anche tu vuoi che Youtube non sia solo un gioco, ma anche un potenziale canale per guadagnare denaro, eccoti alcuni metodi per farlo.

Diventa partner di Youtube

Diventare un partner di Youtube significa guadagnare grazie al traffico pubblicitario che Google inserirà nei tuoi video. Si tratta di spot in formato video di circa quindici secondi o a volte anche di uno o due minuti (in quest’ultimo caso skippabili) che possono apparire all’inizio, alla fine o durante il tuo filmato. Chiunque si sia imbattuto almeno uno volta in Youtube avrà assistito a questo fenomeno.

Per intraprendere questa via, bisogna andare sul pannelo di sinistra “Creator Studio”, selezionare “Canale” e infine cliccare su “Attiva” nel riquadro relativo alla dicitura “Monetizzazione”. A questo punto Youtube inserirà gli spot nei tuoi video e tu potrai cominciare a guadagnare. Troppo facile per essere vero, no? E infatti non è tutto qui. Affinché Youtube accetti la monetizzazione del tuo canale, quest’ultimo dovrà rispettare la norma della community, il copyright, un numero minimo di iscritti e almeno quattromila visualizzazioni negli ultimi dodici mesi. Se nella sezione “Canale” vedi alcuni pallini rossi, il tuo canale non sta rispettando alcuni dei parametri e quindi non potrai monetizzarlo.

Riepilogando:

  • Vai sul Creator Studio
  • Seleziona “Canale”
  • Individua il riquadro “monetizzazione”
  • Controlla che tutti i pallini siano verdi (se non è così, correggi i tuoi errori)
  • Clicca su “Attiva”

Per ricevere il denaro, è necessario iscriversi a Google Adsense e collegarlo al tuo canale Youtube.

Affiliazione

L’Affiliate Marketing è uno dei metodi più utilizzati negli ultimi anni per ottenere guadagni notevoli. Si tratta di sponsorizzare un sito web (per esempio il sito di un importante brand di e-commerce) cercando di trasferire il proprio traffico generato verso quell’altro sito. È un processo molto più complicato di come accennato qui, ma è in grado di far ottenere risultati non indifferenti dal punto di vista economico. Nel caso degli youtuber, un esempio molto ben esplicativo potrebbe essere la pubblicazione di filmati contenenti le recensioni dei prodotti di un brand, con i relativi link inseriti nella descrizione del video. Maggiore sarà l’interesse che riuscirai a suscitare nel pubblico, maggiore sarà la possibilità che gli utenti clicchino sui link.

Concessione di licenza

I video che caricherai sulla piattaforma saranno coperti da copyright, per cui senza il tuo permesso nessuno può appropriarsi del tuo filmato o rivendicarne la proprietà, ma soprattutto non potranno essere utilizzati a scopo di lucro da terzi. Se decidessi di concedere l’utilizzo dei tuoi contenuti, puoi mettere in vendita la licenza del tuo video: esistono infatti siti specifici in cui puoi pubblicarla e farti raggiungere più facilmente. Ovviamente, i tuoi video vorranno essere acquistati solo nel caso in cui siano molto interessanti o addirittura virali.

Vendere i propri prodotti

Se hai avuto successo e ti sei creato un’ampia rete di fan, comincerai a pensare di creare un logo (che in seguito potrebbe diventare un marchio registrato) originale e accattivante e una gamma di prodotti ad esso affiliati. I tuoi fan vorranno acquistare i tuoi prodotti e in questo modo, oltre a ricavare un ulteriore guadagno, accrescerai la tua fama e la fiducia dei tuoi supporter.

Un esempio di questo tipo di guadagno è la star di Youtube Roman Atwood, vlogger e comico trentacinquenne che, dopo aver raggiunto il successo tramite il suo canale, nel 2013 ha fondato il logo “Smile More” creando magliette, felpe, braccialetti e sponsorizzandole nei suoi video. Se sei interessato a questo tipo di guadagno, fai un giro nel suo canale!

Conclusioni

Come avrai notato, diventare youtuber non è la cosa più semplice di questo mondo, ma non è nemmeno impossibile. Ci vuole molta dedizione e impegno per far sì che il tuo canale cresca, che i tuoi filmati siano visualizzati da più persone e che abbiano un elevato tempo di visualizzazione da parte degli utenti.

Ci sono tantissime altri aspetti da conoscere su Youtube e sull’online video marketing, puoi approfondire l’argomento tramite il corso dedicato che Digital Coach mette a disposizione, oppure seguendo il nostro master in social media marketing se sei interessato più in generale al settore dei social network.

Qualunque sia il tuo progetto, ti auguro di raggiungerlo al più presto e spero che questa mini-guida ti sia stata di aiuto. Buona fortuna!

Marco Tranchina on FacebookMarco Tranchina on GoogleMarco Tranchina on InstagramMarco Tranchina on Linkedin
Marco Tranchina
Scrittura e lettura sono le mie passioni primarie, per questo motivo nel marzo 2017, ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione. Non contento, durante gli studi ho collaborato con un giornale online e ho lavorato come addetto stampa.
Faccio parte del team di content marketing di Digital Coach, motivo per cui scrivo articoli sul digital marketing.
Quando non scrivo, se mi rimane tempo, pratico sport e suono la chitarra.
[index]
[index]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]
[523.251,659.255,783.991]